Che materia stai cercando?

Architettura medievale - appunti- sunto Appunti scolastici Premium

Appunti dettagliati di Storia dell'arte medievale dell'architettura medievale/gotica
introduzione all architettura gotica
architettura civile
architettura religiosa
i palazzi pubblici
L’architettura civile Castelli e residenze fortificate
I termini Gotico e Neogotico

Esame di Storia dell'arte medievale docente Prof. A. Perriccioli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

e distribuzione delle forze e delle spinte determinate dalle

strutture dell’edificio, che si avvalse dell’uso combinato di

vari elementi. All’interno delle chiese, gli archi a tutto sesto

furono sostituiti da archi a sesto acuto, più alti e slanciati e

soprattutto più resistenti, perché la loro forma a cuspide fa

sì che il peso si scarichi più direttamente sui piedritti,

gravando meno sulla sommità dell’arco ed esercitando una

minore spinta laterale di quelli a tutto sesto. Nelle volte a

crociera divenne costante il ricorso a costoloni (o nervature)

aggettanti, posti in corrispondenza dei quattro archi

perimetrali e dei due diagonali. La resistenza fu

ulteriormente aumentata facendo uso di volte ogivali, in cui

cioè tutti e sei i costoloni hanno la forma di archi acuti. Fra

le navate, il posto dei pilastri compositi e delle colonne fu

preso di norma da imponenti pilastri a fascio, detti anche

polìstili perché costituiti da fasci di colonnine, ognuna delle

quali assorbe la spinta trasmessa da un singolo costolone

delle crociere soprastanti. Le innovazioni più appariscenti

furono introdotte però all’esterno delle chiese, dove fecero

la loro comparsa gli archi rampanti, ovvero archi

asimmetrici appoggiati con l’estremità superiore a un

contrafforte posto sul muro delle navate o dell’abside e con

l’altra su un poderoso pilastro collocato fuori dall’edificio .

Scopo evidente degli archi rampanti è di aumentare la

capacità dei contrafforti di contrastare le spinte verso

l’esterno delle volte a crociera. Al fine di accrescere

ulteriormente la tenuta di pilastri e contrafforti, su di essi

furono costruiti alti pinnacoli, con il loro peso comprimono,

convogliandole verso il basso, le spinte laterali trasmesse

dagli archi rampanti. I muri perimetrali vennero quindi

traforati fino al punto di essere interamente sostituiti, tra

una nervatura e l’altra, dalle vetrate, con il loro diafano

mosaico di superfici coloratissime, scompartite dal delicato

ricamo fiorito di cuspidi, rosoni polilobati e altre fantasiose

combinazioni di figure geometriche.

L’architettura civile Castelli e residenze fortificate

che insieme alle mura avevano caratterizzato l’architettura

civile di età romanica, continuarono a essere costruiti in

gran numero anche in epoca gotica. Accanto alle rocche,

poste su alture strategiche per adempiere alle tradizionali

funzioni militari di presidio del territorio, divennero però

sempre più numerosi i castelli costruiti in zone meno

impervie, per consentire ai feudatari di controllare le attività

agricole o di dedicarsi alla caccia e ad altri svaghi

cavallereschi. Questo secondo tipo di dimore, pur

mantenendo qualcosa della foggia poderosa e turrita dei

manieri tradizionali, si ingentilì nell’aspetto esterno, ma

soprattutto in quello interno, dotandosi di logge, giardini

fioriti e lussuosi appartamenti forniti di ogni comodità, in

modo da svolgere appieno la propria funzione di residenza

signorile.

Il palazzo pubblico

Nelle città, dove già in età romanica avevano fatto una

prima, ma ancora timida, comparsa nuove tipologie di

edifici, connessi a funzioni politico-amministrative,

mercantili e finanziarie, le magistrature cittadine e le

sempre più potenti corporazioni, si dotarono di sedi

prestigiose e idonee all’esercizio delle proprie funzioni

pubbliche e di rappresentanza. L’edificio civile più

importante fu il palazzo pubblico, denominato in Francia

Hôtel de Ville, nelle Fiandre Stadhuis e nei territori

germanici Staatshaus. Come le cattedrali, i municipi gotici


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

6

PESO

44.74 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in conservazione dei beni culturali
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher nunziaraso di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'arte medievale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof Perriccioli Alessandra.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in conservazione dei beni culturali

Storia greca - Atene e la sua democrazia
Appunto
Analisi di "Restless" di Gus Van Sant
Appunto
Il drago dell'Apocalisse. Un'analisi iconografica dalla tarda-antichità alla fine del Medioevo
Esercitazione
Descrizione mostra Emilio Vedova Egitto
Esercitazione