Che materia stai cercando?

Appunti riguardo le prime deditazioni metafisiche

Rielaborazione sotto forma di riassunto delle prime Meditazioni metafisiche di Cartesio basata su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Lanfredini dell’università degli Studi di Firenze - Unifi, facoltà di Lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Filosofia della mente docente Prof. R. Lanfredini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Si dovrà vedere quindi se dalla via delle idee si possa risalire a un’origine certa di

diverso dal soggetto che mediti, muovendo quindi dal contenuto stesso delle idee

cominciando quindi col considerarle in se stesse. L’unica che consenta quanto

desiderato sarà l’idea di Dio.

Cartesio prende in considerazione la nozione di realtà oggettiva. Per realtà o

perfezione si intende l’essere stesso, sinonimo di realtà e la realtà perfezione sono i

gradi dell’essere. Inoltre la realtà o perfezione può essere formale, in quanto

rappresentata e oggettiva, ogni realtà in sé stessa. La realtà formale del pensiero sta

nell’essere modi del pensiero; per cui le idee sono l’unica cosa ad avere tutte e due le

realtà, tanto quella formale che quella oggettiva. La realtà oggettiva di un’idea non

può che provenire da qualche causa in cui sia contenuta almeno altrettanta realtà

formale, poiché il nulla non fa nulla. Dobbiamo quindi trovare un’ide la cui realtà

oggettiva sia tale che si possa esser certi che non altrettanta realtà si trova in noi né

formalmente né eminentemente e perciò non se ne possa essere noi la causa.

Dell’idea di Dio non è possibile che si sia noi la causa perché la sua realtà oggettiva (la

rappresentazione di quel che Dio è, della sua essenza) ha un grado di realtà che

sovrasta di netto il grado di realtà – formale, questa – che è proprio della nostra

mente. L’infinito pensato è sicuramente meno dell’infinito in atto ma è di più qualsiasi

realtà finita, seppure in atto, formale.

Questa dimostrazione ha la stessa struttura dell’altra sola inferenza di per sé

invulnerabile dal dubbio, il cogito: (1b) il meno non fa il più; (2) io ho l’idea di Dio; (3)

la realtà oggettiva dell’idea di Dio è più che non la mia realtà formale; - Dio esiste.

Un’altra dimostrazione dell’esistenza di Dio è introdotta per venire incontro alle

abitudini di pensiero comuni. E’ la dottrina della creazione continua: la conservazione

di ente finito viene identificata come una vera e propria nuova creazione di esso in

ogni frazione del tempo.

Quarta Meditazione – Il vero e il falso

Questa meditazione comincia con l’enunciazione della voracità di Dio, risolvendo il

dubbio avanzato nella prima a proposito dell’onnipotenza di Dio, che adesso ci appare

in contraddizione con qualsiasi ipotesi di inganno diretto o indiretto.

Più avanti, Cartesio avanza degli argomenti per sostenere la compatibilità degli errori

umani con la veracità di Dio, partendo da una domanda: l’errore umano è negazione

(mancanza) o privazione (mancanza in un ente)? Solo in questo secondo caso il difetto

è reale e Cartesio risponde con tre argomenti sul perché Dio lo consenta:

- Primo: l’insuperabile ignoranza dei fini di Dio da parte degli uomini;

- Secondo: per valutare adeguatamente il creato, va considerato nella sua totalità,

senza isolare creature singole;

- Terzo: la spiegazione classica del peccato dell’uomo: la libertà del volere umano. Solo

nel giudizio si può trovare falsità o l’errore perché a giudicare infatti è la volontà, il

libero arbitrio. L’intelletto invece è una facoltà passiva, e perciò l’errore non è mai

imputabile a esso.

L’errore dipende allora dalla differenza fra l’intelletto e la volontà in quanto alle

rispettive estensioni: l’intelletto è sempre finito, più o meno limitato, mentre la volontà

non ha limiti. Per evitare l’errore basta allora che si sospenda il giudizio tutte le volte

che ciò su cui si abbia la tentazione di giudicare non sia chiaro e distinto. Ed ecco

allora l’errore umano assimilato al peccato, l’errore è senz’altro un difetto che non

dovrebbe macchiare una creatura razionale, è privazione e non mera negazione.

Dio ne esce discolpato per aver dato all’uomo un intelletto limitato, perché questa è

una negazione e non una privazione e la conclusione all’interrogativo è l’errore umano

è privazione in rapporto all’uomo e negazione in rapporto a Dio.

Certo, Dio, avrebbe potuto fare in modo che evitassimo di errare, ma a questo Cartesio

fa una considerazione di tipo estetico: nel complesso delle creature è meglio che ce ne

siano di tutti i generi.

Quinta meditazione – L’essenza delle cose materiali, e di nuovo sull’esistenza

di Dio

Cartesio si sposta qui sulle cose materiali, muovendo sempre dalle idee che ne

abbiamo, indipendentemente dal fatto che esistano o no.

Di un corpo concepiamo quindi le caratteristiche quantitative (le qualità primarie) e le

idee di esse sono innate (né avventizie né fattizie), perché gli enti matematici sono in

sé stessi nature, o essenze o forme immutabili, eterne. Gli enti e le verità hanno quindi

una sorta peculiare di essere, una sussistenza in sé che fa tutt’uno con la loro validità

intrinseca. E così viene risolto uno dei dubbi della prima meditazioni. Le essere e le

relative verità eterne sono stabilite liberamente da Dio e solo in virtù di tale decisione

di impongono a noi come assolutamente necessarie in senso logico.

Ne risulta quindi anche la possibilità che esse esitano perché la loro essenza è

estensione, quindi di natura matematica e conoscere l’essenza di qualcosa è già

sapere che può anche esistere.

E di nuovo una parentesi sull’esistenza di Dio, introdotta per analogia con le

dimostrazioni matematiche: Dio è per essenza l’essere perfettissimo, ma è ben

perfezione anche quella di esistere, quindi negarne l’esistenza equivale a sostenere

che l’ente perfettissimo manca di perfezione e l’ateo fa quindi un errore logico.

L’analogia di questa argomentazione con le dimostrazioni matematiche è nella

connessione logicamente necessaria fra un’essenza e una sua proprietà: fra Dio e la

sua esistenza dunque, così come fra un angolo, per esempio, e l’uguaglianza dei suoi

angoli a 180 gradi.

Conclude spiegando in cosa consista la garanzia che alla nostra conoscenza fornisce

Dio. La sua veracità ci assicura che non ci inganniamo a ritenere che quanto

concepiamo chiaramente e distintamente. Soluzione al dubbio nella prima

meditazione che io mi inganni a sommare 2 più 3, la veracità di tale di Dio, eliminando

tale dubbio ci garantisce appunto l’affidabilità dei nostri patrimoni di conoscenza.

Sesta meditazione – L’esistenza delle cose materiali, e distinzione reale della

mente dal corpo

Sempre sull’esistenza o meno delle cose materiali, qui si aggiunge che è oltre che

possibile anche probabile, perché per spiegare una facoltà come l’immaginazione

meglio di tutto sarebbe poter postulare che, allorché immagina, la mente umana si

risolva a qualche parte di un corpo a cui sia unita, trovandovi oppure proiettandovi

figure di cose materiali. Naturalmente l’immaginazione è una forma del pensiero, ma

non costitutiva dell’essenza della mente. Questa accidentalità della forma

immaginativa del pensiero a suggerire che essa dipenda da qualcosa che sia altro

dalla mente.

La decisione sulla realtà dell’esistenza delle cose materiali non può che essere

trasferita sui sensi, per vedere se la attestino essi. Per fare questo, Cartesio passa in

rassegna le credenze comuni sui sensi e sui dubbi delle precedenti meditazioni e infine


PAGINE

5

PESO

23.14 KB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher JulieDeCorrencon di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia della mente e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Lanfredini Roberta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia della mente

Riassunto esame filosofia teoretica, docente Lanfredini, libro consigliato Vedere le cose come sono, Searle
Appunto
Riassunto esame Filosofia teoretica, prof. Lanfredini, libro consigliato Fenomeni mentali, Tim Crane
Appunto
Storia della Filosofia Morale
Appunto
Storia dell' Estetica
Appunto