Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

svolgimento di uno specifico affare vincolando allo stesso nono piu

del dieci per cento del patrimonio netto oppure rimborsando i

finanziamenti concessi da terzi con gli oneri e i proventi derivanti da

uno specifico affare.

Presenta un elevato grado di complessita e di rischio dato che delle

obbligazioni risponde solo la società e non i soci.

Le modalità di amministrazione della società si chiamano

governante. Ce ne sono di tre tipi :

-tradizionale: consiglio amministrazione e colleggio sindacale

.monistico: consiglio amministrazione e comitato controllo sulla

gestione

Dualistico: consiglio di gestione e consiglio di sorveglianza.

Quando la spa ha un unico socio fondatore questo ha due obblighi:

versamento integrale dei conferimenti in denaro al momento della

sottoscrizione e indicazione dell unico azionista nel registro delle

imprese, altrimenti viene meno la responsabilità limitata dell unico

socio.

La spa puo costituirsi per contratto o atto unilaterale. L’atto

costitutivo deve indicare:

dati dei soci e numero azioni ad essi attribuite

oggetto e denominazione sociale

capitale sottoscritto e versato

numero e valore azioni nominali emesse

criteri ripartizione utili

modello amministraz e controllo scelto e prime nomine

all’atto costitutivo deve essere allegato lo statuto che contiene

criteri sull’organizzazione della società.la legge prescrive che :

-deposito 25% conferimenti in denaro su un conto vincolato

- i conferimenti dei beni si eseguono tutti integralmente

- il restante 75% in denaro dovrà essere richiesto dagli

amministratori

Dopo l’acquisto della personalità giuridica gli amministratori

possono svincolare il 25% e trasferirlo su un normale conto

corrente.

Se ci sono conferimenti in natura il socio deve allegare ad essi una

relazione giurata di stima da parte di un esperto nominato dal

tribunale che deve affermare che il valore di tale bene sia per lo

meno uguale a quello utilizzato in sede di costituzione del capitale

sociale e indicare l eventuale sovrapprezzo, entro 180 giorni gli

amministratori pero possono promuovere una nuova stima e

qualora il valore del bene risulti diminuito di oltre 1 quinto bisogna

ridurre il capitale sociale. Tuttavia il socio per evitare di essere

escluso puo versare la differenza in denaro.

I costi sostenuti per la costituzione della società vengono chiamati

costi d’impianto e sono considerati costi pluriennali. Tra essi

troviamo l onorario del notaio al quale si applica liva del 20% e una

ritenuta d’acconto di pari importo.

S.A.P.A.

Ci sono due tipologie di soci:

accomandanti : responsabili limitatamente al capitale investito

accomandatari : responsabilità solidale e illimitata, sono gli

amministratori di diritto della società.

L’atto costitutivo deve contenere l’indicazione dei nominativi dei soci

accomandatari. La sostituzione o nomina dei nuovi accomandatari

deve essere approvata dalla maggioranza dei soci. È la tipologia di

società idonea per scalate ostili.

S.R.L

Si caratterizza per la flessibilità e l’autonomia di funzionamento. Vi

possono essere uno o piu amministratori. Le decisioni devono

essre prese dopo la consultazione scritta o in base al consenso

dato per iscritto da parte dei soci, senza convocare assemblee. C’

la possibilità di dare ad un socio un voto multiplo o avere una

maggiorazione nella distribuzione degli utili. Il capitale delle srl è in

quote, gli utili sono distribuiti in base alle quote. I conferimenti

possono esser sotto qualsiasi forma anche prestazioni lavorative o

servizi garantiti integralmente da una polizza assicurativa o una

fideiussione bancaria. Il collegio sindacale non è obbligatorio a

meno che il capitale non sia superiore a centoventimila euro.

Possono avere sin dalla costituzione un unico socio, valgono le

stesse regole dell spa. L’atto costitutivo deve contenere l’oggetto e

la denominazione sociale, l entità del capitale sociale ( 10mila),

ammontare conferimenti singoli soci, modalità amministrazione,

quote partecipazione. Il primo 25% deve essere versao su un conto

vincolato e il restante 75% sarà richiesto dagli amministratori.

La srl è un evoluzione della sapa perché ha dimensioni

organizzative maggiori,maggior rischio, maggior fabbisogno

finanziamenti. La srl puo emettere titoli di debito che possono

essere sottoscritti solo da investitori professionisti. La srl rispetto

alla spa comporta minori adempimenti e maggior autonomia.

LE VARIAZIONI DI CAPITALE

AUMENTO A PAGAMENTO O REALE

La società ottiene nuove risorse per un importo pari (emissione alla

pari) o superiore (sopra la pari) al valore nominale delle azioni. Non

è ammessa emissione sotto la pari. Nel caso di emissione di azioni

sopra la pari la differenza diventa una riserva di capitale ovvero

riserva sovraprezzo azioni. All’atto della sottoscrizione dell’aumento

del capitale deve essere versato il 25% dei conferimenti in denaro e

l’intero sovraprezzo. Il versamento non è effettuato su un conto

vincolato ma sul c/c della società. Non possono essere emesse

nuove azioni se non sono liberate quelle precedentemente emesse.

Le nuove azioni devono essere offerte ai soci in maniera

proporzionale al numero di azioni gia possedute; essi infatti hanno il

diritto di opzione ovvero ad essere privilegiati nella sottoscrizione

delle nuove azioni. La società puo chiedere oltre al sovraprezzo un

conguaglio in denaro per gli utili in corso ( dall’inizio dell esercizio

fino all’aumento del capitale). Gli oneri dell’operazione sono

considerati costi d’impianto ( pluriennali).

AUMENTO GRATUITO O VIRTUALE

Il capitale rimane quantitativamente invariato mentre varia la sua

composizione. Infatti vengono imputate a capitale delle riserve che

pertanto diventano indisponibili. Si attua mediante emissione di

nuove $azioni gratuite cedute in proporzione alle azioni che gia si

hanno o aumentando il prezzo delle azioni in circolazione.

RIDUZIONE REALE DEL CAPITALE

Avviene mediante rimborso risorse ai soci attraverso :

-estrazione a sorte di azioni di godimento senza diritto di voto e

postergate nel godimento dei dividendi

-rimborso parziale di tutte le azioni

- liberazione dei versamenti ancora dovuti dai soci

-acquisto e successivo annullamento delle azioni da parte della

società; in tal caso c è bisogno che vi sia l’autorizzazione

dell’assemblea ordinaria, acquisto nei limiti di utili e riserve

disponibili, acquisto di azioni completamente liberate, limite

massimo dell’acquisto è il 10% del capitale sociale.

-costituzione di una riserva per azioni proprie.

La riduzione puo avvenire anche in seguito al recesso dei soci.

RIDUZIONE OBBLIGATORIA DEL CAPITALE

È obbligatoria qualora il valore del patrimonio netto si riduca al di

sotto di 1/3.

SOCIETà COOPERATIVE

Il fine delle società cooperative è il soddisfacimento dei bisogni dei

soci. Non perseguono il fine lucrativo ma quello mutualistico che

consiste nel cedere beni servizi e prestazioni lavorative ai soci a

condizioni piu favorevoli rispetto a quelle vigenti sul mercato.

Operano in mercati particolari in quanto acquisiscono risorse e

cedono prodotti a chi ha costituito o gestisce la società. Bisogna

fare una distinzione :

-mutualità prevalente : ricorso prevalentemente ai beni e al lavoro

dei soci

-mutualità non prevalente : ricorso prevalentemente a scambi con

l’esterno.

Le cooperative si caratterizzano per il principio democratico e del

voto capitario ( una testa un voto): ogni socio a prescindere dal

capitale conferito ha diritto ad un solo voto in assemblea. Tuttavia ai

soci sovventori ovvero coloro che conferiscono capitale di rischio

ma non partecipano allo scopo mutualistico e alle persone

giuridiche possono essere assegnati fino a 5 voti. Le cooperative

possono avere sia la struttura della spa che della srl.

ASSOCIAZIONI

è un organizzazione con finalità culturali, assistenziali, sociali. Si

costituisce per contratto tra due o piu persone per il perseguimento

di uno scopo comune mediante un organizzazione stabile. Ci sono

2 tipi di associazioni :

-non riconosciute : non hanno personalità giuridica, patrimonio

costituito da un fondo comune, non hanno autonomia patrimoniale

perfetta per cui la responsabilità ricade su tutti coloro che hanno

agito in nome e per conto di essa.

-riconosciute : hanno personalità giuridica e autonomia patrimoniale

perfetta.

Ci sono degli elementi comuni di tutte le associazioni :

-elem soggettivo : collettività di persone fisiche

-elem finalistico : scopo comune

-elem oggettivo: contributi degli aderenti

-elem materiale: divisione compiti tra associati

Esse sono aziende solo se l’attività economica ha i requisiti di

sistematicità, autonomia, durabilità.

Al momento della costituzione gli associati versano una quota

iniziale che costituirà il patrimonio iniziale, fondo comune

associativo, poi gli associati versano una quota periodica.

FONDAZIONI

Ente senza finalità di lucro con un patrimonio da destinare a finalità

culturali, educative, sociali. Esse devono avere un riconoscimento

regionale o nazionale, personalità giuridica, iscrizione nel registro

delle persone giuridiche. Si costituiscono per atto pubblico o per

testamento. All’atto costitutivo si affianca uno statuto i quali devono

contenere la denominazione, lo scopo, il patrimonio, la sede, le

modalità d amministrazione, i criteri di erogazione delle rendite.

Possono distinguersi in :

-fond operative : utilizzo di proprie strutture

- fond di erogazione : erogano finanziamenti a terzi

La fondazione ha una propria organizzazione e propri organi di

governo.

DEBITI DI FINANZIAMENTO

Nascono in seguito di autonome negoziazioni di capitale.

L’impresa puo contrarre debiti di finanz di diverse forme in relazione

:

-alla scadenza: e breve( entro 12 mesi); a medio termine ( tra 12

mesi e 5 anni) e a lungo termine ( oltre i 5 anni)

-alla modalità di utilizzo : unica soluzione o piu soluzioni

- al soggetto finanziatore : banche, stato o finanz attraverso

obbligazioni.

L’impresa si impegna a corrispondere al finanziatore la quota

capitale piu l’interesse passivo anticipato o posticipato ( vedi

esercizi).

MUTUI PASSIVI

è un operazione di finanziamento a medio-lungo termine a titolo

oneroso ( si pagano interessi) mediante la quale un’azienda

( mutuataria) ottiene da una banca ( mutuante) una certa somma di

denaro da restituire entro una scadenza prestabilita dalle parti. Si

stipula un contratto a titolo oneroso indicante : scadenza, piano di

rimborso, garanzia reale.

Oneri connessi :

-spese bancarie: costi d’istruttoria per stimare il bene dato in

garanzia, spese notarili per stipulare il contratto, imposta sostitutiva

pari al 0.25% del capitale prestato ; sn pagate anticipatamente,

tramite il conto costi d’istruttoria

-interessi passivi: a tasso fisso, variabile o agevolato. Il t agevolato

si ha quando il t. d interesse è minore di quello vigente sul mercato

in quanto parte di tale costo è coperto dallo stato

- premi assicurativi: relativi a beni in garanzia per tutelarsi da vari

rischi. L’apertura di credito per cassa puo essere:

-semplice: il cliente puo beneficiare una sola volta del credito

concesso

-in conto corrente :possibilità di utilizzare il credito in maniera

continuativa.

APERTURA CREDITO IN C/C

È un contratto mediante il quale una banca si impegna a mettere a

disposizione di un cliente definite somme di denaro per un periodo

determinato o indeterminato, o si impegna ad assumere per suo

conto determinate obbligazioni. Il presupposto è la concessione di

fido ossia un tetto massimo di credito che la banca puo concedere

al proprio cliente.

Le operazioni di addebitamento e accreditamento debbono rientrare

nel fido e la banca puo chiedere di restituire quanto prestato

quando vuole se non c è scadenza. Ci sono varie tipologie in

base :

-alle garanzie: garantite o scoperte

-alla durata: determinata o indeterminata

-al sog.utilizzatore: a proprio favore ( il beneficiario del credito è il

cliente) o a favore di terzi ( il beneficiario non è il cliente)

-alla modalità utilizzo : per firma ( la banca cede la propria firma per

fideiussioni), per cassa ( la banca mette a disposizione somme di

denaro)

-movimentazione assunta dal conto : ordinaria in c/c ( rilascio di un

pagherò in bianco emesso dal correntista a favore della banca; il

beneficiario puo utilizzare a piu riprese l’importo concessogli);

in c/c per elasticità di cassa ( la banca concede all’azienda cliente

la possibilità di prelevare risorse superiori rispetto a quelle

disponibili sul suo conto, entro il limite stabilito dalla banca stessa in

base alle capacità di rimborso dell’azienda; in tal caso il conto

dell’azienda avrà un saldo negativo e si darà scoperto ;

-in C/ c garantita :il credito è rilasciato a seguito dell’ottenimento di

diverse forme di garanzie

-con finalità particolari : si riferiscono alle concessioni di credito

legate allo svolgimento di attività imprenditoriali rientranti in

specifiche categorie.

Oneri connessi: spese di natura amministrativa che la banca

sostiene per conto nostro,interessi passivi, commissioni bancarie

tra cui la commissione di massimo scoperto determinata applicando

al saldo massimo del debitore del trimeste un aliquota dello 0.25%.

RICEVUTA BANCARIA

Pezzo di carta che il venditore firma per ricevuta ancor prima di

ricevere i soldi. La banca cura la riscossione della fornitura, quando

il cliente paga la banca essa dà ad egli la ricevuta. la banca quindi

compie il servizio di riscossione per un suo cliente. Se il cliente non

paga alla scadenza non accade nulla o meglio aumentano gli

interessi. Il deterrente è piu che altro delle banche perché i debitori

temono di piu le banche. La banca ovviamente tratterrà il suo

compenso. Talvolta tale operazione si traduce in un finanziamento :

la banca anticipa all’impresa parte dei capitali che dovrà riscuotere

da terzi.

ANTICIPI SU RI.BA.

La ri.ba è un quietanza di pagamento emessa al momento della

fatturazione sulla base di accordi presi con l’acquirente e

consegnata su supporto cartaceo o elettronico alla banca, cui è

delegato il servizio di incasso. Ci sono due modalità :

-al dopo incasso : la banca svolge mero servizio di riscossione in

quanto essa accredita la somma solo dopo la riscossione

-salvo buon fine : concessione di un finanziamento da parte della

banca relativo all’anticipo dell’importo di credito non ancora

scaduto; in caso di inadempimento il cliente dovra restituire alla

banca quanto anticipatogli.

Oneri connessi: commissioni d incasso ed eventuali spese

sostenute.

ANTICIPI SU FATTURE

Sn una particolare apertura di credito per cassa a breve termine le

cui caratteristiche rimandano a quelle dell’apertura di credito in C/C.

Caratteristiche : assenza di specifiche garanzie, cessione pro-

solvendo (rischia solo l’impresa), concessione parziale del

finanziamento ( 80% sul totale dei crediti), prestito a interessi

anticipati, interessi passivi.

Hanno il carattere dell’auto-liquidità: si estinguono quando c è il

pagamento delle fatture da parte del debitore.

CAMBIALE FINANZIARIA

È un titolo di credito all’ordine mediante il quale le aziende sono in

grado di reperire i mezzi finanziari presso il pubblico. L’azienda

ottiene un finanziamento di breve durata ( dai 3 ai 12 mesi) da un

terzo con la promessa di restituire le somme ricevute alla scadenza

prefissata.

Funzionamento pratico : un impresa emette cambiali e ordina alla

banca di pagare le stesse, tali cambiali firmate dalle banche

entrano in circolo nel mercato finanziario e sono sottoscritte da terzi

soggetti. Alla scadenza le imprese devono pagare alle banche il

denaro che prima avevano ottenuto da esse, tale denaro a suo

volta le banche lo hanno ottenuto dai sottoscrittori. Per cui la banca

è solo un intermediario, sin dall inizio il finanziamento avviene ad

opera di terzi.

Le cambiali finanziarie hanno tutte lo stesso importo. L emissione è

consentita:

-alle società e gli enti che hanno tutoli quotati in mercati

regolamentati

-alle società e enti non quotati, purchè abbiano chiuso gli ultimi 3

esercizi in utile e sia data una garanzia specifica pari al 50% della

sottoscrizione.

Caratteristiche : è una cambiale tratta in cui il traente e beneficiario

coincidono ( impresa emittente); sono emesse in serie,

finanziamento complessivo ricevuto dall’azienda diviso in titoli

Oneri : interessi passivi; vengono calcolati in via anticipata come

differenza tra il valore delle cambiali e la somma che l’impresa

finanziata riceve.

RIPORTO

è il finanziamento bancario associato ad uno scambio temporaneo

di titoli. I titoli per un certo periodo diventano di proprietà della

banca ma la banca entro un dato periodo di tempo si impegna a

vendere i titoli alla stessa impresa finanziatrice a prezzi maggiorati.

RIPORTO PASSIVO O FINANZIARIO

È un contratto in base al quale un azienda ( reportato) trasferisce

temporaneamente la proprietà di titoli di credito posseduti ad una

banca ad un determinato prezzo e contestualmente la banca si

impegna a trasferire all’azienda la proprietà di titoli della stessa

specie a una determinata scadenza ad un prezzo maggiorato.

L’entità del finanziamento è costituita dal valore corrente dei titoli

alla data di stipulazione del contratto ( prezzo riporto). C’ è un

duplice passaggio di proprietà : prima cessione dei titoli da parte

dell azienda ad un prezzo a pronti, nella seconda la banca ricede i

titoli a un prezzo a termine.

Prezzo termine > prezzo a pronti perché include il prezzo di riporto.

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

Finanziamento a medio-lungo termine al quale possono far ricorso

le spa e sapa. Elemento essenziale sono le obbligazioni : titoli di

credito emessi in serie che rappresentano il debito che la società

emittente assume nei confronti dei soggetti che le sottoscrivono.

Possono essere nominative o al portatore.

Le obbligazioni sono fruttifere di interessi annui calcolati a tasso

fisso o variabile. Si deve redigere il regolamento di prestito che

deve contenere :

-n e valore nominale delle obbligazioni

-modalità collocamento e prezzo emissione

-t interesse e date godimento delle cedole

-modalità rimborso e valore rimborso

Il limite all’ emissione delle obbligazioni è pari al doppio del valore

del capitale sociale, riserve legali e disponibili.

Emissione prestito

Prezzo emissione : quello che i singoli obbligazionisti pagano al

momento in cui sottoscrivono le obbligazioni.

Se esso è inferiore al valore nominale si ha un emissione sotto la

pari, l’impresa che le emette subisce una perdita chiamata disaggio

di emissione. Se il prezzo di emissione è superiore al val nominale

si ha un emissione sopra la pari e si crea un aggio di emissione.

Collocamento obbligazioni sul mercato

-coincidente con la data di decorrenza degli interessi

-in data anteriore rispetto alla decorrenza degli interessi : il prestito

obbligazionario resta infruttifero fino al collocamento per cui gli

obbligazionisti trattengono anticipatamente il mancato ricavo

chiamato dietimi di interesse.

- in data successiva rispetto alla data di decorrenza degli interessi :

gli obbligazionisti sono tenuti a corrispondere all’emittente gli

interessi ( dietimi) maturati nel periodo tra la data di collocamento

ed emissione.

In pratica chi ha la cedola deve pagare in piu deve pagare anche gli

interessi per il periodo che nn ha avuto l obbligazione.

Rimborso

-alla scadenza naturale : il rimborso puo avvenire in maniera

graduale nel tempo o in un'unica soluzione

- mediante acquisto obbligazioni sul mercato.

OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI IN AZIONI

Sono titoli di credito che incorporano il diritto di opzione: il portatore

ha la facoltà di convertire in tutto o in parte le obbligazioni in azioni

ottenendo cosi il diritto di partecipazione alla società.L’emissione

del prestito puo essere diretto ovvero permette di convertire le

obbligazioni in azioni della stessa società o indiretto di un'altra

società. I risparmiatori con obbligazioni convertibili possono

acquistare azioni a prezzi piu favorevoli di quelli di mercato.

Affinchè possa avvenire la loro emissione è necessario che il

capitale sociale sia interamente versato e che le obbligazioni non

siano emesse sotto la pari.

IVA

L’imposta sul valore aggiunto si applica alla cessione di beni e

prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello stato e

nell’esercizio di imprese o arti e professioni e sulle importazioni da

chiunque effettuate. L iva non risente del numero di passaggi che il

bene o servizio subisce prima di giungere al consumatore finale ma

colpisce solo l incremento di valore che esso acquista dalla

produzione al consumo. Il valore aggiunto è il maggior valore che

rispetto ai mezzi inizialmente impiegati l’impresa è in grado di

produrre configurandosi cosi come segnalatore di economicità

esprimendo la capacità dell’impresa a remunerare i fattori produttivi.

Secondo la concezione fiscale il valore aggiunto è dato dalla

differenza tra ammontare delle vendite e ammontare degli acquisti e

solo su tale differenza si calcola l’iva.

Poi c è un altro meccanismo : deduzione di imposta da imposta che

prevede che ciascun operatore economico corrisponda al suo

fornitore l’imposta sul v. ag. Degli acquisti e riscuota dal suo cliente l

imposta calcolata sul valore delle vendite. In tal modo per ciascun

operatore economico e per ogni operazione si configura :

un credito di iva nei confronti dell erario pari all imposta corrisposta

ai fornitori nelle operazioni di acquisto e un debito di iva vero l

erario pari all imposta riscossa dai clienti nelle operazioni di vendita.

La differenza tra iva a debito e iva a credito costituisce l imposta

che l operatore dovrà versare allo stato o se la differenza è positiva

il credito che vanta nei confronti dello stato.

Caratteristiche

-l’iva è un imposta generale perché colpisce tutti i contribuenti

-è un imposta sui consumi per cui incide solo sul consumatore

finale

-è un imposta neutrale poiché è assoggettato ad essa solo il valore

aggiunto ed è indipendente dal numero di trasferimenti effettuati

-è un imposta trasparente perché in qualsiasi fase del ciclo

produttivo è sempre noto $il carico d’imposta

-è un imposta unica perché colpisce una sola volta il prezzo finale

del prodotto

-è un imposta proporzionale in quanto le aliquote restano costanti al

variare dell importo sul quale si applicano

- si paga in maniera frazionata

Presupposti

-oggettivo: fa riferimento all’oggetto dell’operazione e cioe alla

cessione di beni e servizi dietro un corrispettivo

-soggettivo: le operazioni imponibili devono essere svolte nell

esercizio di imprese o arti e professioni e le importazioni

-territoriale: le operazioni devono essere effettuate nel territorio

dello stato in particolare per la cessione di beni ci si riferisce al

luogo dove vi è l oggetto del contratto, per le prestazioni di servizi ci

si riferisce al luogo in cui il soggetto che le effettua ha la residenza

o il domicilio in italia.

CLASSIFICAZIONE OPERaZIONI A FINI IVA

-OPERAZIONI NON SOGGETTE A IVA: cessione denaro, vendita

di giornali quotidiani ecc.

-OPERAZIONI SOGGETTE A IVA : cessione di beni e servizi che

pongono in capo agli operatori economici una serie di adempimenti

formali e sostanziali: emissione fattura e sua registrazione, liquidaz

periodia dell’imposta ecc. esse a loro volta si distinguono in :

-operazioni imponibili : su di esse di calcola l imposta sulla base

dalle aliquote stabilite dalla legge che attualmente sono pari al 20%

e quelle ridotte al 4% o 10%. Tra le operazioni imponibili vi è anche

l’autoconsumo.

-operazioni esenti: l’imposta non è calcolata per motivi di

opportunità economico_sociale.tali operazioni sono cmq fatturate e

concorrono ad abbattere la detraibilità iva pagata su acquisti da

contrapporre all’iva riscossa dai clienti.

-operazioni non imponibili: non si calcola l’imposta per evitare una

doppia tassazione. Es : esportazioni per evitar che vengano tassate

sia nel paese di origine che di destinazione.

BASE IMPONIBILE

Per l applicazione dell’iva bisogna determinare la base imponibile

ovvero l’importo sul quale calcolare il tributo. Essa è pari

all’ammontare dei corrispettivi dovuti al cedente, ed è formata da

vari elementi :

-prezzo della merce ceduta, dedotti sconti mercantili incondizionati

-spese accessorie fatte gravare sull’acquirente

- prezzi per imballaggi per i quali non vi è il reso

Non concorrono a formare la base imponibile:

-interessi moratori

-imballaggi con reso

-somme dovute per anticipazioni fatte in nome e per conto del

cliente.

ADEMPIMENTI IVA PER LA COSTITUZIONE DELL’IMPRESA

Bisogna presentare al momento dell’inizio dell’attività d’impresa una

dichiarazione entro il termine prefissato dalla legge all’agenzia delle

entrate. Bisogna anche presentare la dichiarazione iva dell’anno di

riferimento.

ADEMPIMENTI PERIODICI PER L’ANNOTAZIONE DELLE

OPERAZIONI


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

32

PESO

42.59 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze gestionali
SSD:
Università: Salerno - Unisa
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher littleinsten di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Ragioneria generale e applicata e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Salerno - Unisa o del prof Forte William.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!