Che materia stai cercando?

Appunti pallavolo Appunti scolastici Premium

Appunti di Pallavolo che sono basati su appunti personali del publisher e che sono presi alle lezioni della professoressa Savonitto, dell’università degli Studi di Udine - Uniud, Interfacoltà, del Corso di laurea in scienze motorie. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Pallavolo docente Prof. M. Savonitto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

giovedì 20 marzo 2014

11:20

IL BAGHER (scavatrice)

Passaggio eseguito con 1 o 2 braccia (arti superiori)

Durante il gioco rappresenta generalmente il 1° tocco di ogni azione ma a volte anche il 2° e/o

il 3° tocco dell'azione. È un fondamentale di costruzione del gioco, frequente quasi come il

palleggio.

È il gesto tecnico da usare quando non è possibile intervenire con un alleggio per traiettoria

bassa/corta o velocità elevata della palla.

Non è sostitutivo del palleggio ma completamente ad esso.

Esistono diverse tecniche di bagher

Tattica individuale -> capacità di utilizzare la tecnica di bagher più adeguata alla situazione di

gioco tra quelle presenti nel proprio bagaglio.

TECNICHE DI BAGHER

Insieme di gesti diversi che consistono nel respingere la palla con la parte radiale o con la

parte interna delle avambraccia unite.

ELEMENTI COMUNI DELLE TECNICHE DI BAGHER:

• Posizione di attesa:

1. Piedi leggermente più larghi delle spalle, arti inferiori piegati, in modo da

essere pronti a spostarsi in qualsiasi direzione

• Prima di prendere contatto con la palla:

1. l'atleta deve aver completato lo spostamento ed esserci posto nella migliore

posizione possibile per indirizzare la palla verso il bersaglio

2. Piazzamento: Tale che l'eventuale ricerca della palla venga effettuata verso

avanti

3. Tutta la pianta del piede tocca il terreno, ma il peso del corpo grava

maggiormente sulla pianta anteriore del piede

• Durante il contatto con la palla:

1. Le braccia sono distese in avanti con l'articolazione del gomito "bloccata" ed

extraruotata e formano con il busto un angolo ≥ 90°

1. Le mani sono unite (con possibili modalità diverse)e flesse verso il basso per

aumentare la tensione delle braccai e rendere più ampia e piatta possibile la

superficie di rimbalzo = piano di rimbalzo

1. Il contatto con la palla avviene con la parte interna delle avambraccia

appena sopra i polsi.

1. l'impatto con la palla viene attutito dall'azione "morbida" di ammortizzazione-

accompagnamento guidata dalle spalle

1. Il busto è leggermente inclinato in avanti

1. Le gambe aspettano la palla già piegate

1. I piedi sono paralleli

• Dopo l'uscita della palla:

1. Le mani rimangono unite e le braccia distese verso il bersaglio

2. Le gambe accompagnano la palla verso il bersaglio

CLASSIFICAZIONE DELLE TECNICHE DI BAGHER

• A seconda della direzione in cui si muovono le braccia rispetto al proprio corpo

1. Bagher avanti o di ricostruzione

2. Bagher indietro

3. Bagher laterale

• A seconda della situazione di gioco

1. Bagher di ricezione

2. Bagher di difesa

3. Bagher di alzata

• A seconda dell'azione delle gambe

1. Bagher dalla posizione fondamentale

2. Bagher in inginocchiata

3. Bagher in rullata

4. Bagher in tuffo

5. Bagher in scivolata

Bagher avanti o di ricostruzione

Quando la palla è bassa o corta e ha velocità non elevata e quindi ha bisogno di essere spinta

verso il bersaglio stabilito.

TECNICA:

• Rapporto alla corpo:

1. la palla va colpita davanti al corpo ad un'altezza compresa tra le spalle e le

ginocchia

• Prima di prendere contatto con la palla:

1. (Come nel palleggio) l'atleta deve aver completato lo spostamento ed

essersi posto frontalmente alla direzione in cui vuole inviare la palla

• Durante il contatto con la palla:

1. Le gambe aspettano la palla già piegate e si estendono nel momento del

contatto-respinta fornendo la spinta maggiore alla palla, accompagnate da un lieve

movimento sincrono delle braccia guidato dalle spalle

2. (Come nel palleggio) l'appoggio è asimmetrico = 1 piede leggermente più

avanti dell'altro

1. (Come nel palleggio) I piedi sono larghi quanto le spalle

1. (Come nel palleggio) Il peso del corpo nella fase di preparazione ed

esecuzione del fondamentale è equamente distribuito sui due appoggi, per

sbilanciarsi su quello anteriore nella fase di uscita della palla

Bagher laterale

Quando la palla a causa della sua velocità o distanza tende ad arrivarci addosso o a superarci

lateralmente. È necessario spostare le braccia in fuori rispetto al corpo ed effettuare un bagher

laterale.

TECNICA:

• Rapporto palla corpo:

La spalla in direzione di dove devo ricevere la palla si alza

• Prima di prendere contatto con la palla:

l'atleta deve aver completato lo spostamento ed aver orientato il piano di

o

rimbalzo verso la direzione in cui vuole inviare la palla

A seconda della posizione della palla rispetto al corpo il bagher laterale si

o

effettua con due tecniche diverse di appoggio spinta delle gambe

• Se la alla è laterale e distante rispetto al corpo:

Il corpo è dietro la palla

 l'appoggio è simmetrico = piedi sullo stesso piano

 Si piega la gamba corrispondente alla direzione della palla

(palla a destra del corpo si piega la gamba destra)

• Se la palla è addosso al corpo e devo toglierlo dalla traiettoria della

palla: Il corpo è parallelo alla traiettoria della palla

 Il piano di rimbalzo è dietro la palla

 Si piega la gamba opposta alla direzione della palla (palla a

destra del corpo si piega la gamba sinistra)

I piedi sono perpendicolari alla direzione della palla in arrivo.

l'appoggio è asimmetrico = il piede corrispondente alla direzione della

palla è posto leggermente più avanti dell'altro (palla a destra del corpo

piede destro più avanzato del sinistro)

• Durante il contatto con la palla:

Arti superiori: il piano di rimbalzo formato dalle braccia deve essere tenuto il

o

più possibile distante e di lato rispetto al corpo e va premuto contro la palla verso il

bersaglio, in modo da creare un'opposizione sicura (devono essere le braccia a

spostare la palla e non viceversa)

La spalla interna al corpo va abbassata il più possibile per mantenere il

o

piano di rimbalzo piatto ed orientarlo verso il bersaglio (se la palla è a destra del

corpo abbasso la spalla sinistra)

Gli arti inferiori aspettano la palla già piegati e nel momento del contatto-

o

respinta si estendono , leggermente, accompagnati da un lieve movimento sincrono

delle braccia guidato dalle spalle, per spingere la palla verso il bersaglio

Il peso del corpo, nella fase di preparazione ed esecuzi7/one del

o

fondamentale è equamente distribuito sui due appoggi, per sbilanciarsi su uno dei

due laterali o su quello anteriore nella fase di uscita della palla

ERRORI TECNICI NEL BAGHER:

• La palla viene spinta solo con gli arti superiori invece che con gli arti inferiori

• Si piegano i gomiti per spingere la palla

1. si colpisce la palla troppo vicino al corpo

1. Di tengono le braccia quasi verticali rispetto al terreno

1. Si tengono le spalle e la schiena in una condizione di tensione invece che di

rilassamento

1. Insufficiente o scoordinamento degli arti inferiori

1. Busto troppo inclinato indietro o troppo verticale

1. Piedi più stretti delle spalle

1. Piedi extra-ruotati

DIDATTICA DEL BAGHER

1. Esercizi di valutazione della traiettoria individuali a coppie

2. Esercizi di simulazione individuali a corpo libero

3. Esercizi di simulazione individuali e a coppie in lancio presa

4. Esercizi di bagher contro il muro

1. Esercizi di bagher a coppie o gruppi con o senza rete in mezzo

1. Esercizi di simulazione individuali e a coppie in lancio presa con palle mediche

1. Esercizi di bagher a coppie o gruppi con o senza rete in mezzo con palle più

leggere e di diversa grandezza rispetto a quella regolamentale

1. Esercizi di bagher con tavolette di rimbalzo

1. Esercizi di bagher con "cotton flock"

2. Esercizi di spostamento e bagher a coppie o gruppi con o senza rete in mezzo

03 aprile

giovedì 3 aprile 2014

09:15

Bagher di ricezione

È il bagher che si utilizza per intercettare la palla che l'avversario batte.

TECNICA:

Rapporto palla-corpo: la palla va colpita possibilmente davanti al corpo

Posizione di attesa:

• Piedi più larghi delle spalle, gambe piegate, in modo da essere pronti a spostarsi in

qualsiasi direzione

Prima di prendere contatto con la palla:

• l'atleta deve aver completato lo spostamento ed essersi

Durante il contatto con la palla:

• Arti superiori: il piano di rimbalzo, formato dalle braccia, deve essere tenuto il più

possibile distante e davanti al corpo e premuto contro la palla verso il bersaglio, in modo

da creare un'opposizione sicura

Trattamento della palla

• Se la palla è molto veloce:

Si cerca di colpirla il più in basso possibile

o Può essere necessario ammortizzare invece che spingere la palla "cedere-

o

assorbire" con gambe e piano di rimbalzo

• Se la palla è corta (dentro la zona di attacco)

Si corre sotto la palla tenendo le braccia ferme e orizzontali = bagher

o

parallelo al suolo

• Se la palla arriva addosso

Si cerca di correre indietro tenendo le braccia tese, ferme, distanti dal corpo

o Si può saltare indietro in corsa per portare le braccia all'altezza della palla

o È possibile girarsi di fianco e usare il bagher laterale (tecnica oggi più usata)

o

15 maggio

giovedì 15 maggio 2014

11:32

RINCORSA D'ATTACCO

Per l'atleta destrimano

La rincorsa inizia con un passo in avanti del piede sinistro di ampiezza ridotta (passo corto),

seguito da un passo lungo e velocissimo del piede destro che si conclude con l'arrivo a terra in

rapida successione del piede destro e sinistro, con il destro più avanti del sinistro.

Per l'atleta mancino

La rincorsa inizia con un passo in avanti del piede destro di ampiezza ridotta (passo corto), seguito

da un passo lungo e velocissimo del piede sinistro che si conclude con l'arrivo a terra in rapida

successione del piede sinistro e destro, con il sinistro più avanti del destro.

Al termine della rincorsa

La posizione più avanzata del piede opposto del braccio colpitore (di 20-25 cm). È utile per

ottenere un arresto più equilibrato, una posizione di apertura del corpo rispetto alla palla in arrivo

e favorire l'azione del busto-bacino-spalla per il colpo sulla palla.

Direzione

È obliqua rispetto alla rete. Cambia in funzione della zona di attacco. Dominanza manuale. È bene

abituare l'atleta a qualsiasi direzione di rincorsa, in qualsiasi zona, indipendentemente dalla forma

dello stacco. Sviluppo della motricità d'attacco.

Stacco

È il movimento in cui l'accelerazione prodotta dalla rincorsa viene verticalizzata e trasformata in

capacità di salto

Può essere a uno o due piedi. Il più frequente è quello a due piedi con azione di rullata. l'azione di

rullata dei due piedi può essere successiva o contemporanea.

l'"arresto" della rincorsa

Avviene grazie ad un anticipo dell'appoggio a terra dei talloni, all'abbassamento e arretramento del

baricentro che viene poi proiettato verso l'alto dall'azione degli arti inferiori che si conclude con la

rullata dei piedi ed è accompagnata dallo slancio delle braccia da dietro verso l'avanti alto.

21 maggio

mercoledì 21 maggio 2014

13:43

ATTERRAGGIO INFORTUNIO

Dovrebbe essere fatto in modo da non causare traumi alle articolazioni degli arti inferiori.

Deve avvenire dove___

FASE DI VOLO

È la risultate dello stacco

Durante il volo tutto il corpo è sciolto.

Le braccia e le gambe preparano il corpo a sferrare il colpo appena ci si è staccati dal suolo le

gambe si flettono naturalmente sulle cosce

Le braccia continuano la loro corsa verso l'alto fino all'altezza del capo.

Poi il braccio colpitore viene flesso in modo tale che il gomito si trovi ad una altezza pari o

superiore a quella della spalla.

l'altro braccio invece continua a salire verso l'alto quasi a indicare la palla.

Contemporaneamente il busto si estende e ruota verso l'arto colpitore, determinando un'apertura

delle anche e della spalla dell'arto colpitore.

COLPO

Durante il contatto con la palla:

1. Il busto, le gambe si distengono verso l'alto per cercare di andare a colpire la palla il

più in alto possibile

2. Il contatto avviene con la mano

3. Il braccio colpitore è completamente esteso

4. Poi tutto il corpo si flette in avanti nel portare il proprio peso contro la palla

Dopo l'uscita della palla

1. Il braccio colpitore termina davanti all'addome, l'altro, che aveva bilanciato il

movimento scendono in basso, si flette davanti o di fianco al corpo a seconda del tipo di

colpo effettuato.

ATTERRAGGIO INFORTUNEO

Dovrebbe essere fatto in modo da non causare traumi alle articolazioni e agli arti inferiori

Deve avvenire dove si è eseguito lo stacco o 20-30 cm più avanti

Mai nel campo avversario (fallo di invasione)

Ideale a piedi contemporanei o ad appoggi successivi molto ravvicinati nel tempo

Deve avvenire in situazione di equilibrio, mai su una gamba sola e l'altra gamba in completa

abduzione

Con "lavoro" di ammortizzazione degli arti inferiori per salvaguardare il rachide e le ginocchia

ATTACCO

Da un punto di vista mentale:

Tutte le azioni che dirigono la palla verso il campo avversario.

Da un punto di vista delle regole di gioco:

Tutte le azioni che dirigono la palla verso il campo avversario ad eccezione della battuta

IL MURO

È la parete formata dalle braccia e dal corpo di uno o più giocatori avanti al di sopra della rete e

oltre essa al fine di arrestare l'attacco avversario

La battuta non è un attacco e non si può murare

Da un punto di vista mentale

È un fondamentale di difesa e attacco nello stesso istante. Richiede un'elevata capacità di

osservazione del gioco avversario

Da un punto di vista motorio

Porta difficoltà delle scelte spazio-temporali

Da un punto di vista delle regole di gioco

È l'azione dei giocatori vicino alla rete per intercettare la palla proveniente dal campo avversario

superando il bordo superiore della rete

Soltanto ai giocatori avanti è permesso di effettuare un muro effettivo, ma al momento del contatto

con la palla, parte del corpo deve trovarsi al di sopra del bordo superiore della rete

Un muro è effettivo quando la palla è toccata sa un giocatore partecipante al muro

Un muro collettivo è eseguito da due o tre giocatori vicini tra loro e diviene effettivo quando uno di

loro tocca la palla

TATTICA INDIVIDUALE = capacità di utilizzare il tipo e il tempo di muro più adeguato a mettere in

difficoltà l'attacco avversario tra quelli presenti nel proprio bagaglio tecnico.

Tecniche di muro

• Individuale (a uno)

• Collettivo (a due o a tre)

• Dal posto

• Con spostamento (salto con rincorsa laterale)

• Attivo (piano di rimbalzo invadente)

• Passivo (piano di rimbalzo inclinato. Si usa con avversari alti)

• In lettura

TECNICHE COMUNI DELLE TECNICHE DI MURO

Rapporto palla corpo "impatto" il più avanti possibile rispetto al corpo e con le mani

Posizione di attesa

• l'atleta di pone frontalmente alla rete ad una distanza pari alla lunghezza delle due

avanbraccia

• I piedi sono paralleli e larghi quanto le spalle

• l'appoggio è simmetrico

• Tutta la pianta del piede tocca il terreno, ma il peso del corpo grava maggiormente sulla

parte anteriore del piede

• Le gambe sono leggermente piegate e pronte per saltare o spostarsi

Prima di prendere contatto con la palla

1. l'atleta deve aver completato lo spostamento ed essersi posto nella migliore

posizione possibile per indirizzare la palla verso il campo avversario o per alzarla/smorzarla

verso il proprio

2. Piazzamento tale che l'eventuale ricerca della palla venga effettuata verso l'avanti

3. Le mano sono pre-tese, aperte con le dita divaricate e i pollici e gli indici che

formano un triangolo

Spostamento o rincorsa laterale

È l'azione con cui si cerca di porre il corpo nella migliore posizione possibile per indirizzare la palla

verso il campo avversario o per alzarla/smorzarla verso il proprio.

Il busto in genere viene mantenuto parallelo rispetto alla rete

È bene abituare l'atleta a qualsiasi tecnica di spostamento

Tecniche di spostamento:

• Passo accostato

• Passo incrociato

• Corsa


PAGINE

14

PESO

44.71 KB

AUTORE

Assolo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Pallavolo
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze motorie (Facoltà di Medicina e Chirurgia e di Scienze della Formazione) (GEMONA DEL FRIULI)
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Assolo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pallavolo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof Savonitto Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze motorie (facoltà di medicina e chirurgia e di scienze della formazione) (gemona del friuli)

Appunti Pedagogia
Appunto
Appunti Salti e Lanci
Appunto
Fondo - preparazione nel fondo/ corsa
Appunto
Teoria, tecnica e didattica di base del calcio - Validitiy of Heart Rate Soccer Calcio
Appunto