Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

16/10/17

Regolamenti parlamentari

Sono fonte sovrana del parlamento.

I regolamenti parlamentari anche se hanno forza di legge non possono essere utilizzati dalla corte per

dichiarare l’incostituzionalità di una legge, se una legge viene fatta senza rispettare regolamenti questo non

viene rilevato come vizio procedurale dalla corte costituzionale.

Es. Se una legge viene approvata solo da un ramo del parlamento, può essere dichiara l’incostituzionalità

perché viola la costituzione, se il parametro è la costituzione la corte può e deve pronunciarsi.

Questione di fiducia: Il governo manda un disegno di legge, se il parlamento lo respinge, cade il governo.

Art.64 strutturale:

Per deliberare il quorum 50%+1 (630:2) +1 = 316

deliberativo:

Per deliberare il quorum 50%+1 (316:2) +1 = 158

I regolamenti parlamentari per essere approvati richiedono una maggioranza superiore a quella per le leggi

normali. Organizzazione interna delle Camere

Gli organi sono composti da uffici presidenza,

- L’organo più importante è quello della chiamato al Senato “Consiglio di presidenza”,

composto da 4 vicepresidenti, 8 segretari e 3 questori.

- presidenti

I dovrebbero essere super partes, ovvero collocarsi in una posizione di imparzialità. Hanno la

funzione di stabilire l’agenda parlamentare.

- gruppi parlamentari:

I all’interno del Parlamento si formano i gruppi parlamentari che sono la proiezione

in aula parlamentare dei partiti politici (es. gruppo PD, gruppo FORZA ITALIA), poiché la loro funzione si

svolge al di fuori del Parlamento. Ci sono anche parlamentari che non si iscrivono a un gruppo e quindi

vengono raccolti automaticamente nel gruppo misto (per chi non vuole essere definito) se dopo 5 giorni

dall’elezione non si identificano in un gruppo. Per creare un gruppo occorre avere 20 membri nel

parlamento e 10 al senato.

- Le commissioni parlamentari: sono organi interni delle Camere che vengono composte in modo da

rispecchiare la proporzione dei vari gruppi parlamentari. (commissione agricoltura, affari costituzionali

ecc). Possono essere permanenti e temporanee.

Permanenti: lavorano per confezionare le leggi, ogni materia ha una commissione.

Temporanee: affrontano una materia che poi viene sciolta una volta risolta.

Le commissioni di inchiesta sono commissioni parlamentari di tipo temporaneo e sono previste dall’art.

82 per disporre di inchieste su materie di pubblico interesse.

Lavorare in sede redigente o deliberante

Redigente: ovvero che approva il testo articolo per articolo, successivamente lo manda in aula e l’aula

deve di nuovo approvarlo.

Deliberante: la commissione non solo approva il testo articolo per articolo ma lo delibera lei stessa non si

passa più dall’aula e si velocizzano i tempi. Dall’art.72

- Le giunte: a differenza delle commissioni che sono indicate dai gruppi parlamentari le giunte sono

nominate direttamente dai presidenti di Camera e Senato (es. giunta delle elezioni, giunta per le

autorizzazioni a procedere)

- Le Camere durano 5 anni, vengono sciolte anticipatamente in casi eccezionali come per la mozione di

sfiducia o in caso di dimissione del Presidente del Consiglio e il Presidente della Repubblica non trova

qualcun altro con la maggioranza, e infine quando si pone la questione di fiducia (accettare il disegno di

legge o rassegnare le dimissioni). Dopo i 5 anni decadono tutti i progetti di legge tranne quelli di iniziativa

popolare. organo continuo

Quando cessano le camere si dice che il governo è un perché il suo lavoro non cessa

mai.

Prorogatio (art.60 e 61): principio di continuità di funzionamento, ovvero non c’è mai un momento in cui non

c’è il Parlamento. 16/10/17

Funzioni del Parlamento

- Inter legis: l’art. 70 attribuisce al parlamento la funzione legislativa.

1. FASE DELL’INIZIATIVA (art.71)

Chi può proporre un disegno di legge (a chi può essere attribuita l’iniziativa legislativa):

a) Governo

b) Ciascun parlamentare e altri si possono si accodare e quindi essere presentato da più membri (iniziativa

parlamentare).

c) Corpo elettorale (50.000 elettori) si tratta insieme al referendum e alla petizione di strumenti di

democrazia diretta

d) CNEL: organo di accordo tra chi produce e chi ci governa, in realtà è un organo che non funziona molto

bene. Le leggi di iniziativa del Cnel sono pochissime.

e) Regioni: il consiglio regionale

Il progetto di legge si può depositare o nella camera o nel senato.

2. FASE ISTRUTTORIA

Alla presentazione del progetto di legge ad una delle Camere consegue la sua assegnazione ad una o più

commissioni competenti.

Ha due funzioni:

- individuare la commissione competente per materia

- decidere in quale sede la commissione discuterà il progetto (referente, legislativa o redigente e secondo

modalità d’urgenza).

3. FASE DELIBERATIVA

Fase in cui il progetto di legge viene deliberato, va discusso articolo per articolo e poi nella sua versione

finale va approvato, con proposte di modifica nel caso (emendamenti del testo). Il progetto di legge deve

essere approvato da entrambe le camere nello stesso identico testo altrimenti si deve ricominciare tutto

daccapo.

Tecniche antiostruzionismo:

vengono utilizzate in Parlamento per eliminare certe forme di ostruzionismo al passaggio dei testi (e

velocizzare i lavori):

- Ghigliottina: richiesta da chi vuole portare avanti il testo di fissare tempi certi e la data entro cui votare

- Tagliola: si stabiliscono certe tempistiche per la discussione del testo da parte dei parlamentari

- Canguro: si presentano molti emendamenti, rallentando i lavori in aula. Attraverso questa tecnica si cerca

di tenere conto di tutte le modifiche del testo, nel caso in cui si riesca il Presidente (di camera e senato)

può annullare gli emendamenti meno significativi e riassumere tutti in un unico emendamento. Il

problema di questa tecnica è che molto soggettivo stabilire l’emendamento che li raggruppa tutti.

- Maxiemandamento: emendamento che raggruppa tutti gli emendamenti presentati, spesso viene

presentato insieme alla questione di fiducia. 16/10/17

4. FASE INTEGRATIVA DELL’EFFICACIA

Fase che segue l’approvazione in aula. La legge deve essere trasmessa al Presidente della Repubblica, egli

può rinviarla alle camere per una sola volta, altrimenti alla seconda volta passa lo stesso. La maggior parte

delle volte il Presidente della Repubblica promulga la legge.

Una legge è conoscibile nel momento in cui viene pubblicata in Gazzetta Ufficiale.

La legge entra in vigore a partire dal quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione (vacatio legis). In

alcuni casi speciali si prevede che la legge sia efficace il giorno successivo alla pubblicazione.

- Funzione di controllo nei confronti del Governo

a) per controllo: le Camere esercitano sul governo l’azione di accertamento e verifica dell’operato del

Governo

b) per leggi di indirizzo politico

Riserva di legge: prevede che la disciplina di una determinata materia sia regolata soltanto dalla legge

funzione di garanzia

primaria e non da fonti di tipo secondario. Ha una in quanto vuole assicurare che in

materie particolarmente delicate, come nel caso dei diritti fondamentali del cittadino, le decisioni vengano

prese dall’organo più rappresentativo del potere sovrano, ovvero del Parlamento.

Riserva di giurisdizione: è un principio giuridico che prevede che per la disciplina di particolari materie,

soprattutto per decisioni che attengono alla restrizione della libertà dell’uomo, possa intervenire solo ed

esclusivamente l’autorità giudiziaria e non, che dovrà invece agire solo dopo il mandato del giudice

ARTICOLI COSTITUZIONE:

PARTE II Camere nei soli casi stabiliti dalla seicentodiciotto e distribuendo i

Costituzione. seggi in proporzione alla popola-

zione di ogni circoscrizione, sulla

ORDINAMENTO DELLA base dei quozienti interi e dei più

REPUBBLICA ART. 56. alti resti.

TITOLO I La Camera dei deputati è eletta a ART. 57.

suffragio universale e diretto.

Il numero dei deputati è di

IL PARLAMENTO seicentotrenta, dodici dei quali Il Senato della Repubblica è eletto

eletti nella circo- scrizione Estero. a base regionale, salvi i seggi

SEZIONE I. Sono eleggibili a deputati tutti gli assegnati alla circoscrizione Estero.

elettori che nel giorno delle elezioni Il numero dei senatori elettivi è di

Le Camere. hanno compiuto i venticinque anni trecentoquindici, sei dei quali eletti

di età. nella circoscrizione Estero.

ART. 55. La ripartizione dei seggi tra le Nessuna Regione può avere un

circoscrizioni, fatto salvo il numero numero di senatori inferiore a sette;

Il Parlamento si compone della dei seggi as- segnati alla il Molise ne ha due, la Valle d’Aosta

Camera dei deputati e del Senato circoscrizione Estero, si effettua uno. La ripartizione dei seggi tra le

della Repubblica. dividendo il numero degli abitanti Regioni, fatto salvo il numero dei

Il Parlamento si riunisce in seduta della Repubblica, quale risulta seggi assegnati alla circoscrizione

comune dei membri delle due dall’ultimo censimento generale Estero, previa applicazione delle

della popola- zione, per disposizioni del precedente

16/10/17

ART. 63.

comma, si effettua in proporzione Senza autorizzazione della Camera

alla popolazione delle Regioni, alla quale appartiene, nessun

quale risulta dall’ultimo censimento membro del Parlamento può essere

Ciascuna Camera elegge fra i suoi

generale, sulla base dei quozienti sottoposto a perquisizione perso-

componenti il Presidente e l’Ufficio

interi e dei più alti resti. nale o domiciliare, né può essere

di presidenza. arrestato o altrimenti privato della li-

Quando il Parlamento si riunisce in bertà personale, o mantenuto in

ART. 58. seduta comune, il Presidente e detenzione, salvo che in

l’Ufficio di presidenza sono quelli esecuzione di una sentenza

della Camera dei deputati.

I senatori sono eletti a suffragio irrevocabile di condanna, ovvero se

universale e diretto dagli elettori sia colto nell’atto di commettere un

ART. 64.

che hanno superato il delitto per il quale è previsto

venticinquesimo anno di età. l’arresto obbligatorio in flagranza.

Sono eleggibili a senatori gli elettori Ciascuna Camera adotta il proprio Analoga autorizzazione è richiesta

che hanno compiuto il regolamento a maggioranza per sottoporre i membri del

quarantesimo anno. assoluta dei suoi componenti. Parlamento ad intercettazioni, in

Le sedute sono pubbliche; tuttavia qualsiasi forma, di conversazioni o

ART. 59. ciascuna delle due Camere e il comunicazioni e a sequestro di

Parlamento a Camere riunite corrispondenza.

possono deliberare di adunarsi in

È senatore di diritto e a vita, salvo seduta segreta. Le deliberazioni di

rinunzia, chi è stato Presidente ART. 69.

ciascuna Camera e del Parlamento

della Repubblica. I membri del Parlamento ricevono

non sono valide se non è presente

Il Presidente della Repubblica può una indennità stabilita dalla legge.

la maggioranza dei loro

nominare senatori a vita cinque componenti, e se non sono adot-

cittadini che hanno illustrato la SEZIONE II.

tate a maggioranza dei presenti,

Patria per altissimi meriti nel campo salvo che la Costituzione prescriva

sociale, scienti- fico, artistico e La formazione delle leggi.

una maggioranza speciale. I

letterario. membri del Governo, anche se non

fanno parte delle Camere, hanno ART. 70.

ART. 60. diritto, e se richiesti obbligo, di La funzione legislativa è esercitata

assistere alle sedute. Devono collettivamente dalle due Camere.

La Camera dei deputati e il Senato essere sentiti ogni volta che lo

della Repubblica sono eletti per richiedono. ART. 71.

cinque anni.La durata di ciascuna

Camera non può essere prorogata ART. 65.

se non per legge e soltanto in caso L’iniziativa delle leggi appartiene al

di guerra. Governo, a ciascun membro delle

La legge determina i casi di Camere ed agli organi ed enti ai

ineleggibilità e di incompatibilità quali sia conferita da legge

ART. 61. con l’ufficio di deputato o di costituzionale.

senatore. Il popolo esercita l’iniziativa delle

Le elezioni delle nuove Camere Nessuno può appartenere leggi, mediante la proposta, da

hanno luogo entro settanta giorni contemporaneamente alle due parte di almeno cinquantamila

dalla fine delle precedenti. La prima Camere. elettori, di un progetto redatto in

riunione ha luogo non oltre il articoli.

ventesimo giorno dalle elezioni. ART. 66.

Finché non siano riunite le nuove ART. 72.

Camere sono prorogati i poteri delle Ciascuna Camera giudica dei titoli

pre- cedenti. di ammissione dei suoi componenti Ogni disegno di legge, presentato

e delle cause sopraggiunte di ad una Camera è, secondo le

ART. 62. ineleggibilità e di incompatibilità. norme del suo regolamento,

esaminato da una commissione e

Le Camere si riuniscono di diritto il poi dalla Camera stessa, che

ART. 67.

primo giorno non festivo di febbraio l’approva articolo per articolo e con

e di ottobre. Ciascuna Camera può votazione finale.

Ogni membro del Parlamento

essere convocata in via Il regolamento stabilisce

rappresenta la Nazione ed esercita

straordinaria per iniziativa del suo procedimenti abbreviati per i

le sue funzioni senza vincolo di

Presidente o del Presidente della disegni di legge dei quali è

mandato.

Repubblica o di un terzo dei suoi dichiarata l’urgenza. Può altresì

componenti. stabilire in quali casi e forme

ART. 68.

Quando si riunisce in via l’esame e l’approvazione dei di-

straordinaria una Camera, è segni di legge sono deferiti a

convocata di diritto anche l’altra. I membri del Parlamento non commissioni, anche permanenti,

possono essere chiamati a composte in modo da rispecchiare

rispondere delle opinioni espresse e la proporzione dei gruppi

dei voti dati nell’esercizio delle loro parlamentari. Anche in tali casi, fino

funzioni. 16/10/17

ART. 80.

al momento della sua approvazione Hanno diritto di partecipare al

referendum

definitiva, il disegno di legge è tutti i cittadini chiamati

rimesso alla Camera, se il Governo ad eleg- gere la Camera dei Le Camere autorizzano con legge la

o un decimo dei componenti della deputati. ratifica dei trattati internazionali che

referendum

Camera o un quinto della La proposta soggetta a sono di natura politica, o

commissione richiedono che sia è approvata se ha partecipato alla prevedono arbitrati o regolamenti

discusso e vo- tato dalla Camera vo- tazione la maggioranza degli giudiziari, o importano variazioni del

stessa oppure che sia sottoposto aventi diritto, e se è raggiunta la territorio od oneri alle finanze o

alla sua approvazione finale con maggioranza dei voti validamente modificazioni di leggi.

sole dichiarazioni di voto. Il espressi. La legge determina le

regolamento determina le forme di modalità di attuazione del ART. 81.

referendum.

pubblicità dei lavori delle

commissioni. La procedura normale Lo Stato assicura l’equilibrio tra le

di esame e di approvazione diretta ART. 76. entrate e le spese del proprio

da parte della Camera è sempre bilancio, tenendo conto delle fasi

adottata per i disegni di legge in L’esercizio della funzione legislativa avverse e delle fasi favorevoli del

materia costi- tuzionale ed non può essere delegato al ciclo econo- mico.

elettorale e per quelli di delegazione Governo se non con Il ricorso all’indebitamento è

legislativa, di auto- rizzazione a determinazione di principî e criteri consentito solo al fine di

ratificare trattati internazionali, di direttivi e soltanto per tempo considerare gli ef- fetti del ciclo

approvazione di bilanci e limitato e per oggetti definiti. economico e, previa autorizzazione

consuntivi. delle Camere adottata a

ART. 77. maggioranza assoluta dei rispettivi

ART. 73. componenti, al verificarsi di eventi

eccezionali. Ogni legge che importi

Il Governo non può, senza

Le leggi sono promulgate dal nuovi o maggiori oneri provvede ai

delegazione delle Camere, emanare

Presidente della Repubblica entro mezzi per farvi fronte.

decreti che abbiano valore di legge

un mese dall’approvazione. Le Camere ogni anno approvano

ordinaria.

Se le Camere, ciascuna a con legge il bilancio e il rendiconto

Quando, in casi straordinari di

maggioranza assoluta dei propri con- suntivo presentati dal

necessità e d’urgenza, il Governo

componenti, ne dichiarano Governo. L’esercizio provvisorio del

adotta, sotto la sua responsabilità,

l’urgenza, la legge è promulgata nel bilancio non può essere concesso

provvedimenti provvisori con forza

termine da essa stabilito. Le leggi se non per legge e per periodi non

di legge, deve il giorno stesso

sono pubblicate subito dopo la superiori complessivamente a

presentarli per la conversione alle

promulgazione ed entrano in vi- quattro mesi.

Camere che, anche se sciolte, sono

gore il quindicesimo giorno Il contenuto della legge di bilancio,

appositamente convocate e si

successivo alla loro pubblicazione, le norme fondamentali e i criteri

riuniscono entro cinque giorni. I

salvo che le leggi stesse volti ad assicurare l’equilibrio tra le

decreti perdono efficacia sin

stabiliscano un termine diverso. entrate e le spese dei bilanci e la

dall’inizio, se non sono convertiti in sostenibi- lità del debito del

legge entro sessanta giorni dalla

ART. 74. complesso delle pubbliche

loro pubblicazione. Le Camere amministrazioni sono stabi- liti con

possono tut- tavia regolare con legge approvata a maggioranza

Il Presidente della Repubblica, legge i rapporti giuridici sorti sulla assoluta dei componenti di cia-

prima di promulgare la legge, può base dei decreti non convertiti. scuna Camera, nel rispetto dei

con mes- saggio motivato alle principi definiti con legge

Camere chiedere una nuova ART. 78. costituzionale.

deliberazione.

Se le Camere approvano Le Camere deliberano lo stato di ART. 82.

nuovamente la legge, questa deve guerra e conferiscono al Governo i

essere pro- mulgata. poteri necessari. Ciascuna Camera può disporre

ART. 75. inchieste su materie di pubblico

ART. 79. interesse.

A tale scopo nomina fra i propri

referendum

È indetto popolare per L’amnistia e l’indulto sono concessi componenti una commissione

deliberare l’abrogazione, totale o con legge deliberata a maggioranza formata in modo da rispecchiare la

par- ziale, di una legge o di un atto dei due terzi dei componenti di proporzione dei vari gruppi. La

avente valore di legge, quando lo ciascuna Camera, in ogni suo commissione d’in- chiesta procede

richiedono cinquecentomila elettori articolo e nella votazione finale. alle indagini e agli esami con gli

o cinque Consigli regionali. La legge che concede l’amnistia o stessi poteri e le stesse li- mitazioni

referendum

Non è ammesso il per l’indulto stabilisce il termine per la dell’autorità giudiziaria.

le leggi tributarie e di bilancio, di loro applicazione. In ogni caso

amni- stia e di indulto, di l’amnistia e l’indulto non possono

autorizzazione a ratificare trattati applicarsi ai reati commessi

internazionali. successivamente alla presentazione

del disegno di legge. 09/10/17

DIRITTO COSTITUZIONALE I LA COSTITUZIONE

L’Italia è una repubblica di tipo parlamentare.

Lo Statuto Albertino era facilmente modificabile mentre la Costituzione è rigida ed è redatta dall’Assemblea

costituente. I lavori della Costituzione si svolsero tra i 25 giugno 1946 e il 31 dicembre 1947.

Il 2 giugno 1946 si svolsero in Italia le prime elezioni a suffragio universale per tutti i cittadini aventi la

maggiore età, fissata ai 21 anni. Inoltre questa data è anche simbolo della festa della Repubblica, del

referendum istituzionale sulla scelta tra monarchia e repubblica e parallelamente si elesse anche un primo

parlamento dove furono eletti i deputati dell’assemblea costituente con formula proporzionale. I primi

deputati funzionarono come parlamento nel contempo all’interno dell’assemblea furono scelte figure molto

competenti per redigere la Costituzione. Dunque l’assemblea ha avuto due funzioni, una parlamentare e

un’altra costituente.

I decreti legislativi luogotenenziali sono fonti del diritto con cui si disciplina ciò che si dovesse fare in questo

periodo di passaggio.

La repubblica fu votata da 13 milioni di persone mentre la monarchia da 11 milioni.

Secondo i termini fissati i lavori della Costituzione sarebbero dovuti finire in un anno ma durarono un po’ di

più.

L’assemblea era composta da 556 persone.

75 furono i componenti che scrissero la carta costituzionale, chiamata “La commissione dei 75”.

Suddivisa in tre sottocommissioni:

- La prima presieduta da Umberto Tupini che si occupò di diritti e doveri dei cittadini,

- La seconda da Umberto Terracini sull’organizzazione costituzionale dello Stato,

- La terza da Gustavo Ghidini sui rapporti economici e sociali.

Fu inoltre individuato un comitato più ristretto, “Il comitato dei 18”, che fu chiamato per armonizzare il

lavoro delle tre sottocommissioni e scrivere la Costituzione in maniera facile e comprensibile. (Drafting

narrativo). La commissione dei 75 termina il 12 gennaio 1947, conclusa la bozza fu portata in assemblea e

riscritta dai 18. Il testo finale fu approvato il 22 dicembre ed entrò in vigore il 1 gennaio 1948. Ma la data

fissata dell’approvazione fu il 31 dicembre 1947.

CARATTERISTICHE DELLA COSTITUZIONE:

• RIGIDITA’ COSTITUZIONALE

- prevede una procedura aggravata per la sua modifica, non è possibile modificarla con il metodo usato

per le leggi, l’ultimo articolo (139) afferma che la forma repubblicana non è modificabile.

- è presente un organo costituzionale che controlli che le disposizioni vengano rispettate (organo di

controllo)

• VOTATA DAL POPOLO

La Costituzione non è stata concessa (come lo Statuto Albertino) ma nasce dal popolo. Il popolo a suffragio

universale ha votato un’assemblea che ha avuto il mandato di scrivere la Costituzione.

• LUNGA

Le Costituzioni attuali hanno un numero molto ampio di articoli 09/10/17

FONTI DEL DIRITTO: →

Rilievo costituzionale COSTITUZIONE popolo

Primo ordine LEGGE parlamento

Secondo ordine REGOLAMENTO governo

In linea di massima una fonte del diritto è tanto più importante quanto il numero di persone che la

compongono →

CRITERIO DI GERARCHIA norme in contrasto tra loro di rango diverso tra diverse fonti quali leggi,

regolamenti e Costituzione. Norma di rango superiore prevale su quella inferiore. Non può un regolamento

contrastare con una legge ed essa a sua volta con la Costituzione.

COSTITUZIONE FORMALE E MATERIALE

Formale: la Costituzione atto, ovvero scritta, formata da 139 articoli. Dopo l’art.139 ci sono le disposizioni

finali e transitorie. Gli articoli sono disposizioni normative.

Materiale: è la cultura sociale dominante, ad esempio stati quali l’Inghilterra non esiste un documento scritto,

anche se ha la costituzione, ha una serie di leggi costituzionali. Non è scritta e redatta in articoli ma

rispettata ugualmente. 10/10/17

DIRITTO COSTITUZIONALE I

NORME GIURIDICHE IN SENSO FORMALE

Frutto di un’interpretazione di una disposizione giuridica

Art. 9: norma di tipo programmatico

Art 13: norma di tipo precettivo

Ci sono articoli che sono di impegno politico e altri che hanno una portata precettiva.

CONTRASTO TRA NORME GIURIDICHE:

1. CRITERIO GERARCHICO

2. CRITERIO CRONOLOGICO

Con una legge precedente in contrasto con quella successiva, si applica la seconda norma successiva,

ovvero quella più recente è quella che va applicata.

ABROGAZIONE: sostituzione, modifica di una norma. La norma successiva sostituisce quella precedente.

Abrogazione tacita: sostituzione di una norma senza dichiararlo, è presente il rischio di utilizzare quelle

precedenti.

Abrogazione implicita: nel caso in cui non viene riformata una sola norma ma una materia intera che

riguarda essa.

Una norma invalida può essere applicata finché non viene portata dal giudice.

Una norma si dice efficace quando viene applicata

Una norma abrogata deve e può essere continuare ad essere applicata per tutte le situazioni sorte sotto la

sua vigilanza.

Es. In una norma del 1990 e un’altra del 2010, supponendo la stipulazione di un contratto nel 2008 verrà

applicata la prima norma, mentre in un contratto del 2017 si applicherà la seconda.

Ciò a meno che non ci sia una norma che presuppone l’applicazione della norma precedente. Si fa

riferimento alla norma retroattiva. La norma retroattiva non può intaccare rapporti ormai esauriti, diritti

acquisti e leggi penali.

3. CRITERIO DI SPECIALITA’

Ci sono certe discipline molto specifiche che vengono disciplinate da alcune norme apposite.

(Es. le norme riguardanti il commercio su internet non sono le stesse che riguardano il commercio generale)

Se si abroga la norma di carattere generale non va a intaccare la norma della materia specifica.

4. CRITERIO DI COMPETENZA (ricondotto sotto il criterio gerarchico)

Ci sono settori dove un determinato ente è competente e l’altro no.

Es. Una legge regionale che va contro la stato è una violazione della Costituzione

DEROGA: norma giuridica che modifica e abroga parzialmente le regole contenute in una norma

precedente. Una norma derogante conterrà una disciplina diversa da quella della norma derogata,

sostituendosi ad essa solo in casi speciali. La norma derogante disciplina una fattispecie più specifica,

mentre la norma derogata regolamenta tutta la materia in modo più generale.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

19

PESO

433.35 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza (GENOVA, IMPERIA)
SSD:
Docente: Trucco Lara
Università: Genova - Unige
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Isabella09 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Trucco Lara.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

Riassunto esame di Diritto costituzionale 2 II, prof. P. Costanzo e L. Trucco, libro consigliato Lineamenti di diritto costituzionale dell'Unione Europea, P. Costanzo
Appunto
Diritto costituzionale - domande esame
Appunto
Diritto costituzionale - principi della Costituzione - Appunti
Appunto
Riassunto esame diritto Costituzionale, prof Ceccherini, libri consigliati L'organizzazione costituzionale dello Stato, Rolla e L'organizzazione territoriale della repubblica e la giustizia costituzionale di Rolla
Appunto