Che materia stai cercando?

Appunti esame Sociologia del benessere, prof. Matteucci

Appunti delle lezioni del corso di Sociologia del benessere, tenuto dalla professoressa Ivana Matteucci all'Università degli studi di Urbino "Carlo Bo". (corso di laurea IMP). Appunti basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof.

Esame di Sociologia del benessere docente Prof. I. Matteucci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Marx ed Engels furono i primi critici della società capitalistica, che ne

denunciarono la mercificazione della vita, lo sfruttamento dell'uomo, ma anche,

da un punto di vista sanitario, la mercificazione dell'organizzazione sanitaria

ridotta a profitto, espropriando così i pazienti dalla propria salute e natura e

riducendo il personale a operatori del controllo sociale e diffusori dell'ideologia

dominante, riproducendo le disuguaglianze di classe in tema di prevenzione,

cura e guarigione.

Il costruttivismo è invece un filone di pensiero secondo cui l'osservatore crea la

realtà sulla base dell'osservazione, all'interno del proprio ambiente:

per Luhmann, il soggetto diventa un sistema autoreferenziale chiuso in sé

– stesso per fronteggiare la complessità dell'ambiente, in cui ogni sistema lotta

per raggiungere la propria autonomia e specificità.

Morin fonde invece scienze del vivente e sistema sociale, definendo l'uomo

– come un poli-sistema trinitario fatto di individuo, specie e società, il cui

equilibrio garantisce la salute.

Bateson assume invece un'ottica post-dualistica che vede alleati mente e

– natura, in vista della necessità di preservale da diversità individuale.

Storicamente, l'evoluzione del benessere ha conosciuto 3 fasi:

all'inizio del Novecento, la borghesia contrasta la nobiltà, che utilizza il

– consumo vistoso e lo spreco come armi di distinzione sociale;

tra gli anni '60 e '70, l'attore è lo Stato, che lotta contro la diseguaglianza e

– considera il benessere come un diritto di cittadinanza.

Dopo gli anni '80, a fare da protagonista è il mercato, con la concezione

– privata che prevale su quella pubblica. In epoca tardo-moderna il benessere

perde quindi la sua dimensione sottrattiva, ma acquista una tendenza

all'azione positiva.

Le 3 forze motivazionali che determinano il benessere individuale sono:

la ricerca di comfort, che riduce le tensioni soddisfacendo i bisogni

– omeostatici;

la ricerca di stimolo, che combatte la noia grazie a fattori esterni come novità

– e rischio;

la ricerca di piacere, proveniente dalla riduzione delle tensioni e dagli stimoli.

Le categorie analizzate dalla sociologia del benessere sociale sono:

Azione (agire individuale riferito e orientato in base al comportamento altrui,

– studiabile come comportamento quando è oggettivamente osservabile e ha

carattere di uniformità), relazione (agire di due individui che orientano

reciprocamente le loro azioni sviluppando qualità sistemiche ed

eventualmente legami), interazione (quando le persone agiscono reagendo

alle azioni degli altri in maniera diretta, ossia libera, o indiretta, cioè rigida).

Caratteristiche della relazione sono: reciprocità (con feedback e adattamento

reciproco), riferimento (all'altro), religo (legame), riflessività (ossia la

capacità di pensare insieme e rendere la mente inclusiva), effetti emergenti

(es.: imprevedibilità) e simbolici (es.: imitazione). I processi relazionali sono

invece: le azioni interattive, la comunicazione (intesa come unificazione delle

differenze e coordinamento), confronto somiglianza/differenza (percezione,

comparazione e attivazione per differenza), imitazione/differenziazione (fra

segni, comportamenti e immagini), emozione (intesa come attrazione e

distanziamento) e identità/diversità. Le relazioni sociali diadiche possono

essere: simmetriche (se l'interazione avviene per somiglianza, con rischi di

competitività e conflitto), complementari (se le differenze si richiedono

vicendevolmente, con rischi di dominazione e dipendenza) o reciproche (se vi

è una combinazione flessibile di simmetria e complementarietà reversibile,

con rischio di autoreferenza e circoli viziosi). Nelle relazioni triadiche

distinguiamo quelle in cui: un elemento beneficia del conflitto tra gli altri due,

un elemento funge da capro espiatorio (vittima esclusa), la relazione di tipo

“divide et impera” (che non permette alleanze), oppure caratterizzata da

mediazione fra gli opposti, o ancora reciprocità triadica (in cui è presente un

dinamismo sinergico) o un osservatore esterno (garante della neutralità). La

relazione multipla o gruppale può invece essere organizzativa o istituzionale,

comunitaria, reticolare, associativa o fondata sull'appartenenza simbolico-

culturale. La relazione possiede più dimensioni: una corporea (basata sulla

comunicazione), una interattiva o psico-sociale (fondata su sentimenti,

desideri, motivazioni e autoregolazione), una comunicativa (fondata su saluti,

rappresentazioni sociali, narrazioni e caratterizzazioni simboliche), una

regolativa (basata su legge, rapporti economici e regole morali-ideali). Ciò

che specifica una relazione è quindi la situazione (tempo, contenuto, risorse e

vincoli), il contesto (cornice, criteri, premesse, ecc., basate

sull'interpretazione degli attori). I processi di sviluppo e trasformazione della

relazione sono: l'evoluzione (ciclica e prevedibile dal contesto), il

cambiamento (che genera discontinuità), la metamorfosi (che genera una

nuova forma di relazione e contesto), l'integrazione (nel contesto) e la

dissoluzione (separazione, interruzione, crisi). Le relazioni possono essere: di

protezione (che genera come effetto integrativo la sicurezza), di aiuto

(sostegno), cura (benessere), comunicazione (appartenenza), conoscenza

(riconoscimento) e accettazione (che determina la fiducia). Al contrario,

l'aggressività produce insicurezza, il non aiuto insoddisfazione, l'incuria

malessere e sofferenza, la non comunicazione isolamento, l'ignoranza

diffidenza e il rifiuto sfiducia.

Gruppo (status e ruolo). Essi si dividono in: primari (di piccole dimensioni,

– con contenuti affettivi personalizzati), secondari (grandi e con ruoli specifici,

ma relazioni fredde) ed effimeri (basate su incontri occasionali e relazioni

superficiali temporanee). Le proprietà dei gruppi cambiano a seconda della

dimensione: mentre le diadi sono caratterizzate da fragilità strutturale, forte

personalizzazione e coinvolgimento affettivo, le triadi sono caratterizzate da

conflitto, alleanza e mediazione. I confini differenziano invece i gruppi formali

(con precise regole sui requisiti e gli obiettivi) da quelli informali (con

partecipazione saltuaria e spontanea), nonché i totalitari (in cui tutti i ruoli


PAGINE

6

PESO

137.15 KB

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Informazione, media e pubblicità
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher GiovannaUrb di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia del benessere e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Matteucci Ivana.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia del benessere

Riassunto esame Sociologia del benessere, prof. Matteucci, libro consigliato Comunicare la salute e promuovere il benessere, Matteucci
Appunto
Riassunto esame Sociologia del benessere, prof. Matteucci, libro consigliato Sociologia del benessere, Secondulfo
Appunto
Riassunto esame Sociologia dei mass media e linguaggi del brand, prof. Valli, libro consigliato Sociologia dei media,McQuail
Appunto
Riassunto esame Sociologia del benessere, prof. Matteucci, libro consigliato Comunicare la salute e promuovere il benessere, Matteucci
Appunto