Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

evoluzione:  in  primo  luogo,  trattandosi  di  un  fenomeno  di  breve  termine,  le  conseguenze  psicologiche  e  le  perdite  

economiche  dirette  che  ne  derivano,  sono  minime;  in  secondo  luogo,  la  ricerca  che  consente  a  un  individuo  di  

trovare  un  lavoro  che  meglio  corrisponde  alle  sue  caratteristiche,  è   sinonimo  di  un  livello  di  prodotto  marginale  più  

elevato  nel  lungo  periodo.  

   

(II)  Disoccupazione   strutturale*    

La  disoccupazione  a   lungo  termine   e  cronica  -­‐  generalmente   di  durata  superiore  a  sei  mesi  -­‐  presente   anche  quando  

l'economia  produce  un  tasso  normale.  

A  questo  fenomeno  concorrono  diversi  fattori:  

mancanza  di  competenze,  presenza  di  barriere  linguistiche  o  di  problemi  di  discriminazione  

•   mancata  corrispondenza  a  lungo  termine  tra  le  capacità  di  alcuni  lavoratori  e  i  posti  di  lavoro  disponibili  

•   causata  dai  mutamenti  economici  

**presenza  di  barriere  all'occupazione  determinate  da   caratteristiche  strutturali  del  mercato  del  lavoro:    

•   presenza  di   leggi  sui  minimi  salariali  o  di   contratti  collettivi  stipulati  dai  sindacati,  che  fissando  i  salari  al  

•   di  sopra  dei  livelli  di  equilibrio,  penalizzano  i  lavoratori  con  un  basso  livello  di  specializzazione  

esistenza  di   sistemi  di  assicurazione  contro  la  disoccupazione  che  consentono  a  chi  è  senza  lavoro  di  

•   prolungare  la  ricerca  di  un  impiego  o  portarla  avanti  con  minore  impegno  (es.   cassa  integrazione:  

possibilità  per  i  dipendenti  di  essere  licenziati  per  un  periodo  limitato  dall'impresa  che  necessità  di  far  

fronte  a  particolari  difficoltà  economiche  e  percepire  ugualmente  uno  stipendio  ridotto  pagato  dallo  

stato)  

norme  regolamentari  statali  che  impongono  costi  aggiuntivi  ai  datori  di  lavoro  o  

costi  non  salariali  

•  

Sindacati  

Organizzazioni  che,  per  conto  dei  lavoratori,  conducono  le  negoziazioni  con  i  datori  di  lavoro  su  questioni  quali  le  

retribuzioni,  le  regole  per  l'assunzione/licenziamento  dei  dipendenti,  le  mansioni…  Tutti  i  punti  sono  inseriti  nei  

contratti  collettivi  che  le  organizzazioni  sindacali  redigono  insieme  alle  aziende.  Il   potere  di  contrattazione  dei  

sindacati  è  legato  alla  loro  possibilità  di  ricorrere  allo   sciopero,  ovvero  all'estensione  del  lavoro  finché  non  viene  

raggiunto  un  accordo.  L'arma  dello  sciopero  fa  si  che  generalmente  il  sindacato  riesca  a  far  accettare  ai  datori  di  

lavoro   un  salario  superiore  a  quello  di  equilibrio  per  i  lavoratori.    

   

(III)  Disoccupazione   ciclica*  

La  disoccupazione  che   si  manifesta  durante  i  periodi  di  recessione,  ovvero  nelle  fasi  in  cui  il  livello  di  produzione  è  

insolitamente  basso  -­‐  fasi  di  flessione  della  domanda  di  beni  e  servizi  prodotti;   dal  momento  che  vengono  acquistati  

meno  beni  e  servizi,  i  produttori  iniziano  a  ridurre  la  loro  produzione  e  a  licenziare  i  lavoratori.  In  tale  eventualità,  gli  

aumenti  della  disoccupazione  ciclica  saranno  presumibilmente  di  breve  durata,  ma  solo  se  i   policy  maker  -­‐   i  

responsabili  della  politica  economica  -­‐  adotteranno  delle  misure  adeguate  per  far  aumentare  la  domanda  come  dei  

tagli  dei  tassi  d'interesse  e  la  riduzione  delle  imposte  sui  redditi;  se  non  si  ricorre  a  soluzioni  invece,  c'è  il  rischio  che  

questi  lavoratori  diventino  disoccupati  di  lungo  periodo.  

   

*La  disoccupazione  strutturale  e  quella  ciclica  impongono   gravi  costi  economici  ai  lavoratori  e  alla  società  nel  

complesso,  nonché   costi  psicologici  ai  lavoratori  e  alle  loro  famiglie.    

   

La  somma  dei  tre  tipi  di  disoccupazione  forma  il   tasso  di  disoccupazione  totale.  

In  pratica  tuttavia,  in  molti  casi  non  

è  possibile  delineare  distinzioni  nette  se  non  in  maniera  soggettiva  e  approssimativa.    

   

Imperfezioni  del  mercato  del  lavoro**  

Il  mercato  del  lavoro  è  imperfetto.  L'imperfezione  è  da  ricondurre  a:  

1.   Il  lavoro   non  è  un  bene  omogeneo  ( differenze  qualitative  orizzontali  e  verticali)  

Il  lavoro  è  infatti  fonte  di  rendita;  la  presenza  della  rendita  pone  il  soggetto  che  sta  nella  posizione  migliore  in  

una  situazione  analoga  a  una  situazione  di  monopolio  

   

2.   Ragioni  istituzionali  dell'imperfezioni  del  mercato  del  lavoro  

Il  mercato  del  lavoro  dei  mercati  occidentali  è  

caratterizzato  da  ampie  istituzioni  che  entrano  in  gioco  per  

modificare  gli  esiti  che  ci  si  attende  in  genere  dal  mercato,  ostacolando  il  normale  sviluppo  del  mercato  

stesso.  

a.   Leggi  sul  salario  minimo  

b.   Sindacati  dei  lavoratori  (e  degli  imprenditori):  contrattazione  in  monopolio  bilaterale    

c.   Sistemi  di  assicurazione  della  disoccupazione  (welfare  state)  

 

 

 

4  -­‐  Decisioni  di  risparmio  

La  ricchezza  (o  patrimonio  netto)  come  variabile  di  stock  

Valore  delle   attività   al  netto  delle   passività.  

La  ricchezza,  con  le  sue  componenti  attive  e  passive,  costituisce  uno   stock,  cioè  una  variabile  il  cui  valore  è  

definito  in  un  dato  momento.  

    Attività  reali    

•   Qualsiasi   bene  con  valore  economico  posseduto  da  un  soggetto.  

Si  distinguono  in:  

beni  immobili  (case,  terreni)  

•   gioielli  

•   beni  di  consumo  durevoli  

•  

Attività  finanziarie  

Sono  rappresentate  dalle   azioni   o  da   passività  di  altri  individui  nei  confronti  del  soggetto  che  si  

distinguono  in:  

titoli  a  vista  

•   Obbligazioni  

•      

Guadagno  (o  perdita)  in  conto  capitale  

Aumento  (o  la  diminuzione)  del  valore  delle  attività  esistenti  

    Passività  finanziarie  

•   Insieme  dei   debiti  di  un  soggetto  (mutui,  carte  di  credito,  etc…)  

   

Il   risparmio  come  variabile  di  flusso  

Differenza  tra  il  reddito  corrente  e  la  spesa  per  consumi  correnti.  

Il  risparmio  con  le  sue  determinanti  di  reddito  e  di  spesa  per  consumi,  costituiscono  un  flusso,  cioè  una  variabile  

che  è  definita  in  un  determinato  intervallo  temporale.  

   

Il  risparmio  consente  a  un  individuo  di  

separare  il  consumo  dal  reddito   ed  è  pertanto  il  risultato  di  una   scelta  

intertemporale.  

   

Motivazioni  delle  decisioni  di  risparmio:  

Sostituzione  intertemporale,   trasferimento  dei  consumi  nel  tempo*  

•   Risparmio   precauzionale:   risparmiare  per  premunirsi  contro  possibili  imprevisti  

•   Risparmio  per   lasciare  agli  eredi  una  ricchezza  

•  

   

Il  risparmio   mette  a  disposizione  i  fondi  necessari  per  effettuare  gli  investimenti  -­‐  fattore  essenziale  alla  base  

dell'aumento  della  produttività  media  del  lavoro.  

   

Il  ciclo  vitale  del  risparmio*    

La  curva  dei  bisogni,  rispetto  al  tempo,  è  più  uniforme  alla  curva  dei  redditi.  Ne  deriva  che  i  soggetti  risparmiano  

nella  fase  centrale  della  vita  e  consumano  più  del  reddito  corrente  nella  fase  iniziale  e  nella  fase  finale  della  vita.  

   

Impazienza  e  prezzo  di  riserva  nello  scambio  intertemporale  

Gli  individui  si  differenziano  perché  hanno  preferenze  intertemporali  differenti  in  fatto  di  risparmio  e  consumo  -­‐  

sono  più  o  meno  impazienti:    

I   soggetti  pazienti  accedono  a  scambi  intertemporali  con  un  prezzo  di  riserva  basso  -­‐  sono  disposti  a  

•   posticipare  a  domani  il  consumo  di  oggi  (sono  disposti  a  risparmiare)  anche  ricevendo  un  tasso  di  interesse  

piccolo;  ciò  implica  anche  che  sono  disposti  ad  anticipare  il  consumo  di  domani  a  oggi  (sono  disposti  a  

prendere  in  prestito)  solo  se  il  tasso  di  interesse  che  devono  pagare  è  piccolo  

I   soggetti  impazienti  accedono  a  scambi  intertemporali  con  un   prezzo  di  riserva  alto  -­‐  sono  disposti  a  

•   posticipare  a  domani  il  consumo  di  oggi  (sono  disposti  a  risparmiare)  solo  se  il    tasso  di  interesse  che  

ricevono  è  elevato;  ma  sono  disposti  ad  anticipare  a  oggi  il  consumo  di  domani  (sono  disposti  a  prendere  

in  prestito)  anche  pagando  un  tasso  di  interesse  elevato.  

   

Tasso  di  interesse  nominale  (

i)  e  tasso  di   interesse  reale  ( r)  

È  il   tasso  di  interesse  reale  (r)  -­‐   tasso  di  interesse  nominale  calcolato  al  netto  del  tasso  d'inflazione  π  -­‐  a  guidare  

le  scelte  intertemporali  di  risparmio  e  non  il  tasso  di  interesse  nominale.  

r  =  i  -­‐  π  

   

Offerta  di  risparmio  

Insieme  dei  soggetti  di  una  società  ordinati  in  modo  crescente  per  impazienza:  

soggetti  poco  impazienti/molto  pazienti  saranno  disposti  a  sostituire  consumo  corrente  con  consumo  

•   futuro  -­‐  ovvero  a  risparmiare  -­‐  anche  quando  il  tasso  di  interesse  reale  è  piccolo  

soggetti  via  via  più  impazienti/meno  pazienti  saranno  indotti  a  risparmiare  solo  per  valori  via  via  più  

•   elevati  del  tasso  di  interesse  reale  

   

Il  risparmio  aggregato:  una  prospettiva  macroeconomica  

Dalla  definizione  del  PIL  calcolato  con  il  metodo  della  spesa  Y  =  C  +  I  +  G  +  (E  -­‐  M)  

definiamo  il  risparmio  come  

reddito  al  netto  dei  consumi  privati  e  dei  consumi  pubblici:  

S  =  Y  -­‐  C  -­‐  G  

   

Aggiungendo  e  sottraendo  T,  le  tasse  al  netto  dei  Trasferimenti    

S  =  Y  -­‐  C  -­‐  G  +  T  -­‐  T  

è  possibile  distinguere  il  risparmio  privato  da  risparmio  pubblico:  

S  =  (Y  -­‐  T  -­‐  C)+  (T  -­‐  G)    

    Risparmio  privato  =  (Y  -­‐  T  -­‐  C);  dove  (Y  -­‐  T)  è  il   reddito  disponibile  

•   Risparmio  pubblico  =   (T  -­‐  G),  pari  all'avanzo  di  bilancio  dello  Stato  

•  

   

   

5  -­‐  Decisioni  di  investimenti  

Investimenti  

Acquisto  di  beni  capitale  da  inserire  nel  processo  produttivo  che  andrà  ad  incidere  sui  profitti  futuri.  La  

disponibilità  ad  acquistare  è  legata  alle  previsioni  dei  costi  di  utilizzo  e  dei  benefici  ricavati,  pari  al  valore  del  

prodotto  marginale  ottenibile.    

   

Valore  del   prodotto  marginale  del  capitale,  VMP  (beneficio  marginale  di  un  

investimento)  

Dal  lato  dei  benefici,  il  fattore  chiave  nelle  decisioni  di  investimento:  il  beneficio  marginale  che  ci  si  aspetta  da  un  

investimento  di  capitale.  Variabile  di  flusso  che  deve  essere  misurata  in  un  periodo  e  

calcolata  al  netto  sia  dei  costi  

operativi  e  di  manutenzione,  sia  sulle   imposte  applicate  sui  ricavi  attesi  generati  dal  capitale.  

   

Tasso  di  rendimento  di  un  investimento  

Rapporto  tra  il  valore  del  prodotto  marginale  del  capitale  (VMP)  e  il  prezzo  d'acquisto  Pk  -­‐  equivale  al   valore  del  

prodotto  marginale  espresso  come  percentuale  sul  prezzo  d'acquisto.  

   

Un  investimento  è  profittevole  finché  il  tasso  di  rendimento  VMP/Pk    supera  il  tasso  di  interesse  reale  r:   VMP/Pk  >  

r.   In  caso  contrario  è  razionale  destinare  il  risparmio  all'acquisto  di  attività  finanziarie  al  quale  verrà  applicato  il  

tasso  di  interesse  reale.  

   

Costo  opportunità  di  un  investimento  

Il  costo  opportunità  di  un  investimento  in  beni  capitali  è  individuato  da  

1.   prezzo    dei  beni  capitali    

2.   tasso  di  interesse  reale:  

a.   Quando  un'impresa  deve  contrarre  un  prestito  per  acquistare  un  bene  capitale,  il  tasso  di  interesse  reale  

determina  il  costo  reale  che  l'impresa  deve  sostenere  per  il  rimborso  del  debito.  

b.   Anche  se  un'impresa  non  ha  la  necessità  di  ricorrere  a  un  prestito  per  l'acquisto  di  un  nuovo  capitale  

(per  esempio  perché  ha  già  accantonato  i  fondi  necessari),  il  tasso  di  interesse  reale  rimane  un  elemento  

significativo  da  cui  dipende  l'appetibilità  di  un  investimento:  se  un'impresa  non  impiega  i  profitti  

realizzati  per  dotarsi  di  nuovo  capitale,  con  buona  probabilità  li  destinerà  all'acquisto  di  attività  

finanziarie  su  cui  verrà  applicato  il  tasso  di  interesse  reale.  Se  invece  l'impresa  decide  di  utilizzare  i  

profitti  per  acquistare  beni  capitali  anziché  titoli,  rinuncia  all'opportunità  di  percepire  il  tasso  di  interesse  

reale  sui  propri  fondi.  

   

Interessi  da  pagare  a  un  banca  per  ottenere  il  finanziamento  necessario  o  -­‐  se  si  dispone  di  risorse  finanziarie   tasso  

di  rendimento  offerto  da  altri  tipi  di  investimento  finanziario  (un  attività  finanziaria  investita  al  tasso  di  interesse  

reale  r  rende  r•Pk).  

   

Domanda  di  risorse  finanziare  per  gli  investimenti  e  offerta  di  risparmio  

Considerando  l'intera  società  e  ordinando  tutti  i  progetti  di  investimento  in  ordine  decrescente  del  loro  rispettivo  

tasso  di  rendimento,  il  valore  complessivo  degli  investimenti  intrapresi  sarà  tanto  più  grande  quanto  più  basso  è  il  

tasso  di  interesse  reale:  relazione  inversa  (o  decrescente)  tra  investimenti  e  tasso  di  interesse  reale.    

   

Combinando  il  grafico  rappresentativo  di  questa  relazione  inversa  con  il  grafico  relativo  all'offerta  di  risparmio  è  

possibile  fornire  una  rappresentazione  grafica  della  domanda  e  dell'offerta  di  risparmio  dal  punto  di  vista  

macroeconomico  (o  mercato  dei  capitali).  

   

Il  sistema  finanziario  

Incontro  tra  offerta  di  risparmio  e  domanda  di  -­‐  risorse  finanziarie  per  -­‐  investimenti.  

   

Permette  una   migliore  allocazione  dei  risparmi  rispetto  a  quelle  prese  da  una  burocrazia  centralizzata  

concentrandosi  esclusivamente  su  considerazioni  di  carattere  economico.    

Il  mercato  finanziario  svolge   due  funzioni:  

1.   *Funzione  informativa:  consiste  nel  raccogliere  e  diffondere  le  informazioni    rilevanti  sui  potenziali  destinatari  

delle  risorse  finanziarie.  In  tal  modo  i  mercati  finanziari  aiutano  i  risparmiatori  a  convogliare  i  propri  risparmi  

verso  gli  impieghi  più  remunerativi  e/o  meno  rischiosi.  

2.   **Funzione  assicurativa:   aiuta  il  risparmiatore  a   condividere  i  rischi  dei  progetti  di  investimento  individuale  

   

I  tre  canali  di  finanziamento  intorno  ai  quali  ruota  il  sistema  finanziario:  

Azioni  

•   Un'azione  rappresenta  il  diritto  a  una  quota  di  compartecipazione  al  capitale  sociale  di  un'impresa.  Il  

possessore  di  un'azione  è  remunerato  in  due  modi:  

1.   con  il  pagamento  di  un   dividendo   a  scadenze  regolari,  ovvero  una  parte  degli   utili  distribuiti  dalla  società  

in  proporzione  alle  quote  di  partecipazione  al  capitale  sociale.  L'ammontare  del  dividendo  viene  stabilito  

dal  consiglio  di  amministrazione  e    generalmente  dipende  dai  profitti  ottenuti  di  recente  dall'impresa  

2.   attraverso  un   guadagno  in  conto  capitale:   gli   utili  non  distribuiti  della  società  sono  investiti  in  nuovo  

capitale  e  il  valore  di  ogni  singola  azione  aumenta,  registrando  le  attese  di  utili  più  elevati  in  futuro  

grazie  al  nuovo  investimento  

I  prezzi  dei  titoli  azionari  vengono  determinati  dalle  transazioni  che  si  svolgono  in  Borsa:  il  prezzo  di  un'azione  

varia  al  variare  della  sua  domanda,  che  a  sua  volta  dipende  da  fattori  quali  le  notizie  relative  alle  prospettive  

future  della  società  emittente.  

   

Obbligazioni  

•   Un'obbligazione  rappresenta  una  promessa  avente  valore  legale   di  rimborsare  in  una  data  futura  la  somma  di  

denaro  ottenuta  in  prestito  (somma  capitale),  con  il  contemporaneo  

impegno  a  pagare  periodicamente  un  

interesse  -­‐  o  tasso  della  cedola,  che  rappresenta  la  remunerazione  del  possessore  dell'obbligazione:  dipende  

da  una  serie  di  fattori  tra  cui  la  durata,  il  rischio  di  credito  e  il  trattamento  fiscale  del  titolo.  

   

Credito  bancario  

•   Una  banca  accetta  depositi  dai  risparmiatori  e,  con  le  risorse  bancarie  così  raccolte,  concede  prestiti  agli  

investitori,  che  pagheranno  alla  banca  un  interesse.  In  questo  senso  la  banca  assume  il  ruolo  di  intermediario  

finanziario.  

   

*Il  problema  delle  informazioni  sul  debitore:  mercati  e  

intermediari  finanziari  

Gli  intermediari  finanziari  sono  imprese  che,  attingendo  ai  fondi  depositati  dai  risparmiatori,  concedono  credito  a  chi  

ne  fa  richiesta.  Perché  i  singoli  risparmiatori  non  prestano  direttamente  i  propri  fondi  ai  soggetti  che  intendono  

investirli  in  nuovi  fondi  capitali?    

1.   Attraverso  la  specializzazione,  gli  istituti  di  credito  sviluppano  un   vantaggio  comparato  nella  funzione  di  

raccolta  informazioni,  ovvero  nella  valutazione  della  qualità  dei  prenditori  di  prestito.  Sono  in  grado  cioè  di  

svolgere  questa  funzione  a   costi  molto  più  bassi  e  con   risultati  migliori  di  quanto  non  potrebbero  fare  i  singoli  

risparmiatori;    

2.    Gli  istituti  di  credito  sono  in  grado  di  

mettere  insieme  più  risparmiatori  per  concedere  prestiti  di  grandi  

entità.  

3.   Gli  istituti  di  credito   agiscono  anche  in  favore  dei  piccoli  imprenditori  fornendo  loro  accesso  a  crediti  che  

altrimenti  potrebbero  non  essere  disponibili,  diversamente  dal  dalle  aziende  di  grandi  dimensioni  e  affermate  

sul  mercato  che  hanno  a  disposizione  altri  canali  di  finanziamento  oltre  ai  prestiti  bancari  -­‐  come  il  mercato  

delle  obbligazioni  e  il  mercato  azionario.    

   

La   nozione  di  rischio:   valore  atteso  e   varianza  di  un  investimento  

In  molte  circostanze  -­‐  in  genere  presenti  nei  mercati  finanziari  -­‐  la  conseguenza  di  un'azione  non  è  unica,  ma  assume  

valori  differenti;  pertanto  non  è  nota  con  certezza.  

In  questi  casi,  si  è  soliti  rappresentare  la  conseguenza  con  

due  parametri:  

il  valore  atteso,   ossia  la  media  dei  valori  associati  ai  diversi  esiti,  ponderando  ciascun  valore  con  la  probabilità  

•   con  cui  l'esito  si  realizza  

il  rischio   o  tecnicamente   la  varianza,   cioè  l'ampiezza  della  gamma  di  valori  dei  possibili  esiti.  Si  definisce  

•   varianza   la  media  dei  quadrati  delle  differenze  tra  i  singoli  esiti  e  il  valore  atteso,  dove  ciascuna  differenza  è  

ponderata  per  la  probabilità  di  accadimento  dell'esito  corrispondente  -­‐  misura  del  rischio  della  decisione  di  

partecipare  alla  scommessa  associata.  

In  circostanze  generali  gli  individui,  e  quindi  anche  gli  operatori  economici,  sono  avversi  al  rischio:  un  individuo  è  

detto   avverso  al  rischio  quando  tra  due  azioni  con  esiti  incerti,  che  hanno  lo  stesso  valore  atteso,  ma  una  diversa  

varianza,  preferisce  l'azione  meno  rischiosa.  Un  individuo  è  detto   propenso  al  rischio  nel  caso  opposto.  Un  individuo  

è  detto   neutrale  al  rischio   quando  tra  due  azioni  con  esiti  incerti,  che  hanno  lo  stesso  valore  atteso,  ma  diversa  

varianza  risulta   indifferente  nella  scelta.  

   

**La   funzione  assicurativa  dei  mercati  finanziari  

Tutti  gli  individui  avversi  al  rischio  hanno  incentivo  ad  assicurarsi:  i  mercati  finanziari  contribuiscono  a  ridurre  il  grado  

di  rischio  in  quanto  forniscono  ai  risparmiatori  la  possibilità  di  diversificare  i  loro  investimenti  ovvero  a  distribuire  

piccole  percentuali  dei  propri  risparmi  tra  una  vasta  gamma  di  attività  finanziarie  diverse.  

   

Diversificazione  del  rischio  e  legge  dei  grandi  numeri  

La  pratica  consistente  nel  ripartire  la  propria  ricchezza  tra  un'ampia  gamma  di  investimenti  finanziari  diversi,  in  

modo  da  abbassare  il  livello  del  rischio  complessivo.  

Dal  punto  di  vista  collettivo,  il  ricorso  alla  diversificazione  fa  si  che  anche  i  progetti  rischiosi,  ma  comunque  validi,  

ottengano  i  finanziamenti  necessari,  senza  che  i  singoli  risparmiatori  debbano  accollarsi  rischi  eccessivi.  

   

Portafoglio  di  attività  finanziarie  

Insieme  di  attività  finanziarie,  appartenenti  a  persone  fisiche  o  giuridiche,  in  seguito  ad  un  investimento.  

   

Fondi  di  investimento  

Un  intermediario  finanziario  che  raccoglie  fondi  presso  il  pubblico  vendendo  in  cambio  proprie  quote  e  utilizza  tali  

fondi  per  acquistare  un'ampia  varietà  di  attività  finanziarie.  

Sottoscrivere  quote  di  un  fondo  equivale  dunque  a  possedere  una  piccola  percentuale  di  molte  diverse  attività  

finanziarie,  attuando  quindi  il  principio  della  diversificazione.  

 

 

6  -­‐  Scelta  in  condizioni  di  in  certezza  

Stati  del  mondo  (h)  

Stati  la  cui  realizzazione  è   indipendente  dalla  scelta  del  soggetto,  ma  dipende  dal  caso.  

Una  molteplicità  di  stati  del  mondo  caratterizza  un   contesto  di  incertezza.    

   

Proprietà:  

La   rappresentazione  di  tutti  i  possibili  stati  del  mondo  dev'essere   completa  

•   Gli  stati  del  mondo  devono  essere  tutti   mutualmente  escludentesi.    

•  

A  ogni  azione  di  un  soggetto  corrispondono  più  conseguenze;  l'ordinamento  di  preferenze  delle  conseguenze  non  

rappresenta  un  criterio  di  scelta  immediato.  

   

Probabilità  

   

Lotteria  (L)  

Una  lotteria  è  l'insieme  delle  conseguenze  associate  a  ciascuna  azione  di  un  soggetto  che  sceglie  in  condizioni  di  

incertezza,  dove   ogni  conseguenza  è  corredata  dalla  probabilità  dello  stato  del  mondo  nel  quale  si  verifica  -­‐  la  

conseguenza  di  un'azione  per  un  soggetto  che  sceglie  in  condizioni  di  incertezza.  

   

Scegliere  razionalmente  in  un  contesto  di  incertezza  significa  scegliere  quell'azione  cui  è  associata  la  lotteria  

preferita  (attribuire  un  valore  monetario  a  ogni  conseguenza  +  valore  atteso)  

   

Valore  atteso  di  una  lotteria    

La  media  dei  valori  monetari  di  tutte  le  conseguenze  associate  a  quella  lotteria,  ponderati  per  le  probabilità  degli  

stati  del  mondo  in  cui  ciascuna  conseguenza  si  verifica.  

   

Poiché  la  lotteria  rappresenta  la  conseguenza  di  un'azione  in  condizioni  di  incertezza,  il  valore  atteso  di  una  lotteria  

può  rappresentare  la  conseguenza  di  un'azione  in  condizioni  di  incertezza.  

   

Lotterie  con  lo  stesso  valore  atteso  possono  essere  più  o  meno  rischiose.    

   

Utilità  attesa  della  lotteria  

La  media  dei  valori  di  utilità  attribuiti  a  tutte  le  conseguenze  associate  alla  lotteria,  ponderati  per  la  probabilità  degli  

stati  del  mondo  in  cui  ogni  conseguenza  si  verifica.  

   

Gli  individui  ordinano  le  diverse  lotterie  in  base  alla  loro  utilità  attesa.  

   

Utilità  marginale  decrescente  e  avversione  al  rischio  

Se  aumenta  il  valore  monetario  l'utilità  del  soggetto  aumenta  sempre.  

   

L'utilità  marginale  è  la  misura  di  come  varia  l'utilità  che  un  soggetto  ricava  da  una  conseguenza  al  variare  al  margine  

del  valore  monetario  di  quella  conseguenza.    

   

Avversione  al  rischio,  nel  principio  di  utilità  marginale,  decrescente  al  crescere  del  valore  monetario.    

Assicurazione  

Prezzo  di  riserva  dell'assicurato  

Prezzo  di  riserva  dell'assicuratore  

Scambio  assicurativo  

   

7  -­‐  Il  ciclo  economico,  cause  e  soluzioni  

Fluttuazioni  economiche  di  breve  periodo  

irregolari  per  durata  e  gravità:   previsione  delle  date  dei  punti  di  massimo  e  di  minimo   impossibile  

•   hanno  impatto  complessivo:  non  si  limitano  ad  alcune  industrie  o  regioni,  ma  

vengono  percepite  da  tutto  il  

•   sistema  economico    

colpiscono  maggiormente  le  industrie  che  producono   beni  durevoli.  Industrie  che  offrono  servizi  e  beni  non  

•   durevoli,  come  gli  alimenti,  sono  molto  meno  sensibili  alle  fluttuazioni  di  breve  periodo  

disoccupazione:  indicatore  chiave  -­‐  in  genere  il  tasso  di  disoccupazione  cresce  significativamente  durante  le  

•   recessioni  e  recupera  ( anche  se  più  lentamente)  durante  le  espansioni.  Una  recessione  o  espansione  di  grandi  

dimensioni  è  caratterizzata  da  uno  scostamento  significativo  del  tasso  di  disoccupazione  rispetto  alla  norma  o  

ai  livelli  tendenziali.    

   

Recessione  ciclica  

Periodo  nel  quale  l'economia  cresce  a  un  tasso   significativamente  inferiore  alla  media.  

L'inizio  di  una  recessione  prende  il  nome  di   massimo:  rappresenta  il  punto  più  alto  di  attività  economica  prima  di  una  

contrazione.   Minimo:  la   fine   di  una  recessione,  che  segna  il  punto  più  basso  di  attività  economica  prima  di  una  

ripresa.  

Una  recessione  estremamente  grave  prende  il  nome  di   depressione.  

   

Durante  una  fase  di  recessione  in  genere,  il   tasso  di  disoccupazione  cresce  significativamente  e  si  verifica   un  generale  

peggioramento  delle  condizioni  del  mercato  del  lavoro:  i  salari  reali  crescono  più  lentamente,  i  lavoratori  hanno  una  

probabilità  inferiore  di  ottenere  promozioni  o  gratifiche.  

   

Espansione  ciclica  

Periodo  in  cui  l'economia  cresce  a  un  tasso   significativamente  superiore  alla  media.  

Nella  storia  in  media,  le  espansioni  sono  durate  molto  più  a  lungo  delle  recessioni.  

   

Un'espansione  particolarmente  forte  e  prolungata  prende  il    nome  di   boom.  

   

Ciclo  misurato  sul  livello  del  PIL  

Il  percorso  di  crescita  del  PIL  reale  non  è  sempre  uniforme;  le  gobbe  e  gli  avvallamenti  corrispondono  a  brevi  periodi  

di  crescita  più  veloce  o  più  lenta.  

Una  definizione  più  informale  di  recessione  è  quella  di   periodo  in  cui  il  PIL  reale  diminuisce  per  almeno  due  trimestri  

consecutivi.  Il  PIL  diminuisce  realmente  durante  le  recessioni,  tuttavia  molti  economisti  farebbero  notare  che  i  

periodi  in  cui  la  crescita  del  PIL  reale  è  molto  inferiore  alla  media,  anche  se  non  negativa,  dovrebbero  essere  

considerati  periodi  di  recessione.    

Un  altro  problema  quando  ci  si  basa  sui  dati  del  PIL  per  risalire  ai  periodi  di  recessione  è  che  tali  dati  possono  essere  

significativamente  corretti,  talvolta  a  distanza  di  anni  dall'evento.  

In  pratica,  quando  si  tenta  di  determinare  se  è  in  corso  una  recessione,  gli  economisti  osservano  tutta  una  serie  di  

altri  dati  economici,  oltre  al  PIL.  

   

Ciclo  misurato  sul  tasso  di  crescita  del  PIL  

In  Italia,  nella  prima  metà  degli  anni  Settanta  e  agli  inizi  degli  anni  Novanta,  i  fenomeni  recessivi  sono  stati  

particolarmente  violenti,  facendo  registrare  tassi  di  crescita  negativi.  In  quegli  anni  anche  gli  Stati  Uniti  registravano  

un  recessione.  Lo  stesso  fenomeno  si  ripeteva  in  oltre  anche  nel  1978  e    poi  nel  1981-­‐1982.  

L'andamento  dei  due  tassi  di  crescita  è  molto  simile  nei  due  paesi  e  presenta  solo  un  leggero  sfalsamento  temporale:  

gli  eventi  che  colpiscono  l'economia  statunitense  finiscono  con  il  ripercuotersi  sull'economia  di  molti  altri  paesi.  

   

La  disoccupazione  nel  ciclo  

Indicatore  chiave  -­‐  in  genere  il  tasso  di  disoccupazione  cresce  significativamente  durante  le  recessioni  e  recupera  

(anche  se  più  lentamente)  durante  le  espansioni.  

Oltre  a  questo   incremento  della  disoccupazione,  durante  le  recessioni   si  verifica  un  generale  peggioramento  delle  

condizioni  del  mercato  del  lavoro:  i  salari  reali,  per  esempio,  crescono  più  lentamente  i  lavoratori  hanno  una  

probabilità  inferiore  di  ottenere  promozioni  o  gratifiche  e  i  nuovi  arrivati  nella  forza  lavoro  incontrano  molte  più  

difficoltà  nel  trovare  lavori  attraenti.  La  parte  di  disoccupazione  che  è  associata  alle  recessioni  prende  il  nome  di  

disoccupazione  ciclica.    

   

L'inflazione  nel  ciclo  

L'inflazione  è  misurata  dalle  variazioni  dell'indice  dei  prezzi  al  consumo.  Le  recessioni  tendono  generalmente  ad  

essere  seguite  da  una  diminuzione  dell'inflazione  e  sono  spesso  precedute  da  un  aumento  dell'inflazione.    

   

Produzione  potenziale  e  gap  di  produzione  

Una  recessione  o  espansione  di  grandi  dimensioni  è  caratterizzata  da  uno  scostamento  significativo  del  tasso  di  

disoccupazione  rispetto  alla  norma  o  ai  livelli  tendenziali.  

Un   gap  di  produzione   (output  gap)   misura  quanto  la  produzione  o  output  in  un  dato  momento,  si  discosta  rispetto  

al  suo  normale  livello  o   produzione  potenziale  Y*:   la  differenza  tra  la  produzione  potenziale  di  un'economia  e  la  sua  

produzione  effettiva  in  un  dato  istante  temporale  (Y*-­‐Y).  

Gap  recessivo:  un  gap  di  produzione  che  si  verifica  quando  la  produzione  potenziale  supera  quella  effettive  

•   Y*>Y.   Le  risorse  di  capitale  e  umane  non  vengono  utilizzate  appieno;  la  produzione  e  l'occupazione  sono  al  di  

sotto  della  norma.  

Gap  espansivo:  un  gap  di  produzione  che  si  verifica  quando  la  produzione  effettiva  supera  quella  potenziale  

•   Y>Y*.  Un  gap  di  produzione  espansivo  prolungato  è   problematico  perché,  quando  devono  affrontare  una  

domanda  di  prodotti  significativamente  superiore  alla  normale  capacità,  le  imprese  tendono  ad  aumentare  i  

prezzi:  si  determina  quindi  solitamente  un   aumento  dell'inflazione,   che  riduce  l'efficienza  dell'economia  nel  

lungo  periodo.  

Sono  le  politiche  di  stabilizzazione  a  riportare  la  produzione  effettiva  in  linea    con  quella  potenziale.    

   

La  produzione  potenziale  Y*(o  prodotto  interno  lordo  PIL  potenziale  o  produzione  di  piena  occupazione)  è  la  

quantità  di  output  ovvero  produzione   (PIL  reale)   che  un'economia  può  produrre  quando  utilizza  le  sue  risolse,  

come  per  esempio  il  capitale  e  il  lavoro,   ai  livelli  normali.    

La  produzione  potenziale  non  è  un  dato  fisso  ma   cresce  nel  tempo,  in  base  agli  aumenti  sia  delle  quantità  di  capitale  

e  lavoro  disponibili,  sia  della  loro  produttività.    

   

Possibili  ragioni  delle  fluttuazioni  economiche  di  breve  periodo**  

1.   Le  variazioni  nel  tasso  di  crescita  della  produzione  possano  riflettere   cambiamenti  nel  tasso  di  crescita  della  

produzione  potenziale  del  paese.  

2.   La  produzione  effettiva  non  è  sempre  pari  alla  produzione  potenziale:  è  possibile  che  la  produzione  potenziale  

cresca  in  modo  normale  mentre,  per  qualche  motivo,  le  risorse  di  capitale  e  le  risorse  umane  non  siano  

utilizzate  appieno.  Oppure  il  capitale  e  il  lavoro  possono  funzionare  a  un  ritmo  molto  maggiore  rispetto  alla  

norma  in  modo  che  la  produzione  effettiva  cresca  oltre  quella  potenziale.      

In  entrambi  i  casi  la  produzione  effettiva  diminuisce  o  almeno  cresce  a  un  ritmo  inferiore  determinando  un  

abbassamento  del  tenore  di  vita:  i  gap  recessivi  sono   inefficienti   nel  senso  che  riducono  inutilmente  la  ricchezza  

economica  complessiva  peggiorando  le  condizioni  di  vita  dell'individuo  medio.  

   

Tasso  naturale  di  disoccupazione,  

u*  

La  parte  del  tasso  di  disoccupazione  complessiva  attribuibile  alla  disoccupazione  frizionale  e  strutturale,  ovvero  il  

tasso  di  disoccupazione  che  prevale  quando  la  disoccupazione  ciclica  è  uguale  a  zero,  per  cui  l'economia  non  

presenta  gap  di  produzione  né  di  tipo  recessivo  ne  di  tipo  espansivo.  Disoccupazione  ciclica:  

u-­‐u*.  

Durante  una  recessione,  il  tasso  di  disoccupazione  effettiva   u   supera  il  tasso  di  disoccupazione  naturale  u*,  la  

disoccupazione  ciclica  è  positiva.  Al  contrario  quando  invece  l'economia  registra  un  gap  espansivo  la  disoccupazione  

ciclica  è  negativa.  

   

Cicli  innescati  da  un  cambiamento  del  trend**  

   

Cicli  innescati  da  variazioni  della  spesa**  

L'ipotesi  di  un  immediato  aggiustamento  dei  prezzi  da  parte  delle  imprese  non  è  realistica.  Molte  imprese  tendono  

infatti  ad  adeguarsi  alla  domanda  nel  breve  periodo  variando  la  quantità  di  output  prodotto  e  offerto  

(comportamento  che  consiste  nel  soddisfare  la  domanda  a  un  presso  prestabilito).  In  questo  senso  si  può  dire  che  le  

variazioni  delle  decisioni  di  spesa  di  consumatori  influenzano  la  produzione.    

Quando  la  spesa  totale  è  bassa  per  qualche  ragione,  la  produzione  può  scendere  al  di  sotto  del  suo  livello  potenziale;  

quando  la  spesa  è  elevata,  la  produzione  può  crescere  al  di  sopra  della  produzione  potenziale.  

Le  variazioni  della  

spesa  a  livello  di  tutta  l'economia  rappresentano  la  causa  primaria  dei  gap  di  produzione.    

 

 

8  -­‐  Il  modello  reddito-­‐spesa  

Modello  keynesiano  di  base  

 

Modello  fondamentale  per  l'analisi  delle  fluttuazioni  economiche  di  breve  periodo  utile  nelle  politiche  di  

stabilizzazione.  Rappresentazione  dell'economia   di   breve  periodo  durante  il  quale   le  imprese  non  modificano  i  

loro  prezzi,  ma  soddisfano  invece  la  domanda  disponibile  ai  prezzi  dati  o  prestabiliti:  

le  imprese  non  

reagiscono  a  ogni  cambiamento  della  domanda  relativa  ai  loro  prodotti  modificando  i  prezzi,  ma  fissano  un  

prezzo  per  un  certo  periodo  di  tempo  e  poi  soddisfano  la  domanda  generata  a  quel  prezzo;  modificare  

frequentemente  i  prezzi  comporterebbe  dei   costi  di  aggiustamento  dei  prezzi  o  menu  costs.   Considerando  i  

prezzi  come  fissi,  il  modello  non  si  occupa  della  determinazione  dell'inflazione.  

   

Spesa  aggregata  programmata  ( PAE)  

La  spesa  aggregata  programmata  è   la  spesa  programmata  totale  per  beni  e  servizi  finali:  la  somma  della  spesa  

programmata  delle  famiglie,  delle  imprese,  del  governo  e  degli  stranieri.  

Le  quattro  componenti  della  spesa  programmata  sono:  

la  spesa  per  consumi  ( C):   principale  componente  della  spesa  aggregata  programmata,   copre  quasi  i  due  

•   terzi  della  spesa  totale,  dipende  dal  reddito  disponibile  secondo  la  funzione  del  consumo.  

la  spesa  per  investimenti  programmati  ( Ip)*  

•   la  spesa  pubblica  ( G)  

•   le  esportazioni  nette  ( NX)  

•  

   

*Gli  investimenti  programmati  si  differenziano  dagli  investimenti  effettivi  quando  le  vendite  delle  imprese  non  

corrispondono  alle  aspettative,  in  modo  tale  che   l'aumento  delle  scorte   (una  componente  degli  investimenti)  di  

discosti  dalle  previsioni  delle  imprese.  Per  i  consumi,  la  spesa  pubblica  e  le  esportazioni  nette,  la  spesa  effettiva  

è  pari  alla  spesa  programmata.   PAE  =  C  +  Ip  +  G  +  NX  

   

Reddito  disponibile  

Il  reddito  disponibile  coincide  con  il  

reddito  al  netto  delle  imposte  (Y  -­‐  T)  e  costituisce  un  f attore  fondamentale  

nel  determinare  il  consumo  pianificato  quale  componente  principale  della  spesa  aggregata.  A  parità  di  altre  

condizioni,  le  famiglie  e  le  persone  con  redditi  disponibili  maggiori,  consumeranno  di  più  rispetto  a  coloro  che  

godono  di  redditi  disponibili  minori:  possiamo  quindi  supporre  che  la  spesa  per  consumi  (C)  aumenti  

all'aumentare  del  reddito  disponibile  (Y  -­‐  T).  

   

Funzione  del  consumo  

La  funzione  del  consumo  è  la  relazione  tra  la  spesa  per  consumi  e  i  suoi  fattori  determinanti,  in  particolare  il  

reddito  disponibile  (al  netto  delle  imposte).     C  =  C  +  c(Y  -­‐  T)  

C  =  costante  dell'equazione  che  serve  a  cogliere  i  fattori  diversi  dal  reddito  disponibile  che  influenzano  i  consumi  

   

Propensione  marginale  al  consumo  (MPC)  

La  propensione  marginale  al  consumo,  indicata  anche  con   c,   è  il  tasso  di  incremento  del  consumo  in  

corrispondenza  dell'aumento  pari  a  €1  del  reddito  disponibile.    

È  ipotizzabile  che  0<c<1.  

   

Effetto  ricchezza  

La  tendenza  delle  variazioni  nel  livello  dei  prezzi  a  influenzare  la  ricchezza  delle  famiglie  e  quindi  la  loro  spesa  in  

beni  di  consumo.  

   

Spesa  autonoma  

Parte  della  spesa  aggregata  programmata  che  è  indipendente  dalla  produzione  (Y)    

xSpesa  indotta  

Parte  della  spesa  aggregata  che  dipende  dalla  produzione  (Y).  

   

Produzione  di  equilibrio  di  breve  periodo  

La  produzione  di  equilibrio  di  breve  periodo  è  il  livello  di  produzione  in  corrispondenza  del  quale  la  produzione  Y  

è  pari  alla  spesa  aggregata  programmata  PAE;  è  il  livello  di  equilibrio  di  breve  periodo  che  prevale  durante  il  

periodo  caratterizzato  da  prezzi  dati.     Y  =  PAE  

Il  metodo  numerico

 

•   Nel  caso  in  cui  Y  =  PAE,  i  produttori  soddisfano  esattamente  la  domanda  dei  loro  beni  e  servizi.  Nel  caso  in  

cui  Y  <  PAE,  le  imprese  non  stanno  producendo  abbastanza  per  soddisfare  la  domanda:  si  accorgeranno  

che,  poiché  le  vendite  superano  le  quantità  prodotte,  le  scorte  di  beni  stanno  diminuendo  e  che  gli  

investimenti  effettivi  (compresi  gli  investimenti  in  scorte)  saranno  minori  di  quelli  programmati;  le  

imprese  risponderanno  alla  situazione  espandendo  la  produzione;  la  produzione  non  sarà  sufficiente  a  

soddisfare  la  spesa  aggregata  programmata  fino  a  quando  non  raggiungerà  il  suo  valore  di  equilibrio  di  

breve  periodo.  Nel  caso  in  cui  Y  >  PAE,  le  imprese  non  venderanno  tutto  quello  che  producono  e  vedranno  

la  loro  merce  accumularsi  sugli  scaffali:  gli  investimenti  effettivi  che  comprendono  gli  investimenti  in  

scorte,  saranno  superiori  agli  investimenti  programmati;  le  imprese  risponderanno  riducendo  i  loro  cicli  

produttivi.  

Il  metodo  grafico

 

•  


ACQUISTATO

6 volte

PAGINE

24

PESO

369.95 KB

AUTORE

BestNote

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza (MILANO - PIACENZA)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BestNote di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Grillo Michele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia politica

Economia politica - Domande di Microeconomia
Esercitazione
Appunti:3 - Occupazione e disoccupazione. Esame di Economia Politica, M. Grillo
Appunto
Appunti:10 - Modello IS LM. Esame di Economia Politica, M. Grillo
Appunto
Appunti:5 - Decisioni di investimenti. Esame di Economia Politica, M. Grillo
Appunto