Che materia stai cercando?

Appunti Economia

Appunti ben sviluppati del corso di economia agraria. Utili per lo studio ed il ripasso, si vanno ad integrare con le definizioni di economia agraria già caricate precedentemente e basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Belletti.

Esame di Economia agraria docente Prof. M. Belletti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

TASSO DI RENDIMENTO (Tasso Interno di Rendimento) (TIR o IRR), (Internal Rate of Return) (tasso

di sconto o tasso di interesse) (r ->RATE OF RETURN) importante nella valutazione di un investimento di

una buona idea imprenditoriale. (esso è considerato su base annuale)

= da un investimento nell’unità di tempo considerata(1

profitto(in %)generato ANNO)[ rendimento di un

è il

investimento].

= 

COSTO OPPORTUNITA’

esso rappresenta il della nostra idea imprenditoriale va definito in funzione di

rendimento “medio” nel settore produttivo di appartenenza (dunque anche a “parità” di

una stima sul tasso di l’idea imprenditoriale

rischio). Dunque se ad esempio se riguarda una cantina, il tasso di rendimento va definito

nel quale l’idea imprenditoriale si va ad inserire.

in funzione del rendimento stimato del mercato vinicolo

r dell’idea imprenditoriale

è il punto di riferimento su cui si basa la valutazione della creazione di valore

dunque è fondamentale decidere quale r usare e soprattutto è fondamentale considerare un range nel quale far

dell’investimento in funzione di scostamenti di r da un valore centrale (centrale

variare r (per capire la solidità

nel range) di riferimento).

3 Contabilità: una definizione sintetica

CONTABILITA’ = registrazione quotidiana, continua e completa, delle transazioni economiche e

finanziarie (compravendite, operazioni bancarie, ecc...) dell'impresa.

°La contabilità va studiata ai fini della costruzione di un BP.

°La contabilità ha una sola "regola grammaticale" fondamentale: l'equazione fondamentale di contabilità

costituente il Balance Sheet (BS).

°Nelle aziende agricole per pianificare serve registrare (serve la contabilità) la vita economica dell'impresa stessa

mentre spesso e volentieri le aziende agricole trascurano in parte o completamente questo aspetto della loro

esistenza. Non sempre ovviamente, altrimenti non parleremo di business planning (BP) in agricoltura.

4 I rendiconti

La rilevazione continua delle transazioni economiche dell'impresa (contabilità) va sistematizzata in specifici rendiconti

finanziari.

I rendiconti finanziari sono:

BILANCIO O STATO PATRIMONIALE (balance sheet) è l'insieme dei documenti

1. contabili che un'impresa deve redigere periodicamente, ai sensi di legge, allo scopo di rendere chiara la

propria situazione patrimoniale e finanziaria, al termine del periodo amministrativo di riferimento.

CONTO ECONOMICO 

2. (income statement) evidenzia il risultato economico d'esercizio del periodo

di riferimento del bilancio.

RESOCONTO DEI FLUSSI DI CASSA

3. (statement of cash flow) (CFS)

5 Income Statement (conto economico) (IS) v.s. Cash Flow

Statement (resoconto dei flussi di cassa) (CFS)

• Il CFS da informazioni relative alla liquidità (disponibilità finanziaria, monetaria) di

una impresa per un certo periodo.

Ai fini del business plan (BP) bisogna innanzi tutto valutare se il CF periodico (mensile,

annuale) crea abbastanza liquidità da compensare i costi per tutto l'arco di vita

dell'impresa.

• L'IS da informazioni sulla capacità dell'impresa, per lo stesso periodo, di creare reddito.

In un secondo momento, l'IS ci servirà per verificare se, oltre a coprire i costi (esborsi

monetari, flussi negativi, in uscita di moneta) monetari in tutti i periodi considerati

(informazione che deriva dal CFS), l'impresa genera anche un reddito positivo.

La valutazione delle performance, che vedremo essere una valutazione riferita

sostanzialmente al reddito netto (o profitto netto) generato dall'idea imprenditoriale

oggetto di BP, viene sviluppata servendosi in maniera sostanziale dell'IS, non del CFS.

5.1 Il CFS del nostro agriturismo

Vanno costruiti i CF per tutta la durata (vita utile) dell’investimento, dunque per ogni anno del medesimo se

1)

consideriamo il tempo come scandito annualmente.

2) - Come risultato del CFS si ottiene appunto CF,

come risultato dell’IS si ottiene il reddito netto (Net Income, NI).

- e costi) presenti all’interno di un IS

CFS e IS convergono solo in un caso: cioè quando tutte le voci (ricavi

sono flussi monetari.

Ciò succede raramente ma nel caso di imprese poco complesse dal punto di vista patrimoniale (nel senso di

dell’IS e del CFS tenderanno a convergere

essere statiche e poco atte ad investire), i due saldi (ripeto: tendere a

convergere non significa che saranno necessariamente uguali, ma non così diversi!).

3) Considerate sia l’IS che il CFS come rappresentazioni (ripeto che possono anche convergere tra loro nei casi

di valore che transita dentro l’impresa come un fiume.

illustrati nel punto 2) di un flusso

BS Se fotografassi BS all’inizio e poi alla

Mentre pensate al come ad uno stock di valore (immagine istantane).

fine di un periodo (un anno ad esempio) otterrei l’immagine statica, ma in due momenti differenti, dello stock di

nell’impresa.

valore incorporato

Dunque CF può anche essere dedotto come differenza tra il valore del BS fotografato a fine anno (t2) meno il

valore del BS fotografato a inizio anno (t1). La differenza di valore stock in t2-t1 sarà appunto equivalente a CF

per il periodo considerato.

CF = BS (fine anno) BS (inizio anno)

CASH FLOW è un flusso monetario quindi non ha senso collocarlo in un momento preciso come

Il (CF)

avviene per il BS.

• Il flusso di cassa è la valutazione della disponibilità di liquidità.

• È la risultante della differenza tra i ricavi e i costi

• Si ricava con rendiconti finanziari o libri contabili dove vanno registrate le transizioni (vendite e acquisti)

• SCOPO = definire cosa è l’impresa al tempo zero e ipotizzare i flussi di cassa nell’orizzonte temporale.

• Il primo rendiconto finanziario usato per determinare il CASH FLOW è il BALANCE SHEET (stato

patrimoniale)

Il CF si divide in 3 componenti al fine di evidenziare se il business crea ricchezza oppure no (la ricchezza emerge dal CF

delle attività operative):

1. (cash flow operativo) Attività operative (è la componente del CF totale che deriva dalla produzione, dunque dalla

generazione di valore da parte dell’investimento)

ATTIVITA’ OPERATIVE = attività legate alla produzione di beni e servizi (core business dell’impresa,

ossia la principale attività di tipo operativo dell’azienda, che ha lo scopo di generare reddito…

paragonabile ai RICAVI/COSTI (reddito operativo) che si ritrova nell’ IS )

flow d’investimento) Attività d’investimento (nel caso dell’agriturismo in Non derivano dalla

2. (cash creazione di ricchezza

questa voce rientrerà la spesa per la ristrutturazione della casa) da parte dell’impresa

 cash inflow=vendita di una stalla, di un marchio o brevetto ma da un eventuale

 cash outflow= acquisto di una stalla, di un marchio o brevetto flusso monetario

(nel caso dell’agriturismo

3. (cash flow di finanziamenti) Attività di finanza derivante da

 compravendita di

cash inflow = quote di partecipazione apportate dai soci, o entrata derivante

dall’ accensione di un mutuo cespiti e/o da flussi

finanziari.

 cash outflow = redistribuzione dei profitti tra i soci, o rate su mutui o

finanziamenti. del ciclo di vita dell’impresa:

La suddivisione serve ad interpretare quale sia la fase nella fase iniziale

dell’impresa avremo un maggiore CFS derivante dal flusso di cassa di attività finanziare e il flusso di cassa delle

Nella fase matura dell’impresa invece è proprio l’attività

attività operative sarà negativo. operativa a generare il

flusso di cassa positivo. –

CASH FLOW (C) = RT (RICAVI TOTALI) CT (COSTI TOTALI) (si fa per ogni periodo c1, c2, c3..)

6 Come contabilizzare ricavi e costi

In queste due schede avete una ulteriore spiegazione del fatto che la contabilizzazione di ricavi

e costi va eseguita nell'IS (income statement, conto economico) al momento stesso della

fatturazione mentre nel CFS (cash flow statement) va eseguita solo quando entrerà/uscirà cash.

Solo se il ricavo/costo viene corrisposto cash al momento stesso della fatturazione tale voce

verrà contabilizzata subito sia nell'IS sia nel CFS.

Tenere sempre presente che ai fini della pianificazione d'impresa, del BP (business plan), la

valutazione del valore generato dall'investimento nel tempo deve essere svolta almeno secondo

questi tre criteri:

1) L'NPV deve essere almeno positivo, se così fosse significa che in previsione l'investimento

"dovrebbe" essere in grado di generare reddito (profitto) maggiore, dunque preferibile,

rispetto al costo opportunità (guadagno previsionale relativo alla migliore delle alternative di

investimento) dell'investimento stesso in tali periodi.

2) I flussi di cassa periodici (annuali, mensili, o quello che sia il periodo considerato,

nell'esempio dell'agriturismo è l'anno solare) devono essere positivi. Questo significa che le

entrate cash per ogni periodo devono essere sufficienti a sostenere le uscite cash per ogni

periodo, questo indipendentemente dell'NPV! Infatti, se ad esempio l'NPV previsionale fosse

anche molto molto elevato (dunque molto molto buono) ma in alcuni periodi i flussi di cassa

fossero negativi sorgerebbe il problema della solvibilità/sostenibilità finanziaria dell'investimento

stesso.

6.1 Ricavi e costi

RICAVI : -La vendita di un bene o servizio è condizione necessaria per la

presenza (contabilizzazione) di un ricavo.

-Non necessariamente un ricavo deve essere subito incassato cash per poter essere

ma può essere contabilizzato nell’IS a patto che si abbia

contabilizzato nel CFS,

almeno un qualche titolo di credito che permetta all’impresa di esigere l’incasso

(fattura o quant’altro).

COSTI: - diciamo che un COSTO diventa SPESA solo quando sarà il momento di

contabilizzarlo nell’ IS

MATCHING PRINCIPLE = regola relativa alla contabilizzazione di un costo di

produzione, non al momento in cui si verifica, ma al momento in cui il bene/servizio a cui si

riferisce verrà venduto.

7 Income Statement (IS)

La redazione di un conto economico (IS) serve in un secondo momento, al fine di calcolare la redditività dell'investimento

(214300 euro spesi al tempo zero) anche detta performance dell'investimento, in percentuale rispetto al valore

dell'investimento stesso.

ROI (Return On Investment)

• –

= reddito netto (ricavi costi) / valore dell'investimento.

risultato operativo

• – dell’investimento capitale

= (o reddito operativo, ossia ricavi costi) / valore (

investito totale )

misura la redditività del capitale complessivamente investito nell’impresa, tenendo in considerazione sia il capitale portato

a titolo di rischio (dei soci e del titolare) sia quello sottoforma di debito in prestito (dalla banca)

8 The Balance Sheet (BS) (bilancio o stato patrimoniale)

• Esso può essere visto come una fotografia dell'impresa (nel senso di tutte le sue componenti di valore) scattata in un

determinato momento.

• da un punto di vista descrittivo è l’azienda stessa, diciamo è l’azienda rappresentata in maniera

Il BS insieme dei documenti contabili

virtuale (l' allo scopo di rendere chiara la propria situazione

patrimoniale e finanziaria.

• indica lo “stock” del valore dell’impresa

IL BS in un dato momento, ovvero è una foto istantanea

dell’impresa e ci aiuta a rispondere alla domanda “in cosa consiste l’impresa?”.

• Il CFS e IS sono invece rendiconti “di flusso” del valore che entra ed esce dall’impresa (il BS è il lago,

che è attraversato, sia prima che dopo da CFS e IS).

La BALANCE SHEET (BS) E' UNA EQUAZIONE LA PARTE A SINISTRA UGUALE ALLA PARTE

A DESTRA.

• LA PARTE A SINISTRA CONTIENE LE RISORSE DELL'IMPRESA (il valore del bene

dell’investimento).

• QUELLA A DESTRA LE FONTI DI FINANZIAMENTO DI TALI RISORSE. (non ci interessa )

BILANCIO AZIENDA CONTOTERZI DI DAVIDE

SX DX

(BENI, ATTIIVITA’ costituenti l’investimento RISORSE ( SORGENTI/FONTI del FINANZIAMENTO)

DELL’IMPRESA (DEBITO VERSO TERZI, AD ES BANCHE)

 

componenti dell’impresa che generano VALORE Sono le modalità in cui viene finanziato il valore

dell’impresa. dell’impresa, che viene contabilizzato a sx.

 immagine virtuale dell’impresa.

 è la parte più importante dal punto di vista della

pianificazione del business plan (BP)

 permette la generazione dei FLUSSI DI CASSA 1) finanziamento bancario 80000$

 indicano quale r (tasso di investimento) utilizzare nella 2) capitale apportato dai soci (patrimonio netto) 50000$

valutazione 3) profitti non distribuiti (net income= reddito netto) 27000

1) cash 8000$ $

2) crediti correnti 40000$ Tot 157000 $

3) affitto anticipato 11000 $

4) trattore 98000 $

Tot 157000 $

ASSETS (ATTIVITA’ / debits) = 

= LIABILITIES (PASSIVITA’) + PATRIMONIO NETTO (SE

shareholders equity) (tutto ciò che viene finanziato dal titolare o dai

soci, quindi autofinanziato dall’impresa)

N.B. ogni volta che aggiungiamo un valore a sinistra devo anche aggiungerlo a destra (matching); ad esempio se acquisto un trattor e

da 100000$ la fonte del finanziamento per questo immobile deve essere contabilizzata a destra.

9 Ricavare il cash flow operativo dal conto economico

Il conto economico (Income Statement, IS) è il rendiconto in cui vengono registrate tutte le transazioni relative a ricavi e costi

d'impresa al momento che si verificano al fine di rendicontare il flusso di reddito (profitto) in un dato periodo (ad esempio l'anno

solare), per una data impresa di produzione.

L'IS, così come il Cash Flow Statement (CFS), è dunque un rendiconto di flusso finanziario.

Il Balance Sheet (BS) invece viene calcolato in un dato momento dunque rappresenta un rendiconto di stock finanziario, rappresenta

la consistenza patrimoniale (il valore) di una impresa in un dato momento.

E' evidente che il saldo del BS derivante da due periodi successivi in cui viene calcolato il BS di una impresa (ad esempio BS1 al tempo

t1 e BS2 al tempo t2) sarà una variazione di valore (stock) corrispondente al flusso di valore (flow) relativo all'impresa ne l periodo t1-t2.

Di qui la corrispondenza di informazioni, e la relazione, tra BS, IS e CFS. I rendiconti finanziari possono essere visti come angolazioni

E’ possibile

differenti da cui guardare lo stesso soggetto: il valore dell'impresa nella sua costituzione (stock) e dinamica (flow).

"estrarre" il CFS dall'IS semplicemente aggiustando l'IS (togliendogli gli ammortamenti) rispetto alle voci

(items) contabili dell'IS che sono differenti da quelle contenute nel CFS . Pur differenti l'IS e il CFS sono simili,

diciamo fratello e sorella, parte del corredo genetico ce lo hanno in comune.

Per la pianificazione dell'impresa, dunque anche per la redazione di un BP, l'IS e il CFS sono entrambe necessari quindi la loro

reciproca interdipendenza va tenuta ancora in maggior considerazione.

°Il CFS da indicazioni relative alla generazione di liquidità da parte dell'attività CF attualizzato a si utilizza al fine

produttiva dunque indicazioni di sostenibilità finanziaria e questo per ogni singolo tempo zero di valutare

periodo (anno ad esempio, come nel caso dell'agriturismo) dell'investimento oggetto di (ossia CFS) NPV

valutazione. NPV

° Il CFS inoltre permette la stima del che serve a valutare se l'investimento

genererà, in previsione, valore rispetto ai costi (costi opportunità) sostenuti per

attuarlo.

L'IS invece, definendo il reddito netto dell'impresa, da informazioni sulla capacità Informazioni si utilizzano per

dell'impresa (e più nello specifico dell'idea imprenditoriale oggetto di BP) di generare contenute ROI

trovare

nell’IS

reddito.

N.B. Generare liquidità e generare reddito non sono la stessa cosa!! LA DIFFERENZA CONCETTUALE STA NELLA

DIFFERENZA NUMERICA CHE INTERCORRE TRA IL SALDO DELL'IS ED IL SALDO DEL CFS PER UNO STESSO

PERIODO. Dunque come si vedrà nella parte conclusiva dell'esempio dell'agriturismo le informazioni contenute nell'IS saranno anche

esse utilizzate in sede di BP al fine di creare indicatori previsionali di redditività dell'investimento oggetto di valutazio ne. Tali indicatori

andranno a completare lo scenario analitico definito dal BP nel suo complesso.

Nell’esempio dell’agriturismo la differenza tra l'IS e il CFS sta praticamente tutta nel considerare gli ammortamenti (nell'IS) o

nell'escluderli (nel CFS).

CFS = IS (ammortamenti e deprezzamento capitale) Gli ammortamenti ed il deprezzamento del capitale non

fanno parte del CFS.

METODO PER LA PREPARAZIONE DI CFS

 

METODO DIRETTO usato per le attività di investimento e di finanza, raramente per le attività operative.

  è quello piu usato per calcolare le attività operative, esso prevede di redigere prima l’IS (conto

METODO INDIRETTO

economico) per poi aggiustarlo per ottenere il CFS, andando ad eliminare gli ammortamenti etc..

9.1 Un ulteriore esempio di cash flow statement (CFS)

CFS, IS, BS sono 3 rendiconti finanziari fondamentali per avere un quadro chiaro sulla situazione economica e finanziaria

dell’impresa al fine di ottimizzare l’amministrazione e la pianificazione d’impresa.

Il CFS si redige di solito a partire dall'IS e dal BS dall'IS (come i ricavi e i costi di produzione)

perché le voci che sono presenti nel CFS in parte provengono in parte dal BS (come eventuali flussi di cassa dovuti a

da: compravendita di cespiti (=valori materiali o immateriali a

utilità pluriennale) (assets)

più l'impresa è piccola di dimensioni economiche tanto più CFS e IS saranno simili nel saldo e tanto più sarà

semplice redigere anche un BS

Raramente le aziende agricole rendicontano BS, IS e CFS

10 Ratio analysis (indici di redditività e performance)

dinamiche

la Ratio Analysis (RA) serve a monitorare le (variazioni) nell'economia (redditività) e nella finanza

(liquidità) dell'impresa che si verificano nel tempo.

Decodificare un rapporto (ratio) significa saper risalire alle attività economiche e finanziarie (attraverso la registrazione

scrupolosa di tutte le transizioni, mediante IS, BS, CFS) che possono determinare questa o quella variazione del valore

di questo o quell'indicatore (indice, rapporto, ratio, sono tutti sinonimi).

RATIO ANALISIS

All'interno di un BP l'analisi degli indici di redditività ( ) e performance serve sostanzialmente a

confrontare:

 una situazione ex-ante (senza l'investimento valutato nel BP)

 una situazione ex-post (dunque considerando in via previsionale gli scostamenti di

redditività che si stima siano attribuibili all'attuazione dell'investimento stesso) .

ROI

• Il R.O.I. (dall’inglese Return On Investment) è, forse, l’indice di redditività più “famoso” e utilizzato nella prassi

professionale poiché è un valore che esprime, in termini percentuali, quanto rendono gli investimenti che hai fatto.

• l’efficienza

Comunica del processo produttivo nel generare reddito che in primis serve a retribuire gli investitori.


PAGINE

17

PESO

986.68 KB

AUTORE

met94

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze agrarie e del territorio
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher met94 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia agraria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico delle Marche - Univpm o del prof Belletti Matteo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia agraria

Definizioni economia
Appunto
Arboricoltura
Appunto
Florofrutticoltura sociale
Appunto
Ortoflorofrutticoltura sociale
Appunto