Che materia stai cercando?

Appunti e schema riassuntivo grammatica sumerica Appunti scolastici Premium

Appunti d Introduzione alla lingua accadica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Verderame dell’università degli Studi La Sapienza - Uniroma1, della facoltà di Scienze umanistiche, Corso di laurea in scienze archeologiche. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Introduzione alla lingua accadica docente Prof. L. Verderame

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

Sommario !

Prefazione ............................................................................................................................................................................. 4

! !

1 Introduzione .................................................................................................................................................................. 5

! !

1.1 Aspetti generali della lingua sumerica ................................................................................................................... 5

! !

1.2 La scrittura cuneiforme .......................................................................................................................................... 5

! !

1.3 Storia degli studi ..................................................................................................................................................... 5

! !

1.4 Lo studio della lingua sumerica ............................................................................................................................. 6

! !

1.5 Grammatiche .......................................................................................................................................................... 6

! !

1.6 Dizionari e glossari di sumerico ............................................................................................................................. 6

! !

1.7 Portali e risorse on-line .......................................................................................................................................... 7

! !

1.8 Riproduzione e trasposizione di un testo cuneiforme ............................................................................................ 7

! !

1.8.1 Convenzioni di traslitterazione ........................................................................................................................ 7

! !

1.9 Abbreviazioni ......................................................................................................................................................... 7

! !

2 Fonologia ....................................................................................................................................................................... 9

! !

2.1 Vocali ..................................................................................................................................................................... 9

! !

2.1.1 Mutamenti vocalici .......................................................................................................................................... 9

! !

2.2 Consonanti .............................................................................................................................................................. 9

! !

3 Il sostantivo ................................................................................................................................................................. 10

! !

3.1 Tipi di formazioni nominali ................................................................................................................................. 10

! !

3.1.1 NOME + NOME ........................................................................................................................................... 10

! !

3.1.2 AGGETTIVO + NOME ................................................................................................................................ 10

! !

3.1.3 nam-NOME ................................................................................................................................................... 11

! !

3.1.4 nu-NOME ...................................................................................................................................................... 11

! !

3.1.5 niĝ -(NOME)-VERBO .................................................................................................................................. 11

2

! !

3.1.6 Frasi verbali ................................................................................................................................................... 11

! !

3.1.7 Nomi di origine non sumerica ....................................................................................................................... 11

! !

3.2 Nomi di persona ................................................................................................................................................... 11

! !

3.2.1 Nomi semplici ............................................................................................................................................... 11

! !

3.2.2 Ripetizione di sillaba ..................................................................................................................................... 11

! !

3.2.3 Costrutti genitivali ......................................................................................................................................... 11

! !

3.2.4 Costruzioni verbali, 1: frasi nominali ............................................................................................................ 12

! !

3.2.5 Ipocoristici ..................................................................................................................................................... 13

! !

3.3 La catena nominale ............................................................................................................................................... 13

! !

3.4 Aggettivo .............................................................................................................................................................. 13

! !

3.4.1 Reduplicazione dell’aggettivo ....................................................................................................................... 13

! !

3.5 Costruzione genitivale .......................................................................................................................................... 14

! !

3.5.1 Genitivo anteposto ......................................................................................................................................... 15

! !

3.6 Pronomi possessivi ............................................................................................................................................... 15

! !

3.6.1 Il pronome suffisso -bi .................................................................................................................................. 15

! !

3.7 Plurale (5) ............................................................................................................................................................. 15

! !

3.7.1 hi-a ................................................................................................................................................................. 16

! !

3.7.2 -meš ............................................................................................................................................................... 16

! !

3.8 Casi (6) ................................................................................................................................................................. 16

! !

3.8.1 Assolutivo ...................................................................................................................................................... 16

! !

3.8.2 Ergativo ......................................................................................................................................................... 16

! !

3.8.3 Dativo ............................................................................................................................................................ 16

! !

3.8.4 Locativo ......................................................................................................................................................... 16

! !

3.8.5 Comitativo ..................................................................................................................................................... 17

! !

3.8.6 Terminativo ................................................................................................................................................... 17

! !

3.8.7 Ablativo-strumentale ..................................................................................................................................... 17

! !

3.8.8 Locativo-terminativo ..................................................................................................................................... 17

! !

3.8.9 Equativo-comparativo ................................................................................................................................... 18

! !

3.8.10 Costruzioni con il genitivo .......................................................................................................................... 18

! !

4 Verbo ........................................................................................................................................................................... 19

! !

4.1 Classi verbali ........................................................................................................................................................ 19

! !

4.2 Hamṭu e marû ....................................................................................................................................................... 19

! !

4.3 La catena verbale .................................................................................................................................................. 19

! !

4.4 Coniugazioni ........................................................................................................................................................ 19

! !

4.4.1 Forma a elementi suffissi .............................................................................................................................. 20

! !

4.4.2 Forma a elementi prefissi e suffissi: hamṭu ................................................................................................... 20

! !

4.4.3 Forma a elementi prefissi e suffissi: marû .................................................................................................... 20

2

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

! !

4.5 Prefissi di coniugazione ....................................................................................................................................... 20

! !

4.5.1 Grafie ............................................................................................................................................................. 21

! !

4.6 Infissi dimensionali .............................................................................................................................................. 21

! !

4.7 Prefissi modali ...................................................................................................................................................... 22

! !

4.7.1 nu - negativo .................................................................................................................................................. 22

! !

4.7.2 bara - vetitivo / affermazione negativa .......................................................................................................... 22

! !

4.7.3 na - proibitivo / affermativo .......................................................................................................................... 22

! !

4.7.4 ga - coortativo ................................................................................................................................................ 22

! !

4.7.5 ha - precativo /affermativo ............................................................................................................................ 22

! !

4.7.6 ša - ? .............................................................................................................................................................. 22

! !

4.7.7 u - prospettico ................................................................................................................................................ 22

! !

4.7.8 iri - ? .............................................................................................................................................................. 22

! !

4.7.9 nuš - ? ............................................................................................................................................................ 22

! !

4.7.10 al .................................................................................................................................................................. 22

! !

4.7.11 imma ............................................................................................................................................................ 23

! !

4.7.12 inga .............................................................................................................................................................. 23

! !

4.8 Duplicazione e triplicazione ................................................................................................................................. 23

! !

4.9 Il morfema /ed/ ..................................................................................................................................................... 23

! !

4.10 Verbi plurali ....................................................................................................................................................... 24

! !

4.11 Il verbo “essere” e la copula ............................................................................................................................... 25

! !

4.11.1 Copula enclitica ........................................................................................................................................... 25

! !

4.12 Imperativo .......................................................................................................................................................... 25

! !

4.13 Suffisso nominalizzante / subordinante /a/ ......................................................................................................... 25

! !

4.14 Forme non finite ................................................................................................................................................. 25

! !

4.14.1 Frasi subordinate ......................................................................................................................................... 25

! !

5 Altri elementi del discorso .......................................................................................................................................... 27

! !

5.1 Pronomi personali ................................................................................................................................................ 27

! !

5.2 La negazione nu ................................................................................................................................................... 27

! !

6 Schemi riassuntivi ....................................................................................................................................................... 28

3

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

Prefazione 4

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

1 Introduzione

1.1 Aspetti generali della lingua sumerica

Il sumerico è definito come una lingua agglutinante, perché attorno a una radice si aggiungono morfemi che servono a

esprimere valori grammaticali e sintattici e formano catene verbali o nominali, ed ergativa, perché nei casi nominali

distingue tra l’agente e il paziente, ovvero tra colui che compie l'azione e colui che la subisce, con l’opposizione SOGG

di un verbo transitivo / SOGG verbo intransitivo e OGG verbo transitivo.

Distingue tre principali classi di parole: nomi, verbi e aggettivi.

Il sumerico non ha una distinzione di generi (maschile/femminile/neutro), ma di classi, differenziando la classe dei

cosiddetti esseri animati (classe A), comprendente uomini, divinità e personaggi che agiscono in un racconto o mito, dai

cosiddetti esseri inanimati (classe B), comprendente il mondo animale, vegetale, minerale e tutto il resto.

L’ordine delle parole è del tipo SOV (soggetto - oggetto - verbo), sebbene, a eccezione del verbo alla fine, tutti gli altri

elementi in alcuni casi possono subire variazione legate alla natura del testo.

Cuore dell’intero sistema è la radice/termine costituita sempre da una sillaba.

Il sumerico distingue due numeri, singolare e plurale.

1.2 La scrittura cuneiforme

La lingua sumerica è stata espressa ed è documentata unicamente da testi in scrittura cuneiforme.

La scrittura cuneiforme è continua, ovvero non esistono nella scrittura cuneiforme segni di interpunzione. I segni sono

normalmente scritti uno di seguito all’altro. In generale, una linea di testo contiene una o più frasi complete. A seconda

dell’esperienza e accuratezza dello scriba, i segni sono distribuiti armonicamente nello spazio disponibile in una linea o

una cella, ma in alcuni casi parole o unità logiche possono essere separate da spazi. Raramente una frase o una parola

proseguono in una linea successiva. Di norma, in questi casi, la prosecuzione della linea è scritta con un rientro

maggiore nella linea successiva. Se il testo è diviso in celle o da linee, le linee che proseguono una precedente non sono

di norma separate da quest’ultima con una linea e sono incluse nella stessa cella.

Possiamo distinguere tre tipi di grafie:

logografica per le fasi più arcaiche;

• sillabico-logografica;

• più rari sono i testi in scrittura prettamente sillabica.

A queste si deve aggiungere il caso dell’UD.GAL.NUN non ancora completamente compreso. Oltre a sillabogrammi e

logogrammi, la scrittura cuneiforme comprende dei determinativi, la cui funzione è prettamente grafica,

e dei contatori, differenti a seconda del sistema di misurazione o numerazione cui si riferiscono.

Due fenomeni sono caratteristici e sono attribuiti al passaggio dalla scrittura logografica a quella sillabica:

polisemia: uno stesso segno può avere più valori logografici o sillabici;

• omofonia: diversi segni possono avere gli stessi valori sillabici o logografici.

Sulla scrittura in generale: I.J. Gelb, A Study of Writing. Chicago: University of Chicago Press, 1963 [trad.it.: Teoria

generale e storia della scrittura: Fondamenti della grammatologia. EGEA, Milano, 1993.]

Per il rapporto tra scrittura e lingua sumerica e i limiti della nostra comprensione M. Civil, The Sumerian Writing

System: Some Problems, Or 42 (1973), 21-34.

1.3 Storia degli studi

La riscoperta delle culture mesopotamiche cominciò nel XIX secolo e interessò in primo luogo le antiche capitali assire:

Ninive (Kuyunjik), Nimrud (Kalhu), Dūr-Šarrukīn (Khorsabad). I primi documenti portati alla luce erano dunque legati

ai periodi più tardi della tradizione cuneiforme e in una lingua (o dialetto dell’accadico), l’assiro, appartenente alla

famiglia semitica. Le prime decifrazioni del cuneiforme mesopotamico cominciarono prima dalle iscrizioni trilingui

persiane e poi da questi documenti e da quelli babilonesi, che venivano portati alla luce quando l’esplorazione

archeologica si spostò dal nord (Assiria) della Mesopotamia al sud (Babilonia).

Nel sud gli scavatori cominciarono a incontrare le tracce archeologiche ed epigrafiche della più antica cultura

mesopotamica del III millennio e della lingua sumerica. Già i testi assiri avevano portato all’attenzione degli studiosi

una grafia differente da quella accadica e forse utilizzata per rendere un’altra lingua. Si trattava di testi bilingui sumero-

accadici. A questi si aggiungevano le numerose liste lessicali con le letture dei segni sumerici e le corrispondenze

accadiche. Fu solo con lo scavo di Lagaš da parte di de Sarzec alla fine del XIX secolo, tuttavia, che si cominciò ad

5

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

avere un abbondante materiale in quella grafia e in quella lingua ancora sconosciuta. Le scoperte di Lagaš diedero il via

a numerosi scavi clandestini che riversarono sul mercato antiquario migliaia di tavolette sumeriche.

1.4 Lo studio della lingua sumerica

Dalla scoperta delle prime tavolette cuneiformi contenenti passò molto tempo prima che il sumerico. Tra i principali

oppositori all’esistenza di una lingua indipendente fu il semitista francese Halévy che fece numerosi proseliti anche tra

coloro che sarebbero stati tra i più importanti sumerologi. La prima descrizione della grammatica sumerica si deve

1

proprio a un allievo di Halévy, Franz Delitzsch, Grundzüge der sumerischen Grammatik, J.C. Hinrichs, Leipzig, 1914 ,

2

ma è a Arno Poebel, Grundzüge der sumerischen Grammatik, (autoprodotto), Rostock, 1923 , che si deve la prima

grammatica completa e ancora valida nei suoi tratti principali.

Per una storia degli studi e degli scavi si veda S.A. Pallis, The Antiquity of Iraq: A Handbook of Assyriology,

Munksgaard, Copenhagen, 1956. Una introduzione, ampia, alla sumerologia si veda il volume di W.H.P. Römer, Die

Sumerologie. Einführung in die Forschung und Bibliographie in Auswahl. Dritte, aktualisierte Auflage (AOAT 262),

Ugarit-Verlag, Münster, 2012. E. Marsal ha recentemente dedicato due articoli alla storia della sumerologia (The

Beginnings of Sumerology (I), AuOr 32 (2014), 283-297; The Beginnings of Sumerology (II), AuOr 33 (2015), 255-269).

1.5 Grammatiche

Tra le principali grammatiche:

A. Falkenstein, Grammatik der Sprache Gudeas von Lagaš (AnOr 28/29), 3 voll., Pontificium Institutum

• 2

Biblicum, Roma, 1978 [1: 1949-50]

M.-L. Thomsen, The Sumerian Language (Mesopotamia 10), Akademisk Forlag, Copenhagen, 1984

• B. Jagersma, A Descriptive Grammar of Sumerian, Universiteit Leiden, Leiden, 2010

• G. Zólyomi, An Introduction to the Grammar of Sumerian, (autoprodotto), Budapest, 2016

Di natura introduttiva per il lettore italiano è il volume di F. D’Agostino - P. Mander, Appunti di grammatica sumerica,

Aracne, Roma, 2007. Disponibile online anche la dispensa di D. Foxvog, Introduction to Sumerian Grammar, 2016.

Diversi sono gli studi dedicati ad argomenti specifici della grammatica sumerica, tra i più importanti e recenti P.

Attinger, Eléments de linguistique sumérienne. La construction de du /e/di “dire” (OBO Sonderb.), Universitätsverlag

11

/ Vandenhoeck & Ruprecht, 1993, cui si possono aggiungere, tra gli altri, le opere di T.E. Balke, Das sumerische

Dimensionalkasussystem (AOAT 331), Ugarit-Verlag, Münster, 2006; C. Woods, The Grammar of Perspective: The

Sumerian conjugation prefixes as a system of voice (CM 32), Brill, Leiden - Boston, 2008; J.C. Johnson, Unaccusativity

and the Double Object Construction in Sumerian, LIT, Vienna, 2010; solo per citare le monografie.

Di carattere più sintetico e descrittivo diversi volumetti e contributi in opere collettive:

A. Falkenstein, Das Sumerische, Brill, Leiden, 1964;

• D.O. Edzard, Sumerian Grammar (HdO I/71), Brill, Leiden - Boston, 2003;

• J.A. Black - G. Zólyomi, Introduction to the Study of Sumerian, in J. Ebeling - G. Cunningham, Analysing

• Literary Sumerian. Corpus-based Approaches, Equinox, London, 2007, 1-32.

Interessante per il lettore italiano è il contributo di Miguel Civil, Il sumerico, in G.C. Lepschy, Storia della linguistica,

I, Il Mulino, Bologna, 1990, pp. 69-105, l’unico lavoro di sintesi di uno dei più grandi sumerologi esistenti.

Concepito come manuale per autodidatti è il volume di J. L. Hayes, A Manual of Sumerian Grammar and Texts,

Undena, Malibu, 1990.

Una bibliografia completa e aggiornata al 2011 di articoli e volumi dedicati ad aspetti della lingua sumerica è stata

compilata da C. Peust ed è disponibile on-line all’indirizzo: http://www.peust.de/SumerianBibliography.pdf.

2

Il volume di K. Volk, A Sumerian reader , (Studia Pohl SM 18), Roma: 1999 , è una crestomazia di testi sumerici; è

disponibile online.

1.6 Dizionari e glossari di sumerico

Non esiste attualmente un dizionario sumerico. Esistono alcune pubblicazioni di carattere non scientifico, ma il lungo

progetto del dizionario sumerico di Pennsylvania (PSD) dopo i primi volumi pubblicati (A-B) è stato abbandonato ed è

passato alla versione online (ePSD).

Online è disponibile una bozza risalente al 2006 di un progetto di dizionario dell’Università di Lipsia e Monaco

(Sumerischer Zettelkasten), incompleto, ma utile. Un breve glossario creato da D. Foxvog per scopi didattici è

disponibile online (Elementary Suemerian Glossary).

1 https://archive.org/details/grundzgedersum00deliuoft.

2 Nel 2005 la casa editrice Wipf & Stock ne ha pubblicato una riedizione tradotta in inglese a cura di K.C. Hanson (Fundamentals of Sumerian

Grammar). 6

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

1.7 Portali e risorse on-line

Cuneiform Digital Library Initiative (CDLI; http://cdli.ucla.edu) è un portale che raccoglie principalmente

• documenti cuneiformi, fornendone, quando possibile, traslitterazione e fotografia; nel tempo tuttavia il

progetto è andato ampliandosi e arricchendosi di ulteriori strumenti come una wiki, una lista di abbreviazioni e

altro.

electrionic Pennsylvania Sumerian Dictionary (ePSD; http://psd.museum.upenn.edu/epsd/nepsd-frame.html),

• versione online del dizionario sumerico di Pennsylvania.

electronic Text Corpus of Sumerian Literature (eTCSL; http://etcsl.orinst.ox.ac.uk/), corpus online dei testi

• letterari sumerici con traslitterazione e traduzione in inglese.

Open Richly Annotated Cuneiform Corpus (ORACC; http://oracc.org), raccoglie numerosi progetti dedicati

• all’edizione e indicizzazione di documenti cuneiformi, tra cui:

Digital Corpus of Cuneiform Lexical Texts (DCCLT; http://oracc.org/dcclt), progetto dedicato alle

o fonti lessicali;

The Electronic Text Corpus of Sumerian Royal Inscriptions (eTCSRI;

o http://oracc.museum.upenn.edu/etcsri/), dedicato alle iscrizioni reali del III millennio.

la raccolta della letteratura secondaria sumerica (ISSL; http://oracc.museum.upenn.edu/issl/pager).

o

Database of Neo-Sumerian Texts (BDTNS; http://bdtns.filol.csic.es/): database con tutti i testi amministrativi

• neo-sumerici traslitterati, con copie, foto, bibliografia e altro.

1.8 Riproduzione e trasposizione di un testo cuneiforme

1.8.1 Convenzioni di traslitterazione

La resa fonetica in caratteri latini degli ideogrammi e sillabogrammi sumerici prevede il ricorso a un trattino (-) per

unire tutti gli elementi che fanno parte di un nome (dam-gar , e -gal, etc.) o catena, sia essa nominale (dumu-saĝ-lugal-

3 2

la-ke ) o verbale (mu-na-du ). Gli spazi indicano invece una separazione tra i termini. Alcuni termini possono essere

4 3

composti da più segni sebbene la loro lettura equivale a un unico termine (es. ŠIR.BUR.LA = lagaš). Essendo la

scrittura cuneiforme continua nessuno dei due elementi è marcato; si tratta unicamente di convenzioni di

traslitterazione. Ogni elemento separato da un trattino o da uno spazio dai precedenti indica un’unità ovvero un segno.

! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! ! !

u re a ta u an ki bi ta ba an dim ma

4 4 2

u -re-a-ta u an ki-bi-ta ba-an-dim -ma-ba

4 4 2

«In quei giorni lontani, quando il cielo fu separato (lit. fatto) dalla terra» (Enki e Ninmah 1)

d

I segni leggibili ma non interpretabili sono resi in maiuscolo ( ba-U ), ciò significa che si riconosce bene il segno ma

2

non gli si sa dare un valore esatto; più segni leggibili ma non interpretabili sono uniti da un punto (gu-NI.DU). Nelle

vecchie pubblicazioni vi era l’uso di rendere la traslitterazione sumerica in carattere courier (ur- o espanso

d namma)

d

( u r - n a m m a ).

E. Reiner, How We Read Cuneiform Text, JCS 25 (1973), pp. 3-58; si veda anche il manoscritto di I.J. Gelb,

st

Memorandum on Transliteration and Transcription of Cuneiform, presentato al 21 International Congress of

Orientalists, Paris (Chicago, 1948).

1.9 Abbreviazioni

Le abbreviazioni di opere di riferimento, serie e riviste seguono quelle tradizionalmente utilizzate negli studi

assiriologici e che si possono trovare in R. Borger, Handbuch der Keilschriftliteratur, I-III, De Gruyter, Berlin, 1967-

1975, o nella Keilschriftbibliographie della rivista Orientalia; una lista aggiornata delle abbreviazioni si può trovare sul

sito di CDLI ().

/ = interruzione di linea

DAT = dativo

ERG = ergativo

GEN = genitivo

NL = nome di luogo 7

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

NP = nome di persona

ND = nome di divinità 8

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

2 Fonologia

2.1 Vocali

Nella scrittura è possibile distinguere quattro vocali: a e i u

2.1.1 Mutamenti vocalici

2.2 Consonanti

La scrittura distingue quindici consonanti: b d ĝ h k l m n p r s š t z

A queste vanno aggiunti altri fonemi, postulati dagli studiosi, ma non distinti dalla scrittura: i suoni consonantici dr ’ j e

il suono vocalico o. La g è sempre dura; mentre la ĝ è nasalizzata (ng).

La questione della lunghezza di vocali (allungamento) e consonanti (raddoppiamento) è ancora oggetto di discussione e,

soprattutto per quanto riguarda il secondo caso, fonte di confusione. 9

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

3 Il sostantivo

La radice nominale non si distingue morfologicamente da quella degli aggettivi e dei verbi e inoltre non distingue

elementi di genere, numero e classi; tutti questi vengono espressi mediante morfemi suffissi.

3.1 Tipi di formazioni nominali

La maggior parte dei nomi è costituita dalla sola radice:

a “acqua” hur “disegno, tracciato” pu “pozzo”

2

ama “madre” i “olio, grasso” saĝ “testa”

3

bad “muro” i “corso d’acqua” si “corno; protuberanza”

3 7

bur “ciotola” ka “bocca” še “orzo”

da “lato, bordo” kaš “birra” šu “mano”

dam “sposo/a” lil “vento, fantasma” ti “freccia”

2

dub “tavoletta” lu “uomo” tug “veste, tessuto”

2 2

e “edificio, casa, tempio” ma “barca” u “erba”

2 2 2

eme “lingua” mu “nome; anno” ur “cane”

ga “latte” na “pietra” zag “confine”

4

gi “canna” nin “signora” zu “dente”

2

ĝiš “legno, albero” pa “ramo”

altri possono essere ottenuti mediante composti:

3

3.1.1 NOME + NOME

a) il secondo elemento qualifica il primo (pochi):

an-ša “centro del cielo” (CIELO + CENTRO)

3

gu -za “collana” (COLLO + PIETRA)

2

šu-si “dito” (MANO + PROTUBERANZA)

b) il primo elemento qualifica secondo (numerosi; vd. anche composti con nam-, nu-, niĝ -):

2

dumu-saĝ “primogenito” (FIGLIO + CAPO)

eš -kiri “corda per il naso” (CORDA + NASO)

2 3

composti con e “casa”: e -muhaldim “cucina” (CASA + CUOCO), etc.

2 2

3.1.2 AGGETTIVO + NOME

Limitato a gal “grande”, per indicare il capo di un gruppo professionale:

gal-dam-gar “capo dei mercanti” (GRANDE + MERCANTE)

3

gal-nagar “capo dei carpentieri”

NOME + AGGETTIVO

gala-mah “capo dei lamentatori” (LAMENTATORE + ECCELSO)

ki-mah “cimitero, tomba” (LUOGO + ECCELSO)

e -gal “palazzo” (CASA + GRANDE)

2

lugal “re” (LU “uomo” + GAL “grande”)

2

ku -babbar “argento” (METALLO + BIANCO)

3

ku -sig “oro” (METALLO + GIALLO)

3 7

NOME + VERBO

di-ku “giudice” (SENTENZA + TAGLIARE)

5

ki-tuš “residenza” (LUOGO + STARE)

še-ba “razione d’orzo” (ORZO + ASSEGNARE)

zadim “scalpellino” (ZA “pietra” + DIM “fare”)

2

NOME + NOME + VERBO

bur-sum-gaz “mortaio per l’aglio (o cipolla)” (VASO + AGLIACEA + SCHIACCHIARE)

ĝir -gu -šum “coltello da macellaio” (COLTELLO + BUE + UCCIDERE)

2 4

ki-a-naĝ “luogo per le offerte funebri” (LUOGO + ACQUA + BERE)

Tre prefissi sono particolarmente produttivi qualificando il nome che segue

3 La costruzione è asintattica. I due nomi sono giustapposti e non sono in relazione genitivale, infatti non sono seguiti

dalla marca del genitivo (-ak). Formano un’unità e l’aggettivo che segue qualifica l’intero composto, es. ur-saĝ-kalag

“eroe potente”. 10

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

3.1.3 nam-NOME

Indica l’astratto, il concetto o lo status del secondo termine:

nam-lugal “regalità” (NAM + REGALITÀ)

nam-dumu “status di figlio” (NAM + FIGLIO)

nam-ur-saĝ “eroicità” (NAM + EROE)

3.1.4 nu-NOME

Serve a formare nomi di professioni:

nu-banda “ispettore” (NU + MINORE)

3

ĝiš

nu- kiri “giardiniere” (NU + GIARDINO)

6

nu-gig “(una sacerdotessa)”

Si trova a formare alcuni epiteti divini: nu-dim -mud, nu-nam-nir, etc.

2

3.1.5 niĝ -(NOME)-VERBO

2

Il termine niĝ “cosa” si costruisce con un verbo rendendone il concetto astratto:

2

niĝ -ba “dono” (COSA + ASSEGNARE)

2

niĝ -gu “cibo” (COSA + MANGIARE)

2 7

niĝ -mi -us -sa “dote” (COSA + DONNA + SEGUIRE)

2 2 2

3.1.6 Frasi verbali

Si tratta di espressioni frequenti che si sono trasformate in sostantivi:

u -na-a-du “lettera” (lit. “dì!” espressione verbale che chiude il preambolo delle lettere)

3 11

ib -tak “resto” (“lo lascia dietro”)

2 4

mu-DU “entrata” (“è entrato”)

he -ĝal “abbondanza” (“che vi sia!”)

2 2

3.1.7 Nomi di origine non sumerica

Diversi sono i nomi di origine semitica:

dam-gar “mercante” (tamkārum)

3

dam-ha-ra “battaglia” (tamhārum)

maš-gan “insediamento” (maškanum)

2

na-gada “pastore” (nāqidu)

Per altri termini non sumerici è difficile attribuire un’origine.

G. Rubio, On the Alleged “Pre-Sumerian Substratum”, JCS 51 (1999), 1-16; M. Civil, Early Semitic Loanwords in

Sumerian, in M.T. Roth et al., Studies presented to Robert D. Biggs, june 4, 2004, The Oriental Institute, Chicago,

2007, 11-3

3.2 Nomi di persona

3.2.1 Nomi semplici

ka “volpe”

5

3.2.2 Ripetizione di sillaba

da-da, du-du

3.2.3 Costrutti genitivali

Il primo termine è generalmente indicato da uno dei seguenti termini che indica il concetto di “devoto”:

ur-... “servo di ...”

lu -... “uomo di ...”

2

ir /ir -... “servo di ...”

3 11

ĝeme -... “serva di ...”

2

amar-... “vitello di ...”

niĝ (-ga)-... “cosa/proprietà di ...”

2

saĝ-... “testa di ...”

ku -... “tesoro di ...”

3

Il secondo termine può essere costituito da:

d d d d

nome divino: ur- namma, ur- nanše, lu - ba-U , lu -diĝir-ra, ĝeme - dumu-zi

• 2 2 2 2

nome di un tempio, di una struttura o di un luogo sacro: ur-e -an-na, ur-du -ku -ga

• 2 6 3

ĝiš

nome di un oggetto sacro: ur- gigir

• 11

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

ki ki 4

un nome di luogo (con lu ): lu -ma -gan , lu lagaš

• 2 2 2 2

Uno sviluppo di questi nomi è l’ipocoristico in cui il primo termine è omesso per i quali è ipotizzata l’aggiunta del

d

verbo essere ĝal (es. en-lil -la “(egli) è di Enlil”). In altri casi quest’ultimo è chiaramente espresso dal segno finale -

2 2 2 d

kam (GEN -(a)k + COP -am; es. šara -kam “egli è di Šara”). Una formazione particolare prevede l’uso del pronome

2 d

possessivo espresso dal segno -na (POSS -ani- + GEN -ak; ba-U -na “(egli è) della sua BaU”).

2

3.2.4 Costruzioni verbali, 1: frasi nominali

La frase nominale è espressa tramite la giustapposizione di due termini:

d utu-he-ĝal “Utu è abbondanza”

2

d nanna-ur-saĝ “Nanna è un eroe”

una variante prevede l’aggiunta del possessivo -ĝu (MU):

10

d šul-gi-zi-ĝu “Šulgi è la mia vita”

10

lugal-diĝir-ĝu “il re è il mio dio”

10

frequente è la particella nominalizzante /a/:

4 È difficile determinare quando questo termine indichi un nome proprio o un epiteto. Si noti il ricorso nelle iscrizioni

ki 5ki

reali all’espressione “l’uomo di ...” seguito dal nome della città (lu -umma , Ukg 16: 1, 86; lu -urim , Utu-heĝal 1: 7)

2 2

per indicare il re nemico evitando di menzionarne il nome. 12

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

d

a-kal-la “il padre è importante” šara -zi-da “Šara è fedele”

2

ab-ba-sa -ga “il padre è favorevole” lugal-du -ga “il re è buono”

6 10

3.2.5 Ipocoristici e

H. Limet, L'anthroponymie sumérienne dans les documents de la 3 dynastie d'Ur, Les Belles Lettres Paris, 1968;

cf. la recensione di G.R. Castellino in RSO 44, (1969), 164-168; D.O. Edzard, Zur Namen gebung der

neusumerischen Zeit, ВiОr 28 (1971), 163-167; G. Pettinato, Die sumerischen Personennamen der 3. Dynastie von

Ur. Kritische Bemerkungen zum Buche H. Limets, OA 10 (1971), 1-19.

Per i nomi semitici cf. M. Hilgert, Akkadisch in der Ur III-Zeit (IMGULA 5), Münster, 2002.

3.3 La catena nominale

In sumerico tutti gli elementi che qualificano un termine sono espressi in forma di marche o morfemi che si aggiungono

direttamente al termine formando un blocco unico definito catena nominale. L’ordine degli elementi all’interno della

catena nominale è fisso.

1. In testa alla catena sta il nome, che può essere reduplicato;

2. seguito dall’aggettivo;

3. se il nome regge un genitivo, la catena nominale di quest’ultimo si inserisce dopo l’aggettivo ed è chiusa dalla

marca del genitivo (-ak-);

4. segue la marca del possessivo,

5. quella del plurale (-ene-) per i nomi della classe A;

6. chiude la marca del caso o della copula o entrambi.

NOME AGG (GEN) POSS (PLUR) CASO (/COP) (COP)

1 2 3 4 5 6 (7)

diĝir-ra-ni-ra

«al suo dio»

diĝir ani ra

NOME POSS DAT

1 4 6

ki

lugal-kal-lagaš -ke 4

«il re potente di Lagaš»

lugal kal lagaš-(a)k e

NOME AGG GEN ERG

1 2 3 6

dumu-ne-ne-da

«con i suoi figli»

dumu ani ene da

NOME POSS PLUR COM

1 4 5 6

3.4 Aggettivo

L’aggettivo segue direttamente il nome che qualifica; occupa la seconda posizione (2) della catena nominale e precede

qualsiasi altro infisso. Unica eccezione ku , che può precedere il sostantivo. In una catena nominale vi è un solo

3

aggettivo, che può occasionalmente essere ripetuto (vd. sotto).

Molti aggettivi presentano il suffisso nominalizzante o subordinante -a e in generale è difficile determinare una

distinzione tra radici di verbi di stato e aggettivi.

3.4.1 Reduplicazione dell’aggettivo

Alcuni aggettivi possono essere reduplicati. In generale ciò può esprimere: 13

Verderame, Appunti di lingua sumerica e scrittura cuneiforme, Sapienza a.a. 2016-17

a) intensità (in particolare con aggettivi legati a colore o luce),

b) plurale del nome che qualificano.

ki

uru -kug-kug-ga-am «le città sono sante» (Enki e Ninhursaĝa 1)

3

3.5 Costruzione genitivale

Una costruzione genitivale è composta da un reggente e un retto (es. “il cane del re”: cane = REGGENTE, del re =

RETTO). In sumerico il rapporto genitivale è espresso da una catena nominale (RETTO) inclusa nella catena nominale

(REGGENTE). La catena nominale del retto è inserita in posizione 3 nella catena nominale del reggente; comincia con

il nome ed è chiusa dalla marca del genitivo -ak. Una catena genitivale composta da più elementi rispetterà la stessa

regola per cui il primo reggente ingloberà nella posizione 3 la catena nominale del primo retto; quest’ultimo è a sua

volta reggente del secondo retto e ne ingloberà la catena nominale in posizione 3 e così via. Indicando con A, B e C

altrettante termini in rapporto genitivale, avremmo: ak ak

A1 - A2 - A3 {B{C} } - A4 - A5 - A6 - A7

A1 NOME B1 NOME C1 NOME

A2 AGG B2 AGG C2 AGG

(B) (C)

A3 GEN B3 GEN C3 GEN

A4 POSS B4 POSS C4 POSS

A5 PLUR B5 PLUR C5 PLUR

A6 CASO ak ak

A7 COP la casa del figlio del re

reggente retto

NOME NOME (ak)

reggente retto

NOME NOME

e - dumu- lugal-ak-ak

2

Assimilazione della /a/: dopo una vocale la /a/ è assimilata

Caduta della k: la /k/ è resa di norma solo se seguita da una vocale,

d d

nin-ĝir -su(-ak) “il signore di Ĝirsu”, nin-ĝir -su-ke (NOME+NOME+GEN+ERG, nin + ĝirsu + (a)k +e).

2 2 4

d nin-ĝir -su(-ak)

2

“il signore di Ĝirsu”

d nin ĝir su ke

2 4

nin ĝirsu ak e

NOME NOME GEN ERG

Significato: specificazione e possesso. In quest’ultimo caso nota le costruzioni senza reggente, ma con copula, es.

d nanše-kam (NOME + GEN + COP /nanše-(a)k-am) “(egli) è di Nanše”. d

Nomi divini nin-/en-: molti dei nomi divini composti con en-/nin- + nome sono costrutti genitivali, nin-tu(r) “signora

d

delle nascite (nin “signora” + tu “partorire”); en-ki “signore della terra” (en “signore” + ki “terra”; ergativo: en-ki-ke ).

4

Nelle costruzioni verbali infinitivali il genitivo può fare le veci dell’agentivo, rimpiazzando l’ergativo (N1 R-a N2 -ak).

ESEMPI

dumu-ensi -lagas(a){ki}-ka-ke

2 4

NOME + NOME + NOME + GEN + GEN + ERG

nam-ti-ensi -lagas(a){ki}-ka-še

2 3

NOME + NOME + NOME + GEN + GEN + TERM

gu -edin-na-{d}nin-ĝir -su-ka-ka

2 2

NOME + NOME + GEN ((a)k) + GEN (ak) + LOC (-a)

«Nel Gu'edena di Ninĝirsu» (Gudea Cil. A 367)

e -diĝir-gal-gal-e-ne-ka

2

NOME + NOME + AGG + PLUR + GEN + LOC 14


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

30

PESO

1,001.98 KB

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze archeologiche
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher bhagwati.mbb di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Introduzione alla lingua accadica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Verderame Lorenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze archeologiche

Riassunto esame Storia Greca, prof. Guizzi, libro consigliato Manuale Storia Greca, Bettalli, d'Agata, Magnetto
Appunto
Riassunto esame Archeologia greca, prof. Lippolis, libro consigliato Archeologia greca
Appunto
Appunti Archeologia Medievale
Appunto
Riassunto esame Archeologia e storia dell'arte del Vicino Oriente antico, prof. Pinnock, libro consigliato Archivi reali di Ebla, Matthiae
Appunto