Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

“Prevedibilità”: ci e state due interpretazioni:

-criterio della prevedibilità in astratto: data dalla giurisprudenza:

significa prevedibilità in astratto, tra reato base e reati ulteriori ci deve essere una parziale

omogeneità di carattere sostanziale: bisogna andare a vedere sul codice se c’è un rapporto di affinità

tra le fattispecie:

Es bisogna vedere se sono affini la programmazione di un furto se si trasforma in rapina la lesione o

minaccia c’è un’ omogeneità del carattere sostanziale.

Es il furto non può trasformarsi in violenza sessuale o sequestro di persona .

Quindi la prima interpretazione si occupa della somiglianza strutturale delle norme(omogeneità

strutturale)

-applicata nella letteratura: non importa questa valutazione in astratto ma bisogna vedere in

concreto chi erano le persone, le circostanze di fatto, il luogo e la persona, se le persone si

conoscevano.

Es:se si sapeva che tra il gruppo c’ era un molestatore. Quindi si poteva prevedere in concreto che

si sarebbe potuto verificare in concreto tale reato.

Non si può affermare che una teoria sia più favole dell’ altra.

Comma 2: fattispecie plurime :vita e integrità fisica.

C'è una rissa, uno muore e io che passo da li finisco in mezzo alla rissa e vengo arrestato perché

partecipo alla rissa.

In relazione all’ art 27 costituzione ci possono essere delle perplessità: c’ è una violazione del

principio di colpevolezza secondo le interpretazioni della corte cost.

La corte costituzionale non ha tolto la norma ma afferma che chi partecipa ad una rissa é

consapevole che potrebbero esserci seri danni alla collettività, quindi il soggetto sicuramente

prevede che dalla rissa possono derivare gravi danni.

LA RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE GIURIDICHE:

L’ introduzione della responsabilità da reato dalle persone giuridiche è qualcosa si relativamente

nuova nel nostro sistema : decreto legislativo 2001.

I modelli tranieri sono stati molto importanti e hanno influenzato molto il mostro legislatore.

Nel panorama straniero il principio della responsabilità penale è adottato nella maggior parte dei

sistemi del mondo europei, extraeuropei ,asiatici ,americani.

I modelli adottati sono molto diversi da loro.

Vediamo due modelli nei particolari:

-modello statunitense:é un modello molto evoluto di responsabilità penale per i criteri di

attribuzione della responsabilità perché in questo sistema viene costruita una figura di colpevolezza

delle persone giuridiche distinta e autonoma rispetto a quella delle persone fisiche che la

compongono.

Non si utilizzano le categorie tradizionali che vengono utilizzate per spiegare la colpevolezza delle

persone fisiche.

É innovativo e particolare anche per le sanzioni e i criteri commisurazione delle sanzioni: per essere

applicate alle persone giuridiche seguono dei particolari criteri di commisurazioni che sono calate

all’ interno delle organizzazioni e delle linee di governo interno della persona giuridica.

Sono poi modelli molto evoluti perchè é stato studiato un meccanismo di prevenzione dei reati della

persona giuridica completamente nuovo che tiene conto dei meccanismi decisionali interni, di

potere e di organizzazione interna delle persone giuridiche.

-modello francese:ci sono modelli strutturati in modo meno evoluto perché la colpevolezza segue i

modelli delle persone fisiche, non ci sono metodi di prevenzione dei reati particolarmente nuovi o

commisurazioni delle pene di tipo originale.

C e un collegamento con le persone fisiche.

MODELLO STATUNITENSE:

Corporate criminal diability : La responsabilità penale delle persone giuridiche é nata nella prassi e

si é radicata nella legislazione.

La prima sentenza che condanna le persone giuridiche risale al 1909.

Ci sono vari criteri e nel corso degli anni sono emersi vari modelli di responsabilità penale delle

persone giuridiche, il più importante é solo uno in cui le particolarità derivano dal contenuto e la

trattura della colpevolezza.

Fino agli anni 70 la struttura della persona giuridica era molto semplice.

Dopo gli anni 70 fino agli anni 90 abbiamo un evoluzione (grande riforma del 2004)

Quali sono le persone giuridiche che rispondono penalmente?

Praticamente rispondono tutte: Le organizzazioni rispondono penalmente negli stati uniti.

In particolare rispondono: SPA, società di persone, sindacati ,fondazioni ,trust, fondi di pensione,

comitati ,associazioni non riconosciute ,enti pubblici non governativi e no profit

“Organization”:praticamente tutte le persone giuridiche.

In Italia invece non tutte le persone rispondono ma ci sono delle eccezioni

Per quali tipi di reati un organaisation risponde?

Qui possono essere adottate varie tecniche:

Es ci sono dei codici (es finlandese) che non fanno equiparazioni tra persone fisiche o giuridiche:

può essere una scelta di politica criminale in cui ce l’ equiparazione tra persona fisica e giuridica:

certo ci sono delle questioni che sono caratterizzate dalla natura delle cose che e quindi sono

strettamente e ontologicamente non riconducibili alla persona giuridica (es incesto o bigamia).

No la violenza sessuale: es l’università assume un maniaco sessuale per insegnare.

Un altra tecnica è quella dell’ equiparazione , quella dell’ ELENCO:

Elenco dei reati per cui la corporation rispondere penalmente.

Nel 1991 con una legge (guide lines) sono stati messi su carta in usa i reati punibili a causa di

responsabilità penale delle persone giuridiche.

C’ è un elenco talmente grande e smisurato da far riferimento a quasi tutte le fattispecie di reato che

possono essere commesse dalle persone fisiche. (chi risp,criteri di imputazione,sanzioni).

Il criterio tradizionale é molto semplice e poco sfaccettato e consiste nel trasportare nel terreno

penalistico la regola civilista del respondeat superior. Successivamente dopo gli anni 70 la

responsabilità non si basa più solo su requisiti di tipo oggettivo ma bisogna aggiungere il

presupposto della colpevolezza (responsabilità vicaria ) la persona giuridica risponde quando un

reato (della lista) é commesso da:

-rappresentante-“agent” della persona giuridica

-che ha agito nell’ esercizio delle funzioni che le sono state appuri unite:scope of emploiment.

-che ha agito allo scopo di recare vantaggio alla persona giuridica (intent to benefit the corporation)

Problema: ma questo agent chi é ? è il grande dirigente che ha deciso le politiche dell impresa, l

amministratore delegato o chiunque ha compiuto il fatto?

La giurisprudenza ha deciso per una massima estensione del concetto di agent: non solo impegna il

massimo dirigente ma chiunque svolge una attività a qualunque livello della scala gerarchica dell’

impresa : per cui anche o operaio, l autista, qualunque soggetto, non solo i vertici che esprimono le

linee generali di politica organizzativa ma anche i subordinati.

In ogni caso il soggetto deve aver agito nell’ ambito delle funzioni che gli sono state delegate :

qui c’è un interpretazione molto rigorosa perché il concetto di agent é un concetto molto ampio però

il soggetto deve aver agito nell’ ambito delle funzioni precise che gli sono state attribuite e non deve

essere uscito dalle funzioni date.

Es: se il pilota lavora due ore in più e fa un incidente aereo allora l impresa non risponde ma

risponde la persona fisica che volontariamente è uscita dalle sue funzione e dal contratto dell’

impresa.

Questi sono tutti criteri di imputazione oggettiva. Il soggetto deve aver agito allo scopo di recare

vantaggio alla persona giuridica:

es :se viene assunto uno che fa il doppio gioco che cerca di avvantaggiare la concorrenza é chiaro

che il reato da lui commesso non ricade sulla persona giuridica. (questi sono tutti elementi che

vanno dimostrati) .

Questo vuol dire che il soggetto può anche aver agito per un proprio interesse ma sullo sfondo ci

deve essere sempre il vantaggio della persona giuridica.

Questa é la costruzione base da cui scaturisce la responsabilità delle imprese in america fino agli

anni 70.

Dagli anni 70 cominciano le critiche: questo modello di responsabilità penale che si basa su modelli

di imputazione solo oggettivi non basta perchè non si basa sul principio di colpevolezza:questo é un

modello carente di soggettività dell’ azione.

La colpevolezza della persona giuridica non esiste?

Quando si parla di responsabilità penale delle persone giuridiche si decide di costruire una

responsabilità penale senza colpevolezza o il modello va perfezionato? Il modello va perfezionato.

Come si costruisce questo modello di colpevolezza della persona giuridica?

Negli anni ci sono state varie ipotesi:

-nei primi tempi è stato proposto il modello della ratification o consent per parlare della

colpevolezza delle persone giuridiche:

La colpevolezza emerge quando la condotta criminosa non é un fenomeno isolato ma dura da molto

tempo, è un comportamento ripetuto nel tempo, è direttamente collegata alle funzioni attribuite ai

suoi enti per cui si deve ritenere che se questo comportamento criminoso della persona che

compone la persona giuridica non é un fatto isolato ma si ripete nel tempo si deve ritenere che la

persona giuridica abbia dato il consenso e abbia ratificato questo comportamento: non c’è la prova

ma una presunzione:tale teoria non ha funzionato.

-é stato anche utilizzato dalla giurisprudenza inglese: modello della colpevolezza collettiva:

“collettiv intent” :la colpevolezza della persona giuridica e uguale alla somma delle colpevolezze

dei singoli soggetti che la compongono.

In una banca se tizio conosce un particolare dell’ azione criminosa e un altro soggetto ne conosce

un altro aspetto e così via si denota che la responsabilità é della persona giuridica.

C’ é una fissazione nell’ utilizzo dei criteri utilizzati per le persone fisiche verso le persone

giuridiche.

Non ha funzionato:ci sono pochissime sentenze sul punto.

-è emersa la costruzione strutturale che si basi su come é fatta l’ organizzazione agganciata a come

é costruita l’ impresa:l’ approccio antropomorfico non ci serve(bisogna staccare persone fisiche e

giuridiche). In effetti anche la persona giuridica ha un carattere , ha una personalità, un etica: ció

deriva dalle scelte di politica d’ impresa, scelte che condizionano le inclinazioni delle persone che

condizionano le linee di organizzazione interna ed i controlli.

Dalle scelte c’ è questa organizzazione interna da cui emerge se una persona giuridica é sensibile a

regole etiche o non lo è, se vuole conformarsi all’ etica sociale oppure pensa che sia meglio la

massimizzazione dei profitti, per cui deve superare certe cautele.

Sono scelte di politica di impresa per cui nascono questi nuovi termini:

“Corporate caracter teory”: la giurisprudenza inizia ad affermare che certe scelte derivano dall’

esercizio del carattere dell’ impresa.

La responsabilità della persona giuridica si ha quando questo carattere o patos dell’ impresa induce i

suoi agenti a commettere i reati. Quindi lo svolgimento dei processi decisionali interni o le politiche

e tecniche di controllo per assicurare il rispetto di questi programmi farà nascere la personalità e da

qui si analizzerà la colpevolezza.

Una persona giuriridica é colpevole quando le sue strategie, strutture e procedure, che sono

specchio del suo carattere, sono la causa del comportamento antigiuridico realizzato per suo conto

dai sui agenti.

Quali sono le sanzioni previste negli stati uniti per le organization?

C’è un arsenale sfaccettato perchè ci sono degli intenti diversi.

La più importante é la pena pecuniaria: fines.

Poi ci sono altre sanzioni:risarcimento, restitution, ordine di ripristino, community service(lavoro a

favore della comunità), avviso alle vittime del reato, insieme di sanzioni diverse,avvers pubblicity.

Solitamente si accosta una pena pecuniaria ad una l'altra sanzione: quindi abbiamo una pena a

carattere risarcitorio e una che non porti al compimento di un nuovo reato.

La legge federale, che è stata modificata nel 2004, dà le indicazioni sulle finalità delle sanzioni alle

persone giuridiche.

Quali sono i fini della pena per le persone giuridiche?

La pena quale scopo deve conseguire?

1)si parla di scopo retributivo:gli usa vedono la retribuzione come fine dominante anche per le

persone fisiche, non è un sistema come il nostro che ha di mira la rieducazione, questione di

carattere culturale.

Le pene per le persone giuridiche devono essere giuste e perfettamente adeguate alla gravita del

reato e alla colpevolezza della persona giuridica, tanto che esiste una sanzione pesante che si

chiama “incapatitation” prevista per le persone giuridiche che hanno agito principalmente per la

realizzazione di scopi criminosi o che hanno agito principalmente con mezzi criminosi: si può

privare la persona giuridica di tutte le sue risorse economiche.

Es: un’ organizzazione mafiosa che si introduce in una persona giuridica lecita e agisce con lo

schermo di liceità della persona giuridica viene completamente azzerata di questa sanzione che la

priva di qualunque sua risorsa economica.

L’ organizzazione si chiude: ci sono state anche molte critiche perchè sanzioni di questo tipo

possono avere effetto su persone terze innocenti:

es lavoratori , consumatori o pubblico che non hanno contribuito alla realizzazione del reato.

2)le pene applicate alla persona giuridica devono realizzare la finalità preventiva, cioé bisogna far si

che la pena distolga le persone giuridiche dalla commissione di reati giuridici: qui funziona in un

modo diverso dalle persone fisiche perché vengono adottate delle tecniche incentivanti:

c'è la minaccia di una pena molto grave ma la pena é fortemente diminuita o addirittura esclusa se la

persona giuridica dimostra d’ aver adottato nel suo interno dei particolari programmi di

contenimento dei reati che si sono dimostrati efficaci:allora in quel caso il pm può decidere di non

far partire la pena o può diminuirla anche e fino al 95%.

Questo ha condizionato fortemente il nostro sistema.

A questo punto qualsiasi persona diligente adotta i “complaiars program” :programmi di autotutela:

Essi devono promuovere una cultura nel’l organizzazione che incoraggi la realizzazione di condotte

eticamente orientate e che garantisca il rispetto della legge.

Elementi principali:

-deve rispettare la grandezza dell’ organizzazione

-deve tener conto del tipo di attività svolta

-bisogna tener conto dell’ area di rischio dei reati:quali sono i reati più facilmente commissibili da

questa tipologia di impresa.

Ci sono perlomeno 7 requisiti che devono essere rispettati:

-la persona giuridica deve aver costruito modelli e procedure che siano in grado di ridurre

comportamenti criminosi.

-problema della scelta dei vigilantes:i soggetti appartenenti al personale di alto livello devono essere

destinati alla supervisione di usto programma.

-selezione dei dipendenti:la persona giuridica deve usare le cautele necessarie per non attribuire

alcun potere discrezionale a soggetti che manifestano un inclinazione a commettere reati e sul cui

conto la persona giuridica avrebbe dovuto essere informata: propensione a delinquere.

-tecniche di informazione pedagoghe:misure finalizzare a comunicare efficacemente le proprie

procedure e modelli a tutti i propri dipendenti:regole semplici chiare formulate a secondo dei

destinatari.

-i meccanismo di controllo:la persona giuridica deve aver adottato misure adeguate allo scopo di

far applicare tali misure: commissioni che arrivano di sorpresa, ogni 15 giorni a seconda del tipo di

attività per controllare che questi programmi vengano applicati.

Problema:

-la persona giuridica deve predisporre e pubblicizzare un sistema di informazioni con cui il

personale dell’ impresa può denunciare ufficialmente la commissione di reati realizzati all’ interno

della persona giuridica senza poter essere sanzionata: incentivazione alla delazione.

Es:se un dipendente è a sconoscenza di un comportamento illecito o cmq contrario ai principi etici

della compagnia la società pone delle facoltà per comunicare tale informazione ai dirigenti.

-apparato disciplinare:in c. p. che funziona delle avere un apparato sanzionatorio :devono essere

previsti dei provvedimenti disciplinari:

es: ammonizione, nota di demerito, retrocessione di grado, licenziamento, rimborso dei danni.

-dopo la scoperta di un reato l’ organizzazione deve prendere tutte le misure necessarie per reagire

in modo appropriato e per evitare la recidiva comprese le modifiche necessarie al programma:

collaborazione con l autorità giudiziaria:più un soggetto collabora con la giustizia minore sarà la

pena.

MODELLO FRANCESE

Il sistema statunitense si mostra come un sistema evoluto se si parla di responsabilità delle persone

giuridiche per i criteri di imputazione non sul sul piano oggettivo ma anche sul piano soggettivo

ha ispirato il legislatore italiano insieme all’ influenza di altri sistemi più tradizionali:

uno di questi è il sistema francese.

Il codice penale francese vigente è recente:1994.

In questo codice una delle innovazioni più interessante é la seguente: nella parte generale del codice

ce una sezione sulla responsabilità penale della persone giuridiche.

Viene considerata la persona giuridica come autrice di reati penale: quindi l’ autore francese mette

sullo stesso piano il reo persona fisica e giuridica.

Cosa dice la norma principale: le persone giuridiche, ad esclusione dello stato sono penalmente

responsabili per gli illeciti commessi per loro conto dai loro rappresentanti: essa non esclude la

responsabilità delle persone fisiche che abbiano compiuto il fatto.

La responsabilità delle persone giuridiche passa attraverso quella delle persone fisiche:

non c'è un imputazione diretta alla persona giuridica.

Per quanto riguarda le persone giuridiche soggette alla legislazione penale il legislatore ha preso in

considerazione solo le persone giuridiche dotate di personalità giuridica le quali sono le uniche a

poter essere responsabili.

Ci sono delle esclusioni:lo stato ha la potestà punitiva e sarebbe contraddittorio punirlo.

Per quali reati possono essere punite?: "Per i casi previsti dalla legge e dall' ordinamento" segmento

della norma precedente :nel sistema francese anche il regolamento é fonte penale (nel nostro

ordinamento c'è la riservati legge).

Il codice penale francese non adotta l’ elenco dei reati ma nella sua formulazione del 1944 adotta il

principio di specialità:bisogna andare a vedere legge per legge quando la persona giuridica

risponde.

Questa e stata una legge complessa che ha creato dei problemi di applicabilità(in Italia prima si

applicava il principio di specialità, adesso le persone giuridiche sono responsabili per quasi la

totalità dei reati).

Il codice francese pur adottando il principio della responsabilità delle persone giuridiche é indietro

rispetto alle tecniche legislative per la disciplina del criterio di imputazione.

La norma dice che le persone giuridiche sono responsabili penalmente degli illeciti commessi per

loro conto (pur cont): mentre quando abbiamo studiato gli usa abbiamo visto che ci sono criteri di

imputazione oggettive e soggettivi che colpiscono direttamente la persona giuridica la quale può

rispondere anche se non è materialmente individuata la persona fisica.

Nelle società moderne con la divisione del lavoro orizzontale é difficile individuare la persona

fisica, per cui si può individuare il nesso di causalità tra persona fisica e persona giuridica e danno

ma é difficile provare la sua colpevolezza(reato di inquinamento :le vittime si manifestano solo

dopo molti anni).

È molto importante colpire la persona giuridica perchè il danno proviene da una cattiva gestione

della persona giuridica. Bisogna avere criteri di imputazione tali che consentano di colpire la

persona fisica se il comportamento é commesso solo da lei o anche la persona giuridica o entrambe

se ce un cumulo di responsabilità .

La post modernità richiede dei criteri imputazione e delle tecniche nuove che tengano conto di tutto

questo. Il sistema francese non dà questa soluzione perché per colpire la persona giuridica bisogna

accertare il reato in capo alla persona fisica:l’ effetto oggettivo e soggettivo del reato deve essere

accertato in capo alla persona fisica e poi di rimbalzo si prova il nesso di causalità con la persona

giuridica e la sua cattiva amministrativa.

Quindi se non si riesce a provare la responsabilità della persona fisica non si riuscirà a provare la

responsabilità della persona giuridica.

Nn c’è una struttura gerarchica delle azione (teoria di Max Weber) il comando dell’ organizzazione

e il controllo partono dall’ alto con linee di gestione che si diramano verso il basso:ci sono linee

semplici e chiare.

Adesso questa responsabilità non é intesa in senso verticale:non é possibile spesso individuare la

responsabilità del singolo perchè magari si individua il nesso di causalità tra il comportamento del

singolo e danno ma non si riesce a provare la colpevolezza.

C’è il rapporto materiale ma non c’è la consapevolezza allora dal punto di vista delle azioni di

politica criminale bisogna colpire direttamente la persona giuridica. I francesi poi hanno superato

tale concezione con la giurisprudenza sensibile alle esigenze di politica criminale:sentenze che

hanno colpito direttamente la persona giuridica.

Il codice francese ha previsto il cumulo delle responsabilità(ripreso in Italia) la responsabilità delle

persone fisiche non esclude quella delle persone giuridiche.

SISTEMA ITALIANO:

Era necessaria una riforma:

Pressione europea:La disciplina della responsabilità delle persone giuridiche é il banco di prova di

coordinazione e coordinamento di tutti i sistemi della comunità europea:

nel 1988 è stata inviata una raccomandazione dal consiglio d’ Europa che premeva per compiere

dei regimi di responsabilità delle persone giuridiche.

Politica criminale:Pericolosità e dannosità del reato d’ impresa, autori del reato, spostamenti dei fini

del diritto penale dalla repressione alla prevenzione.

Ce uno spostamento delle finalità del diritto penale attuale:bisogna prevenire e non aspettare che il

danno si compia.

Tutte queste situazioni + una legge delega del 2000 hanno portato alla riforma.

Ce anche un precedente interessante: c’ era un progetto di riforma del della parte generale del

codice penale (progetto Grosso 200o) che nn é entrato in vigore.

Dlgs 231/2001: 25 articoli che si occupano del sistema della responsabilità della persona giuridica e

delle procedure.

Quali sono i problemi?

-la natura giuridica di questa responsabilità: punto ritenuto cruciale sopratutto dagli esponenti della

dogmatica. E una responsabilità penale, amministrativa ,si trova ai confini del diritto penale:

c’è qualcosa che si trova nel diritto penale ma con una struttura molto diversa.

Il dlgs parla di responsabilità amministrativa che si distacca in più punti dal regime base della

responsabilità amministrativa che troviamo nella legge 689/1981.

La relazione che accompagna la legge non parla di responsabilità penale ma dice che questo é un

“tertium genus” che colloca gli elementi essenziali di responsabilità penale e amministrativa per

mantenere la massima tutela e cerca di mettere insieme il meglio del diritto penale e amministrativo

per esigenze preventive e garantistiche.

Alcuni affermano che sia una responsabilità penale a tutti gli effetti con una dicitura amministrativa

e a favore di questa impostazione ci sono due argomenti:

-il collegamento diretto e non solidale della responsabilità dell’ ente con la commissione del reato

-il procedimento è demandato completamente al giudice penale che si avvale di tutti gli strumenti

coercitivi del diritto penale.

Altri dicono che questa é una responsabilità amministrativa perchè è chiamata così ,quindi ci

saranno delle motivazioni:

es :la disciplina della vita dell’ ente (fusione scissione prescrizione) seguono il diritto

amministrativo.

La cassazione sembra aver affermato che sia una responsabilità amministrativa:cmq una

responsabilità da reato che presenta dei caratteri fondamentali di tipo penalistico e per la peculiarità

del suo destinatario adotta degli strumenti che derivano anche dal diritto amministrativo.

Per quali reati é responsabili la persona giuridica?

Ci sono varie tecniche:

-equiparazione (codice olandese)

-principio di specialità(codice francese)

-lista :con il decreto legislativo del 2001 é stata prevista solo per tre tipici reati:

corruzione, concussione e truffa aggravata.

Con il tempo questa gamma di reati si é ampliata.

Quali sono i destinatari della disciplina?

Art 1 dlgs : Si applicano agli enti forniti di personalità giuridica e alle società e associazioni anche

prive di personalità giuridica:tutti son responsabili.

E’ stata seguita l'impostazione più moderna:il superamento della distinzione si é cristallizzato in

questa norma.

Ma ci sono delle eccezioni: stato, enti pubblici territoriali,enti pubblici non economici, enti che

svolgono funzioni di rilievi costituzionali (partiti politici e sindacati).

Principio di legalità e principio di irretroattività si applicano anche in questa materia.

Art 2 dlgs:principio di legalità , disciplina del favor rei e irretroattività.

Problema: in relazione ai principi costituzionali tale responsabilità non viene chiamata

responsabilità penale perchè ci sarebbe un eccezione di incostituzionale dell’ art 27 della

costituzione in quanto la responsabilità penale é PERSONALE.

L’uomo ha una sua storia personale a cui si può attribuire il comportamento quindi può essere

rieducato.

Il concetto di colpevolezza riguarda solo le persone fisiche e presuppone un uomo con una sua

storia personale capace di comprendere e che possa soffrire :fascio di situazioni umane in cui

avviene o illecito.

Quali sono i Criteri di imputazione per le persone giuridiche ?

Influenza del sistema nord americano:

-criterio oggettivo :art 5: L’ ente è responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo

vantaggio da persone che rivestono funzioni di rappresentanza o amministrazione , persone

sottoposte alla direzione o vigilanza dei primi.

Qui c’è una doppia parificazione:ci sono delle persone che commettono dei reati nell’ interesse o a

vantaggio dell’ ente allora l’ ente risponde, sono persone che occupano un ruolo di vertice da un

punto di vista giuridico di diritto(dirigenti di diritto) ma anche quelli che lo sono di fatto.

Contrapposizione tra teoria formale o funzionale:

chi é responsabile il dirigente di fatto o di diritto? Qui viene accolta la teoria funzionale.

Ha la responsabilità non sono chi é investito di quelle funzioni ma chi le esercita di fatto.

Risponde non solo il soggetto in posizione verticistica ma anche tutti gli altri collocati agli strati

inferiori della scala gerarchica(influenza del sistema nord americano).

Duplice equiparazione tra gestione di diritto e di fatto e tra vertici e subornati.

L’ente non risponde se le persone indicate nel comma precedente hanno agito solo per il proprio

interesse o per l’interesse di un terzo (se manca l intent to benefit la persona giuridica nn risp):

Qui nn troviamo il rapporto di immedesimazione tra soggetto e ente che fa scattare i criteri di

imputazione oggettivi.

Cosa vuol dire nell’ “interesse esclusivo”?:vuol dire che basta un motivo:che uno può aver agito

anche nel proprio interesse ma nel suo comportamento ci deve essere un’ azion eper il profitto della

persona giuridica.

–criterio soggettivo: troviamo due criteri tipici colpevolezza art 6 o 7 dlgs:

criteri di imputazione soggettiva.

Art 6-7 agganciano la responsabilità della persona giuridica a requisiti idonei a formulare un

principio di colpevolezza.

Il modello di colpevolezza dell’ ente prescritto è destinato ad adempiere sia nell’ art 6 e 7 un azione

preventiva : si richiede alla persona giuridica di predisporre dei sofisticati modelli organizzativi

destinati ad impedire la commissione del resto e se la persona giuridica ha attuato tali modelli può

essere esclusa dalla responsabilità altrimenti dovrà scontare la pena.

(*Art 6:causa di esclusione di colpevolezza:l’ ente non risponde se prova che organo dirigente ha

attuato questi modelli organizzativi idonei a prevenire i reati.).

Abbiamo due forme di colpevolezza

-art 6:colpevolezza verticistica che deriva da politiche di impresa.

E’ stata prevista un’ inversione dell’ onere della prova: il dirigente deve provare la sua estraneità

del reato e deve dimostrare che sono stati introdotti questi modelli e dei meccanismi di controllo e

gestione che siano efficaci. Più altre cause.

“Efficacia”:la giurisprudenza ha dato delle indicazioni: efficace non vuol dire onnipotenza:non si

prevede che il modello organizzativo della persona giuridica sia in grado di impedire la

commissione del reato ma deve essere formulato in modo razionale ed adeguato alle capacita

delinquenziali della persona giuridica.

Deve essere formulato in relazione alla ampiezza e alla complessità della persona giuridica, deve

tener conto delle attività svolte e delle aree di rischio di reato che possono essere commessi da

quell’ impresa.

Ci sono formazioni che si sono occupati in questi ultimi anni della creazione di modelli

organizzativi per la società:ce un vero teem.

-Art 7:si occupa della responsabilità della persona subordinata a cui è stato dato o incarico di

compiere il comportamento.

Analisi dei criteri di imputazione soggettiva alla persona giuridica:

Dlgs 231/2001 struttura due forme di colpevolezza:

dell’ organizzazione a seconda che il reato sia commesso dai vertici o dai sottoposti

1)art 6: Colpevolezza verticistica che deriva dalle scelte di politica d impresa.:è previsto un

inversione Dell onere della prova:qualora il reato venga commesso da un dirigente deve essere

integrato il requisito della colpevolezza Dell ente:i dirigenti si identificano totalmente cn la persona

giuridicità:la persona giuridica deve dimostrare la sua innocenza: -sono stati inseriti dei modelli

organizzativi che i dirigenti devono seguire -allo scopo di garantire la massima efficenza di questi

modelli è stato istituito un istituto di vigilanza cn poteri di controllo. -nn ci sn state omissioni da

parte dei dirigenti nella loro azione in relazione a tali istituti. 2)art 7: ipotesi di colpa di

organizzazione:l elemento comune delle due ipotesi di colpevolezza è che sn centrati sui modelli

organizzativi:rientra nel nostro sistema un nuovo modo di concepire la finalità di

prevenzione:vengono dati degli incentivi alla persona giuridica se adotta questi modelli

organizzativi che siano in grado di prevenire la commissione del reato:efficienza del modello che nn

vuol dire onnipotenza del modello :nn si pretende che tale modello sia in grado di impedire

totalmente la commissione del reato ma deve essere costituito in modo razionale ed efficiente e dal

controllo sul modello deve emergere che la persona giuridica si è data da fare per impedire il reato.

Modello di prevenzione:prevenzione dei reati di impresa che agisce su due versanti: -per impedire

la commissione dei reati:é un modello che può prevenire la commissione dei reati dando degli

orientamenti da seguire. -protezione della persona giuridica:se il il reato si realizza nonostante la

persona giuridica dia prova che abbia applicato efficienti modelli di prevenzione e tale attività di

prevenzione nn si è correttamente avviata:si avrà l esclusione della colpevolezza. Ció porta le

persone giuridiche alla convenienza di dotarsi di tale modello organizzativo. Ció svolge da controllo

e da filtro:una via intermedia tra impresa e giudice. É un modello preventivo premiale che porta alla

diminuzione della pena o allo sconto della pena nel caso in cui venga attuato correttamente:é un

incentivo alla prevenzione dei reati. Ciò lo distingue dal sistema degli stati uniti xké si parla

addirittura di esclusione della pena xké la colpevolezza Dell ente è basata del tutto sull applicazione

di questi modelli. Art 8:la resp sussiste anche se l autore del reato nn è identificabile o imputabile:si

superano dei criteri di imputazione che devono passare per forza dalla persona giuridica. Da questa

formula si puo dedurre che ci puo essere una resp da reato della persona giuridica o una resp

compulsiva della persona fisica e giuridica xkè si tratta di resp che corrono su binari completamente

diversi,ce un modo di dire nel sistema nord americano -crimen in the corporetione:reato che avviene

all interno della persona giudica diverso da -Corporate crime:fa vedere che abbiamo un reato Dell

impresa:l impresa é autrice del reato:la patologia é nei meccanismi di gestione. L art 8 chiude

definitivamente cn la concezione dei rapporti di potere delle persone giuridice che seguono il

modello verticistico che dall alto cadono verso il basso le linee di controllo e gestione Dell

impresa:la resp puo essere anche diffusa e nelle imprese della post modernità avviene cosi(divisione

orizzontale del lavoro:sn importanti il lavoro svolto:il ruolo nn é più tanto importante. Chi studia

questi fenomeni ad esempio in un usa si applica un gioco inventato da coleman:i dirigenti devono

imparare a spersonalizzarsi e sostituirsi nel fine settimana x ricoprire il ruolo dei suoi compagni in

modo che il ruolo nn sia riconducibile alla singola persona. Vediamo la necessita di colpire le

persone giuridice viste le nuove fonti di rischio, i nuovi beni giuridici che devono essere tutelati e le

nuove tipologie di reato. Quali sono le sanzioni previste nel nostro sistema? Il sistema delle sanzioni

ha struttura essenzialmente binaria:ci sn : -pene pecuniarie:sanzione più impo che si applica

sempre:si applica cn il meccanismo delle quote:é un meccanismo bifasico:(la pena pecuniaria in

Italia nn funziona bene xké ce un meccanismo di commisurazione monofasico in cui si calcola la

gravita del reato la capita a delinquere e le condizioni economiche) Il legislatore ha accolto le

pressioni per le persone giuridiche:e quando ha stabilito i meccanismi di commisurazione della pena

pecuniaria alle persone giuridiche ha stabilito due fasi:meccanismo per quote calcolo cn un modello

bifasico: Fase uno:si calcola il numero delle quote in base al numero di chi ha commesso il reato ed

il reato stesso. Fase due:si calcola l ammortare della quota in base alla capacita economica Dell ente

-pene interdittive:sono molto pesanti e vengono elencate all art 9 Interdizione all esercizio Dell

eredita, divieto di contrattare cn la pubblica amministrazione eccc...per un determinato periodoe per

sempre. -confisca:dei beni Dell ente -pubblicazione della sentenza di condanna:pubblicità

denigratore ripreso dal sistema statunitense:forti dubbi sull efficienza della sanzione nel nostra

sanzione xkè nn ce la cultura della vergogna.

TEORIA DELLA PENA: Quali sono i Fini della pena Nel nostro sistema? Importante per due

ragioni: -siccome la pena incide su dei beni fondamentali della persona ha bisogno di una grande

legittimazione per entrare in azione -importante per capire la sistematica del reato: la funzione

assegnata alla pena è decisiva per capire i singoli elementi del reato. Quando si parla di fini della

pena si fa riferimento a due grandi categorie di teorie: 1)teorie assolute:absolutus: svincolate da:la

funzione della pena sembrerebbe essere svincolata da qualunque obiettivo. 2)teorie relative:la

funzione della pena é relatumata :rivolta perche vengano svolte determinate finalità. Adesso

vediamo nell ordine i Fini della pena cosi come le troviamo nelle opere filosofiche:ce una divisione

molto particolareggia, poi vediamo la concezione tradizionale che troviamo sui manuali e poi quello

che si dice attualmente sul concetto di finalità della pena(nuove concezioni). 1)TEORIE

ASSOLUTE: Va collocato il fine della retribuzione:il concetto di teoria assoluta viene realizzato

dalla retribuzione:la pena trova giustificazione in se stessa:la pena é orientata su se stessa(dal

tedesco) la pena realizza il suo scopo nel momento in cui viene applicata, nn ci sn scopi ulteriori,

nel momento in cui viene applicata la pena cessa la sua funzione,xké la pena in questa concezione é

la compensazione di quello che é stato realizzato attraverso il male del delitto:attraverso

l'applicazione della lena viene compensata la lesione compiuta cn il reato. Ci sn due grandi

concezioni contributive in Europa: -in senso morale:kant:per cui il reato consiste nella lesione Dell

ordine etico del sistema e la pena restaura l ordine morale che é stato infranto cn la realizzazione del

reato. -in senso giuridico :hegel:il delitto costituisce la violazione Dell ordine giuridico all interno

del sistema e attraverso la pena si ripristina il prestigio Dell ordinamento che é stato leso cn la

commissione del reato. La concezione retributiva va contestata nella sua impostazione originale xké

nel momento in cui la era viene applicata realizza il suo scopo vuol dire che nn si pensa al futuro del

soggetto che l ha commessa:ció si pone in rotta di collisione cn un sistema come il nostro basato

sulla rieducazione. Tale concezione ha però di buono l idea della proporzione:nel momento in cui si

dice che la era deve compensare il male che é stato compiuto vuol dire che la pena deve essere

proporzionale al reato:questa é una garanzia di efficienza del sistema :la giustizia é proporzione:la

pena giusta deve essere perfettamente adeguata al grado di reato il sistema salta e si delegittima

completamente. Nel momento in cui ce una proporzione vuol dire che il sistema é un sistema giusto

é per questo che i grandi teorici hanno sostituito il concetto di retribuzione cn quello di proporzione.

2)TEORIE RELATIVE: La pena ha degli obiettivi e ci sn diversi tipi di prevenzione perche quando

si parla di teorie relative si parla di prevenzione. Impostazioni di teoria generale: -primo modello di

prevenzione é la PREVENZIONE GENERALE attuata cn l inflizione della pena:prevenzione

generale vuol dire che é rivolta da tutta la collettività indistinta, mediante o inflizione vuol dire che l

applicazione della pena al singolo soggetto che ha commesso il reato deve servire da intimidazione

per tutti i consociati. L applicazione della pena al singolo dove svolgere la funzione di distogliere

dal reato da tutti gli altri consociati:il singolo è perso da questa costruzione, il singolo che ha

commesso il reato nn interessa é diventa uno strumento che è estraneo a lui.(attore:legislatore,

mezzo:minaccia,destinatari:collettività. Si potrebbero applicare anche delle pene sproporzionate

esemplari:terrorismo sanzionatorio per scoraggiare la collettività.) Quindi questa teoria si

accantona. -nelle grandi teorie generali é la PREVENZIONE SPECIALE:quando si parla di

generale il destinatario sono tutta la collettività, speciale é il soggetto che ha commesso il reato:

prevenzione speciale significa che la pena che viene applicata al soggetto che ha commesso il reato

deve distoglierlo dalla commissione di reati futuri:é stato studiato che la pena deve agire nel singolo

in modo da procurargli un effetto completamente apposto a quello che lo ha portato alla

realizzazione del reato:o impulso che lo ha portato alla realizzazione del reato deve essere scacciato

da un sentimento completamente opposto(orrore , ribrezzo verso ció che ha fatto). (attore:giudice,

destinatario:singolo) -terzo modello é PREVENZIONE GENERALE mediante la minaccia:nn si

deve confondere cn il primo modello Dell inflizione, qui il destinatario é sempre la collettività ma

attraverso la minaccia: la pena minacciata dal legislatore deve distogliere tutti i consociati dalla

commissione del reato: deve agire nei consociati come contro spinta alla spinta verso la

realizzazione del diritto. Il legislatore, costruisce in reato, decide una sanzione, questa sanzione che

viene minacciata deve agire in modo da prevenire tutti i consociati dalla commissione del reato.

(attore:legislatore,destinatari:collettività ) -quarto modello:parla di EMENDA:si differenzia dalle

altre teorie relative xkè dal concetto di emenda nn ce nessun carattere di afflittività :recupero dal

punto di vista morale e etica, socializzazione come inserimento del soggetto nella società,

rieducazione.

Teorie che troviamo nei manuali: -teoria assoluta -teorie relative: *prevenzione generale :due punti

di vista infittivo ed educativo. la pena minacciata ha un effetto didascalico:la pena deve influire sul

codice di comportamento dei consociati cn una funzione educativa:deve plasmare il codice etico dei

consociati: di far capire ai consociati quale il modello di comportamento, nn ce solo l elemento

negativo Dell intimidazione ma anche un elemento propensione. *prevenzione speciale.:due punti

di vista preventivo ed educativo. L obiettivo é impedire la recidiva ma qui entra in azione anche l

effetto di rieducazione :art 27: funzione rieducativa del condannato: risocializzazione e

reintegrazione del soggetto nella società :i risultati sn stati pessimi pensiamo alla situazione

carceriera in Italia:il massimo é che nn ci sia un ulteriore desocializzazione. Dibattito moderno che

nn troviamo nei manuali: Si sta ridimensionando la contrapposizione tra teoria assoluta e terre

relative dicendo che nn esistono teorie assolute perché ce sempre uno scopo a cui la pena deve

tendere anche la retribuzione quindi ha uno scopo: qual è lo scopo? Placare i bisogni di pena

espressi dalla collettività. Quindi si dice anche la retribuzione nn é una terra assoluta perché se mira

a questo scopo diventa una teoria relativa:ce una prevenzione gergale mascherata. Quindi la pena ha

tre fini: retribuzione , prevenzione e rieducazione. Ma quel é il più importante o sn tutti sullo stesso

piano? Secondo il sistema statunitense la funzione piû importante é quella retributiva perché il sita

si legittima se la pena é perfettamente proporzionata:la giustizia é realizzazione della pena(la pena

si deve applicare) e deve essere perfettamente applicata. Secondo un altra inclinazione degli anni 70

lo scopo della pena é la rieducazione. Ce chi dice che la prevenzione generale sia la più importante

sopratutto per nuove forme di aggressione:ci sn certi tipi di reati che nel momento in cui sn

scoperti , il danno è così rilevante che sarà km Possibile qualunque tipo di applicazione di sanzione

proporzionale per cui il bene nn puo essere ricostruito. nuova teoria:nn possiamo parlare di un fine

della pena dominante in assoluto :dobbiamo individuare un fine più importante distinguendo le fasi

all interno delle quali la pena agisce. Nella fase della minaccia é più importante la prevenzione della

minaccia in senso intimidatorio, e la prevenzione speciale sta sullo sfondo per impedire che la

sanzione sia troppo pesante, per impedire gli eccessi della prevenzione generale. La

commisurazione della pena avviene attraverso una valutazione all interno della norme per calcolare

la proporzionalità della pena.

29/10/2013

Qual è il fine della pena dominante nella fase della commisurazione? La commisurazione adegua la

pena al caso concreto. Ci si pone il problema di invidiare quale il fine più importante. Ci sn 2 norme

che il giudice deve prendere in considerazione x commisurare la pena. -Art 132 COD pen:potere

discrezionale del giudice nell applicazione della pena:nn é una discrezionalità libera ma vincolata

xké il giudice ha l obbligo della motivazione, e nn si possono superare i limiti dettati dalla legge.

-Art 133 COD pen:gravita del reato:valutazione agli effetti della pena: il giudice deve tener conto :

-dalla gravita della pena -della capacita a delinquere del colpevole. 1)Capiamo se ce una finalità

dominante analizzando questo articolo? La gravita del reato puo essere intesa in senso special

preventivo o intimidatorio, il reato e intende più o meno grave in base alla possibilità del soggetto di

compiere nuovamente il reato o di essere risocializzazione. Ma il concetto di gravita del reato può

essere preso in considerazione in base alla proporzionalitá del reato, auindi in senso retribuito:più il

reato é rave più la pena é alta. Ma qui ce anche la prevenzione generale perché il reato é tanto più

grave in vista dell esercizio della funzione pedagogica del diritto e per portare i soggetti a nn

compiere il reato. Nell articolo nn si dice niente. 2)analizziamo la capacita a delinquere:puo essere

analizzata in tutti i modi precedenti. Quindi si potrebbe guardare al passato cioè alla

commisurazione della pena al reato o in senso futuro:cioè in senso preventivo. Anche qui nn

abbiamo una risposta. Allora bisogna vedere altri istituti in cui si esercita la commisurazione della

pena:quando si parla di commisurazione della pena si fa riferimento a due momenti possibili:

-valutazione della pena in senso stresso che deve esserci sempre: (art 132-133) e quindi devono

avvenire le valutazioni citate. -criteri di commisurazione in senso lato che possono variare da reato

e reato:dipendono dall presenza di determinate circostanze aggravanti o attenuanti che si presentano

al caso concreto e che adeguano la pena al caso concreto :quindi si prendono in considerazione

elementi ulteriori come le circostanze o vicende modificative della punibilita(cause di estinzione del

reato o della pena). quindi analizziamo le norme che prevedono alcune ipotesi di commisurazione in

senso lato per vedere se qui emerge qualche fine dominante.

Art 176 COD Pen:liberazione condizionale: causa di estinzione della pena: leggendo questa norma

dalla parola"ravvedimento" vediamo prevenzione speciale in senso di rieducazione . Art 163 COD

pen: sospensione condizionale della pena: nn dice niente. Art 153 COD pen: limiti entro il quali é

ammessa la sospensione condizionale della pena: il giudice presume che il colpevole si asterrà dal

commettere reati ulteriori: qui emerge la prevenzione speciale in senso intimidatorio. Dall analisi

della situazione il giudice suppone che il soggetto nn produrrà più reati senza l elemento della

risocializzazione. Art 169 COD pen:perdono giudiziale per i minori di anni 18: causa di estinzione

della pena nei confronti dei minori: il giudice puo estendesti dal pronunciare il rinvio a giudizio: il

giudice presume che il sogg si asterrà dal commettere ulteriori reati. Si puo applicare per i reati

meno gravi(resti inferiori a due anni) quindi ce anche un fine retributivo con l elemento della

prevenzione speciale perche si dice che il sogg si asterrà da compiere nuovi reati. Art 61

:circostanze aggravanti comuni: -n 7 COD pen: piû e grave il reato più alta é la pena: retributivo. -n

6: COD pen: special preventiva in senso intimidatorio: il sogg commette un nuovo resto nel periodo

in cui viene emanato un ordine di arresto per un resto precedente:la circostanza aggravante é

finalizzata ad un sogg che tende a compiere ulteriori reati. -n 8 COD pen:finalità retributiva e anche

prevenzione speciale xkè il soggetto manifesta una maggiore inclinazione alla commissione del

reato. Quindi ci sn due fini della pena. Art 62:circostanze attenuanti comuni: -n 4COD pen:

dominante é la finalità retributiva. -n 6 COD pen: ce un insieme di vari elementi: la circostanza

attenuante scatta quando: -riparato interamente il danno:retributiva si guarda al risultato e si evita di

andare avanti cn il processo:si guarda alla riparazione e compensazione completa. Nn è detto che sia

anche speciale preventiva ma solo quando il soggetto personalmente abbia riparato il danno:si tratta

Dell impersonalità della sanzione pecuniaria:potrebbe anche aver agata un terzo. -il sogg prima del

giudizio puo essersi adoperato spontaneamente ed efficacemente per eliminare le conseguenze

dannose del reato:"spontaneamente" quindi nn ce un fine utilitaristico:prevenzione speciale ed

"efficacemente":retributivo. Sport e effic vanno abbinate allo stesso soggetto e devono avvenire

entrambe. Ce una valutazione di come ci si è comportato ed il comportamento é più importante Dell

efficacia.

Nn abbiamo dedotto fino adesso se ce un fine della pena dominante: per commisurare la pena

troviamo delle indicazioni che nn sono univoche. Vediamo se la costituzione ci da delle

informazioni. Art 27 cost comma 3: le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. Qui

emerge che il principio della rieducazione del condannato nn va intesa come rieducazione in senso

etico ma come risocializzazione del soggetto o nn ulteriore desocializzazione del soggetto. Le pene

devono "tendere" alla rieducazione e nn "assicurare" quindi nn é un risultato obbligatorio quello

della risocializzazione.é un programma,un aspirazione. Altri hanno detto che Seul legislatore della

cost si é espresso così è perché la rieducazione va solo presa in considerazione nella base esecutiva

mentre in tutte le altre fasi nn è cosi importante. Altri dicono che se il legislatore ha parlato in modo

così mordiamo é perché la rieducazione puo andare d'accordo cn la detenzione mentre la pena

pecuniaria nn é compatibile con la rieducazione. Sentenza corte cost anni 90(ripresa dalla

cassazione) Sentenza sul patteggiamento:la corte cost prende finalmente una posizione: il fine della

pena dominante in tutte le fasi in cui la pena agisce è la rieducazione, sopratutto nella fase della

commisurazione della pena, nel senso di possibilità e reinserimento del soggetto nella società che l

ha emarginato cn il carcere. Se questo é il fine dominante bisogna cercare di fare una classifica Dell

importanza dei criteri di commisurazione. In senso stretto sono 2: -gravita del reato -capacita a

delinquere del reo. Il giudice quando adatta la pena al caso concreto deve tener conto del fine del

reinserimento del sogg nella societa quindi i criteri su cui si deve basare il giudice per attuare la

commisurazione nn vanno messi sullo stesso piano ma é molto più importante la gravita del reato e

tra gli elementi per valutare la gravita elementi Quelli più importanti sono l intensità del dolo e la

gravita della colpa. in relazione al principio di colpevolezza n 364 Dell 88 Perchè è più importante

la gravita del resto? Perchè il nostro sistema é legato al fatto. In secondo luogo bisogna prendere in

considerazione la capacita del reo in senso prognostico: per il futuro:probabilità del soggetto a

commettere ulteriori reati. Analizzare l art 133.

Analisi della fattispecie: Art 614 COD pen:violazione di dominio: Delitto, bene tutelato: privacy, il

Pacifico diritto a gestire la propria vita in un ambito privato. (no domicilio:é un bene molto più

ristretto di quello che si vuole tutelare in questo reato. (no:libertà personale.) Bene individuale.

Fattispecie monoffensiva il bene si ricava dagli elementi che descrivono l offesa. Vittima è presente

ed é visibile. Tecnica legislativa: clausola generale con l elementi normativi giuridici:domicilio,

+elementi descrittivi come dimora clandestinità inganno , volontà espressa e tacina(nn c'è una

norma che la disciplina). (no casistica :ci sn diversi modi di entrare nel domicilio ma nn diverse

condotte)

30/10/2013

STRUTTURA DEL REATO:

Com'è fatto il reato, quali sono gli elementi del reato. Ci soffermeremo sul reato commissione

doloso. Problema Dell analisi del reato. É possibili le la scomposizione del reato in elementi? L

analisi del reato avviene attraverso la sua scomposizione in parti distintema che nn sn separate(ce

un collegamento) É vero che il reato é un tutto che coinvolge soggetto attivo,passivo e società ed è

irripetibile peró da un punto di vista teorico e di politica criminale uo essere scomposto in vari

elementi, e la scomposizione facilita l individuazione delle finalità che ha ciascuno elemento ed é

indispensabile l analisi del reato perché si riflette sull accertamento del reato in sede processuale.

Questi elementi devono essere accertati:concezione gradualistico che vede le parti del reato per

gradi favorisce la chiarezza e una valutazione che sia conforme al principio della certezza del

diritto. Varie teorie: 1)sostenuta dalla letteratura tradizionale seguita da parte della giur

tradizione,se:concezioni bipartita:il reato é formato da due elementi: -fatto:elemento oggettivo del

reato.sono compresi tutti gli elementi oggetti. -colpevolezza:elemento soggettivo del reato.sono

comprese le situazioni legate tra elemento soggettivo tra ultore e fatto Tale concezioni onde nn

considera l antigiuridica come elemento del reato. L antigiuridicità é l elemento qualificatorio di

tutto il reato che comprende sia gli elementi soggettivi e oggettivi ma nn è un elemento a parte.

Questa teoria é stata criticata per la mancanza di una definizione soddisfacente di antigiuridicità: per

questo é stata elaborata un altra concezione 2)concezione tripartita:abbiamo tre elementi: -fatto

tipico:conformità di un comportamento alla norma incriminatrice -antigiuridicità :contrarietà del

fatto alle norme dell ordinamento giuridico: (nn Dell ordinamento penale. -colpevolezza:rimprovero

che l' ordinamento muove all autore per aver compiuto un fatto tipico e antigiuridico. In questa

concezione cambia la definizione di nei giuridicità perche conosce ad essa un ruolo ben definito

come gli altri. L antigiuridicità nn é solo un elemento qualificante del reato ma è un elemento del

reto al secondo posto. É una concezione preferibile teleologica mente orientata perché : -assegna ad

ogni parte del reato una funzione dal punto di vista di politica criminale, -da maggiori garanzie dal

unto di vista probatorio e processuale -é una concezione gradualistico:l accertamento deve essere

fatto per per gradi: *prima si accertno i requisiti del fatto. *su accerta l antigiuridicità del fatto *se il

fatto è antigiuridico x cui nn ci sn cause di giustificazione si passa all accertamento della

colpevolezza. Questa concezione si preferisce. 3)esiste un altra concezione in Italia da marinucci e

dolcini:concezione quadripartita: é uguale dal punto di vista del metodo alla tripartita perche ha tutti

i tre elementi ma aggiunge a questi pre elementi un elemento in più: *punibilità :insieme delle

valutazioni di politica criminale che riguardano l opportunità di punire un fatto tipico antigiuridico e

colpevole o oppure l inopportunità di colpire questo atto antigiuridico e colpevole. Concezione

teleologica mente orientata perche ogni elementi del reato ha una specifica funzione, è una

concezione gradualistico quindi il giudice segue le fasi tipiche dette precedentemente aggiungendo

la punibilita.

Ma manca un pezzo di una lezione di due settimane fa: Sentenza 364/88:questa sentenza da delle

indicazioni sul principio di colpevolezza ed ice che la colpevolezza deve illuminare tutti gli Elena

significativi della fattispecie:tutti gli elementi del reato escluse le condizioni obliteriate di

punibilita: queste emergono adesso come situazioni scelte dal legislatore che fanno scattare la

pena,per ragioni di opportunità politica il legislato puo decidere che un fatto antigiuridico colpevole

é sottoposto a una condizione obiettiva di punibilità. Es:art 44 COD pen:condizione obiettiva di

punibilità: Si ribadisce quello che ha detto la corte cost. Es pratico: Legge fallimentare: legge 216. É

punito cn la reclusione da 3 a 10 anni se é dichiarato fallito l imprenditore che abbia compiuto

determinati reati. Seguiamo la concezione tripartita:il reato é fatto di tre elementi: Il reato é

completto. "se è dichiarato fallito"fatto futuro, incerto, sganciato dal soggetto e alla sua condotta, e

alla colpevolezza. L imprenditore è punibile solo quando viene data la dichiarazione di fallimento,

prima nn é punibile:fatto futuro ed incerto nn collegato con l imprenditore e nn dipende dalla sua

volontà. Auindi questa é una condizione obiettiva di punibilità svincolata dalla colpevolezza(nn ce

dolo o colpa). Se il soggetto nn viene dichiarato fallito nn viene punito. Secondo la concezione

tripartita il reato é perfetto quando ce la prova dei tre elemtno e la condizione di punibilità è staccata

dal reato e serve solo per far scatta la punibilita. Mentre per la concezione tripartita anche la

punibilità é un elemento fondamentale. Nné detto che tutti resti siano strutturati cn condizioni di

punibilita:per questo bisogna adottare la concezione tripartita. Es:soggetto scoperto in flagrante cn

coltelli viene punito solo se scoperto.

CONCEZIONE TRIPARTITA(lettertura tedesca) Più convincente dal punto di vista probatorio.

1)FATTO TIPICO La valutazione del fatto tipico é la prima questione che ci si pone: Cosè?è quel

complesso diede,mini che delineano il volto del reato,le sembianze di uno specifico reato. È la cosa

più importante perche solo il fatto tipico ci da l indicazione di quale tipo di reato si deve prendere in

considerazione. Es:nell omicio il fatto tipico é cagionare la morte di un uomo. Furto:sogg che si

impossessa di cosa mobile altrui contro la volontà di chi la detiene. Sequestro di persona:privare la

libertà di un soggetto altrui. Si parte dalla materialità:tutti gli elementi che connotano la tipicità.

Servono ad indicare il tipo di reato che deve essere preso in considerazione e anlozzato. Quindi

soddisfa il principio di irretroattività :é il fatto tipico che viene ritagliato dal legislatore che segna l

inizio Dell attivita della legge penale. Soddisfa anche i lprincipio di precisione. Tutti gli elementi

tedianti sulla tecnica giuridica (casistica clausola)riguarda la tipicità. La tipicità é importante perché

serve per indicare i limiti di illicietà di una condotta:il legislatore utilizza delle formule per cui puo

richiedere una condotta o costruire una fattispecie a forma libera per assorbire in quella forma tutte

le possibili aggressioni al bene giuridico. "chiunque cagiona la morte di un uomo"sn presenti tutti i

modi di azione. O puo restringere le modalità di azione :più il reato é dettagliato più è ristretta la

zona di illicietà. Es truffa: art 640:devono essere provati tutti quegli elementi perche se il giudice

prova l induzione in errore l ingiusto profitto e l altrui danno ma nn riesce a provare l artifici e il

raggiro allora nn puo condannare:l indagine del giudice si blocca:assolve il soggetto perche il ato nn

esiste. Manca un elenco della tipicità, il fatto nn costituisce il reto. Ce una causa di

giustificazione:nn ho la prova del dolo. La tipicità é importante perche da indicazione su la

illicietà:quanto puo essere illecito un comportamento. Quando si parla di tipicità si parla di bene


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

32

PESO

206.50 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza (a ciclo unico)
SSD:
Università: Pavia - Unipv
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher SOXORNIKY di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto penale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pavia - Unipv o del prof De Maglie Cristina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto penale

Analisi della fattispecie
Appunto
Giustizia Costituzionale - modulo
Dispensa
Appunti - Diritto amministrativo
Appunto
Appunti di teoria generale del diritto
Appunto