Che materia stai cercando?

Appunti: Cosa sono i media, Teorie della comunicazione e dei media Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di TEORIE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente F. Colombo: Comunicazione, Cultura e Società by Gilli, Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: La scrittura, antenata dei Media - I media (Le reti a nodi, Reti a centri) - La rivoluzione digitale - Studiare i media.

Esame di Teorie della comunicazione e dei media docente Prof. F. Colombo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Cosa  sono  i  media

sabato  6  febbraio  2016 15:12

I  tre   grandi  sistemi  di   cui  si  servono  gli   esseri   umani  per  comunicare  sono  costituiti  

dalla   comunicazione  verbale,  dalla   comunicazione  non  verbale   e   dalla  

comunicazione  che  si  serve  di  canali  e  codici  artificiali  prodotti  dalla  cultura  

umana.  

A  partire  dal  diciannovesimo  secolo,  con  l'industrializzazione  della  stampa,  i  m edia  hanno   iniziato  a  

ricoprire  via  via  un  ruolo   sempre  più  significativo  nelle  società  umane.

Il  

Novecento ha  poi  visto  la  diffusione  impetuosa  dei  m edia  elettronici  come  la  

radio e  la  

Tv:  questi  

mezzi  presentavano  caratteristiche  per  m olti  aspetti  inedite,  come  l'istantaneità fra  trasmissione  e  

ricezione,  la  

centralizzazione  produttiva  e  distributiva,  un  m odello  trasmissivo  

uno-­‐molti.

La  

fine  del   Novecento è  stata  poi  caratterizzata  dalla  

rivoluzione   digitale,  e  soprattutto   dallo  sviluppo  

di  internet  e  del  w eb,  con  un   modello  reticolare  di   comunicazione  definito  molti-­‐molti.

Non  vi  è   dubbio  che   i  media   vadano  compresi  a   partire   dalle   loro  specificità;   alcune  

delle   quali   però  non  nascono  con  essi    ma  con  tutte  le   forme  di  prodotto  culturale  

che   hanno  cercato  di   ovviare  ai   limite   della   semplice   comunicazione  faccia   a  faccia,  

prima  tra   tutte  la  scrittura.  I  

media  possono  essere  quindi  considerati  come  forme  

evolutive  assai  più  complesse  della  scrittura,  prima  forma  artificiale  di  

comunicazione.

La  scrittura,   antenata   dei  Media  

La  scrittura   è  

la   tecnologia  della  parola poiché   come  tutte  le   tecnologie   si  serve   di  

strumenti,  di   un  supporto  materiale   e   prevede   delle   regole   di  funzionamento  e  di  

esecuzione;  la   stessa  cosa  si  può  dire   di  tutti  i   mezzi  di  comunicazione  artificiali   che  

non  fanno  parte   della   nostra  costituzione  organica.  L'uso  di   una  tecnologia   può  

arricchire   la  psiche   umana,  espandere  lo   spirito,  intensificare  la   vita  interiore   a  

patto  che  questa  venga  interiorizzata.

La  parola  oggettivata

La  scrittura   ha  

trasformato  la   mente  umana  più  di  qualsiasi  altra  invenzione,  non  

per  niente   costituisce  per   tradizione  lo   spartiacque  tra  la   preistoria   e  la   storia  

umana  -­‐ quella   che   può  essere   ricostruita  e   raccontata  sulla   base  di  documenti  

scritti.  

Dalle  prime  forme  di  pittura  nelle  caverne,   incisione  sulle  rocce  e  intagli  nel  legno,  si  passa  alle  

scritture   pittografiche   in  cui  i  segni  sono  in  realtà  disegni  di  ciò  che  viene  rappresentato.  

Il  primo  vero   e  proprio   sistema  di  scrittura  conosciuto   è  conosciuto   dalla  

scrittura   cuneiforme   -­‐ Medio  

Oriente,  S umeri,  3500  a.C.  circa.  S uccessivi  sono   i  geroglifici  egiziani,  la  scrittura  indiana  e  cinese.

Con   la  

scrittura   ideografica   i  segni  iniziano  a  rappresentare  in  m aniera  elegante  e  armoniosa  non   più  

solo  oggetti  m a  anche  concetti  astratti  e  connessioni  tra  gli  oggetti.  Lo  svantaggio  risiede  però   nella  

grande  quantità  di  segni  di  cui  sono  composte    e  che  dovevano   essere  m emorizzati,  rimanendo  per  

scritti.  

Dalle  prime  forme  di  pittura  nelle  caverne,   incisione  sulle  rocce  e  intagli  nel  legno,  si  passa  alle  

scritture   pittografiche   in  cui  i  segni  sono  in  realtà  disegni  di  ciò  che  viene  rappresentato.  

Il  primo  vero   e  proprio   sistema  di  scrittura  conosciuto   è  conosciuto   dalla  

scrittura   cuneiforme   -­‐ Medio  

Oriente,  S umeri,  3500  a.C.  circa.  S uccessivi  sono   i  geroglifici  egiziani,  la  scrittura  indiana  e  cinese.

Con   la  

scrittura   ideografica   i  segni  iniziano  a  rappresentare  in  m aniera  elegante  e  armoniosa  non   più  

solo  oggetti  m a  anche  concetti  astratti  e  connessioni  tra  gli  oggetti.  Lo  svantaggio  risiede  però   nella  

grande  quantità  di  segni  di  cui  sono  composte    e  che  dovevano   essere  m emorizzati,  rimanendo  per  

molto  tempo  patrimonio  esclusivo  dei  più  colti  e  istruiti.

Intorno   al  1500  a.C.  ad  opera  dei  F enici,  nasce  la  prima  

scrittura   fonetica,   cioè  una   scrittura  alfabetica  

in  cui  ogni  segno  non  rappresenta  più  un  oggetto,  ma  bensì  un  suono.  La  specificità  di  questa  scrittura,  

che  costituisce  oggi  la  base  di  tutti  gli  alfabeti  del  m ondo,   sta  nella  sua   semplicità ed   efficienza per  cui,  

con  un  numero   limitato  di  segni  e  con  una  serie  di  piccole  variazioni  è  possibile  costruire  un  numero  

elevatissimo  di  parole.  La  scrittura  fonetica  è  inoltre  un   sistema  di  scrittura   democratico,   anche  se  per  

averne  un'effettiva  diffusione  si  dovrà   aspettare  la  nascita  della  stampa  a  caratteri  m obili,  lo  sviluppo  

della  società  borghese   e  la  resa  obbligatoria  della  scolarizzazione.

La  potenza  della   parola  umana

Vi  sono  tre   funzioni  principali   in   cui  la   scrittura  -­‐ e   più  in  generale   tutti  i  media   -­‐

sviluppano  e   potenziano  la  parola   umana  come   mezzo  di   relazione   sociale:

1  -­‐ La  possibilità   di  

memorizzare,  conservare  e  immagazzinare   le   informazioni  in  

forma  di   documenti  al   di  là   della   labilità   della   nostra  memoria   individuale  e  

della   tradizione  orale

2  -­‐ La  possibilità   di  

trasmettere messaggi  a   distanza  e   connettere  persone  

distanti  nello   spazio,  al   di  là   della   sfera  della   compresenza

3  -­‐ La  possibilità   di  

riprodurre,  moltiplicare   e   diffondere  il   messaggio  tra  molti  

riceventi

Per  ognuna  delle   tre  funzioni,  

occorre  che  la  parola   sia  oggettivata,  cristallizzata,  

fissata,  cioè   separata  dal  suo  contesto  naturale  e  originario  di  produzione,  da  colui  

che  la  pronuncia  e  dalla  situazione  concreta  in  cui  ciò   avviene.

Gli   effetti  cognitivi,  sociali  e  cultuali della  scrittura

Gli   studi  sull'impatto  sociale   e   culturale   della   scrittura  prima,  dell'alfabeto   fonetico  

e   della   stampa  poi  hanno  messo  in  luce   tre   grandi  tipi   di  conseguenze:  

1. Effetti  cognitivi  e  psicologici:  sulla  mente   umana,  sui  processi  cognitivi   della  

memoria  e   del   pensiero,  sulla   dimensione  psicologica   interiore.

• La  scrittura   consente  di  

guadagnare  distanza  dalla  realtà e   dalla   stessa  

esperienza   immediata  separando  chi   conosce  da  ciò   che  viene   conosciuto  e  

stabilendo  le  condizioni  per  l'oggettività  priva  di  coinvolgimento  emotivo.

• La  scrittura   favorisce  la  riflessività  personale,  una  maggiore  consapevolezza  

dei   propri  processi  interiori,   ponendo  l'individuo  di  fronte  a  se  stesso.

• La  scrittura   incoraggia  lo  sviluppo  del  pensiero  logico,  la  capacità   analitica   e  

la   tendenza  a   categorizzare   spostando  il  pensiero  da  una  dimensione  

situazionale-­‐concreto tipica  delle   culture  orali   ad   una  dimensione  di  tipo  

astratto.   Tutti  i   processi  si  astrazione  che  identificano  un'essenza  astratta  o  

una  relazione  logica  tra  oggetti  sarebbero  impossibili  senza  le   trasformazioni  

mentali  indotte  dalla  scrittura  e  dalla  stampa.

la   tendenza  a   categorizzare   spostando  il  pensiero  da  una  dimensione  

situazionale-­‐concreto tipica  delle   culture  orali   ad   una  dimensione  di  tipo  

astratto.   Tutti  i   processi  si  astrazione  che  identificano  un'essenza  astratta  o  

una  relazione  logica  tra  oggetti  sarebbero  impossibili  senza  le   trasformazioni  

mentali  indotte  dalla  scrittura  e  dalla  stampa.

2. Effetti  sociologici,  riguardano  invece   l'organizzazione  sociale   e  lo   sviluppo  di   forme  

più  stabili,  interconnesse   e  razionali   di  relazione   sociale.

• La  scrittura  consente  il   passaggio  dalla  consuetudine ad  una  più  chiara  definizione  e  

consapevolezza  di  azioni,  norme  e  regole  nel  campo  del  diritto,  dell'amministrazione  e  

dell'economia.

• La  scrittura   consente  la  

differenziazione  dei  campi  dell'agire  umano.  Ciò  

accade   perché  un  carattere   proprio  della   scrittura   è  di   rendere  e splicito  ciò  

che  è  implicito e   di  rendere   i  risultati   dell'azione   più  accessibili   alla   riflessività  

e   alla   valutazione.

• La  scrittura   presenta  

carattere  di  autorità legato  a   una  verità   superiore  

• La  scrittura   rende  possibile   l'accumulo  di  un  patrimonio  di  informazioni  e  

conoscenze  molto  superiore rispetto  a  quello   limitato  alle   capacità   di  

memoria  delle   culture  orali.   L'accesso   a  questo  patrimonio  non  è   però  

universalmente  disponibile  cosicché   vengono  a   crearsi   anche  accentuate  

differenziazioni  di  conoscenza  -­‐ knowledge  gap.

• La  scrittura  accresce  la  differenziazione  fondamentale  tra  il  sistema  sociale  e  il  sistema  

culturale  ed  estende  di  molto  il  campo   di  forza  di  quest'ultimo.  

Con   la  scrittura  i  principali  

contenuti   simbolici  di  una  cultura  possono   essere  incarnati  in  forme  che  sono   indipendenti  dai  

contesti  concreti  di  interazione

• Il  linguaggio  scritto  e   la  disponibilità  di  documenti  portano  alla  

stabilizzazione  

di  relazioni  sociali:  

essa  stabilisce   una  condizione  di   fondamentale  

importanza  per   l'accrescimento  dell'ambito  e  della  complessità  di  molti  

componenti  dell'organizzazione  sociale.

3. Effetti  culturali

• La  scrittura   contribuisce  a  

modificare  il  senso  di  consapevolezza  del  passato:  

da  processi  di   omissione,  ridefinizione   e  correzione   dalle   esigenze   del  

presente  a   un  carattere   di  permanenza  indelebile   in  forma  di   documento.

• La  scrittura   cambia  il  modo  di  riferirsi  al  passato:   le  culture   passano  da  

conservatrici   e  tradizionaliste   impegnate  nel   compito  di  preservare   la  

memoria  orale,   a  una  maggior  considerazione  della   ricerca   individuale.

• Con  la  nascita   della   scrittura  e   dei  saperi   astratti  ad  essa  collegati  

l'apprendimento  viene  demandato  ad   un'istituzione  specializzata-­‐ la  

scuola  -­‐ ponendosi  anche  però  come   forte  fattore  di   diseguaglianza  sociale.  

Prima,  non  essendoci  distinzione  tra   sapere  pratico   e  teorico,   la  conoscenza  

avveniva  attraverso  l'osservazione  e   la   pratica  stessa.

• L'estensione  della   capacità   di   leggere   e   scrivere   a  tutti  i   cittadini   ha  posto  le  

basi  della  discussione  pubblica che  è  l'essenza   della   democrazia  

I  media

I  media  sono  

apparati  socio-­‐tecnici  che  svolgono  una  funzione  di  mediazione  nella  


PAGINE

8

PESO

530.02 KB

AUTORE

BestNote

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in comunicazione e società
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BestNote di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teorie della comunicazione e dei media e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Colombo Fausto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Teorie della comunicazione e dei media

Appunti: I Cantautori, Teoria della comunicazione e dei media
Appunto
Appunti: Un Anno di Domenica, Teorie della comunicazione dei media
Appunto
Appunti: 1- Il grillo e il corvo, il topo e il gatto. Industria culturale e fisionomia nazionale, La Cultura Sottile. Esame di Teorie della comunicazione e dei media, F. Colombo
Appunto
Appunti: Norme della Comunicazione, Teorie della comunicazione dei media
Appunto