Che materia stai cercando?

Appunti: 4- I media tra intrattenimento e propaganda (1918-45), libro consigliato La Cultura Sottile. Esame di Teorie della comunicazione e dei media, F. Colombo

Riassunto per l'esame di Teorie della comunicazione e dei media, basato sappunti personali, rielaborazione e studio autonomo del quarto capitolo del testo consigliato dal docente Fausto Colombo: La cultura sottile by Fausto Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: un pubblico moderno - Intellettuali e media: l'editoria negli anni Venti e Trenta, Il Cinema: autorialità e propaganda, Intrattenimento... Vedi di più

Esame di Teorie della comunicazione e dei media docente Prof. F. Colombo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

soggetti  importanti,  che  hanno  un’idea  completamente  industriale   del   proprio  

sviluppo,  come  per   esempio  Mondadori.  A  Firenze,   luogo     di  discussione  e  di  

confronto  tra  le   istanze  ideologiche   e   culturali   del   periodo,  si   trovano  Salani  e  

Quattrini,  ma  il   vero  salto  di  qualità   sarà  compiuto  da  Nerbini.  

L’attività  editoriale   di  

Giuseppe  Nerbini,  edicolante  con  istruzione  ferma  alla   quinta  

elementare   e   tuttavia  ex   giornalista,  mazziniano,  garibaldino  e   anticlericale,   nasce  

nel   1897.  Durante  l’età  giolittiana   la   casa  editrice   Nerbini  può  essere  definita  

socialista.  Nel   1907  l’azienda  si   espande  e   si  trasferisce   in  una  sede   più  grande  per  

far  spazio  ai  suoi  sessanta  dipendenti,  anche   se  patisce   duramente  la   crisi   del  

1907-­‐8  e  rischia  il   fallimento.  Il   periodo  che  segue   ( 1911-­‐1921)  è  caratterizzato  da  

due  svolte  importanti:  un  importante  rivoluzione  di   strategia  editoriale   e   un  

mutamento  in  campo  ideologico,  che   porta  Nerbini  a   posizione  vicine   a  quelle  

mussoliniane.  ( lo  si   vede  con  la   nascita  del   periodico  “Il   valore  italiano”   o  nel  

settimanale   satirico  “Il   420”).  Interessante  è  l’intuizione   dell’editore   di  passare  da  

un’editoria  popolare  a  una  popolar-­‐commerciale:  questi  periodici   satirici   mostrano  

un  umorismo  elementare,   illustrato  con  ricorso   ad  una  femminilità   precoce.  

Un'altra  produzione  nerbiniana  è   la   letteratura   libraria   popolare,  dove  possiamo  

riconoscere   tre  filoni:   la  letteratura   risorgimentale,   il   romanzo  d’appendice  ed  il  

dime  novel,  tipo  di  racconto  poliziesco   e   western  nato  negli   Stati  Uniti.  Nerbini  

dopo  aver   acquistato  i   diritti   da  vita  al   fortunato  personaggio  di   Nick  Porter  ( à

questo  caso  somma  tre  elementi   caratteristici   dell’industria   culturale   italiana:   la  

capacità   di  sfruttare  il   successo  in   modo  seriale,   la   tendenza  alla   parodia,  la   capacità  

ci   citare   un  universo  multimediale).   Nel  1920  nasce  un  nuovo  periodico   illustrato  “Il  

Giornale   di   Fortunello”,  che   imita  esplicitamente   il   Corriere   dei   Piccoli:   il   fumetto  

entra  dunque  in   casa  Nerbini.  Nel   1932  appare  il   settimanale   Jumbo,  dove  vengono  

tradotti  funnies  americani   e   le   battute  degli   animali   antropomorfi  protagonisti  sono  

scritte   dentro  i  balloons:  appare  dunque  in   Italia  il   formato  dei   comics.  

La  scoperta  di   un  nuovo  medium  e   il   modo  in   cui  Nerbini  sa   intuirne  le   potenzialità  

dimostra  la  modernità  dell’industria  artigianale   nerbiniana.  Egli   è   infatti  una  figura  

centrale   dello   sviluppo  della   cultura   di  massa  in  Italia.

Creando  Topolino  Nerbini   diventa  l’importatore  del  fumetto  più  longevo  in   Italia,  

l’importatore  del   formato  albo  ed  un  responsabile  della   nascita  nel   nostro  paese  

dell’industria  dell’intrattenimento   sganciata  da  preoccupazioni  moralistiche.   Egli   ha  

tutte  le   caratteristiche   della   logica   che   non  a  caso  è  stata  chiamata   del  topo:  

costruzione  di  un’industria  dell’intrattenimento  basata  su  un  mix  di   artigianalità  

artistica   e   intuizione  mercantile,   che  guarda  ai   bisogni  del  mercato   dei  lettori.

2.2  -­‐ Il  fumetto  d’avventura:  L’Avventuroso   e  Il  Vittorioso  

L’Avventuroso

Nel  1934  in  seguito  alla   morte  di  Giuseppe   Nerbini  la   macchina  editoriale   passa  

nelle   mani  del   figlio   Mario:  lo  stesso  anno  esce   “L’Avventuroso”,  un  settimanale  

dedicato  al   fumetto  d’avventura e  annunciato  da  una  pubblicità  formidabile  

(distribuzione  nelle   edicole   del  Flash  Gordon,  di  Alexander   Raymond).  Questo  

settimanale   segna  in  maniera  definitiva   l’ingresso  del  fumetto  d’avventura  nel  

nostro  paese   ed  è  caratterizzato   da  tre   fasi.

La  prima   fase  ( 1934-­‐38:  ricordiamo  nel  1935  la  nomina  a  direttore   responsabile  di  

Paolo  Lorenzini,  alias   Collodi  nipote)  è  caratterizzata   da  un  gran  numero  di  

dedicato  al   fumetto  d’avventura e  annunciato  da  una  pubblicità  formidabile  

(distribuzione  nelle   edicole   del  Flash  Gordon,  di  Alexander   Raymond).  Questo  

settimanale   segna  in  maniera  definitiva   l’ingresso  del  fumetto  d’avventura  nel  

nostro  paese   ed  è  caratterizzato   da  tre   fasi.

La  prima   fase  ( 1934-­‐38:  ricordiamo  nel  1935  la  nomina  a  direttore   responsabile  di  

Paolo  Lorenzini,  alias   Collodi  nipote)  è  caratterizzata   da  un  gran  numero  di  

personaggi  americani (Flash  Gordon,  Radio  Patrol,  Jungle  Jim…).     Gli   autori  italiani  

compaiono  in   seconda,  sesta  e   settima  pagina;  le   pagine  americane   presentano  una  

tricromia   ( blu  turchese,  giallo   e   rosso)  che  provocano  effetti  di   meraviglia  

paragonabili  al   primo  colore   televisivo      creazione   di   un  prodotto  nuovo  che   si  

à

adatta  a  una  visione  della   modernità  cittadina   e  coglie   il   legame  tra   esotismo  di  

massa  dei  comics  americani   e  la   tradizione  letteraria   esotistica   italiana.  Anche  qui  è  

dunque  evidente   un  meccanismo  di   continuità  nelle   forme  culturali   prodotte  

industrialmente.  Il  successo  de  “L’Avventuroso”  è  enorme,  le   ragioni  stanno  nel  

formato  moderno  ed   adeguato,  nei  contenuti  compatibili   con  un  immaginario  in  

cerca   di   una  nuova  forma  di  esotismo,  la   fedeltà  ai   contenuti  della   tradizione  

dell’intrattenimento  italiano.   Da  sottolineare   lo  sforzo  nerbiniano  di   adattare  il  

modello  americano   al  nostro  paese:  durante  la  guerra   di  Etiopia   (dal  ’35)  il  

nazionalismo  patriottico  si  concretizza   in  una  serie   di  storie   di  tema   africano.

La  seconda  fase  de  l’“Avventuroso”  è  caratterizzata   dal   confronto  con  il   duro  

intervento  fascista.  A  proposito  dell’intervento   fascista  due  questioni  sono  

importanti:  l’uso  strumentale  dei   media   ed  il   rapporto  del   fascismo  con  la   cultura.  

Per  quanto  riguarda   il   primo  aspetto     già  nel   1923  nasce  un  periodico   ufficiale  dei  

Gruppi  Balilla   con  uno  scopo  pedagogico-­‐propagandistico.  La  rivista   viene  imposta  

nelle   scuole   ma  non  ha  successo.  Per   quanto  riguarda  il   secondo  aspetto,  a  partire  

dal  1938  il  fascismo  imprime  una  svolta  decisiva   all’autarchia  culturale:   viene   infatti  

approvato  un  ordine  del  giorno  da  Marinetti    e   Guido  Mancini  ( rappresentante  del  

Partito  Nazionale  Fascista)     che  esclude   ogni  importazione  straniera  nel   materiale  

scritto  o  illustrato.   Ha  dunque  inizio   una  frase  critica   per   l’Avventuroso.  Nerbini  

accetta   le   direttive   del  regie,   ma  lo   fa  a  malincuore,  come   si  legge   nell’avviso  ai  

lettori   che  compare   sul  numero  del   20  novembre  1938.  Egli  corre  però   subito  ai  

ripari    promuovendo  storie  italiane   ed   elaborando  dei   cloni   dei  personaggi  

americani:   si  tratta   di  una  stagione  di  rinnovata  possibilità  di  utilizzo   dei   materiali  

d’Oltreoceano.  La   terza  fase  comincia   nel   1941:  l’ingresso  in  guerra  degli   Stati   Uniti  

impone  la  cancellazione   di  ogni  tipo  di   materiale   d’Oltreoceano,  appaiono  le   storie  

di  guerra   ed  il   realismo   propagandistico.  L’Avventuroso  finisce.  

Tuttavia  esso  rappresenta  l’affermazione  di   un  nuovo  medium:  il   fumetto  

d’intrattenimento  senza  preoccupazioni  pedagogizzanti,  ma  anche  il   confronto  

con  un  immaginario  non  nazionale   (anche  se  forse  senza  il   salgarismo   non  avrebbe  

avuto  lo   stesso  successo).  Altri  aspetti   importanti  sono  la   professionalizzazione  di  

una  serie   di  disegnatori,  autori  e   illustratoti   e  la   messa  a  punto  di   una  sorta  di   patto  

di  intrattenimento  tra   questi  autori  ed  un  pubblico  ansioso  di   fantastico  ed  esotico  

un  pubblico  la   cui  domanda  si   fonda  su  un  autentico  bisogno  di  evasione  ma  che  

à

il   regime   si  sforza  di  non  vedere.

Il  Vittorioso

Il  V ittorioso  rappresenta  una  sorta  di   versione  

cattolica dell’Avventuroso:  fa  infatti  

di  intrattenimento  tra   questi  autori  ed  un  pubblico  ansioso  di   fantastico  ed  esotico  

un  pubblico  la   cui  domanda  si   fonda  su  un  autentico  bisogno  di  evasione  ma  che  

à

il   regime   si  sforza  di  non  vedere.

Il  Vittorioso

Il  V ittorioso  rappresenta  una  sorta  di   versione  

cattolica dell’Avventuroso:  fa  infatti  

parte  di   un  filone   caratterizzato  da  un  approccio  educativo-­‐morale  ai   media  da  

parte  del   mondo  cattolico.  Nasce  nel   1936  grazie  a  don  Fancesco  Regetti,  capo  

dell’Ufficio  Stampa  dell’Azione  Cattolica,   come  un  mezzo  di   comunicazione  di  massa  

efficace   e  con  un  messaggio  di  valori   umani  e   cristiani,   i   quali  saranno  trasmessi  in  

maniera   giocosa,  aperta   e  divertente   (strategia  del   corvo  che   impara  da  quella   del  

topo).  Il  V ittorioso  ha  un  immediato  successo  e  la   distribuzione  avviene  in  

parrocchie   ed  oratori  ( garanzia  di  una  diffusione  costante  senza  comunque  far  

preoccupare  i   genitori   sulla  qualità   morale  del   prodotto).  Gli  autori  italiani   vengono  

privilegiati,   tra   i  più  importanti  Benito   Jacovitti.  Il  suo  rapporto  con  il   regime   diventa  

contradditorio:  fino  all’ingresso  in   guerra  il   giornalino   non  la   cita,  in   seguito  a  

questo  lo   accoglie   con  il   titolo  “Vincere”.   Il   giornale  continua  le   pubblicazioni  fino  al  

1943,  è  presente   a  Roma  durante  l’occupazione  delle   forza  alleate    e   resiste   fino  

agli   anni  Sessanta

2.3  -­‐ …e  venne  il  Topolino

La  storia   di  Topolino  può  essere   suddivisa  in   due  fasi:  la  prima   con  Nerbini,  la  

seconda  con  Mondadori.

All’inizio  degli   anni   Trenta  a  Firenze   Nerbini  vede   al  cinema   un  cortometraggio  di  

Mickey  Mouse e   affascinato  decide   di  crearne   un  settimanale,  ignorando  che  

Mickey  Mouse  era   già   un  personaggio  dei   comics.  Dopo  aver   chiesto  

un’autorizzazione    al   distributore  italiano   della   pellicola,   egli   fa  nascere   in  poco  

tempo  Topolino,  un  settimanale  di   4  pagine  formato  35x25  con  la   prima  e   l’ultima  

facciata   a  colori   sgargianti.  

Il  progetto  di  Nerbini   ha  alcune  caratteristiche   tipicamente    nazionali:  si   ispira  a   un  

prodotto  straniero,  sfrutta  la   popolarità  cinematografica  del   personaggio,  si  

inserisce   in  un  filone  consolidato  ( il  modello   “Corriere   dei   Piccoli”)  e   ottimizza  le  

risorse  interne   alla   casa  editrice   (disegnatore  Giove  Toppi,  direzione   affidata  a  

Collodi  nipote).  Tuttavia  l’editore  viene   accusato  di  plagio   da  Guglielmo   Emanuel,  

rappresentante  italiano   dei  diritti   per   le   creazioni   Disney per  l’Europa.  Nerbini  non  

vuole  rinunciare   ed  incarica   allora   Giove   Toppi  di  inventare   un  nuovo  personaggio  

topesco:  la  testata  viene   trasformata  per   un  po’  in  “Il   Giornale   di  Topo  Lino”,  fino  a  

quando  le   trattative  tra   Nerbini  e  Emanuel   si  concludono  e   le   pubblicazioni  di  

“Topolino”  riprendono  regolarmente.   Nel   numero  19  (1933)  esce  la   prima  storia  

interamente   italiana:   Un  corno  porta…sfortuna.  

Grazie   a  “Topolino”  il   fumetto  americano  invade  l’Italia.   Due  sono  i   fenomeni  da  

sottolineare:  1)  la  consapevolezza  che  il   comic   americano  offre  del  materiale  

straordinario  2)  l’intuizione  nerbinana  di   creare   degli   albi   veri   e  propri,  corrispettivi  

dei   comic  book  statunitensi.

La  seconda  fase  della   storia  di   “Topolino”  in  Italia   vede  il   passaggio  a  

Mondadori.  

Già   prima  di   questo  momento  Mondadori  aveva  inseguito  la   Disney  (Silly  

Sinphonies,  i   Tre   Porcellini),  fino  a  quando  decide   di  offrire  una  buona  cifra   a  

sottolineare:  1)  la  consapevolezza  che  il   comic   americano  offre  del  materiale  

straordinario  2)  l’intuizione  nerbinana  di   creare   degli   albi   veri   e  propri,  corrispettivi  

dei   comic  book  statunitensi.

La  seconda  fase  della   storia  di   “Topolino”  in  Italia   vede  il   passaggio  a  

Mondadori.  

Già   prima  di   questo  momento  Mondadori  aveva  inseguito  la   Disney  (Silly  

Sinphonies,  i   Tre   Porcellini),  fino  a  quando  decide   di  offrire  una  buona  cifra   a  

Nerbini  per   l’acquisto  della   sua  testata.  Il   primo  Topolino  mondadoriano  esce  

dunque  nell’agosto  del  1935  sotto  la   direzione  di   Antonio  Rubino  ( colonna  del  

“Corriere   dei   Piccoli”).  Un  altro  personaggio  importante  è  Federico  Pedrocchi,  

direttore   artistico  dal   1939,  il  quale   decide   di  dedicare   una  testata  a   Donald  Duck  

dopo  aver   richiesto  alla   Disney  l’autorizzazione  a   produrre  storie   del   personaggio  ed  

inventa  un  incredibile   racconto  paperinesco:   Il  Mistero  di   Marte (1938),  ispirato  alla  

fantascienza.  Con  gli   anni  Pedrocchi  inventa  storie   sempre  più  autonome  e   creative  

(  

Il  Mago  Basilisco, I  Sette  Nani  cattivi  contro  i   Sette  Nani  buoni)   storie  

à

fortemente  europee    ed   indipendenti  dalla   grafica  disneyana.  Il   pubblico  sa  cogliere  

il   disneysmo  come  uno  stile   vario  e  comunque  unitario  grazie   all’uso  di  personaggi  

tradizionali,  ma  ridisegnati   e   ripensati.  Durante  la   guerra  Topolino  resiste   ma  è  

messo  in  crisi,   poi  si  trasforma  in   “Tuffolino”,  nel  ’43  sparisce   dalle   edicole   (e  muore  

anche  Pedrocchi,  primo  artefice   della   via  italiana   alla   Disney).  É  però   nata  una  

scuola:  una  scuola  costruita  come  una  bottega  artigianale,   che  mostra  di  aver   ben  

interiorizzato  le   nuove  regole   dell’industria  culturale.

Mondadori

Arnoldo  Mondadori inizia   come  tipografo  nel  1907  ed  è  caratterizzato   da  una  

mentalità   modernamente  industriale:

-­‐    

differenziazione  produttiva e  la  comprensione  della   crescente   stratificazione   dei  

pubblici   grande  varietà   di  prodotti   superamento  crisi   del  libro   del   1922-­‐23

à à

-­‐ visione  internazionale del  mercato   esportazione  delle   proprie  opere   in  

à

America  Latina   per  i   migranti

-­‐ nuovo  

meccanismo  distributivo vendita  per   abbonamento  postale:  riduzione  

à

dei   costi  e   garanzia  dei  profitti.

4  -­‐ I  falsi   salgariani

La  vicenda   dei  falsi   salgariani   è  un  ulteriore   prova  del  rapporto  ambiguo  che   il  

fascismo  ha  con  l’industria  dell’intrattenimento.  

Dopo  la   morte  di   Salgari  nasce   una  

letteratura  para-­‐salgariana che  tenta  di  

sfruttare  la  fama  del  Capitano:  vengono  pubblicati  diversi   libri   a   nome  di   Salgari,  

che   però  egli   non  aveva  mai   scritto  (Renzo  Chiosso  tra   questi).  Si  tratta   di  una  prova  

della   brutalità  del   meccanismo  della   serialità   artificiale:   il   nome  di   Salgari   diventa  un  

marchio  anche  dopo  la  sua  morte.  Il  numero  complessivo  di   queste  opere  è   58,  46  

pubblicate  proprio  in  questo  periodo,  7  editori   hanno  un  attività  di   pubblicazioni  di  

falsi:  spiccano  Bemporad  di  Firenze,  la   Casa  Editrice   Impero  e   Sonzogno  di  Milano.  Il  

modo  di   procedere  di   Bemporad  si   basa  sull’esistenza  di  una  comunanza  di  interessi  

tra  la   casa  editrice   e  i   figli   di  Salgari   e   sull’origine   autenticamente  salgariana   delle  

trame,  che   giustificherebbe  l’abuso  del   nome  di  Salgari.   Sonzogno  si  serve   invece   di  

un  personaggio  autoproclamato  erede   di  Salgari:   Luigi   Motta,  che  però  scompare  

dopo  aver   vinto  la   causa  che  gli   era   stata  fatta  da  un  “negro”  ( scrittori  stipendiati  


PAGINE

9

PESO

596.16 KB

AUTORE

BestNote

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Teorie della comunicazione e dei media, basato sappunti personali, rielaborazione e studio autonomo del quarto capitolo del testo consigliato dal docente Fausto Colombo: La cultura sottile by Fausto Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: un pubblico moderno - Intellettuali e media: l'editoria negli anni Venti e Trenta, Il Cinema: autorialità e propaganda, Intrattenimento Radiofonico: i quattro Moschettieri - L'intrattenimento del periodico illustrato - Il fumetto d'avventura - Topolino - Mondadori - i falsi salariati - la pubblicità


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in comunicazione e società
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BestNote di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teorie della comunicazione e dei media e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Colombo Fausto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Teorie della comunicazione e dei media

Appunti: I Cantautori, Teoria della comunicazione e dei media
Appunto
Appunti: Un Anno di Domenica, Teorie della comunicazione dei media
Appunto
Appunti: 1- Il grillo e il corvo, il topo e il gatto. Industria culturale e fisionomia nazionale, La Cultura Sottile. Esame di Teorie della comunicazione e dei media, F. Colombo
Appunto
Appunti: Norme della Comunicazione, Teorie della comunicazione dei media
Appunto