Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Raffaello 1483-1520.

- Nasce a Urbino, figlio di un pittore abbastanza famoso alla corte di Federico da Montefeltro (Giovanni

Sanzio).

- Lavora nella bottega di Perugino e nel 1500 è già un maestro riconosciuto.

- Lavora nell'Umbria e nelle marche realizzando opere stilisticamente molto legate a quelle del maestro

(vedi "crocifissione").

- Nel 1503 va a Roma per assistere all'incoronazione di papa Giulio II (parente della sua protettrice) che

sarà molto importante per la sua produzione, così come il suo successore.

"Sposalizio della Vergine"1504, tavola, Pinacoteca di Brera, Milano.

- Parallelo con l'opera di Perugino “La consegna delle chiavi a San Pietro”, realizzata alla fine del ‘400

conservata al Muséedesbeaux-Arts di Caen.

- Raffaello doveva conoscere l’opera in esecuzione, e ne modifica la struttura: da grandioso motivo

scenografico, Il tempio sullo sfondo, diventa il fulcro di uno spazio che si sviluppa circolarmente fino

all'orizzonte; i personaggi in primo piano assumono pose più naturali.

- L'opera di Raffaello presenta più armonia e una maggiore compenetrazione tra le figure.

- L’edificio poi, manifesta nella circolarità dell’impianto aa 16 lati e con peristilio, nella coerenza dei legami

strutturali e nell’eleganza delle membrature, la complessa e aggiornata cultura architettonica di Raffaello,

che gli consente di distaccarsi nettamente dal modello del più anziano maestro

- Spazialità meno piatta.

- Superamento del maestro Raffaello a FIRENZE

Decide di soggiornare nel più vivace centro di elaborazione di una nuova cultura figurativa. Esplora la

tradizione rinascimentale fiorentina, dalle fonti quattrocentesche alle opere più recenti di Michelangelo e

Leonardo.

"Madonna del belvedere” 1506, olio su tavola, Kunsthistorisches Museum, Vienna.

- Unisce la non definizione atmosferica di Leonardo alla plasticità e al dinamismo di Michelangelo.

- Il fascino delle composizioni piramidali e del linguaggio dei gesti e degli affetti, di cui Leonardo per primo s

era servito, si manifesta in molte Madonne del periodo fiorentino di Raffaello

- Vergine in posa contrapposta, la sua testa è lievemente inclinata, ed è una sorta di sole raggiante contro il

celeste tenue del paesaggio lacustre alle sue spalle

- La Vergine sorregge il bambino ancora troppo piccolo e privo di autonomia, che si protende e prende la

piccola croce portagli da San Giovannino

"Ritratto di Agnolo Doni”

- I 2 coniugi Doni vengono ritratti contro un paesaggio che, pur partecipando ancora della dolcezza dei

paesaggi umbri e serbando il ricordo di quelli del Perugino, non ha la forza evocatrice degli sfondi

montuosi di Leonardo

- Per Raffaello, il paesaggio si pone come sfondo chiaro e luminoso che accresce la grazia, la delicatezza e

l’intima consapevolezza dei soggetti

- L’agiato mercante Agnolo Doni mostra il suo volto intelligente incorniciato dallo scudo berretto e dalla

massa di capelli ricci

- Busto di 3/4 verso destra, volge la testa lievemente dalla parte opposta, accompagnando lo sguardo

"Ritratto di Maddalena Strozzi” 1506 circa, olio su tavola, Palazzo Pitti, Firenze.

- Dittico.

- Ricalca l’impianto compositivo della Gioconda di Leonardo, ma con intenti e risultati quasi antitetici,

accentuando la descrizione dei lineamenti fisici come delle vesti, dei gioielli e dell’ambientazione

paesistica

- Senso della volumetria e pieno inserimento dei corpi nella spazialità.

- Carica psicologica; ognuno ha una caratterizzazione propria e precisa, senza però cadere

nell'esagerazione o nella caricatura.

“Pala Baglioni” 1507, olio su tavola, Galleria Borghese, Roma.

- La signora Baglioni la commissiona in onore del figlio morto e per ricordare il proprio dolore.

- Rielabora il concetto della passione.

- o “Trasporto di Cristo morto”.Figure incastrate e perfettamente modulate (vedi Pietà di Michelangelo).

- L’opera è una delle prime pale d’altare di Raffaello che rechi un soggetto narrativo, è evidente inoltre

l’elaborazione delle forme ideate da Michelangelo nella Firenze dell’inizio ‘500

- Moti dello spirito, sguardi, tensione muscolare in un senso plastico in cui ogni essere ha autonomia di

pensiero e di azione.

- Maniera moderna: carattere psicologico; è nell’espressività del corpo che si manifesta lo spirito.

- Massimo equilibrio tra lo studio dell’antico e del naturale.

Raffaello a ROMA

La seconda grande impresa pittorica di Giulio II trae origine dal rifiuto del papa di utilizzare come

appartamento ufficiale quello decorato dal Pintrucchio per Alessandro VI. Per il nuovo appartamento

vengono scelti ambienti al piano superiore dei palazzi Vaticani (le stanze) di cui si progetta la decorazione

dei soffitti, ad opera di un gruppo di pittori provenienti da tutta la penisola, a cui si aggiunge, nel 1508, anche

Raffaello.

"Stanza della segnatura" decorazione del soffitto, 1508-09, Vaticano

- Dipinge le personificazioni della Teologia, della Filosofia, della Poesia e della Giurisprudenza dentro tondi

che sovrastano le lunette delle pareti.

- Negli scomparti angolari raffigura l'Astronomia, il Giudizio di Salomone, il Peccato dei progenitori e Apollo

e Marsia.

- Alle personificazioni dipinte nella volta corrispondono, sulle pareti, la "Disputa del sacramento", la "Scuola

di Atene", il "Parnaso" e tre "Virtù teologali" (Prudenza, Forza e Temperanza) poste sotto il governo della

Giustizia.

- Raffaello punta a coinvolgere i personaggi in un’azione che consenta di caratterizzarli attraverso i moti, le

espressioni e le attitudini

"Disputa del Sacramento” 1509, affresco.

- Rappresenta la Chiesa militante al cospetto della Chiesa trionfante, sul semicerchio delle nubi nell'ordine

superiore. Il punto di riferimento centrale è l'ostia consacrata sopra l'altare, che diventa il fuoco prospettico

e psicologico della rappresentazione.

"Scuola di Atene", 1509-10, affresco.

- Raffaello rappresenta una delle 2 vie attraverso le quali si può arrivare a Dio: la filosofia, caratteristica di

un percorso squisitamente umano

- In un grandioso edificio classico sono riuniti i più importanti filosofi dell’antichità

- Edificio incompiuto che evoca l'idea del tempio della sapienza, accoglie i filosofi e i saggi dell'antichità

attorno alle figure di Aristotele e Platone, in cima alla scalinata. Nei volti di alcuni filosofi sono stati

riconosciuti artisti contemporanei.

- Fra i due maggiori filosofi è posizionato il punto di fuga dell’impatto prospettico, la cui rigorosa costruzione

determina un senso di equilibrio, di classicità e di grande compostezza


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

6

PESO

80.81 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche del turismo culturale
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Rebepuddi di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'arte e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof De Feo Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia dell'arte

Appunti completi su Michelangelo
Appunto
Schemi storia dell'arte (opere chieste nello scritto)
Appunto
Appunti sul Quattrocento fiammingo
Appunto
Arte fiamminga con J.V Jack e R. V. der Waiden
Appunto