Che materia stai cercando?

Appunti - Celeste Venard, Scaraffia

Appunti su Celeste Venard del professore Giuseppe Scaraffia.
Gli appunti del prof.Scaraffia su Celeste Venard prendono in esame la vita della cortigiana, fin dalla nascita. La vita travagliata fin da bambina, l'aver a che fare con i violenti amanti della madre portarono Celeste Venard a passare da un uomo all'altro fino a quando uno scherzo stava per costarle... Vedi di più

Esame di Letteratura francese docente Prof. G. Scaraffia

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

CELESTE VENARD, DETTA MOGADOR

1824-1909

Era nata da padre ignoto. Un assaggio della sua futura vita l’aveva avuta quando un amante

manesco della madre, per farla tornare da lui aveva rapito la bambina mettendola in una casa chiusa

dove la madre era venuta a riprenderla. Il successivo amante della madre aveva tentato di

violentarla e era scappata di casa ospitata in un misero albergo dalla passeggiatrice Marie le Blonde,

la polizia l’aveva arrestata in una retata insieme alla protettrice, nel carcere le anziane le avevano

insegnato tutto quello che c’era da sapere su quel mestiere.

Uno dei maggiori scrittori viventi Alfred de Musset l’aveva notata un giorno quando questa non si

era dimostrata passiva come le altre prostitute, da quel giorno per lui era diventata una specie di

ossessione, la richiedeva anche tre volte al giorno alternando momenti di pazzia nei quali la

insultava. Un giorno portandola fuori al tavolo del ristorante Musset stava per servirle un bicchiere

d’acqua quando poi le aveva puntato il sifone contro inondandola ridendo del suo pianto.

Sessant’anni dopo quando ormai era diventata la contessa de Chabrillan disse di non averlo mai

perdonato.

Fu portata via da un cliente impietosito dal suo stato di saluto, vaiolo e meningite. Con la forza di

volontà aveva incominciato la sua scesa imparando a leggere e a scrivere. Viveva con i soldi di

Adolphe, uno studente suo amante. Una sera il ballerino Brididì l’aveva invitata a ballare, ma dopo

“sarebbe più facile difendere Mogador che la

aveva una folla di ammiratori tale da spingerlo a dire:

mia compagna di ballo”

Pare sia stata proprio lei a inventare il can can in più era diventata una cavallerizza nel più famoso

circo del secolo, quello di Antonio Franconi, ma un giorno ebbe un brutto incidente che la obbligò a

lasciare quel mondo che le piaceva tanto. Qualche mese dopo moriva Marie la Blonde, suicida per

amore.

Aveva ricominciato la vita di sempre, passando da un uomo all’altro, quando fu uno scherzo a

costarle quasi la vita, le ara arrivata una finta convocazione in commissariato e lei aveva tentato il

suicidio salvandosi per miracolo.

Una sera, quando un cliente la trattò grossolanamente il conte Lionel de Chabrillan lo obbligò a

s’innamorò di lui, persto però il

versarle una multa consistente e la invitò a ballare; la cortigiana

conte aveva rotto con lei con la scusa di dover andare fuori Parigi, ferita aveva tentato una seconda

volta il suicidio. Sei mesi dopo il conte tornò e le aveva chiesto di rinunciare agli altri uomini,

Celeste lo aveva seguito, felice, nelle sue terre. Nel timore di compromettersi però la teneva

nascosta al vicinato e lei spesso era costretta a stare chiusa per ore in camera. Celeste era tornata

bruscamente a Parigi senza salutare il conte, ingelosito l’aveva seguita, ma 8 giorni dopo lei venne a

sapere che il conte stava organizzando un matrimonio con una ricca ereditiera.

Lionel la seguiva la riprendeva e la rilasciava, aveva imparato anche lui a ingelosirla e una sera la

donna non potendone più si era pugnalata davanti a lui.

Finalmente in seguito le offrì di sposarlo, ma lei rifiutò sapendo che la corona di contessa sarebbe

stata una corona di spine con quell’uomo.

Il conte depresso era partito per l’Australia lasciandola alle prese con i creditori, infatti la donna

aveva garantito personalmente molte delle sue ipoteche.

Fu allora che il suo avvocato le consigliò di scrivere le sue memorie per dire quando avesse

acquistato i suoi beni e come, per far si che non le fossero pignorati i beni presi prima di legarsi a

Chabrillan.

Una sera si era presentato smagrito e vestito poveramente, la donna commossa aveva venduto tutto

per pagare i suoi ultimi debiti. Nel 1853 a Londra era finalmente diventata la contessa de

Chabrillan, rientrati la donna si era precipitata a scrivere a Dumas e Napoleone scongiurandoli di

bloccare l’uscita delle sue memorie, ma in Francia uscirono le memorie e i giornalisti si lanciarono


PAGINE

2

PESO

69.98 KB

AUTORE

ninja13

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti su Celeste Venard del professore Giuseppe Scaraffia.
Gli appunti del prof.Scaraffia su Celeste Venard prendono in esame la vita della cortigiana, fin dalla nascita. La vita travagliata fin da bambina, l'aver a che fare con i violenti amanti della madre portarono Celeste Venard a passare da un uomo all'altro fino a quando uno scherzo stava per costarle la vita.
Negli appunti su Celeste Venard di Scaraffia,si ripercorrono anche gli episodi più salienti della Parigi del 1870.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze della moda e del costume
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher ninja13 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura francese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scaraffia Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura francese

Letteratura francese - La donna fatale
Appunto
Letteratura francese - Carmen, la Femme fatale
Appunto
Letteratura francese - Lou Von Salome
Appunto
Letteratura francese - Judith Gautier
Appunto