Che materia stai cercando?

Appunti Bioetica Cattolica e Bioetica Laica

Appunti di bioetica sul rapporto tra Bioetica Cattolica e Bioetica Laica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Magni dell’università degli Studi di Pavia - Unipv, facoltà di Lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Bioetica docente Prof. S. Magni

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Bioetica Cattolica e Bioetica Laica

Bioetica: studio sistematico delle dimensioni morali delle scienze della vita e della

salute, con l'impiego di una varietà di metodologie etiche in un quadro

interdisciplinare.

NEOLOGISMO

Bios (vita) + Ethos (etica), neologismo creato dal cancerologo Potter (USA) nel

1970 per indicare una “scienza della sopravvivenza” (per coniugare le scienza

della vita con l'etica umana in seguito alla rivoluzione scientifica). Il termine viene

poi maggiormente legato al campo medico-sanitario, ma può essere inteso anche

più in generale, come intendeva Potter, allargandosi all'ecologia e a tutta la

biosfera.

“Se non mi chiedono che cosa è la bioetica lo so, se invece me lo chiedono non lo

so” S. Agostino

QUANDO nasce la bioetica?

- metà 1900: in seguito al processo di Norimberga (nazismo), Dichiarazione dei

diritti dell'uomo, rinascita giusnaturalismo.

-1960/70 con la democratizzazione della società occidentale e l'avvento dei

conflitti etici (cambiamento del senso morale comune: divorzio, contraccezione,

aborto...).

Per alcuni c'è una CONTINUITÀ con il passato, è l'etica ordinaria applicata a

un'area specializzata, il bio-regno.

Altrimenti si ha una ROTTURA con il passato in quanto questa nuova etica nasce in

seguita alla tecnologizzazione delle scienze e una rivalutazione dei valori

fondamentali stabiliti.

Vocazione FILOSOFICA?

La bioetica caratterizza ormai il nostro tempo (età della bioetica) risvegliando

anche l'uomo comune come filosofo e i filosofi stessi che tornano a porsi

criticamente problematiche come alcune definizioni tradizionali (vita, morte,

persona...).

Modalità argomentative: appello ai principi o appello ai casi concreti. I problemi

bioetici sono comunque interdisciplinari rispetto le scienze umane.

C'è uno stretto legame tra bioetica e filosofia dato il punto di vista etico ed

esistenziale dei dilemmi da affrontare. Parlando di bioetica si parla di etica e da

questa si giunge ad alcuni principi fondamentali (vita, morte, dolore...), serve

anche però una visione complessiva del mondo per un inquadramento etico: c'è

un'imprescindibilità da un'antropologia filosofica di riferimento.

I due modelli fondamentali sono quello cattolico (dichiarato pubblicamente dalla

Chiesa Romana) della sacralità della vita e quello laico della qualità della vita. In

realtà esisterebbero tanto bioetiche tanto quanto le etiche, ma questi sono i due

movimenti principali. Ogni persona possiede delle precomprensioni-guida

attraverso cui si ispira per la propria condotta. Alcune situazioni di gravi casi di

degrado fisico e psichico portano alla rivalutazione di certi principi attraverso cui

giudicare le conseguenti azioni.

BIOETICA CATTOLICA

della SACRALITÀ della VITA a indirizzo personalista e ontologico

Personalismo → centralità della persona come valore assoluto

La Chiesa non basa il suo insegnamento solo sulla fede e Sacre Scritture, ma

anche ragione e filosofia. Tutti gli uomini colgono, anche razionalmente, che nella

vita c'è un valore sacro-religioso.

La vita umana merita assoluto rispetto in quanto sacra visti tali principi:

A) creaturalità → la vita è un dono di Dio creatore, la vita è sempre bene data

l'origine.

B) non disponibilità → la vita è anche proprietà di Dio ed è perciò sottratta alle

scelte individuali.

C) inviolabilità → essendo dono e proprietà di Dio è inviolabile (non uccidere

innocenti).

Per questa tesi (TSV) per l'uomo vivere ed esistere come persona è identico.

Anche un animale vive, ma l'uomo è una persona (vita umana).

Ci sono però eccezioni ai principi appena esposti: martiri, legittima difesa,

sacrificio per gli altri sono casi in cui è accettato il perdere la vita in quanto si mira

a uno scopo più alto. Inoltre c'è differenza, discussa, tra uccidere e lasciar morire

(non usare mezzi straordinari). La vita è sacra per il suo relazionarsi a Dio, ma va,

successivamente, tenuto conto anche della sua qualità implicante il rispetto dei

finalismi ontologico-naturali.

Inoltre tale TSV può essere vista come una coscienza critica dello sviluppo

tecnologico.

METODO TRIANGOLARE di Sgreccia:

1-dato descrittivo: esposizione del fatto in modo scientifico;

2-quadro antropologico: valori chiamati in causa;

3-indicazione etica: messa a fuoco delle indicazioni operative di natura etica.

Legge eterna → volontà divina di osservare l'ordine naturale delle cose (Agostino)

Legge naturale → legge che ogni uomo razionale trova nel proprio cuore,

partecipazione della legge eterna (Tommaso).

Per cui gli uomini sono tenuti, per esempio, a usare le membra del proprio corpo

in conformità delle loro finalità naturali (es. procreare=> no contraccezione).

Dio parla attraverso la natura concretizzando il piano intelligibile rendendolo

conoscibile; la Chiesa è un ente intermediario tra Dio e l'uomo e indica la retta via

nelle questioni morali. Questo finalismo naturale non può essere modificato dai

medici (aborto, eutanasia, inseminazione artificiale) perchè è un limite divino.

L'esecuzione di tale legge naturale (riferita alla persona) è volontaria e, pur

essendo immutabile come legge, la sua consapevolezza si può sviluppare nel

tempo (dinamismo).

Questa teoria della sacralità della vita è deontologica, ovvero ha una concezione

in cui il dovere è prioritario su altri concetti (bene, fine, virtù...). I divieti morali

sono validi in qualsiasi circostanza, mentre le tendenze teleologiche (finalità)

lasciano delle eccezioni.

La legge civile deve essere conforme alla legge morale e non può contrastarla.

La TSV rischia però di perdere il contatto con la storia contemporanea dal punto di

vista etico ancorandosi alla natura. Molti filosofi infatti rifiutano l'idea di una

permanenza della natura umana negando l'esistenza di norme etiche assolute. Per

la TSV, invece, la natura dell'uomo non muta e giustifica tali norme morali assolute

e il corporeità non ha solo valenza biologica, ma anche morale. Un'azione è buona

quando segue e si adegua l'ordine naturale (no masturbazione: è solo piacere

non per riproduzione, no omosessuali: non riproducono).

BIOETICA LAICA

della QUALITÀ della VITA

Per i laici Dio non essendo l'oggetto di un discorso razionale universalmente valido

non può essere un elemento costitutivo di un discorso pubblico. In questo per

bioetica LAICA si intende una laicità in senso forte (stretto) cioè che non tiene

conto della possibile esistenza e volontà di Dio (non ateismo però). In senso

generale per laicità, invece, si intendo atteggiamenti di tolleranza, libertà,

neutralità... comuni a tutti, religiosi e non.

Ci sono 3 diversi paradigmi a cui può far capo l'idea di qualità della vita:

EDONISMO (presenza o meno di stati piacevoli), PREFERENZE (in base alle

soddisfazioni) e PERFEZIONE (presenza di certe capacità). Sono in particolare le

ultime due le più importanti (dare un senso alla vita).

A tutte le idee di bioetica laica fanno capo una serie di punti comuni [p.96]:

le norme etiche sono costruite dall'intelligenza umana e possono cambiare;

1) le regole fisse non si ricavano dalla natura, non è concepita come creazione

2) divina;

rispetto dall'autodeterminazione (limite solo in rispetto degli altri);

3) disponibilità della vita, non è subordinata a Dio;

4) la conoscenza è progresso (diminuzione sofferenze);

5)


PAGINE

8

PESO

67.80 KB

AUTORE

UNSIGNED

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Bioetica
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
Università: Pavia - Unipv
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher UNSIGNED di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Bioetica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pavia - Unipv o del prof Magni Sergio Filippo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!