Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

CROSS SELLING = volontà della banca di fari si che il cliente utilizzi sempre più strumenti usati dalla banca + è alto il

livello di cross selling + il cliente diventa fedele

SCOPERTO DI CONTO per acquisto non programmato

PRESTITI FINALIZZATI

Finanziamento solo per acquisti dichiarati al momento del finanziamento

 Prestito retale personale è diverso dal prestito rateale classico

 Limitazione di scopo: sono vincolato per contratto ad acquistare quel determinato bene

COMMENTO GRAFICO SLIDE:

il cliente si rivolge al venditore richiesta di finanziamento il venditore si rivolge al intermediario

il cliente paga l’intermediario e poi l’intermediario dà al venditore l’importo complessivo

è l’intermediario che si accolla il rischio di credito del cliente

COSTO DIPENDE DA:

TAEG

RATEALE CLASSICO: soddisfare un bisogno di un determinato rischio. Che già oggi conosci

CREDITO REVOLVING

IL CREDITO RELATIVO: al cliente viene data la possbilità di usare una certa quantità di denaro, che non viene caricata

sul conto, ma gli viene concesso uno specifico fido di cassa per un certo periodo se lo si utilizza dovr à sottostare a una

certa tipologia di rimborso

REVOLVING : man mano che lo utilizzo e lo restituisco esso torna a caricarsi

E­ELERNING

STRUMENTI DI CREDITO AL CONSUMO

2 categorie di strumenti di credito al consumo

Finalizzati

1- Non finalizzati

2-

Questi si distinguono perché quello finalizzato, consente di comprare solo alcuni beni ossia solo i beni specificati nel

contratto, avrò delle limitazioni di scelta, mentre per quanto riguarda i costi possono esserci dei costi detti occulti.

STRUMENTI FINALIZZATI

1-

Quanti soggetti operano nei finalizzati?

Generalmente abbiamo 3 diversi soggetti:

Intermediario finanziari

1) Il cliente

2) Il venditore

3)

Vantaggi del finalizzato:

• Inferiore costi

• TAN E TAEG più basso rispetto agli strumenti di credito al consumo non finalizzati

• Maggiore semplicità e rapidità dell’operazione perché in genere basta fornire le informazioni direttamente al

venditore, il cliente non interagisce con l’intermediario infatti a volte non ce ne si rende nemmeno conto, ce ne si

rende conto solo in un secondo momento.

Tipologia di strumenti finalizzati: 10

Prestito reale classico

- Carta revolving, a seconda dell’utilizzo può essere considerato uno strumento finalizzato o meno.

- STRUMENTO NON FINALIZZATO

2-

Due soggetti:

Intermediario

- Cliente

-

Viene a mancare la figura del venditore, il cliente si rivolge all’intermediario.

Forma di finanziamento con cui l’intermediario finanzia/eroga direttamente al cliente (il quale deve essere una persona

fisica) per soddisfare esigenze di natura personale (bisogno personale), no esigenze imprenditoriali.

Vantaggi di questi strumenti:

• Libertà di utilizzo della somma che ci viene concessa, non abbiamo alcun vincolo né di scopo ne problemi legati alla

scelta posso utilizzarla per qualsiasi tipologia di spesa.

• Tassi più alti, perché prestiamo del denaro senza che il cliente dia spiegazioni, a volte possiamo avere un TAN e un

TAEG = a 0.

• Tan, tasso che la banca applica come proprio rendimento sulla somma che si sta erogando j(comprensivo solo della

quota d’interesse).

• TAEG, incorpora al suo interno sia il TAN che tutte le sue spese accessorie, può solo essere

>= a TAN.

Tipologia di strumenti non finanziari:

Prestito rateale personale

- Scoperto di cassa o scoperto di conto

- Cessione del quinto

-

CESSIONE DEL QUINTO

Io posso effettuare un acquisto ratealmente attraverso il versamento di un quinto della mia pensione o del mio stipendio,

maggiore garanzia nei confronti dell’intermediario che concede il finanz, il quale è sicuro che un quinto del reddito

percepito servirà per pagare

Si richiede una stipulazione obbligatoria della polizza nel caso in cui il lavoratore perde il lavoro o si licenzia

Per il pensionato, la polizza paga in caso di decesso del cliente

Abbiamo la presenza di 3 soggetti, si differenzia dalle altre forme di credito al consumo non finalizzate

Intermediario finanz, in genere sono le società finanz specializzate in credito al consumo possono essere anche

- banche

Cliente dipendente sia privato che pubblico, ( ruolo passivo, vede solo arrivarsi uno stipendio decurtato di un quinto)

- Datore di lavoro del dipendente, spetterà a lui prendere un quinto della stipendio di questo soggetto e girarlo

- all’intermediario finanz( ruolo attivo, assicura che il cliente rimborsi mensilmente il suo debito) per il pensionato il

ruolo viene svolto dall’INPS

È l’unico strumento di credito al consumo dove si ha la garanzia che il credito non andrà insoluto

Per poter ottenere questo finanz, bisogna essere o un pensionato ma bisogna essere lavoratore con determinate

caratteristiche es. lavoratore a tempo indeterminato 11

È un prodotto + costoso rispetto agli strumenti di credito al consumo ma è conveniente per quei soggetti più rischiosi es. i

soggetti protestati

Costi fissi/ di istruttoria più alti rispetto, quello che incide sul TAEG è la polizza assicurativa più alto

Vantaggi: non dare ulteriori garanzie oltre quelle già richiesta

Svantaggi

IL RISCHIO PER LA BANCA E’ PIU’ ALTO ALL’AUMENTARE DELLA DURATA

Il fatto che non ci siano garanzie rende questo strumento più caro rispetto agli altri, TAEG altro

Carta revolving: sono strumenti che permettono di avere un finanziamento sulla carta, come se il finanz non si esaurisse

mai gli interessi si pagano dal primo giorno del finanziamento, mentre nella carta di credito c’ è una dilazione degli

interessi di un mese( abbiamo tempo un mese, per rimettere i soldi sulla carta al fine di non pagare interessi) questo

non viene concesso nella carta revolving, dove gli interessi si pagano fin dal primo giorno e lo strumento di credito pi ù

caro in assoluto

CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI

Taglio= in base a quanto è grande l’ammontare di taglio minimo e va a definire anche chi sono i sogg che può accedere

a un mercato o meno

MERCATI CREDITIZI E MERCATI MOBILIARI: Si distinguono per la tipologia di strumento finanz che viene negoziato

MERCATI CREDITIZI: esempio tipico è il contratto di mutuo tra cliente e banca, tutte le caratteristiche dello strumento

sono definiti dalle controparti, si contrappone al mercato creditizio il MERCATO MOBILIARE, mercato nel quale vengono

scambiati titoli mobili, alta negoziabilità e trasferibilità, strumento standardizzato per definizione

MERCATO PRIMARIO: emissione per la prima volta di titoli sul mercato, che prima di allora non esistevano, si ha la

presenza del sogg emittente, la sua funzione è quella di finanziamento: reperire risorse sul mercato si hanno tre

diverse modalità per emettere queste tipologie di titoli

MERCATO SECONDARIO: troviamo la negoziazione di strumenti già emessi in passato dare maggiore liquidit à a

questi strumenti standardizzati, quindi strumenti del mercato mobiliare

3 tipologie di collocamento:

C) tramite asta solo dallo statoche pu ò essere competitiva o marginale: ASTA E’ DIFFERENTE DAL COLLOCAMENTO

PRIVATO O PUBBLICO

A seconda che ci si riferisca ad una platea estesa di investitori o ristretta abbiamo un collocamento privato o pubblico

collocamento privato:

Emissione attraverso avvengono rivolgendosi ad una determinata categoria di investitori,

abbiamo un collocamento solo su alcune categorie di investitori, non tutti potranno avere accesso a questa tipologia,

perché è un collocamento che non si rivolge a tutti:

• Il costo di un private placement è minore poiché mi rivolgo a un numero minore di soggetti.

• Si ha più flessibilità sul ammontare e sul tipo di finanziamento, poiché i soggetti a cui mi rivolgo sono investitori

specializzati, non devo attenermi alle stesse regole rigide, le quali devono essere rispettate per il pubblico più

ampio.

• Otre a rivolgermi solo a questa tipologia di soggetti, posso scegliere: quali sono le banche o i fondi pensione che

possono prendere parte a tale collocamento.

• Ricorrono a questa tipologia, le PMI o le start­up, generalmente le imprese che non quotate in borsa che si

rivolgono a investitori specializzati, essendo soggetti non quotati, saranno strumenti poco liquiditi poiché non quotati

in mercati.

COLLOCOCAMENTO PUBBLICO:

• mi rivolgo in modo indistinto alla platea di investitori interessati 12

asta marginale: solo per i BOTj

tutti gli altri titoli di stato vengono emessi sul mercato attraverso l’asta COMPETITIVA

MERCATO MONTERIO E MERCATO DEI CAPITALI: differenziano tra loro per la scadenza

MERCATO AL DETTAGLIO (es titoli di stato) E MERCATO ALL’INGROSSO ci sono per ogni tipo di mercato, soggetti

diversi che operano al suo interno

MERCATI AD ASTA, per poter avere uno scambio è necessario che si trovi una parte disposta ad acquistare o vendere

al prezzo indicato, sono mercati liquidi ma non liquidissimi perché non è detto che la transazione avvenga nell’immediato

c’è la necessità di una controparte che risponda alle mie esigenze

MARKET MAKER: ho degli intermediari che in liquidità continua offrono un prezzo per un determinato strumento

finanziario in qualsiasi momento ho la possibilit à di convertire i miei strumenti finanziari

CARATTERISTICHE TECNICHE DEI BOND

cedole+(prezzo di acquisto – prezzo dirimborso)

RENDIMENTO TITOLO OBBLIGAZ:

Corso secco: prende in considerazione solo ed esclusivamente la quotazione del titolo su mercato

Tel quel: è dato sia dal corso ecco + parte di cedola maturata in un determinato periodo,

CORSO SECCO

C secco=C tel.quel – rateo

Si supponga di vendere in data 3/05 2600 euro di BTP

Il BTP ha durata decennale (2015/2025), cedola semestrale 12% e godimento 1/01­1/07.

pari a 96,154

La quotazione di Borsa del titolo (corso secco) è

CORSO TEL QUEL

C telquel=C secco+rateo

I giorni intercorsi tra la data dell’ultimo godimento (1/01) e il giorno di liquidazione (3/05) sono 125

Il rateo lordo, ossia gli interessi lordi maturati in questo periodo. È pari a:

2.600∗12 ∗125 /365=106.8 Euro

Considerando una ritenuta fiscale del 12.5 % sugli interessi l’importo percepito a seguito dell’operazione di vendita è:

2.600∗0.96154+106.8∗(1−12.5 .454

)=2.5933

CLASSIFICAZIONE BOND

Modi di classificare i titoli:

in base alla durata:

Breve termine sono quelli che hanno una scadenza <= 12 mesi( BOT di Stato)

- Medio ­ Lungo > 12 mesi

-

In base alla remunerazione: , rendimento

Zero coupon, senza cedola dato dallo scarto di emissione scadenza media

- ,

Titoli con cedola cedola può essere semestrale o annuale la cedola va a ripagare l’impegno a pi ù lungo temine

- dell’investimento

In base all’emissione: 13

:

Alla pari prezzo a cui viene emesso è uguale al valore nominale, 100

- : valore di emissione < rispetto al valore nominale,

Sotto la pari valore dato sia dallo scarto e magari dalle cedole

- :

Sopra la pari titolo emesso a un prezzo superiore rispetto al valore nominale, rendimento dato solo dalle cedole

-

In base al valore delle cedole:

Cedole fisse

, prestabilite

- Cedole variabili, indicizzate

-

Corso secco: quotazione del titolo in un determinato istante, prezzo del titolo sul mercato

Corso tel quel: a quel titolo aggiungiamo anche la quota di interesse maturata fino a quel periodo

Corso tel quel e secco, si equivalgono solo quando le cedole vengono staccate, se le cedole non ci sono esempio zero

coupon, i due corsi si equivalgono sempre

RISCHI RELATIVI AI TITOLI DI STATO

Il rischio monetario, fa riferimento al rischio di inflazione e se le cedole sono fisse il rischio è presente, se le cedole

sono indicizzate all’inflazione il rischio non c’è

Rischio di reinvestimento, rischio di rinvestire il cap delle cedole su un mercato in un secondo momento

QUALI SONO GLI ELEMENTI COMUNI DEI TITOLI DI STATO:

MOT: mercato secondario al dettaglio

MTS: mercato secondario all’ingrosso

BOT E CTZ, sono titoli zero coupon è riconoscono un rendimento dato dalla differenza trs prezzo di acquisto e valore

nominale

Il BOT è l’unico ad avere una durata inferiore all’anno( che è la sua durata massima)

Per Il BOT abbiamo un rendimento calcolato con l’interesse semplice.

PER GLI ALTRI TITOLI DI Media­lunga scadenza il regime di interesse utilizzato è quello composto

Quando vogliamo paragonare un rendimento di un BOT con altri tioli di stato calcoliamo anche per BOT l’interesse

composto perché ci permette di paragonare al meglio i due investimenti

BUONI ORDINARI DEL TESORO ( BOT)

Detti anche titoli a sconto: rendimento dato dallo scarto di emissione

Lo Stato ricorre ai BOT per ripagare le scadenze di altri titoli emessi in bassato

Durata è sempre espressa in giorni

Commissioni sono crescenti all’aumentare dei giorni

L’imposta non si paga alla scadenza ma al momento della sottoscrizione quindi pago anche l’imposta, l’imposta si paga

sulla differenza tra valore nominale e prezzo di acquisto

Nel caso dei BOT troviamo il rischio di tasso di interesse quando si decide di vendere il BOT prima della scadenza, se

aspettiamo la scadenza naturale non impattiamo in questo rischio

Rischio monetario molto basso, è molto improbabile che l’inflazione in un anno ci porti dai una perdita

Chi sono i soggetti interessati: soggetti che si aspettino che i tassi di mercato aumentino e non hanno oggi la

convenienza di investire in un investimento di LP, oaspettano in vista che si alzino i tassi

CTZ: certificati del tesoro, ZERO COUPON 14

Rivolta ai sogg che hanno un orizzonte temporale medio di 2 anni, anche qui gli investitori hanno aspettative crescenti e

non vogliono immobilizzare per un periodo molto lungo il proprio denari

CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE E COMPOSTA

SEMPLICE: durata inferiore a 12 mesi

COMPOSTA: quando durata del titolo maggiore del 12 mesi

ESEMPIO DI CALCOLO DEL RENDIMENTO: c’è differenza tr quello lordo e quello netto( dove devi togliere il 12.5%)u

BUONI POLIENNALI DEL TESORO( BTP )

Medio lungo termine

- Rischio monetario, dovuto al fatto che le cedole non prevedono un indicizzazione delle cedole ed essendo un

- investimento a medio­lungo termine corro il rischio di perdere parte del potere di acquisto che avevo al momento

dell’acquisto è un rischio reale poiché la durata può arrivare fino a 30 anni, e di reinvestimento( se reinvesto le mie

cedole trovo condizioni meno favorevoli rispetto al passato)

Il btp a deferenza del bot e del ctz, dipende da quel che vuole fare lo stato può essere emesso sia sopra, sotto, che

- alla pari

Il rendimento dipende dalla tipologia di emissione

-

Interessati: chi ha una propensione al rischio maggiore poiché es. c’è un rischio monetario e di rinvestimento più alto, lo

fa chi si aspetta che i tassi di interesse diminuiscono domani, mi aspetto che il mio investimento sia quello migliore che

posso fare da qui ai prossimi anni, mi aspetto un inflazione calante altrimenti mi cercherei un inflazione che mi aspetto

calante da qui ai prossimi anni

CHI INVESTE IN TITOLI DI STATO CON CEDOLE VARIABILI?

paura della variazione dei titoli di stato

-

CERTIFICATI DI CREDITO DEL TESORO ( CCT)

Medio lungo termine 7 anni

Cedole variabili, indicizzati in base a quello che è il BOT, è indicizzato in maniera finanziario poiché la cedola varia al

variare del rendimento riconosciuto ad un BOT

Generalmente viene emesso sotto la pari

Lo spread che viene applicato è uno spread fisso pari allo 0.15 %, rendimento sementarle: 0.15 % + rendimento del BOT.

Rendimento: cedola + eventuale differenza

Rischi: sia di inflazione che rimane( rischio monetario), ria rischio reinvestimento

CHI INVESTE:

Chi ha un aspettativa rialzista sui tassi di interesse di mercato, investimento di lungo termine però non voglio perdere

l’occasione di beneficiare di un innalzamento dei tassi, mi aspetto via via che i BOT vengano emessi ad un prezzo

sempre più basso e questo mi permette di avere nel tempo un rendimento crescente dei CCT

CCT EU.

Può essere indicizzato anche all’URIBOR a 6 mesi, sono strumenti nuovi dal 2010, hanno durata 5 anni, non si ha

un’asta marginale ma si ha un consorzio dove possono partecipare solo alcune tipologie di intermediari; in questo caso

si hanno solo banche selezionate che partecipano al consorzio che decidono gli investitori a cui destinarli

Il CCT ha sempre cedole variabile, e la cedola ha sempre un indicizzazione finanziaria

BTP INDICIZZATO ALL’INFLAZIONE EUROPEA 15

Per avere un indicizzata a valori reale bisogna andare sui BTP, che può essere indicizzato all’inflazione europea(

media di tutti i paese) oppure solo a quella italiana

Asta marginale

Sotto la pari

IN TUTTI I CASI SI HA IL 12.% CALCOLATO SIA SULLA CEDOLA CHE SULLO SCARTO DI EMISSIONE

Ci investono coloro che hanno paura che l’inflazione eroda il loro potere di acquisto si elimina il rischio monetario

BTP ITALIA

Simile ai precedenti

Durata non è piu lunga ma si limita a 4 anni, nuovi

OBBLIGAZIONI SOCIETARIE

La liquidità di un obbligazione è dovuta alla presenza di mercati finanz che ne permettono uno scambio

Esistono mercati quotati dove i titoli vengono scambiati: mercati finanz

Pubblico risparmio: emissione pubblica, la banca si posiziona da tramite tra investitore Retail e società che vuole fare da

tramite o emissione privata: la società si rivolge solo ad un ristretto pubblico a cui chiedere un finanziamento

Per i titoli di corporate manca la modalità di emissione ad asta

MINIBOND: possono essere emessi da società non quotate che devono avere determinate caratteristiche di bilancio

eccc

Emissione delle obbligazioni è decisa dal cda, il prestito non può eccedere il doppio del patrimonio netto della società

I titoli corporate possono essere

SEMPLICI: quando il titolo è costituito solo dal obbligazione, titolo + rendimento

si differenziano per : Durata, modalità di rimborso e in base agli interessi( le cedole possono essere fisse( TASSO

FISSO) oppure possiamo avere delle cedole indicizzate( si muovono a seconda del valore in cui è indicizzato)

STRUTTURATI: sono investimenti composti, legame tra obbligazione e derivato non sto solo comprando il titolo

obbligazionario ma acquisto anche un altro strumento collegato che mi da la possibilità di convertire il titolo

obbligazionario in un’altra titolo

TITOLI CON CEDOLA VARIABILE:

REALE

FINANZIARIA

VALUTARIA

ALTRE FORME DI INDICIZZAZIONE: è possibile che essa sia legata anche ai risultati di performance che l’azienda

ottiene( livello del ROE, andamento del RATING

Indicizzazione inversa: in un caso di indicazione diretta più EURIBORS cresce, più titolo paga cedole elevate in questo

caso più euribor cresce più il mio titolo paga cedole basse( rendimento sempre più basse) chi cerca questo tipo idi

investimento? Chi si attende un tasso di mercato decrescente, abbassamento dei tassi nel medio­lungo termine

L’INDICIZZAIONE Può ESSERE FATTO SUL CAPITALE O SULLE CEDOLE

Indicizzazione alla scadenza, quello che mi verrà restituito sarà calcolato su quello che è il mio titolo di riferimento

COME FUNZIONA LA VITA DELL’OBBLIGAZIONE = a quello dei titoli di stato

RISCHIO DI CREDITO

A seconda degli investimenti fatti, il creditore si assume un certo livello di rischio di credito giudizi di rating: do

informazione all’investitore sul livello di rischio cercano di ridurre le asimmetrie informative( i giudizi di rating), 16

MODALITA’ DI RIMBORSO DEL CAPITALE

Nel caso della azienda a seconda delle condizioni contrattuali può comportarsi in diversi modi: i titoli di stato

unica soluzione alla scadenza, restituzione del valore nominale del titolo alla scadenza: BULLET

vengono sempre rimborsati alla scadenza

RIMBORSO PROGRESSIVO: legato al codice delle obbligazioni ,ogni tot mesi l’azienda inizia a rimborsare il capitale

delle obbligazioni

AD ESTRAZIONE: vengono estratte un tot di obbligazioni da rimborsare

RIMBORSI A CONTENUTO OPZIONALE: l’opzione non viene messa in atto necessariamente

COLLABOT, l’emittente prima della scadenza decide di rimborsare l’investitori

PUTABLE: non spetta l’opzione di rimborso all’emittente ma spetta al cliente, è il cliente che può esercitare il diritto di

richiedere il rimborso anticipato dell’investimento

ACQUISTO SUL MERCATO: posso comprare sul mercato secondario a comprare parte delle obbligazioni cosi da

eliminare parte delle obbligazioni presente sul mercato secondario

OBBLIGAZIONI STRUTTARATE

Collegate a: azioni, altro strumento finanz e contratto assicurativo

Sono strumenti finanz complessi

OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI E CUM WARRANT:

possono presentare vantaggi sia per quanto riguarda l’azienda che l’investitore che in un primo momento è creditore e

decidere in un secondo momento se diventare socio, da la possibilità alla persona che investe se divenire da creditore a

socio dell’azienda paga un rendimento inferiore rispetto all’obbligazione semplice poich é mi permette la possibilità di

acquistare titoli azionari che un obbligazione semplice non mi offre

come le obbligazioni tradizionali paga cedole periodiche, quindi in modo identico a quelle semplice è un

 obbligazione che paga cedole, possono essere sia fisse che indicizzate cedole che vengono emesse sopra la pari

il sottoscrittore può diventare da creditore a socio, è una possibilità non è un obbligo è la differenza

 principale rispetto alle obbligazioni semplici . Se l’opzione non viene esercitata la società rimborsa il valore

nominale dell’obbligazione alla scadenza

TITOLO DI COMPENDIO Le azioni che posso comprare sono azioni della società stessa che ha emesso

l’obbligazione da A ad A conversione diretta

Conversione indiretta: da obbligazione emessa da A divento socio di B

quante azioni mi vengono riconosciute per ogni titolo azionario, in genere è pari ad uno, per ogni obbligazione in cui ho

investito ottengo un azione

periodo temporale entro il quale posso convertire l’obbligazione in azione

DIRITTO DI CREDITO

Obbligazione subordinata viene rimborsata solo dopo aver rimborsato le obbligazioni ordinarie

OBBLIGAZIOE WARRANT

Si differenzia da quelle convertibili perché quando converto la mia obbligazione non smette di esistere, abbiamo

l’opzione di comprare azioni sul mercato ma qualora decido di acquistare le azioni non smetto di essere creditore perché

la mia obbligazione continua ad esistere, resto sempre socio e anche creditore l’obbligazione continua ad essere

presente e posso decidere se tenerla alla scadenza 17

Nell convertibile: la conversione avviene in modo gratuito la mia obbligazione si trasforma in azione della società

Nella warrant: per poter acquistare un azione dovrò sostenere un costo

Il cum warrantt: è uno strumento che vive di vita propria, mentre nel convertibile l’opzione non può essere venduta, qui il

warrant può essere venduto sul mercato ossia vendere ad altri la possibilità di acquistare azioni di quella società nel

momento in cui chi possiede cum warrant e non vuole esercitare l’opzione ha convenienza a vendere l’opzione mentre in

quelle ordinarie non posso

Anche qui bisogna definire: …..

AZIONI

Emittenti solo società per azioni o SAPA, sia quotate o non quotate, non possono emettere le azioni le SRL il quale

capitale è diviso in quote e non azioni

Chi divide di investire in azioni non diventa creditore, ma socio, partecipa al rischio della società ystessa,

può essere scambiato in modo semplice, alta liquidità quando la società è quotata meno liquida è azione di società non

quotata

azioni: parte­ frazione del cap sociale

AZIONI NOMINALI: azioni per poter essere trasferite le azioni hanno bisogno del cambio nominativo, questo limita la

velocità di circolazione delle azioni

AL PORTATORE: azioni che possono essere trasferite con semplice consegna

Le azioni sono dematerializzate

VEDI DETERMINAZIONE DELL VALORE DELLE AZIONI … SLIDE DA BORSE ITALIANE( UNA LENTE….)

TECNICHE DI ANALISI DEI TITOLI AZIONARI

ANALISI TECNICA: fatta sull’andamento del prezzo della società prendiamo in esame solo l’andamento dei prezzi delle

azioni quotate, come si muoverà in futuro di quella determinata azione SI BASA SUI GRAFICI

FONDAMENTALE: può prendere in esame anche i multipli( indicatore che rapporta grandezze di mercato, con

grandezze di mercato)

AZIONI: strumento con rischio più alto

RISCHIO DI PREZZO

RISCHIO SPECIFICO: Il rischio strettamente legato alle caratteristiche della mia azienda, dipende solo dall’investimento

in quella specifica azienda, è un rischio che può essere eliminato attraverso un’ottima diversificazione

RISCHIO SISTEMATICO: non può essere diversificato, ma se quest’ultima viene fatto in modo adeguato questo è l’unico

nostro rischio

C’è una differenza tra carte revolving e credito operativo

DERIVATI: è uno strumento finanziario che permette di tutelarsi dal rischio, i derivati vengono cosi chiamati perché

derivano da qualcosa, ossia vengono costruiti su un certo sottostante.

IL RISCHIO DEI DERIVATI, può essere:

PURO: rischio di perdite

 SPECULATIVO: facciamo riferimento al rischio di ottenere un risultato non in linea con le nostre aspettative, non può

 essere eliminato con le polizze assicurative ma solo con gli strumenti finanziari derivati.

I DERIVATI, sono CONTRATTI A TERMINE, ossia contratti che guardano al futuro, prendo una decisione oggi e mi

accordo su una quantità e decido oggi le caratteristiche, lo scambio però non avviene oggi ma al termine ossia alla

scadenza DECIDO OGGI E SCAMBIO AL TERMINE 18

I CONTRATTI A TERMINE, si differenziano dai CONTRATTI A PRONTI, dove oggi decido in cosa investire, conosco il

prezzo e lo scambio dello strumento avviene nel momento in cui viene presa la decisione DECIDO OGGI E SCAMBIO

OGGI

I DERIVATI, possiamo distinguerli in:

• Derivati negoziati su un mercato regolamentato

• Derivati negoziati su un mercato non standardizzato ( OTC) : posso creare un derivato su un qualunque sottostante

poiché non esistono dei limiti

• Derivati negoziati su un mercato asimmetrico: ci sono le 2 controparti, se chi acquista sta guadagnando 50, chi

vende sta perdendo 50, quello che guadagna sta guadagnando tanto quanto l’altra parte sta perdendo se una

persona guadagna non è però detto che essa guiuadagni tanto quante la perdita dell’altra parte

I derivati possono essere utilizzati per:

Copertura, essa viene fatta quando ho già un’esposizione in portafoglio, es. per eliminare il rischio valuta, più in

- generale: la copertura viene fatta per eliminare un determinato rischio

Copro un derivato che ha segno opposto rispetto alla nostra esposizione

Speculazione, non ho nessun rischio, ma ho delle aspettative su un determinato sottostante e prendo una

- posizione; questa posizione può essere LONG ( se sono rialzista e mi aspetto che il prezzo aumenta) SHORT ( se

mi aspetto che il prezzo scenda)

Arbitraggio, ….

-

I derivati servono a trasformare i rischi finanziari, permettono come le polizze assicurative di portarmi da una situazione

incerta ad una certa, ci permette di eliminare il rischio finanziario

SWAP

1. FUTURE

2. FOWARD

3.

Sono tutti strumenti finanz derivati che una volta sottoscritti mi obbligano a scadenza a tenere un determinato

comportamento

g

4.

COPERTURA: abbiamo un rischio e vogliamo eliminarlo

SPECULAZIONE: vogliamo guadagnare dalle nostre aspettative

1,2,3,4 : sono gli strumenti derivati che usiamo

La quantità di derivati che compro o vendo deve coprire perfettamente la mia esposizione.

COME POSSIAMO DISTINGUERE GLI STRUMENTI DERIVATI ?

CDS( credit default swap

), vengono costruiti su tutti gli emittenti di titoli obbligazionari;

- è uno degli strumenti che viene preferito rispetto al rating tanto pi ù il CDS è alto, tanto più è probabile che fallisca

quell’emittente.

Il CDS è un assicurazione 19


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

24

PESO

1.82 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Tonio9517 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Banche e sistema finanziario e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Cucinelli Doriana.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia e commercio

Management: Cuomo Economia 2°anno
Appunto
Riassunto esame Economia aziendale, prof. Capocchi, libro consigliato Economia aziendale Saita
Appunto
Riassunto esame Elementi di marketing, prof. Chiacchierini, libro consigliato Il marketing del nuovo millenio, Kotler, Keller
Appunto
Statistica descrittiva - Appunti II parziale
Appunto