Che materia stai cercando?

Appunti: 5- Il dopoguerra: verso un sistema nazionale dei media (1945-1960), libro consigliato La Cultura Sottile. Esame di Teorie della comunicazione e dei media, F. Colombo

Riassunto per l'esame di Teorie della comunicazione e dei media, basato su appunti personali e studio autonomo del Quarto capitolo del testo consigliato dal docente Fausto Colombo: La cultura sottile by Fausto Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: introduzione al capitolo - Dai frammenti alla rete - La produzione a fumetti - la Tv e l'atteggiamento degli intellettuali - Il cinema - la pubblicità Vedi di più

Esame di Teorie della comunicazione e dei media docente Prof. F. Colombo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ad  ora  due  fasi:  nella   prima,  dall’unita  al   fascismo,  aveva  visto  nascere  una  pratica  

sportiva  elitaria,   di  classe   ( tiro  a  segno,  scherma,  ginnastica,  sci   e   automobilismo  

non  erano   realmente   mai  state  pratiche   massive.  Il   Fascismo  aveva  infatti  utilizzato  

lo  sport  come  vicolo  di   propaganda.  Nel  secondo  dopoguerra  si  costituisce   invece  

un  sistema  di  sport-­‐spettacolo  legato  ad  un  immaginario   sociale   che  si   manifesta  

nel   tifo  cittadino   e  metropolitano  radicato  intorno  a  figure-­‐simbolo  come   il  

Totocalcio   e  il   giornalismo  specializzato.

Leggendo  dunque  le   tendenze  in  atto  in   questo  periodo  significa   riconoscere   alcune  

caratteristiche   dell’attuale   sistema  italiano   dei   media.

La  produzione  a  fumetti

La  fase  del   dopoguerra  ha  alcune   caratteristiche   fondamentali  per  la   storia  del  

fumetto.

Per   quanto  riguarda  i   soggetti  vi  sono  due  vie:  

1. le   prime  riviste   del   dopoguerra  continuano  l’importazione  del   fumetto  e   della  

cultura  americani,   dopo  la   fase  di  oscuramento  del   tardo  fascismo

2. un’altra  via  radicata   è  quella   ideologica,   che  vede   diverse  pubblicazioni  

cattoliche   caratterizzate   da  una  volontà  educativa   che  si  traduceva  in   precise  

strategie   comunicative,  come  l’utilizzo  di   personaggi  positivi,  di   tematiche  

scelte   per   il   loro  rilievo   pedagogico  e   così  via:  

Il   V ittorioso,  

Il  Corrierino.  Nel  

1949  il  PCI  ( Partito  Comunista  Italiano)  fa  pubblicare   Il  Pioniere,  anch’esso  

con  funzione  pedagogizzante  ma  con   contenuti  assai   diversi   polemiche   per  

à

il   personaggio  di  Chiodino,  accusato  di  portare   il   bolscevismo  nella   letteratura  

per  ragazzi.  

In  questa  prima   fase  il   fumetto  presenta   una  declinazione   “corvesca”   della   strategia  

pedagogizzante,  ma  questa  

vocazione  pedagogica si   contrappone  a  quella   di   puro  

intrattenimento implicata  in   altre   pubblicazioni  coeve,  portatrici   della   logica   del  

topo.

Il  fumetto  è   un  medium  interessante   poiché  da  un  lato  costituisce   un  territorio   di  

integrazione  e   mediazione  tra   le   due  istanze,  dall’altro  vi   si  materializzano   le  

contrapposizioni  ideologico-­‐politiche   caratteristiche   di  quegli   anni  e  del   nostro  

paese.  Inoltre  è   evidente  come  il   fumetto  venga  considerato  sia   una  forma  

espressiva  “alta”   finalizzata  all’intrattenimento,  sia   una  forma  comunicativa  bassa  

ma  adatta  alla   divulgazione  di  contenuti  alti.

Il  discorso  si  estende   agli   autori,  i   quali   sentendo  il   conflitto  tra  ruolo  pedagogico  e  

natura  bassa  del   medium  cominciano  a  costruire   storie  a   partire  dai   classici   della  

letteratura   anche  solo  per  parodia.

Esempio  interessante  di   un  autore:  

Benito  Jacovitti è  stato  una  vera  e   propria  

colonna  portante  del   fumetto  italiano.   A  partire  dal   1957  comincia  a  lavorare  per   il  

supplemento  domenicale   de  “Il   Giorno”  ed  a   inventare  personaggi  a  colori  

completamente  nuovi.  Si   tratta  di  un  autore  legato   all’intrattenimento  ma  che  

rivendica   nel  medium  uno  spazio  stilistico   proprio.  Se  dunque  sul  versante   dei  

soggetti  editoriali   il   fumetto  vede  in  questi  anni   una  contrapposizione  tra   logica   del  

corvo  e  quella   del   topo,  sul  fronte  degli   autori  si  rileva   forse  per  la   prima  volta  la  

nascita  di   soggetti  che  rivendicano  nel   medium  o  uno  spazio  stilistico   proprio  o  

addirittura  un  ruolo  più  alto  da  veri   autori  esterni   all’industria  culturale,   come  

completamente  nuovi.  Si   tratta  di  un  autore  legato   all’intrattenimento  ma  che  

rivendica   nel  medium  uno  spazio  stilistico   proprio.  Se  dunque  sul  versante   dei  

soggetti  editoriali   il   fumetto  vede  in  questi  anni   una  contrapposizione  tra   logica   del  

corvo  e  quella   del   topo,  sul  fronte  degli   autori  si  rileva   forse  per  la   prima  volta  la  

nascita  di   soggetti  che  rivendicano  nel   medium  o  uno  spazio  stilistico   proprio  o  

addirittura  un  ruolo  più  alto  da  veri   autori  esterni   all’industria  culturale,   come  

avverà  per  Hugo  Pratt.

3.1  -­‐ La  via  italiana  della  Disney

Un  personaggio  importante  per  il   fumetto  italiano   è   Guido  Martina, un  intellettuale  

di  formazione  classica   consacrato  al   fumetto  e   all’intrattenimento  dell’infanzia  in  

genere:   classe  1906,  laureato  in  lettere   ed  ex   insegnante,  comincia  nel   1938  a  

tradurre  storie   disneyane  per   Mondadori  e   nel  1948  ne  diventa  sceneggiatore.  La  

sua  figura  può  essere   paragonata  a   quella   di  Paolo  Lorenzini,  alias   Collodi  nipote,  

attivo  presso  Nerbini   durante  la  fase  di   fondazione  del  fumetto  all’americana:  

entrambi  sono  figure  grillesche   ben  inserite   nella   logica   del   topo,  alla   continua  

ricerca   di  mediazione.

Martina  porta  ad  un  discorso  importante:  quello  della   scuola  italiana  della  Disney.  

Nel  dopoguerra  presso  Mondadori  viene   ripresa   l’idea  di   Pedrocchi  ( vedi  capitolo  

IV)  di  reinventare   all’italiana   i   personaggi  Disney  con  stili,   temi  e   creatività  

nazionale.  Nascono  dunque  grandi  storie   tratte  dai   classici   proposti  a   scuola  e  in   cui  

i   personaggi  Disney  vengono  modificati   ed  adattati.

La   prima  delle   grandi  parodie   italiane   è   L’Inferno  di  Topolino,  sceneggiato  da  

Martina  e   disegnato  da  Angelo  Bioletto,  che   appare  sul  n.7  di   ottobre  1948.

[Angelo  Bioletto disegnatore  che   viene  dalle   vignette   e  dalle   figurine   ( I  Quattro  

à

Moschettieri),  sarà  poi  illustratore,  pittore,  scultore,  e   artista  grafico.  Si   tratta  

dunque  di  un  artista   prestato  al   fumetto:  la   sua  partecipazione  a   L’Inferno  di  

Topolino è  significativa   poiché  simboleggia   la  provenienza  esterna  di   molti  temi   e  

stili   entrati   a  far  parte  della   produzione  industrial-­‐culturale,  come  se  la   cultura  di  

massa  tradizionale  trovasse  carburante  nelle   tradizioni   della   cultura  alta.]

1. La  prima   cosa  che  colpisce   di  questo  racconto  è   la  

lontananza  grafica  

dall’universo  Disney,  il  tratto  è  lontano  da  quello   americano  anche  se   i  

personaggi  sono  gli   stessi.  Le  immagini   dei   dannati  si   rifanno  ad  una  

tradizione  illustrativa   europea,  ai   vari  illustratori   della   Commedia ed  alla  

tradizione  ottocentesca.  

2. Importante  è   l’influenza  della  vecchia  scuola  italiana  delle  didascalie,  qui  

riadattate   in  terzine   goliardico-­‐dantesche.  

3. Il  secondo  elemento  che   stupisce  è  la storia  stessa:  si  tratta   di  una  

rivisitazione   dell’Inferno della  

Commedia dantesca,  che   associa  una  libertà   di  

utilizzo  dei   personaggi  a  contenuti  divertenti   ed  ironici   o  collegamenti   con  

l’attualità.  

4. Un  terzo   aspetto  è   la varietà  dei  registri  comunicativi:  ironia   e  umorismo  

metalinguistico   vengono  associati  -­‐ al   comico  si  aggiunge  sorprendentemente  

il   patetico.

l’attualità.  

4. Un  terzo   aspetto  è   la varietà  dei  registri  comunicativi:  ironia   e  umorismo  

metalinguistico   vengono  associati  -­‐ al   comico  si  aggiunge  sorprendentemente  

il   patetico.

Nella   terzina  finale   il   vero  Dante  sta  per   punire  duramente  gli   autori  del   fumetto  

accusandoli  di  tradimento  ma  Topolino  difende  loro  dicendo  che   l’hanno  fatto  

soltanto  per   la   gioia  dei   bambini:  qui  c’è  tutto  il   sistema  di  alibi del   fumetto  

italiano,  che   di  fronte  ai   suoi  accusatori   giustifica  se   stesso  e   il   divertimento  con  la  

nobiltà  dei   riferimenti.  Ecco   dunque  la   necessità   di  attingere   a  classici   per  il  

Topolino  giornale.  Ma  il   gioco  con  i   classici   espone  ancora  il   rischio   dell'accusa   da  

parte  dei   garanti  della   nobiltà  dei   testi   alti.   E  allora   si  ricorre   all'argomento  del  

divertimento,  ammettendo  per  il   fumeto  un  ruolo  di   divulgazione  secondaria  e   in  

fondo  di  semplice   intrattenimento.  V i  è  dunque  un  tentativo  di  nobilitare   un  

medium  di  massa  attraverso  una  immissione  di   contenuti  alti,  affidando  alla   facilità  

del   linguaggio  e   alla   diffusione  del  fumetto  i   compiti  propri  della   divulgazione.  

Tuttavia  si  evoca   una  presunta  ingenuità  pedagogica  perché   si  vuole   difendere  il  

fumetto  come  mezzo  espressivo:  le   parodie   infatti  non  sono  altro  che   comiche.

3.2  -­‐ L'editore  Bonelli

La  finta  preoccupazione  pedagogica  non  tocca  l'intero   universo  del   fumetto.  Sul  

puro  fronte  dell’intrattenimento  per   l’intrattenimento  rimangono  in   molti  e   gli   anni  

Cinquanta  segnano  l’affermazione  definitiva  di   Bonelli   come  editore.  Il   1948 è  

l’anno  di   lancio   vero  e  proprio:  nasce  la   “Serie   d’oro  audace”  e   l’albo  a  striscia   di  

formato  17x8  cm,  che  rimarrà   come  formato  peculiare   della   produzione  italiana  

fino  alla   fine  degli   anni  Sessanta.  Questo  formato  è  

tascabile  e  nascondibile,  al  

riparo  dagli   occhi  di   chi  vede   il   fumetto  come  un  medium  massivo.  Gli   albi   vengono  

ripubblicati   in  formato  tre   per  tre    ( Tex   a  partire   dal  1952)  e  poi  in  albi   veri   e  proprio  

(Tex   Gigante  a   partire  dal   ’58).  Oltre  a   Tex,   altre   produzioni  Bonelli   importanti  in  

questo  periodo  sono  quelle   legate   alla   figura  di  Roy  D’Amy,  sceneggiatore  e  

matitista,  inventore  di  serie   come   “Mani  in  Alto”  “Gordon  Jim”  “L’uomo  ombra”  

(una  serie   sfortunata  dove  però  si  anticipano  personaggi  come  Diabolik)  “Piccolo  

Ranger”.

Tex

Tex è  centrale   nell’immaginario   western  italiano e  nella   storia   editoriale   del  

fumetto  nazionale  per   la  durata  e   l'ampiezza   del  suo  successo.  

L’eroe   è  inizialmente   un  fuorilegge,  poi  diventerà   Ranger,  si  sposerà  e  avrà   un  figlio,  

sarà  agente   indiano  e  capo  della   tribù.  

Le   avventure  sono  caratterizzate   da  

un  tratto  grafico  piuttosto  tipico,  

-­ la   violenza  è  fortemente  presente   ed  i   tratti  salienti   del   protagonista  

-­ anticipano  il   western  di  Sergio   Leone.  

Altre  caratteristiche   importanti  sono  il   punto  di   vista  dalla  parte   degli   indiani,  

-­ la   natura  aperta   delle   storie,  

-­ la   libertà   di  utilizzo  dei   generi   (fantascienza,  giallo,   horror,  avventura).  

-­ la   violenza  è  fortemente  presente   ed  i   tratti  salienti   del   protagonista  

-­ anticipano  il   western  di  Sergio   Leone.  

Altre  caratteristiche   importanti  sono  il   punto  di   vista  dalla  parte   degli   indiani,  

-­ la   natura  aperta   delle   storie,  

-­ la   libertà   di  utilizzo  dei   generi   (fantascienza,  giallo,   horror,  avventura).  

La  tendenza  di   Bonelli   è  dunque  opposta  rispetto   a  quella   degli   autori  Disney:  egli  

percorre   le   vie  del   codice   fumettistico  come  linguaggio  seriale   e  di   genere,  accetta  

la   natura  massiva  del   media  ed  avvia  una  sperimentazione  volta  a   scoprire  e  

formare  un  mercato   individuando  la  domanda  del  pubblico.  Il  dato  interessante  di  

queste  due  vie   è  che   entrambe  escludono  la   modernità  dei   mezzi  di  marketing  e   si  

pongono  in  qualche  modo  in   una  logica   di  artigiano  mediale.   Ma  la   prima  via  è  

integrata   in  un  sistema  editoriale   tradizionale   e   finirà  per  seguire   le   sue  strade;  la  

seconda  invece  farà  della   propria  peculiarità   una  strategia  vincente.   La  logica   del  

topo  all’interno   della   strategia   nazionale  di  intrattenimento  è   spesso  portata  avanti  

da  soggetti-­‐editori  capaci   di  capire   cosa  cerca   il   proprio  pubblico,  si  materializza  

nella   produzione  creativa   di  autori   interni  all’industria   culturale.   Bonelli,  nella   cui  

figura  si  incontrano  e  si   fondono  autore  ed  editore,   è  esemplare.

La  televisione   e   l'atteggiamento   degli   intellettuali

La  nascita   della   televisione deve  molto  all’eredità   radiofonica:

il   conflitto  fra  una  logica   pedagogica  e   una  d’intrattenimento  resiste   anche  

-­ nel   dopoguerra:  lo  dimostrano  i   conflitti  tra   posizioni  politiche   diverse  a  

proposito  della   parzialità   dell’informazione  e   l’esplosione  di  una  serie   di  

iniziative   di  successo  che   cercano  il   pubblico  ed  i   suoi  gusti.  (due  esempi:  

Radiofortuna,  un  concorso  lanciato  per   stimolare  gli   abbonamenti  e  il   Festival  

di  Sanremo  che  nel   1951  salda  la   radio  con  la   tradizione  musicale   del   tempo).  

un’indagine  sull’ascolto  della   radio  ( da  cui   emerge   che  la   radio  viene   ascoltata  

-­ in  media   4  ore  al   giorno  ed   in  particolare   nelle   fasce  orarie   13-­‐13.15  e  20-­‐21)  

mette  le   basi   importanti  per   l'assestamento  della   televisione   dopo  la   sua  fase  

inziale,   ancora  semi-­‐collettiva.  

L'avvento  della   televisione   creò  una  frattura  e  impresse   un'accelerazione   alle  

vicende  dell'industria   culturale   italiana:   la   prima  rete   televisiva   venne  realizzata,  

nonostante  le   difficoltà  del  territorio   italiano,   con  ben  dodici  anni  di   anticipo  

rispetto  il   termine   fissato  nella   convenzione  tra  Rai   e  Sato,  forse  a   soddisfare  più  di  

tutte  l'attesa   delle   industrie  elettromagnetiche   e  del   mondo  economico  in  generale  

che   vedevano  nel  nuovo  mezzo  un  veicolo  pubblicitario   di  particolare   efficacia.  

La  vocazione  pedagogizzante  mantiene  la   sua  continuità  con  la  giovane  tradizione  

radiofonica  e  comunque  realizzando   formule  originali   come

Non  è  mai  troppo  tardidel   maestro  Alberto   Manzi,  una  trasmissione  

-­ scolastica   per  analfabeti  adulti   analfabetismo  problema  significativo  

à

nell’Italia   di  quegli   anni)  

quiz  televisivi   ( esempio  

Lascia  o  raddoppia di  Mike  Bongiorno)  visti  come  

-­ mediazione  tra   intrattenimento  e  vocazione  pedagogica

Intrattenimento  di   Canzonissima,  proveniente  dall'idea   radiofonica  di  

-­ abbinare  una  gara  musicale   alla   lotteria   di   Capodanno

scolastica   per  analfabeti  adulti   analfabetismo  problema  significativo  

à

nell’Italia   di  quegli   anni)  

quiz  televisivi   ( esempio  

Lascia  o  raddoppia di  Mike  Bongiorno)  visti  come  

-­ mediazione  tra   intrattenimento  e  vocazione  pedagogica

Intrattenimento  di   Canzonissima,  proveniente  dall'idea   radiofonica  di  

-­ abbinare  una  gara  musicale   alla   lotteria   di   Capodanno

Sarà  la   discussione  intellettuale   a   separare  progressivamente  il   nuovo  mezzo  dalla  

radio  e   a  farne  il   principale   strumento  della   comunicazione  di   massa  del   nostro  

paese.  

4.2  -­‐ Il  dibattito  sul  medium  televisivo

L'idea   che   nasce  dal  dibattito  è   fortemente  contraddittoria,  ma  le   posizioni  che   vi  

appaiono  risultano  assai  ben  definite:

1. la   prima  posizione  è  quella   di rifiuto  del  medium ,  variamente  motivato  e  

declinato,  ma  sostenuto  essenzialmente   dall’intellettualità  di  sinistra.  Il  

fronte  di  rifiuto  è  tuttavia  articolato,   perché  eterogenee   sono  le   sue  

motivazioni  e  le   sue  radici   culturali,   anche  se   in  generale   si   pensa  che  il  

medium  possa  mettere   in  pericolo   il   ruolo  dell’intellettuale.   Anche  i   segni  del  

rifiuto  furono  assai  differenziati,  ma  principalmente   si  traducevano  in  totale  

assenza  di  interventi   dedicati  al   medium  televisivo.  

>   Intellettuale   nazionale  estraneo  ai   media  che   esclude   la  televisione   come  

strumento  di  formazione

2. la   seconda  posizione  significativa  è   quella   degli   e sponenti  della    cultura  

cattolica che   puntano  ad  operare  all’interno   dell’azienda   per  contribuire  alla  

crescita   culturale   del   paese,  guidando  e   incanalando  la  modernizzazione  

attraverso  questo  medium.  Si  tratta  di   una  volontà  pedagogico-­‐divulgativa  /  

radicamento  nei   valori  cristiani   contrapposti  alle   istanze  ateistiche   della  

sinistra  già   riscontrata  nell’universo  del   fumetto.  

>   Logica  del   corvo  che  coglie   in   maniera  estremamente   precoce   le  

potenzialità  che   il   nuovo  medium  ha  da  offrire

3. la   terza  posizione  è  riconducibile   al  gruppo  “Comunità”,  rivista  olivettiana  

legata   ai   settori  del   capitalismo  italiano  illuminato:  qui  si  sostiene   l’idea  della  

necessità   di  elaborare   una  cultura  specifica   del  nuovo  mezzo,  riflettendo  su  

rapporti  fra  quest'ultimo  e  la   cultura  popolare  e   sulla  diffusione  di   nuovi  e   più  

moderni  modelli   di  integrazione   del  e   nel   sapere  collettivo.

>   Si  ravvisa  il   sogno  del   grillo   che  vede   sostituirsi  l'idea   di  modernizzazione  

industriale   a  quella   di  costruzione  di  cittadinanza.

Importante  ricordare   come  anche  l’azione   degli   intellettuali   cattolici   oscilla   tra  

l’idea   del  mezzo    come   canale  di   cultura  “alta”     (divulgazione  scientifica   e   storica,  

educazione  scolastica,  riflessione   religiosa,   teatro..)  ed  una  necessaria   apertura  

all’intrattenimento,  che  sfocia  nelle   prime  forme  di  varietà.   Una  sintesi   di  queste  

posizioni  si  trova  paradossalmente  nel   Carosello:   contrastata  accettazione   della  

pubblicità  nel   mezzo  divulgativo  per   eccellenza   che  però  mette   in  campo  una  serie  

di  regole   sgradite   ai  pubblicitari,   che  tuttavia  stimolano  alla   creazione   di  prodotti  

comunicativi  nuovi  ed  originali,   a  loro   volta  destinati  a  entrare   nell'immaginario   e  

nel   lessico  popolare  e   a  provocarne  inevitabili   trasformazioni.

all’intrattenimento,  che  sfocia  nelle   prime  forme  di  varietà.   Una  sintesi   di  queste  

posizioni  si  trova  paradossalmente  nel   Carosello:   contrastata  accettazione   della  

pubblicità  nel   mezzo  divulgativo  per   eccellenza   che  però  mette   in  campo  una  serie  

di  regole   sgradite   ai  pubblicitari,   che  tuttavia  stimolano  alla   creazione   di  prodotti  

comunicativi  nuovi  ed  originali,   a  loro   volta  destinati  a  entrare   nell'immaginario   e  

nel   lessico  popolare  e   a  provocarne  inevitabili   trasformazioni.

Anche  la  posizione  degli   olivettiani   (gruppo  Comunità)  conosce  diverse   declinazioni:  

alcuni   vedono  nella   Tv  la   funzione  divulgativa  pari  a   una  sorta  di   università  

popolare,  altri   come  strumento  di  formazione  del   gusto  e  altri   ancora  come  un  

contenitore  di   linguaggi  e   di  occasioni   diversificate  ognuno  con  uno  specifico  livello  

culturale   (tra  questi  Umberto  Eco).

6  -­‐ La  pubblicità  tra  pedagogia  e   modernizzazione

L'evoluzione  del   sistema  pubblicitario   è  in   questa  fase  un  altro  indicatore   del   forte  

conflitto  tra  la   visione  ideologica   e  quella   apertamente   mercantile   all'interno   del  

nostro  paese.  Tre   gli   elementi   significativi:   l’ingresso  delle   agenzie   statunitensi,  il  

boom  della   pubblicità   cinematografica,  Carosello.

1. nascono  le   filiali  americane della   Lintas,  J.  Walter   Thomson,  McCann  Erickson  

e   Young&Rubicam,  attraverso  le   quali   prende  piede   un’idea  di   pubblicità  più  

legata   all’account    che   non  all’espressività   artistica.   In  questo  periodo  le   sole  

agenzie   italiane   sono  lo   Studio  Sigla   ( 1951,  Mario  Bellavista)  e  la   Armando  

Testa  ( 1956).  V i  è  dunque  un  incontro-­‐scontro  tra  la   logica   nazionale  di   studio  

creativo   e  la   logica   anglosassone  di  organizzazione  della   comunicazione  

professionale,  che   vince  sulla   prima.

2. la   pubblicità  cinematografica  è   testimonianza  

a. della   centralità   del   cinema   come  medium.    

b. ufficializzazione  del   ruolo  crescente   della   pubblicità  sul  grande  

schermo,  sancita   da  rassegne  e  festival   (ad  esempio  il   Festival  

Internazionale  del   Film  Pubblicitario   a  V enezia  1954  o  la   Rassegna  

Internazionale  della   Cinematografia  al   Servizio  della   Pubblicità,  

dell'Industria  e   della   Tecnica).

6.1  -­‐ Carosello,  o  lo  spettacolo  pubblicitario

Carosello è  la   fortunata  trasmissione  che  caratterizza,   a  partire   dal  3  febbraio  

1957

(durerà  fino  al   1977)  il  rapporto  fra  pubblicità  e   televisione   italiana.   La  struttura  e  il  

formato  della   rubrica   vennero  definiti   molto  rigidamente  dalle   Note  per  la  

realizzazione  della  pubblicità  televisiva  

redatte  dalla   Sacis,  

in   obbedienza  allo   spirito  

della   convenzione  stipulata  nel   1952  fra  Rai   e   ministero  delle   Poste:  la  finalità   era  

quella   di  introdurre  la   pubblicità  in   modo  soft,  contenendola  nelle   forme  più  

convenienti  per   non  recare   pregiudizio   alla   bontà  dei   programmi*.  

La  Sacis   è  il   soggetto  che  meglio   rappresenta  la   funzione  pubblico-­‐pedagogica  della  

televisione   italiana:   nata  nel   1955,  essa  aveva  il   compito  di   controllare  e   coordinare  

il   materiale   pubblicitario   trasmesso  sulle   reti   Rai.   Essa  agì  costruendo  un  sistema  di  

norme  che  da  un  lato  riguardavano  il   formato  tecnico   dei  messaggi;  dall'altro  

costituivano  una  sorte  di  codice   etico   imposto  dall'istituzione,   e   che  teneva  contro  

sia  di   una  difesa  dell'utente,   sia   dei  valori   ritenuti   fondanti  nella   società  di   quegli  


PAGINE

14

PESO

1.22 MB

AUTORE

BestNote

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Teorie della comunicazione e dei media, basato su appunti personali e studio autonomo del Quarto capitolo del testo consigliato dal docente Fausto Colombo: La cultura sottile by Fausto Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: introduzione al capitolo - Dai frammenti alla rete - La produzione a fumetti - la Tv e l'atteggiamento degli intellettuali - Il cinema - la pubblicità


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in comunicazione e società
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BestNote di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teorie della comunicazione e dei media e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Colombo Fausto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Teorie della comunicazione e dei media

Appunti: I Cantautori, Teoria della comunicazione e dei media
Appunto
Appunti: Un Anno di Domenica, Teorie della comunicazione dei media
Appunto
Appunti: 1- Il grillo e il corvo, il topo e il gatto. Industria culturale e fisionomia nazionale, La Cultura Sottile. Esame di Teorie della comunicazione e dei media, F. Colombo
Appunto
Appunti: Norme della Comunicazione, Teorie della comunicazione dei media
Appunto