Che materia stai cercando?

Appunti: 1- Il grillo e il corvo, il topo e il gatto. Industria culturale e fisionomia nazionale, La Cultura Sottile. Esame di Teorie della comunicazione e dei media, F. Colombo Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di TEORIE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA, basato su appunti personali e studio autonomo del PRIMO CAPITOLO del testo consigliato dal docente FAUSTO COLOMBO: LA CULTURA SOTTILE by Fausto Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: le strategie della produzione cultura in Italia - La strategia pedagogizzante: il grillo e il corvo - La strategia dell'intrattenimento: il topo... Vedi di più

Esame di Teorie della comunicazione e dei media docente Prof. F. Colombo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1Cap,  La  Cultura  Sottile

sabato  28  maggio   2016 15:51

3  -­‐ Le  strategie   della   produzione  culturale  in  Italia

Uno  sguardo  complessivo  all'evoluzione   dell'industria   culturale   italiana   svela  

alcune   costanti,  o  meglio   la   ricorrenza  di  alcuni  atteggiamenti  stabili  se  pur  

declinati  caso  per  caso  in  termini  originali.  Ciò  significa  che   l'apparente  

omogeneità  da  un  lato  nasconde  fenomeni  profondamente  differenti;  

dall'altro   molte  apparenti   rivoluzioni  e  innovazioni  all'interno   dell'offerta,  si  

fondano  in  realtà   su  una  sotterranea   coerenza  di  tendenze  macroscopiche.  

Queste  tendenze  si  presentano  e   si  ripresentano  giocando  fra  di  loro  con  

diverse  modalità,  e   ciò  permette   la   nascita  di  fenomeni  di  superficie   sempre  

nuovi.    Tuttavia,  nei   singoli  periodi   si  può  assistere  al prevalere  dell'una  o  

dell'altra.

3.1-­‐ La strategia  pedagogizzante:  il  

grillo e  il  

corvo

La  strategia   pedagogizzante  consiste   in  

un  uso  strumentale  dei  media  da  

parte  di  é lites  o  istituzioni.  

In  quest'ottica  è   in  oltre   piuttosto  

e vidente  la  

natura   di  comunicazione  asimmetrica  dei  media:  

essi   divengono  un  veicolo  

di  condivisione  di   valori  imposti  entro  determinati   limiti   al   pubblico.  

Nella   fase  nascente  dell'industria   culturale   nazionale,  questa  tendenza  fu  

particolarmente   evidente  per   ovvi  motivi:

la   recente   unificazione  del  paese

-­ l'alto   tasso  di   analfabetismo

-­ lo  sforzo  di   ''fare  gli   italiani''

Tuttavia  quest'ottica  fu  storicamente   declinata   attraverso  almeno  due  

modalità  principali   che   è  possibile   esplicitare   chiaramente  in   modo  

metaforico  attraverso  la  figura  del   grillo  

e   quella   del  

corvo:   esse  

simboleggiano  perfettamente  le   due  declinazioni   assai  contraddittorie  della  

strategia   pedagogizzante  nel   nostro  paese.

A. Il  

grillo è  naturalmente  il   celebre   grillo   parlante   de  

Le  avventure  di  

Pinocchio: un  personaggio  che   rappresenta  meglio  di   chiunque  altro  

l'atteggiamento  dell'intellettualità  nei  confronti  della  società  

moderna  

e  che   propone  un  modello  di   sviluppo  della   personalità  che   si  

mantiene  all'interno   di   un  quadro  morale;  tale   quadro  morale  ha  nella  

scuola  il   proprio  fulcro.  

Questa  logica   implica   un  accordo  sostanziale   tra  le   élites   e   il   loro  

pubblico  principale,   una  omogeneità  effettiva  di  intenti   e   di  modelli  

sociali   accettati   come  universalmente   condivisibili   al  di   fuori  del   quale  

mantiene  all'interno   di   un  quadro  morale;  tale   quadro  morale  ha  nella  

scuola  il   proprio  fulcro.  

Questa  logica   implica   un  accordo  sostanziale   tra  le   élites   e   il   loro  

pubblico  principale,   una  omogeneità  effettiva  di  intenti   e   di  modelli  

sociali   accettati   come  universalmente   condivisibili   al  di   fuori  del   quale  

tutto  è   da  considerarsi  immorale.

B. La  versione   del  

corvo rappresenta  la  

declinazione  ideologica  in  cui  

l'intenzione  formativa  si  trasforma  in  vocazione  propagandistica.  

L'esempio   più  significativo  è  l'utilizzo   dei   media  da  parte   del   fascismo.  

Questa  logica   implica   per  sua  natura  la   contrapposizione  ideologica,  il  

suo  conflitto  con  un  altro  modello  dai   contenuti  opposti:  da  qui  la  

necessità   di  controllo  della   stampa  e  della   radio,  e   in  generale   della  

cultura  nazionale   anche  attraverso  la  scuola.  Queste  ideologie   nemiche  

sono  però  un  fantasma.

La  scelta   ricade   sulla   figura  metaforica  del   corvo  non  soltanto  perché  

l'animale   ben  richiama   il   gracchiare   della   radiofonia  fascista  e   il   lugubre  

colore   delle   camicie   nere,  ma  anche  perché   è   lui  il   protagonista  della  

più  lucida   riflessione  condotta  sulla   strategia   propagandistica  

(Uccellacci  e  uccellini   di  Pier   Paolo  Pasolini)  da  cui   emerge   tra  gli   altri  

fattori  l'impossibilità   di  un  progetto  complessivo  alla   luce   delle  

ideologie.

3.2-­‐ La  

strategia  dell'intrattenimento:  il  

topo e  il  

gatto

Le   radici   di  questa  strategia  sono  da  ricondurre  all'eredità   del   melodramma e  

alla   letteratura più  tipicamente popolare.    D'altronde  è   piuttosto  naturale  

che,  in   una  nazione  ad  altissimo  tasso  di  analfabetismo  come  l'Italia   post-­‐

unitaria,  l'industria   culturale   meno  connessa  alle   strategie   pedagogizzanti  

abbia  sempre  cercato   il   proprio  materiale/il   proprio  pubblico  sulla   base  di  

esperienze  spettacolari piuttosto  che  informative  o  culturali.   Molti  dei  

contenuti  dei  primi   prodotti  di   intrattenimento  si  spiegano  dunque  in   questi  

termini:   le   dipendenze  dai   testi  salgariani   dai   testi  melodrammatici   -­‐ la  

vocazione  al  movimento  di  massa  del   cinema   italiano   del  primo  quindicennio  

del   secolo  -­‐ la   tradizione  del  cinema   seriale   in  costume  .  

A. Logica   del  topo:  

artigianale-­‐industriale,  costituisce  nei   media  la   più  

autentica  

continuazione  dell'intrattenimento  popolare.  Presenta  la  

capacità   di  integrare  i  debiti  provenienti  dall'estero  e  di  riarticolarli  

secondo  gusti  e  tecniche  tipicamente  nostrani.  Questa  industria  ha  

un'idea  modestamente  commerciale   del   proprio  compito:  intercettare  

il   gusto  del   pubblico  certo,  ma  anche  

creare  un  prodotto  dotato   di  

propria  fisionomia  specifica confidando  nel  marchio  di  fabbrica  e  

spesso  nella   sbrigliata   invenzione  del   genere.  La   scelta   della   figura  del  

topo  è   significativa  in   quanto  rimanda  alla   versione  italiana   del   Mickey  

Mouse  disneyano:  fu  proprio  

Topolino a  dare  la   svolta  negli   anni  Trenta,  

all'ormai   pedagogizzato  mondo  del   fumetto  italiano.

propria  fisionomia  specifica confidando  nel  marchio  di  fabbrica  e  

spesso  nella   sbrigliata   invenzione  del   genere.  La   scelta   della   figura  del  

topo  è   significativa  in   quanto  rimanda  alla   versione  italiana   del   Mickey  

Mouse  disneyano:  fu  proprio  

Topolino a  dare  la   svolta  negli   anni  Trenta,  

all'ormai   pedagogizzato  mondo  del   fumetto  italiano.

B. La  seconda  tendenza  tipica   dell'intrattenimento   può  essere   invece  

metaforizzata  dalla   figura  del   gatto:  

essa   è  costituita  dalla  

serializzazione fondata  su  autentiche  catene  di  consumo,  in  cui   il  

fenomeno  promozionale  del   prodotto  prende  del   tutto  il   sopravvento  

sulla  logica   interna   della   produzione.  Ulteriore   caratteristica  

fondamentale  di   questa  tendenza,  oltre   al  

grande  peso  del  marketing,  

ossia  dell'indagine  sui  consumi  come  criterio  di  validazione  del  

prodotto  e  strumento  di  organizzazione  della  produzione,  è  un  

riferimento  esogeno,  attento  cioè   ai   modelli   stranieri   assunti  come  

punti  di  arrivo  e   non  di   partenza:  la  tendenza  è   all'omologazione  a  

standard  globali,   a  

guardare  ai  modelli  e steri  come  a   punti  di  

riferimento  di  e conomie  culturali  più  avanzate di  quelle   nazionali  

(Francia,  Inghilterra  e   Stati  Uniti).  Il  motivo  della   scelta   del   gatto  come  

figura  metaforica  riconduce  al   Telegatto,  l'Oscar   nazionale  della  

televisione   che  premia   il   successo  di  pubblico.

Al  di   là  delle   loro  riconoscibili   differenze,  le   due  tendenze  hanno  in  ogni  caso  

significative   caratteristiche   comuni:  in  entrambi  i   casi   la  negoziazione  del  

rapporto  fra  domanda  e   offerta  avviene  a   partire   dalla  verifica   dei   consumi  

reali   o   potenziali.  Per  l'artigianato   industriale   la  percezione   della   domanda  è  

bastata  su  una  sorta  di  empatia   fra  produttore-­‐ autore  e  pubblico;  nella   vera  

e   propria  industria  invece  ci   si   basa  su  meccanismi   di  rilevazione   più  

sofisticati.

4  -­‐ I  soggetti   del  mercato  culturale

Le   logiche   pedagogizzanti  sono  fortemente  connesse  al   ruolo  delle   èlites,  

mentre  quelle   dell'intrattenimento   hanno  piuttosto  a  che  vedere   con  la  

relazione   tipicamente   economica  fra  produttori  industriali   di  cultura   e  

consumatori  dei   loro  prodotti.  Il   tipo  di  rapporto  produttori-­‐destinatari  vede  

quindi  rispettivamente  al   centro  

la  relazione  sociale e  la   mediazione  fra  

domanda  e  offerta  di  consumo.  Ciò   non  toglie   che   naturalmente  anche  i  

pedagoghi  e  i   propagandisti  cerchino   di  fruttare  le   leggi   del   mercato;  gli  

artigiani   e   gli   industriali  si   confronti  con  il   problema  del   ruolo  politico-­‐

culturale.

4.1-­‐ Il  ruolo  del  pubblico  

Il  ruolo  del   pubblico  da  un  lato,  è   andato  crescendo  con  il   graduale  

trasformarsi  della   società   italiana,   e  quindi  anche   della   sua  industria  culturale;  

dall'altro   è   stato  molto  differente  nei   diversi  casi   della   strategia  

pedagogizzante     e  di   quella  di   intrattenimento.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

8

PESO

368.90 KB

AUTORE

BestNote

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di TEORIE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA, basato su appunti personali e studio autonomo del PRIMO CAPITOLO del testo consigliato dal docente FAUSTO COLOMBO: LA CULTURA SOTTILE by Fausto Colombo. Gli argomenti trattati sono i seguenti: le strategie della produzione cultura in Italia - La strategia pedagogizzante: il grillo e il corvo - La strategia dell'intrattenimento: il topo e il gatto - i soggetti del mercato culturale - i prodotti dell'industria culturale e il loro indice di qualità


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in comunicazione e società
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BestNote di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teorie della comunicazione e dei media e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Colombo Fausto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Teorie della comunicazione e dei media

Appunti: I Cantautori, Teoria della comunicazione e dei media
Appunto
Appunti: Un Anno di Domenica, Teorie della comunicazione dei media
Appunto
Appunti: Norme della Comunicazione, Teorie della comunicazione dei media
Appunto
Appunti: Le funzioni della comunicazione, Teorie della comunicazione e dei media
Appunto