Che materia stai cercando?

Apparato respiratorio

Uno schema riassuntivo molto utile per la ripetizione finale prima dell'esame e anche per farsi un'idea generale prima di iniziare a studiare la materia e basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Familiari dell’università degli Studi de La Sapienza - Uniroma1, facoltà di Seconda medicina e chirurgia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Anatomia docente Prof. G. Familiari

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Vestibolo Laringeo . È compreso fra l’adito alla laringe e la rima del

● vestibolo che si trova fra le pieghe ventricolari. È limitato:

Anteriormente. Dalla faccia posteriore dell’epiglottide.

○ Lateralmente. Dalla faccia mediale delle pieghe ariepiglottiche.

○ Posteriormente. Dalla faccia anteriore della piega interaritenoidea.

Segmento Medio . Presenta da ciascun lato la piega ventricolare e la

● piega vocale che delimitano la rima della glottide.

Pieghe Ventricolari. Si estendono dall’angolo rientrante della

○ cartilagine tiroide fino alle cartilagini cuneiformi.

Pieghe Vocali. Si trovano al di sotto delle pieghe ventricolari e sono

○ tese dall’angolo della cartilagine tiroide fino al processo vocale

delle cartilagini aritenoidi.

Rima della Glottide. È il punto più ristretto della cavità laringea. Ha

○ forma triangolare con apice in avanti e base indietro.

Segmento Inferiore . Si estende fra la glottide ed un piano che passa

● per il margine inferiore della cartilagine cricoide. È delimitato:

Anteriormente. Dalla parte inferiore della cartilagine tiroide.

○ Lateralmente. Dal cono elastico.

○ Posteriormente. Dalla lamina cricoidea.

Vascolarizzazione, Innervazione

Arterie . Arteria Laringea Superiore + Arteria Cricoidea + Arteria

● Laringea Inferiore.

Vene . Vene Tiroidee Inferiori + Vena Giugulare Interna.

● Innervazione . Nervo Laringeo Superiore + Nervo Laringeo

● Inferiore.

Anatomia Microscopica

Struttura

Tonaca Mucosa .

● Epitelio di Rivestimento. L’epitelio è cilindrico semplice o

○ pseudostratificato con ciglia vibratili con cellule caliciformi

mucipare.

Lamina Propria. È sottile e presenta dei linfociti che, nella porzione

○ craniale dell’organo, si organizzano a formare la tonsilla laringea.

Presenza di ghiandole tubuloacinose a secrezione: sierosa, mucosa

e sieromucosa.

Tonaca Sottomucosa . È più evidente nella parte inferiore della laringe

TRACHEA

Definizione

La trachea è un canale impari e mediano che ha inizio nel collo, facendo

seguito alla laringe, e termina nel torace biforcandosi nel bronco destro e nel

bronco sinistro.

Anatomia Macroscopica

Forma, Posizione e Rapporti

La trachea ha la forma di un cilindro appiattito posteriormente ed è lunga circa

10-12 cm e larga circa 18 mm. Si estende dalla 6 vertebra cervicale fino alla

a

4 - 5 vertebra toracica. L’estremità superiore è mobile. La biforcazione

a a

corrisponde ad un piano che passa per la 3 cartilagine costale. Inoltre, Nei

a

movimenti di estensione e flessione della testa e della colonna cervicale, la

trachea si allunga e si accorcia.

Presenta:

Lateralmente .

● Sn. Due lievi depressioni: impronta tiroidea (nel collo), impronta

○ aortica.

La trachea inoltre, è costituita da quindici-venti anelli cartilaginei che, uniti

dai legamenti anulari, formano la cosiddetta parete membranosa della

trachea. Nel condotto si distinguono:

Parte Cervicale . Comprende i primi cinque-sei anelli tracheali. Il suo

● limite inferiore è segnato dall’incisura giugulare dello sterno. Al di sotto

dell’istmo tiroideo, anteriormente, è ricoperta da connettivo adiposo che

va scemando verso l’incisura giugulare. In tale connettivo sono contenuti

i linfonodi pretracheali. Entra in rapporto:

Lateralmente. Con l’arteria carotide comune, la vena giugulare

○ interna, il nervo vago e con i lobi della ghiandola tiroide.

Posteriormente. Con l’esofago.

Parte Toracica . È circondata da connettivo lasso che contiene i

● linfonodi tracheali. Entra in rapporto:

Anteriormente. Con la vena brachiocefalica di sinistra e con il timo.

○ In basso, con l’arco della aorta.

Posteriormente. Con l’esofago.

○ Lateralmente.

○ Dx. Con il nervo vago destro e con la pleura mediastinica.

■ Sn. Con il nervo laringeo inferiore e con la pleura

■ mediastinica.

Vascolarizzazione, Innervazione

Arterie . Arteria Tiroidea Inferiore + Arteria Toracica Interna.

● Vene . Vene Tiroidee Inferiori + Vena Esofagee.

● Innervazione . Plesso Polmonare Anteriore.

● BRONCHI

Generalità

I bronchi derivano dalla biforcazione della trachea. Essi raggiungono l’ilo

polmonare e danno inizio ad un’arborizzazione. I bronchi che derivano dalla

biforcazione tracheale vengono chiamati extrapolmonari e quelli che

derivano dalla biforcazione dei tronchi principali, intrapolmonari.

Anatomia Macroscopica

Forma, Posizione e Rapporti

Bronco Destro . Forma un angolo di circa 20° con la trachea. Ha un

● calibro maggiore e una lunghezza minore del sinistro poiché il polmone

destro ha maggiore volume e capacità respiratoria del sinistro.

Bronco Sinistro . Forma un angolo di circa 40-50°.

L’angolo di biforcazione, quindi, è di circa 70°.

L’imbocco per i bronchi è separato da una cresta sagittale che prende il nome

di sprone tracheale o carena. I bronchi sono in rapporto con arterie e vene

polmonari e bronchiali, con il vago e il pesso cardiaco.

Vascolarizzazione, Innervazione

Arterie . Arterie Bronchiali.

● Vene . Vene Brochiali.

● Innervazione . Plesso Polmonare Anteriore e Posteriore.

Anatomia Microscopica

La trachea e i bronchi presentano la stessa struttura.

Tonaca Mucosa . E’ liscia in avanti mentre nella parte posteriore sono

● presenti delle pieghe longitudinali.

Epitelio di Rivestimento. E’ cilindrico stratificato ciliato. Il

○ movimento delle ciglia dirige il muco verso l’esterno. Tra le cellule

cilindriche sono presenti anche delle cellule caliciformi e, più in

superficie, cellule con microvilli. Verso la base dell’epitelio si

trovano cellule basali e cellule contenenti molti granuli

citoplasmatici, chiamate cellule di Feyrter. Esse secernono

serotonina e neuropeptidi, ricevono fibre nervose e possono essere

isolate o agglomerate in gruppi chiamati NEB. Rilasciano i granuli

in risposta all’ipossia, adattando le strutture delle vie aeree alle

caratteristiche dell’aria.

Lamina Propria. È formata da un connettivo ricco di fibre elastiche.

○ E’ attraversata dai dotti escretori delle ghiandole e contiene noduli

linfatici.

Tonaca Sottomucosa . È sottile anteriormente e più spessa

● posteriormente, dove si trovano fascetti di fibrocellule lisce a decorso

trasversale, che si inseriscono sugli anelli o sui legamenti anulari. Al di

dietro di questi fasci, ce ne sono altri a decorso longitudinale, che si

portano dalla trachea all’esofago. La sottomucosa è formata da

connettivo lasso con adipociti e contiene ghiandole tubuloacinose a

secrezione sierosa, mucosa e mista.

Tonaca Fibrosa . È formata da connettivo denso, ricco di fibre elastiche.

● Essa circonda gli anelli e, nell’intervallo, forma i legamenti anulari che,

con il tempo, possono andare incontro ad ossificazione.

POLMONI

Definizione

I polmoni sono gli organi nei quali avviene la funzione di ematosi. In numero di

due, destro e sinistro, sono contenuti nelle logge pleuropolmonari della cavità

toracica, separati da uno spazio mediano detto mediastino. Le logge sono

delimitate:

Lateralmente . Dalle coste e dai muscoli intercostali.

● Medialmente . Dal mediastino.

● Inferiormente . Dal diaframma.

● Superiormente . Dai vasi succlavi e dal muscolo scaleno anteriore.

I polmoni sono avvolti da una membrana sierosa detta pleura. Tra i due

foglietti del rivestimento, si delimita uno spazio, la cavità pleurica che

contiene un sottile velo di liquido.

Anatomia Macroscopica

Forma, Posizione e Rapporti

Misure . I polmoni hanno un diametro verticale massimo di 25 cm, un

● diametro sagittale di 16 cm e un diametro trasverso, a destra, di 10 cm,

a sinistra, di 7 cm.

Volume . Nel cadavere, è di 1600 cm nel maschio e di 1300 cm nella

3 3

● femmina. Il polmone destro è più voluminoso del sinistro con un rapporto

11:10.

Massa . Varia da individuo ad individuo. Tuttavia, la massa media è di

● circa 680g per il polmone destro e di 620g per il polmone sinistro.

Capacità Polmonare . Varia durante le fasi della respirazione. In una

● inspirazione ordinaria, è di circa 3.400-3.700 cm di aria, mentre in una

3

inspirazione forzata arriva sino a 5.000-6.000 cm . L’aria respiratoria è di

3

circa 500 cm .

3

Colore . Varia secondo l’età. Prima della nascita è rosso-bruno, nel

● bambino è roseo, nell’adulto diviene grigio biancastro sino a raggiungere

il grigio ardesia nell’anziano. La variazione è dovuta all’antracosi ovvero

l’accumulo di particelle di carbone.

Il polmone ha la forma di un cono cui sia stata asportata la parte mediale per

mezzo di un piano verticale. Vi si distinguono:

Faccia Diaframmatica . È di forma semilunare inclinata in basso e in

● dietro, concava medialmente. Si modella sulla convessità del diaframma

ed entra in rapporto con il lobo sinistro del fegato, con lo stomaco e con

la milza. Posteriormente, entra in rapporto con il polo superiore del rene.

Faccia Costovertebrale . Convessa, corrisponde alle coste ed agli spazi

● intercostali e si estende fino alle parti laterali dei corpi delle vertebre

toraciche. Posteriormente è accolta nella doccia polmonare del torace e

presenta superiomente le impronte costali.

Faccia Mediastinica . È concava. Presenta nel mezzo l’ilo polmonare. A

● questo livello, si ha la riflessione della pleura parietale su quella

viscerale; i quali, al di sotto del peduncolo polmonare, formano i

legamenti polmonari. Al davanti dell’ilo è presente la fossa cardiaca.

Apice . Comprende tutta quella parte di polmone che sta al di sopra della

● 2 costa. Si presenta come un cono arrotondato e medialmente presenta

a

una impronta per l’arteria succlavia.

Margine Anteriore . È molto sottile. Inizia dall’apice e discende per

● terminare tra la faccia mediastinica e costovertebrale. Presenta

l’incisura cardiaca.

Margine Posteriore . Arrotondato e sinuoso, inizia dall’apice e separa la

● faccia diaframmatica da quella costovertebrale.

Margine Inferiore . Di forma semilunare e, con le sue due parti, separa

● la base dalla faccia diaframmatica e la base dalla faccia costovertebrale.

Struttura

La superficie del polmone è percorsa da scissure che si approfondano nell’ilo,

dividendo l’organo in lobi.

Polmone Destro . Sono due:

● Principale. Origina nella parte superiore dell’ilo e attraversa la

○ faccia costovertebrale terminando sulla base.

Secondaria. Si stacca da quella principale a livello della 4 costa

a

○ percorrendo la faccia mediastinica per terminare nell’ilo.

Polmone Sinistro . Ne presenta solo una.

Zone Polmonari

I lobi rappresentano una prima divisione dei polmoni in parti che risultano

distinte anatomicamente (per la presenza delle scissure) e funzionalmente (in

quanto presentano una vascolarizzazione e una ventilazione propria). Tuttavia,

è possibile distinguere nell’ambito dei lobi, ulteriori territori ben delimitati detti

zone polmonari. Il segmento quindi, è definito come un territorio che presenta

indipendenza rispetto alle parti contigue, per la presenza di una arteria zonale

(arteria polmonare), di un bronco zonale e di una rete perivenosa zonale.

Topografia Toracopolmonare

I rapporti fra polmoni e parete toracica presentano notevoli variazioni

individuali e in rapporto con le fasi e l’intensità degli atti respiratori. Nel vivente

e in stato di media di distensione dell’organo, l’apice polmonare corrisponde

all’apertura superiore del torace e oltrepassa di 1-3 cm la clavicola.

Margine Anteriore . Inizia dietro l’articolazione sternoclavicolare,

● discende obliquamente, fino a livello delle seconde articolazioni

condrosternali.

Dx. Oltrepassa la linea mediana fino al livello della 4 - 5 cartilagine

a a

○ costale di sinistra, poi si fa obliquo e raggiunge la faccia posteriore

della 6 - 7 cartilagine costale di destra dove continua con il

a a

margine inferiore.

Sn. Decorre dietro lo sterno fino alla 4 cartilagine costale sinistra.

a

○ Successivamente si inclina verso il fuori formando l’incisura

cardiaca, poi termina nel margine inferiore.

Margine Inferiore .

● Tratto Anteromediale.

○ Destra. Origina dietro l’estremità sternale della 6 - 7

a a

■ cartilagine costale.

Sinistra. Origina a livello del margine superiore della 6 a

■ cartilagine costale.

Anteriormente. Si proietta a livello della 6 costa.

a

● Lateralmente. Sulla linea ascellare media incrociando

● l’8 costa.

a

Posteriormente. Corrisponde al margine vertebrale

● della scapola.

Scissure . Corrispondono a una linea che, dal processo spinoso della

● 3 vertebra toracica, si porta in basso e lateralmente per giungere alla

a

spina della scapola per terminare a livello della 6 costa all’incrocio con la

a

linea emiclaveare.

Vascolarizzazione, Innervazione

Nel polmone esistono due tipi diversi di sistemi vascolari:

Sistema Funzionale . Costituito dalla piccola circolazione dei vasi

● polmonari.

Sistema Nutritizio . Costituito dai vasi bronchiali.

Tra i due sistemi si possono formare delle anastomosi fisiologiche.

Innervazione . Plesso Polmonare Anteriore + Plesso Polmonare

● Posteriore. PLEURE E SENI PLEURICI

PLEURE

Definizione

Le pleure sono membrane sierose che avvolgono separatamente ciascun

polmone. Vi si distingue:

Foglietto Viscerale . Riveste la superficie dell’organo.

● Foglietto Parietale . È disteso sulle pareti delle logge pleuropolmonari.

Il foglietto viscerale continua in quello parietale formando la cavità

polmonare. Inoltre, tra i due foglietti è presente un liquido detto liquido

pleurico che risulta fondamentale nel meccanismo di espansione del polmone.

Pleura Viscerale

È una membrana sottile e trasparente che riveste, aderendovi intimamente, la

superficie del polmone e si porta fino in vicinanza dell’ilo. A questo punto

riveste il peduncolo polmonare e continua con la parete mediastinica della

pleura parietale nella quale si riflette.

Pleura Parietale

La pleura parietale può essere suddivisa in:

Pleura Costale . Si estende dalla faccia posteriore dello sterno fino alla

● faccia laterale dei corpi vertebrali. È spessa, resistente e si salda alla

fascia endotoracica. In questo modo segue il movimento delle coste

durante l’inspirazione e, grazie alla coesione del liquido sottostante,

facilita l’espansione del polmone. Entra in rapporto con le coste, i muscoli

intercostali e i vasi toracici interni. In alto forma la cupola pleurica che

ricopre gli apici polmonare. Entra in rapporto con il plesso brachiale, i

vasi succlavi e il muscolo scaleno anteriore. Essa è rinforzata

dall’apparato sospensore della pleura costituito da:

Legamento Vertebropleurale. Dipendenza della fascia cervicale

○ profonda, va dal corpo della 6 - 7 vertebra cervicale alla parete

a a

mediale della cupola.

Legamento Costopleurale. Si tende fra la 1 costa e la parte laterale

a

○ della cupola.

Legamento Scalenopleurale. Espansione della fascia fibrosa del

○ muscolo scaleno anteriore, raggiunge la parte anteriore della

cupola.

Pleura Mediastinica . È una membrana sottile tesa fra lo sterno e la

● colonna vertebrale. A livello del peduncolo polmonare forma una piega, il

legamento polmonare, di forma triangolare che si inserisce sul

diaframma. Si mette in rapporto:

Sn. Con il pericardio, con l’arco dell’aorta, con la vena

○ brachiocefalica, con il nervo vago.

Posteriormente. Forma il seno interaorticoesofageo.

○ Dx. S’insinua tra l’esofago e la vena azigos formando il seno

○ interazigoesofageo.

Pleura Diaframmatica . Si estende sulla faccia superiore della cupola

● pleurica e delle parti laterali del diaframma; aderendo intimamente a

esso, viene tirata verso il basso nelle inspirazioni. Medialmente continua

nella pleura mediastinica, lateralmente nella pleura costovertebrale.

SENI PLEURICI

Definizione

I seni pleurici sono recessi all’interno della cavità pleurica che contengono

alcuni centimetri cubici di liquido pleurico e rappresentano lo spazio utile per

consentire l’espansione dei polmoni.

Seno Costodiaframmatico . È formato dalla continuazione della pleura

● diaframmatica nella pleura costale a livello dell’angolo compreso tra il

diaframma e la parete toracica. È una cavità virtuale in quanto la sua

altezza varia con la fase e l’intensità della respirazione. Anche nella

massima inspirazione il margine inferiore del non raggiunge mai il limite

inferiore del seno. La proiezione toracica del seno corrisponde a una linea

che, dal margine inferiore della 6 cartilagine costale raggiunge l’ottavo

a

spazio intercostali e incrocia la 10 costa a livello della linea ascellare

a

media e termina a livello del margine inferiore della 12 vertebra

a

toracica.

Seno Costomediastinico . È formato dalla continuazione della pleura

● diaframmatica anteriormente nella pleura costale. In corrispondenza

dall’incisura cardiaca si fa più profondo. I seni costomediastinici dei due

lati sono vicinissimi l’uno all’altro dove risultano separati da un sottile

tratto di tessuto connettivo lasso.

Vascolarizzazione, Innervazione

Arterie . Arterie Bronchiali + Arteria Intercostali + Arterie

● Freniche Superiori.


PAGINE

16

PESO

279.50 KB

AUTORE

martiune

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Anatomia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico)
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher martiune di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Familiari Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia

Riassunto esame Anatomia: apparato locomotore, prof. Mammola
Appunto
Apparato endocrino, Anatomia
Appunto
Anatomia - generalities of the encephalon
Appunto
Cervelletto, Anatomia
Appunto