Che materia stai cercando?

Apparato della vista Appunti scolastici Premium

Appunti della lezione sull'apparato della vista della professoressa Bianchi, con integrazioni personali basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Bianchi dell’università degli Studi de L'Aquila - Univaq. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Neuroanatomia docente Prof. S. Bianchi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1)Epitelio pigmentato. Si trova sia nella parte ottica che nella cieca della retina. Nella parte ottica

serve per assorbire i raggi luminosi in eccesso per evitare danni e confondimento dei recettori.

Hanno oltre un ruolo trofico dei fotorecettori, perché formano i pigmenti visivi e mediano gli scambi

nutritizi fra la tonaca vascolare e la retina.

2)Strato dei fotorecettori. I fotorecettori sono formati da una porzione apicale, più esterna, detto

articolo esterno che permette la distinzione fra coni e bastoncelli. Nell’articolo esterno sono

presenti delle strutture membranose che contengono i pigmenti retinici. Questi sono

stimolati/modificati dai raggi luminosi. Quelli dei bastoncelli sono tutti uguali perché distinguono

luce-non luce, quelli dei coni assorbono i tre colori principali in modo selettivo. È presente una

zona di connessione, con microtubuli per permettere il traffiking, detta ciglio di connessione che

unisce l’articolo esterno coll’interno. L’articolo interno contiene invece una porzione prossimale

ricca in mitocondri e una distale con RER. Il nucleo dei fotorecettori è presente in una regione

intermedia. Infine è presente un bottone sinaptico: sferula (per i bastoncelli), pedicello (per i coni). I

coni e i bastoncelli sono fotorecettori ma sono simili ai neuroni. Sono in grado di trasformare uno

stimolo visivo di fotoni in un segnale elettrico che poi trasferiscono alle cellule bipolari. Il pigmento

dei bastoncelli è detto rodopsina, nei coni la iodopsina.

3)Membrana limitante esterna. A questo livello sono presenti le cellule di sostegno di Muller che si

mettono in rapporto con il segmento interno dei fotorecettori.

4)Strato dei granuli esterni o nucleare esterno. In questa zona troviamo il nucleo dei fotorecettori

5)Strato plessiforme esterno. E’ rappresentano dalla zona sinaptica dei fotorecettori quindi dove

sono accolti i pedicelli e le sferule, e i dendriti delle cellule bipolari.

6)Strato dei granuli interno o nucleare interno. Ospita i corpi cellulari e i nuclei delle cellule bipolari,

le cellule orizzontali (le quali coordinano i fotorecettori tra loro) e le cellule amacrine (permettono

rapporti dei fotorecettori con le cellule gangliari)

7)Strato plessiforme interno. È sempre uno strato sinaptico tra le cellule bipolari e le cellule

gangliari.

8)Strato gangliare. Ospita le cellule gangliari che si dispongono su una unica fila e da un lato

ricevono l’afferenza dalle cellule bipolari e dal lato opposto emettono l’assone che costituisce il

nervo ottico.

9)Strato delle fibre nervose

10)Membrana limitante interna. Qui poggiano le cellule di Muller, ovvero cellule mieliniche per

evitare cortocircuiti nella retina.

NERVO OTTICO

Si forma a livello della papilla ottica, è lungo 5 cm, e si possono distinguere 4 porzioni:

intrabulbare, orbitaria, canalicolare, intracranica. La prima porzione che attraversa il bulbo oculare

è costituita da assoni che sono amielinici, passano per una interruzione della membrana corioidea

e nella sclera. La porzione orbitaria non ha un andamento rettilineo infatti compie una prima

curvatura a concavità mediale e una seconda laterale. Nella porzione orbitaria entrano nel nervo

ottico i vasi che raggiungono poi la retina (arteria centrale della retina e vena centrale della retina).

La porzione canalicolare è il punto in cui attraversa il foro ottico, e rivestito da meningi entra in

fossa cranica media, sotto ai processi clinoidei anteriori. Il tratto intracranico è molto piccolo in

quanto subito dopo la sua emergenza si forma il chiasma ottico. Dal chiasma ottico originano i due

tratti ottici che si portano al metatalamo (del diencefalo). Il segmento compreso fra il chiasma ottico

e il metatalamo prende il nome di tratto ottico. La via ottica origina dalle cellule gangliari i cui neuriti

formano il nervo ottico. In ogni bulbo oculare è presente una metà nasale (mediale) e una metà

temporale (laterale). Quindi nel nervo ottico sono presenti fibre nasali e fibre temporali. A livello del

chiasma ottico le fibre temporali proseguono nel tratto ottico omolaterale mentre le fibre nasali

decussano nel chiasma e proseguono nel tratto ottico controlaterale. Quindi il tratto ottico di destra

vede il campo ottico di sinistra e il tratto ottico di sinistra il campo ottico di destra. Le fibre si

portano ai corpi genicolati. Per mezzo della radiazione ottica le fibre partono dal talamo e si

portano alla corteccia occipitale, ovvero all’area visiva primaria.

3

SISTEMA DIOTTRICO

È rappresentato dalle strutture attraversate dai raggi luminosi prima di arrivare alla retina: cornea,

umor acqueo, cristallino, corpo vitreo. Il cristallino è un organo non vascolarizzato con un margine

periferico che lateralmente è detto equatore del cristallino. Nell’equatore si inseriscono le fibre

dell’apparto sospensore del cristallino. Perifericamente è presente una capsula collagene in cui le

fibre sono disposte in lamelle, all’interno della capsula si trova la matrice del cristallino,

superficialmente è presente uno strato epiteliale, con un epitelio monostratificato. L’apparato

sospensore del cristallino è costituito da una serie di fibre che dall’equatore si portano ai processi

ciliari del corpo ciliare. Si trovano qui fibre pre-equatoriali, equatoriali e post-equatoriali. L’umor

acqueo è un liquido trasparente, che serve a nutrire per diffusione sia la cornea ma anche il

cristallino. Viene prodotto nella camera posteriore, passa in anteriore per mezzo della pupilla, entra

nel sistema trabecolare e poi nel sistema venoso per mezzo del canale dedicato. Il corpo vitreo

presenta un addensamento periferico detto membrana ialoidea. È attraversato dal canale ialoidea

che va dalla papilla del nervo ottico fino alla fossa ialoidea, sita nei pressi del cristallino. Il corpo

vitreo è connettivo lasso con tantissimo acido ialuronico e pochi ialociti (producono l’acido

ialuronico).

VASCOLARIZZAZIONE

Il principale vaso arterioso della retina è l’arteria centrale della retina che inizialmente decorre nello

spessore del nervo ottico. Prima di emergere a livello della papilla ottica questa si divide in due

rami una ascendente e uno discendente. Ognuno dei rami a sua volta si divide in una porzione

laterale e in un ramo mediale. I vasi retinici vanno a decorrere negli strati gangliari e bipolari della

retina quindi lo strato dei fotorecettori riceve nutrimento per diffusione. Le vene hanno una

morfologia molto simile a quella arteriosa, quindi anche qui sono presenti 4 tronchi venosi e

confluiscono nella vena centrale della retina. La restante porzione del bulbo si vascolarizza per

mezzo dei vasi ciliari, sempre derivati dall’arteria oftalmica. Questa prima emette l’arteria centrale

della retina, e poi le arterie ciliari anteriori e posteriori. Le arterie ciliari posteriori sono due: una

mediale e una laterale rispetto al nervo ottico. Ognuna delle arterie ciliari dà una serie di rami

brevi, dette arterie ciliari posteriori brevi, e un ramo più lungo detta arteria ciliare posteriore lunga.

Le arterie ciliari brevi terminano a livello del polo posteriore della sclera, quindi nei pressi del nervo

ottico, formando il anello di Haller. Le arterie ciliari posteriori lunghe raggiungono il polo anteriore

decorrendo fra coroide e sclera e terminano nel polo anteriore del bulbo, formando il grande

cerchio arterioso dell’iride. Da questo cerchio si dipartono dei rami che si portano o all’iride (e

arrivando al margine pupillare formando il piccolo cerchio arterioso dell’iride) o al corpo ciliare. Le

arterie ciliari anteriori sono collaterali dei rami arteriosi per i muscoli dell’occhio, raggiungono la

sclera e la perforano. Con i loro rami collaterali vascolarizzano il corpo ciliare e vanno ad

anastomizzarsi con il grande cerchio arterioso dell’iride. Il sistema venoso corrisponde al sistema

arterioso, l’unica particolarità è che il ritorno venoso della tonaca vascolare è garantito da quattro

vene vorticose.

MUSCOLI ESTRINSECI DELL’OCCHIO

1)RETTO SUPERIORE

O: MARGINE SUP. anello tendineo di zinn

I: obliquamente sulla sclera

innervazione: nervo oculomotore

azione: eleva-adduce e ruota lievemente e medialmente il bulbo

2)RETTO MEDIALE

O: PARTE MEDIALE anello tendineo zinn

I: sulla sclera

innervazione: nervo oculomotore

azione: spostamento del polo ant. Dell'occhio medialmente.

4


PAGINE

5

PESO

355.41 KB

PUBBLICATO

4 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Neuroanatomia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni)
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher AlessandroTozzi di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Neuroanatomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof Bianchi Serena.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Neuroanatomia

Orecchio e vie uditive
Appunto
immagini + didascalie del telencefalo e diencefalo
Appunto
Diencefalo (riassunto)
Appunto
Descrizione generale dell'anatomia del cranio
Appunto