Che materia stai cercando?

Antropologia – Razza e cultura Appunti scolastici Premium

Appunti di Antropologia Razza e cultura. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Lévi Strauss, la massificazione culturale, L’etnologo davanti alla condizione umana, La creazione di una civiltà mondiale, legame genetico di... Vedi di più

Esame di Antropologia docente Prof. M. Niola

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

capo è poligamo (diffonde le sue particolari virtù le trasmette ai più figli per creare una razza mi-

gliore). Vengono fortificate forme di selezione naturale.

Così come, sempre nelle società primitive, ci sono riti e credenze che ci appaiono ridicoli, ma che

servono a mantenere il gruppo umano in equilibrio con l’ambiente naturale: il fatto che le piane sia-

no considerate esseri viventi e chiedere loro scusa… animali da cacciare nello stesso modo rispar-

miando femmine e cuccioli; uomini animali e piante hanno patrimonio di vita comune: ogni abuso

che si compie si traduce in danno di speranza di vita per l’uomo.

Con l’ingresso della genetica delle popolazioni si è verificato un altro rivolgimento: per tutto il XIX

secolo e la prima metà del XX ci si è chiesti se la razza influiva sulla cultura e, se sì, in che modo.

Adesso ci accorgiamo che le cose si svolgono in seno esattamente inverso. Il ritmo e l’orientamento

dell’evoluzione biologica dell’uomo sono determinate per lo più dalle forme di cultura adottate nei

vari luoghi. Non è la razza che influisce sulla cultura, ma la cultura che influisce sulla razza. È la

cultura di un gruppo che determina i limiti geografica che esso si assegna o subisce; i rapporti di

amicizia e di ostilità che mantiene con i popoli vicini e anche l’importanza degli scambi genetici

che si potranno stringere grazie ai matrimoni misti, permessi, favoriti o vietati.

Quanto i genetisti sostengono al livello del genoma individuale lo è anche per il genoma di una po-

polazione che, grazia alla combinazione fra vari patrimoni genetici, deve stabilire un equilibrio otti-

male capace di migliorarne le probabilità di sopravvivenza. In questo senso si può dire che la ricom-

binazione genetica nella storia delle popolazioni esercita una funzione comparabile a quella svolta

dalla ricombinazione culturale nell’evoluzione dei modi di vivere, delle tecniche, delle conoscenze

e delle credenze la cui varia ripartizione definisce una società. Ci sono anche molte differenze. In-

nanzitutto i patrimoni culturali evolvono molto più rapidamente dei patrimoni genetici: tra la cultura

dei nostri bisnonni e la nostre c’è un abisso. Poi il numero delle culture che esistono sulla terra sor-

passa di gran lunga delle razze: parecchie migliaia contro qualche decina. Proprio questi enormi

scarti confutano i teorici che sostengono che sia il materiale genetico a pilotare la storia: infatti que-

sta cambia molo più in fretta di quello e per vie molto più diversificate.

Soltanto da dieci anni, dal 1960, abbiamo incominciato a capire che si discuteva del rapporto tra

evoluzione organica ed evoluzione culturale in termini metafisici. L’evoluzione umana non è un

sottoprodotto dell’evoluzione biologica ma ne è comunque condizionata. È oggi possibile la sintesi

tra questi due atteggiamenti tradizionali. In effetti la lotta al razzismo è stata poco efficace sul piano

umano perché è probabile che le differenze razziali continueranno a servire da pretesto alla crescen-

te difficoltà di vivere insieme percepita a livello inconscio da una umanità in preda all’esplosione

demografica che sembra odiare se stessa come se una prescienza segreta l’avvertisse che sta diven-

tando troppo numerosa perché tutti possano fruire liberamente dei beni essenziali: acqua, spazio,

aria non contaminata. In effetti non si vedono vere soluzioni al problema razziale. La tolleranza re-

ciproca presuppone due condizioni che le società contemporanee sono lontanissime dall’avere rea-

lizzato: un’uguaglianza relativa da una parte, una distanza fisica sufficiente, dall’altra. Se una specie

cresce in maniera esponenziale, quello che la specie ritiene essere un proprio successo, alla fine di-

viene disastroso perché non ci sono le risorse sufficienti per nutrire tutta questa popolazione. L’et-

nologo si rende conto che il problema razziale è soltanto una parte di un problema molto più vasto e

cioè quello del rapporto tra l’uomo e le altre specie viventi. Non si può risolvere il problema che

l’uomo abbia rispetto per un suo simile se non si ha rispetto per tutte le forme di vita. L’umanesimo

occidentale, isolando l’uomo dal resto della creazione, l’ha privato in un baluardo di protezione,

perché gli ha fatto dimenticare che se l’uomo è rispettabile lo è prima come essere vivente che come

signore e padrone della creazione, Sotto questo aspetto l’estremo oriente buddista è di gran lunga

superiore all’occidente. C’è altro elemento che spinge l’etnologo a pensare che gli uomini possano

vivere in armonia tra loro: il progresso si è realizzato nel corso dei secoli anche grazie alla separa-

zione dei diversi gruppi umani. L’abbattimento di queste barriere, dato dagli sconvolgimenti della

civiltà industriale ha fatto sì che venisse meno la possibilità di creare nuove esperienze culturalila

massificazione culturale 2


PAGINE

4

PESO

33.43 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Antropologia Razza e cultura. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Lévi Strauss, la massificazione culturale, L’etnologo davanti alla condizione umana, La creazione di una civiltà mondiale, legame genetico di una popolazione, ecc.


DETTAGLI
Esame: Antropologia
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Antropologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Niola Marino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Antropologia

Riassunto esame Antropologia., prof. Niola, libro consigliato Antropologia. Una introduzione, Mondher Kilani
Appunto
Antropologia - Kilani
Appunto
Antropologia – Razza e storia
Appunto
Antropologia – Razza e storia
Appunto