Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

nella famiglia e in gruppi di parentela costruiti su di essa. Morgan fu uno dei pochi teorici dell’ottocento a

condurre ricerche sul campo. Il dibattito sulla matrilinearità e patrilinearità portò a porre l’attenzione sul

secondo termine. Tra gli argomenti di particolare interesse tra l’ottocento e il novecento troviamo la

religione, in particolare il totemismo, ossia la rappresentazione simbolica del sociale per mezzo del

naturale. La religione attirò studiosi come Taylor e Frazer: il primo sostiene che in ogni società esiste

un’essenza spirituale, il seconod è famoso per aver scritto Il ramo d’oro.

l’evoluzionismo multilineare, concepito da Julian Steward si basa sull’assunto che le cose accadono e

cambiano nello stesso modo in tutte le parti del mondo.

Il neodarwinismo comprende due principali scuole di pensiero: la sociologia e il pensiero rivoluzioni sta.

4.

Il diffusionismo mette l’accento sulla trasmissione di cose da una cultura ad un’altra: un presupposto

implicito è che l’umanità non è creativa, in quanto inventa solo una volta. Il diffusionismo ha origine nella

tradizione filologica ottocentesca, che ipotizzò connessioni storiche tra tutte le lingue di origine

indoeuropea.

Muller in particolare diffuse l’idea dell’unità della psiche. Il diffusionismo divenne rilevante nell’opera dei

geografi antropologici tedeschi e austriaci alla fine dell’ottocento. Il primo grande diffusioni sta fu Friedrich

Ratzel, che si oppose all’idea dell’unità della psiche: sosteneva infatti che i singoli oggetti delle culture

tendessero a diffondersi, mentre gli interi complessi culturali si trasmettono con la migrazione. Presto la

coesistenza tra evoluzionisti ed evoluzionisti sarebbe stata messa in discussione in Gran Bretagna.

Perry sostenne che l’Egitto fosse l’unica fonte culturale da cui si diffusero le altre culture: questa posizione

venne conosciuta come diffusionismo eliocentrico (dal culto del sole egiziano). Oggi il diffusionismo è quasi

scomparso in antropologia: le principali correnti sono quella americana e quella della comparazione

regionale.

Boas, Lowie, Sapir e Kroeber contribuirono a sviluppare la nozione di area culturale. E’ utile distinguere tra

3 tipi di comparazione:

- Illustrativa: comporta la scelta di esempi per sottolineare la differenza o la similarità;

- Globale (per campione): comporta il confronto di un campione di società per trovare relazioni

statistiche;

- Controllata: comporta la restrizione del campo delle variabili.

5.

Funzionalismo: è la prospettiva che ha a che fare con le azioni tra individui, i limiti imposti dalle istituzioni

sociali e le relazioni tra i bisogni individuali e la soddisfazione di tali bisogni attraverso quadri sociali e

culturali.

Struttural-funzionalismo: tende a preoccuparsi meno delle azioni e dei bisogni individuali e più della

posizione degli individui nell’ordine sociale.

La fonte più importante per le teorie struttural-funzionaliste è la sociologia di Durkheim. Lo strutturalismo è

legato all’antropologia malinowskiana, in particolare per la ricerca sul campo. Malinowski affermò che è

alla base della sua teoria stavano un insieme di 7 bisogni biologici e le risposte culturali ad essi

corrispondenti. Radcliffe Brown si interessò delle istituzioni sociali: sosteneva che gli antropologi avrebbero

dovuto studiare solo ciò che trovavano sul campo. La concezione che aveva della cultura era sinonimo di

inculturazione o di socializzazione. Usò l’espressione “forma strutturale” per indicare ciò che gli altri

avevano di solito chiamato “struttura sociale” e “struttura sociale” per intendere quello che gli altri

chiamavano invece “dati”.

Il punto di vista di Kroeber era che le terminologie di parentela riflettono non la società, ma la psicologia

(proprietà formali del pensiero umano): quest’ultima determina la terminologia attraverso il linguaggio.

Secondo Rivers la terminologia di parentela deriva direttamente dai fatti sociali: poteva essere utilizzata

come una sorta di archeologia linguistica per comprendere i mutamenti storici delle organizzazioni sociali.

Radcliffe-brown criticò entrambi: la terminologia ha una connessione con la società contemporanea.

6.

Gli approcci processuali e il marxismo acquisirono importanza nell’antropologia degli anni ’70. Tra i

sociologi, la cui comprensione dei processi sociali e dell’azione individuale ha influenzato le idee

antropologiche, si segnalano Simmel e Weber. In un primo momento gli antropologi si sono basati

fortemente sul funzionalismo e sullo strutturalismo, ma dagli anni ’50 iniziarono ad esaminare le loro

lacune e a riadattarle. Il principale fautore del transazionalismo fu freddi Barth: i suoi modelli di studio si

sono rivelati validi per lo studio dell’etnicità e del nazionalismo.

La scuola di Manchester raggiunse il suo apice dagli anni ’50 ai ’70. Due personaggi risaltano su tutti gli altri

per aver fornito alla scuola le sue caratteristiche peculiari: Max Gluckman e Victor Turner.

Durante gli anni ’60 emerse la scuola marxista. Il concetto più importante è quello del modo di produzione

basato sul concetto espresso da Marx ne Il capitale. Altrettanto importanti sono i ocncetti di struttura e

sovrastruttura, centro e periferia.

Claude Meillassoux era critico nei confronti dello strutturalismo di Levi- Strauss, poiché tralasciava la

questione dello sfruttamento e delle cause materiali delle trasformazioni nei sistemi di parentela. Mentre

lo strutturalismo marxista e l’interesse del lavoro e del capitale erano di interesse tipicamente europeo, in

Nord America si diffuse l’economia politica, che pone l’accento sui processi storici.

7.

Relativismo descrittivo: la variabilità culturale e la psicologia produrranno una differente comprensione

culturale e psicologica a seconda della popolazione.

Relativismo normativo: ogni cultura giudica le altre in conformità ai propri criteri interni, non esistono

criteri universali di giudizio tra culture. All’interno di questa corrente troviamo il relativismo cognitivo e

quello morale.

E’ importante distinguere tra un determinismo culturale generico (che assume l’esistenza di uno schema

culturale universale tipico solo dell’uomo all’interno del quale le culture variano) e un determinismo

culturale particolare ( secondo il quale non esiste una cosa del genere). Il primo grande relativista in

antropologia fu Boas.

Boas e i suoi allievi utilizzarono l’ideologia relativista per prendere posizione contro il razzismo,

l’antisemitismo e il fanatismo nazionalista. Boas si oppose all’idea della superiorità razziale e

all’evoluzionismo, che considera una speculazione sul passato. Prosegue sostenendo che i popoli sono

primitivi o avanzati a seconda di quello che si prende in considerazione.

Cultura (Taylor) : il complesso unitario che include la conoscenza, la credenza, le arti, la morale, le leggi e

ogni altra capacità e abitudine acquisita dall’uomo come membro della società.


ACQUISTATO

7 volte

PAGINE

5

PESO

210.27 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in sociologia
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Crash_9009 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Antropologia Culturale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Broccolini Alessandra.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Antropologia culturale

Riassunto esame antropologia culturale, prof. Broccolini, libro consigliato Vivere l'etnografia, Cappelletto
Appunto
Riassunto esame Antropologia culturale, prof. Broccolini, libro consigliato Antropologia Culturale, Dei
Appunto
Riassunto esame Antropologia Culturale, prof. Longo, libro consigliato Identità e cultura, Di Cristofaro Longo
Appunto
Teologia dogmatica - Appunti
Appunto