Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

VIE NERVOSE

VIE MOTORIE

VIE PIRAMIDALI

Vie principali per il controllo del movimento volontario fine della muscolatura assiale e

degli arti.

Le fibre originano dalla corteccia telencefalica (principalmente dalle aree motorie ma

anche da quelle somestetiche) e attraversano la capsula interna, per entrare nel tronco

encefalico attraverso i peduncoli omolaterali e distinguersi in due vie:

Via cortico-spinale

Diretta ai motoneuroni dei nervi spinali.

Nel bulbo queste fibre vanno a costituire i rilievi delle piramidi, dopo i quali decussano in

parte (80%), entrando nel fascio cortico-spinale laterale controlaterale, mentre il restante

20% entra nel fascio cortico-spinale anteriore omolaterale.

Via cortico-nucleare o cortico-bulbare

Diretta ai nuclei motori dei nervi cranici.

I fasci si distinguono in due componenti:

-laterale: decussa per innervare i nuclei motori controlaterali dei nervi facciale e ipoglosso

(muscoli mimici e muscoli della lingua)

-mediale: termina omolateralmente sui nuclei motori dei nervi facciale e trigemino (muscoli

mimici e masticatori)

VIE EXTRA PIRAMIDALI

Via cortico-rubro-spinale

Via deputata al controllo del movimento volontario fine della muscolatura assiale e dellʼarto

superiore (nellʼuomo ha minore importanza rispetto alle vie piramidali).

Dalla corteccia, attraverso la capsula interna, i fasci arrivano al nucleo rosso; da qui si

distinguono in due componenti:

-laterale: le fibre decussano subito e si portano controlateralmente nel midollo spinale.

regolano i movimenti volontari principalmente dellʼarto superiore.

-mediale: le fibre non decussano e continuano omolateralmente nel midollo spinale .

regolano la postura attraverso i muscoli assiali.

Via cortico-reticolo-spinale

Via fondamentale nel controllo della postura (integrando anche informazioni vestibolari

sullʼequilibrio) e ha un ruolo anche nella facilitazione dei riflessi dei muscoli antagonisti

nellʼesecuzione del movimento.

Dalla corteccia cerebrale, attraverso la capsula interna ed esterna, giungono alla

formazione reticolare (colonna parasagittale mediale). In base alla regione della

formazione reticolare nella quale le fibre fanno tappa, si distinguono due fasci:

-Pontino: non decussa e continua nel cordone anteriore omolaterale del midollo spinale

-Bulbare: decussa in parte e continua sia nel cordone anteriore che laterale del midollo

spinale.

Via vestibolo-spinale

via adibita al controllo della postura.

origina a livello dei nuclei vestibolari che ricevono sia afferenze dalle vie dellʼequilibrio, sia

fibre modulatorie cerebellari. Si distinguono in due fasci (entrambi non decussano) a

seconda del nucleo vestibolare di origine:

-Nucleo vestibolare mediale: mantengono la postura e contribuiscono ai riflessi oculo-

cefalo-giri.

-Nucleo vestibolare laterale: Mantengono la postura e facilitano lʼesecuzione dei

movimenti intervenendo sui riflessi dei muscoli antagonisti.

Via cortico-tetto-spinale

Regola i movimenti riflessi del capo in seguito a stimoli visivi e uditivi.

Dalle aree visive della corteccia telencefalica, i fasci arrivano ai collicoli superiori della

lamina tecti del mesencefalo, qui decussano subito e si dirigono ai primi segmenti del

midollo spinale.

Via cortico-ponto-cerebellare

Dalla corteccia telencefalica le fibre discendono, attraverso la capsula interna, per

giungere ai nuclei pontini. Da questi originano fibre che decussano portandosi

trasversalmente sul ponte (striature trasv. del ponte), poi sui penduncoli, per giungere

infine alla corteccia cerebellare controlaterale.

FASCICOLO LONGITUDINALE MEDIALE:

Ha il principale ruolo nella coordinazione dei movimenti occhi-testa-collo.

Eʼ una struttura che si compone di varie fibre provenienti dalle seguenti vie discendenti:

-Cortico-Reticolo-spinale

-Vestibolo-spinale

-Cortico-tetto-spinale

-Vie ottiche

Decussa a livello della commessura posteriore sotto lʼepitalamo, in modo da coordinare i

riflessi tra i due lati, e continua poi nel cordone anteriore del midollo spinale.


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

5

PESO

64.04 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Anatomia III
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Biotecnologie mediche e farmaceutiche
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia III e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Giulisano Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia iii

Anatomia III – Nervi cranici – Schemi
Appunto
Anatomia III – Sistema simpatico
Appunto
Anatomia III – Tronco encefalico – Schemi
Appunto
Anatomia III – Diencefalo e cervelletto – Slides
Appunto