Che materia stai cercando?

Riassunto esame Istituzioni e mutamento, prof. Cavicchia, libro consigliato Il religioso dopo la Religione,di Ferry e Gauchet

Riassunto breve per l'esame di Analisi sociale delle istituzioni e del mutamento del professor Cavicchia Scalamonti, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Il religioso dopo la Religione di Luc Ferry, Marcel Gauchet . Gli argomenti trattati sono i seguenti: un dibattito sul posto del sacro nelle nostre società laicizzate, o meglio il religioso dopo la... Vedi di più

Esame di Analisi sociale delle istituzioni e del mutamento docente Prof. A. Cavicchia Scalamonti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Tutte queste soluzioni sono illusorie, però, e non soddisfano l’inquietudine morale, la

ricerca di un punto di riferimento.

In conclusione è ravvisabile la ricerca di un solido ancoraggio, talora individuato

nella “Fusione in una Comunità” (pericolo di Totalitarismo), talora nella Delega ad

un Capo (pericolo Dittatoriale).

Si tratta, in fondo, di una incapacità di dare senso alla nostra finitudine.

GAUCHET

G. autore del libro il “Disincanto del Mondo”

G. esamina la questione del futuro del fenomeno Religioso partendo da

considerazioni storiche e giuridiche riferibili all’Occidente.

Dall’alba dell’Umanità fino all’Illuminismo (Seconda metà 700) ed alla Rivoluzione

Francese (1789) tutta l’organizzazione della Società, l’intero ordinamento e tutte le

rappresentazioni sociali avevano una specifica caratteristica: “Eteronomia”

Le Istituzioni erano considerate come realizzazione concreta, più o meno perfetta, di

un ordine prestabilito ad un livello superiore (Dio o per alcuni filosofi l’Essere

Assoluto chiamato Natura).

Le Leggi fondanti erano dunque dettate dall’esterno (eteronomia) e la Religione era:

- l’organizzazione di credenze

- e la struttura di persone che costituivano il legame (re-ligo) tra il mondo visibile e la

realtà invisibile, soprannaturale.

Nell’Era Moderna (occidentale) con il progressivo affermarsi del razionalismo,

l’uomo ha una nuova percezione del suo ruolo, diventa “legislatore di sé stesso”

(Sartre) e pretende di fondare le norme della vita sociale a partire dalla propria

autonoma ragione e volontà.

Con il Razionalismo si afferma l’Individualismo e si verifica il passaggio

dall’eteronomia all’autonomia.

Questo significa affermazione:

- del metodo democratico (incompatibile con la verità religiosa rivelata dalla

Divinità e poi trasmessa ed interpretata dalle Chiese)

- e della critica verso le Credenze tradizionali imposte dalla comunità.

La vita pubblica (ordinamento giuridico) è quindi desacralizzata e depurata di ogni

giustificazione religiosa o finalità trascendente. L’uomo e Dio si sono separati.

La Religione, quindi, è storicamente legata a periodi ed organizzazioni politiche

ormai superate e non più vitali per l’Occidente.

La Religione aveva in passato una “efficacia strutturante” che non ha più, tuttavia

permane il “religioso” come convinzione personale.

Gauchet respinge la tesi di una disposizione naturale dello spirito umano alla

metafisica, ma (contraddittoriamente) ammette un sostrato antropologico per cui

l’uomo è “volto all’invisibile” e “richiamato” dal riconoscimento dell’altro da sé e

dei suoi diritti.

In sostanza G. ammette che la natura umana (ogni uomo) riconosce principi

fondamentali da ripettare fino al sacrificio di sé stessi, se necessario.

Effettivamente l’uomo moderno, nell’esercizio della sua autonomia, formula i diritti

come produzioni giuridiche al servizio di valori che non sono da lui costruiti.

Dunque vi è un nucleo antropologico (che sosteneva le religioni) fonte di valori e che

darà luogo ad una trasformazione del religioso in altra cosa (??) che sopravviverà alle

istituzioni religiose e sarà portatrice dei valori.

E’ vero che può riconoscersi l’esistenza di un “assoluto terreno”, cioè di una

esperienza umana universale che ci indica dei valori non negoziabili, ma questa

disposizione all’assoluto non deriva:

- né da meccanismi biologici o economici - Marx – deterministici 2


PAGINE

4

PESO

24.47 KB

AUTORE

teto84

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto breve per l'esame di Analisi sociale delle istituzioni e del mutamento del professor Cavicchia Scalamonti, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Il religioso dopo la Religione di Luc Ferry, Marcel Gauchet . Gli argomenti trattati sono i seguenti: un dibattito sul posto del sacro nelle nostre società laicizzate, o meglio il religioso dopo la religione, la questione del futuro del fenomeno religioso.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in comunicazione de pubblicità per pubbliche amministrazioni e non profit
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher teto84 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi sociale delle istituzioni e del mutamento e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Cavicchia Scalamonti Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi sociale delle istituzioni e del mutamento

Riassunto esame Analisi sociale delle istituzioni e del mutamento, prof. Cavicchia, libro consigliato Materiali di Sociologia, di Cavicchia
Appunto
Comunicazione evento - Ideazione e gestione
Dispensa
Organizzazioni no profit
Dispensa
Eventi musicali
Dispensa