Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

COGNOME:

N. DI MATRICOLA:

Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito:

1) La riclassificazione dello stato patrimoniale.

Dopo aver presentato i diversi schemi riclassificazione dello stato patrimoniale, se ne illustrino

sinteticamente pregi e limiti.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

Facendo riferimento allo schema articolato per rami di gestione, si precisi inoltre la destinazione delle

seguenti voci:

a) Crediti IVA

b) Crediti per acconti relativi a imposte sul reddito

c) Crediti per acconti relativi a IRAP

d) Debiti per IVA

e) Debiti per rate di mutui in scadenza

f) Crediti verso soci c/aumento capitale sociale

g) Debiti per dividendi in corso di distribuzione

h) Crediti verso acquirenti di cespiti già impiegati nella gestione tipica

i) Debiti verso fornitori di cespiti destinati alla gestione tipica

j) Lavori in corso su ordinazione

Per rendere più veloce e precisa la correzione, si richiede al candidato di trascrivere le lettere minuscole

relative alle singole voci sopra indicate a lato dello schema di riclassificazione dello stato patrimoniale

articolato per rami di gestione, trascrivendo la singola lettera minuscola a fianco del singolo aggregato

cui si considera destinata la voce ad essa corrispondente.

Per esempio, dovendo riclassificare la voce (che non fa parte dell’elenco sopra esposto):

z) crediti verso clienti,

se si ritiene che la voce “z) crediti verso clienti” debba essere riclassificata nell’aggregato dello stato

patrimoniale riclassificato

“X) poste di CCN della gestione tipica corrente”

si riporterà la sola lettera z) in corrispondenza dell’aggregato scelto. Si scriverà quindi come segue:

Stato patrimoniale riclassificato articolato per rami di gestione

X) poste di CCN della gestione tipica corrente z)

Y) …

Z)..

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

2. Il ruolo del flussi di capitale circolante netto (CCN) nell’analisi dei flussi di cassa.

Dopo aver presentato la struttura del CCN, se ne illustri il ruolo nell’ambito dell’analisi dei flussi di

cassa.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………

Si rappresenti e si illustri inoltre uno schema tipico di rendiconto finanziario articolato per rami di

gestione che metta in evidenzi il ruolo del CCN.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

3. Le determinanti dell’uscita variabile unitaria.

Dopo aver illustrato la formula dell’uscita variabile unitaria,

………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………….…...……………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……….…...…………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………….…...…………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………….…..

.……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

si descriva e si illustri la rappresentazione grafica delle uscite variabili totali e dei costi variabili totali,

specificando le cause all’origine della differenza tra l’inclinazione delle due rette.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

Facoltà di Economia – Milano-

Metodologie e determinazioni quantitative d’azienda II

15 Settembre 2010

Prof. Paolo Russo

NOME:

COGNOME:

N. DI MATRICOLA:

Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito:

1) I criteri di analisi della gestione e delle operazioni estranee alla gestione.

Dopo aver presentato l’articolazione della gestione e delle operazioni estranee alla gestione, se ne

illustri sinteticamente il ruolo in sede di analisi del rendiconto finanziario.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

Si precisi inoltre quale delle seguenti voci condiziona il flusso di cassa della gestione tipica, specificando

per ognuna la parte del flusso di cassa della gestione tipica cui si può ricondurre:

a) Crediti verso i clienti;

b) Ammortamenti;

c) Accantonamento al TFR;

d) Ricavi di vendita;

e) Variazione dei debiti di fornitura;

f) Rimanenze di semilavorati e di prodotti in corso di lavorazione;

g) Variazione dei lavori in corso su ordinazione;

h) Crediti verso acquirenti di cespiti;

i) Investimenti;

j) Variazione dei dividendi in corso di distribuzione.

Per rendere più veloci e precise la risposta e la correzione, si richiede al candidato di trascrivere le

lettere minuscole relative alle singole voci sopra indicate a lato dello schema di riclassificazione del

flusso di cassa della gestione tipica, trascrivendo la singola lettera minuscola a fianco del singolo

aggregato del flusso di cassa della gestione tipica cui si considera destinata la voce ad essa

corrispondente, corredata dell’apposito segno (+ nel caso in cui si ritenga che la voce aumenti

l’aggregato corrispondente, - nel caso in cui si ritenga che la voce riduca l’aggregato corrispondente).

Per esempio, dovendo riclassificare la voce (che non fa parte dell’elenco sopra esposto):

z) consumi di materie prime,

se si ritiene che la voce “z) consumi di materie prime” debba essere riclassificata nell’aggregato del

flusso di cassa della gestione tipica:

“Costi Monetari”

e se si ritiene che la voce z) contribuisca ad aumentare i “Costi monetari”

si riporterà la sola lettera z) in corrispondenza dell’aggregato “Costi monetari”, corredandola con il

segno +. Si scriverà quindi come segue:

Flusso di cassa della gestione tipica

….

….

Costi monetari + z)

..

Totale Flusso di cassa della gestione tipica

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

2. La riclassificazione dello stato patrimoniale.

Dopo averne presentato gli obiettivi, si illustrino:

- i diversi schemi di riclassificazione possibili;

- i principali pregi e limiti di ognuno di essi.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

3. L’uscita variabile unitaria.

Dopo aver illustrato la formula dell’uscita variabile unitaria,

………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………….…...……………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……….…...…………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………….…...…………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………….…..

.……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

si descriva e si illustri l’impatto sull’uscita variabile unitaria che si può ricondurre a:

a. aumento dei prezzi di acquisto della materia prima;

b. riduzione dei tempi di pagamento dei fornitori;

c. riduzione dei tempi di pagamento relativi alle spese pubblicitarie;

d. aumento degli interessi passivi;

e. aumento del costo unitario della manodopera diretta;

f. riduzione della durata delle rimanenze di componenti;

g. riduzione delle provvigioni;

h. aumento del peso percentuale degli acquisti per i quali è richiesto un pagamento in contanti (a

parità di prezzo di acquisto) invece di un pagamento differito;

i. aumento delle spese di pubblicità;

j. aumento dei termini di pagamento relativi ai servizi di trasporto dei cespiti venduti a seguito di

un’operazione di disinvestimento.

Per rendere più veloci e precise la risposta e la correzione, si richiede al candidato di rispondere

all’ultima parte di questo quesito (punti da a. a j) riportando su ogni riga dei punti da a. a j. una delle tre

frecce indicate sotto, tenendo conto del significato a esse assegnato:

- Freccia rivolta verso l’alto: indica la risposta “l’uscita variabile unitaria aumenta”;

- Freccia rivolta verso il basso: indica la risposta “l’uscita variabile unitaria si riduce”;

- Freccia rivolta verso destra: indica la risposta “l’uscita variabile unitaria rimane costante”.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

Facoltà di Economia – Milano-

Metodologie e determinazioni quantitative d’azienda II

17 Febbraio 2010

Prof. Paolo Russo

NOME:

COGNOME:

N. DI MATRICOLA:

Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito:

1) Dopo aver presentato i diversi schemi riclassificazione del rendiconto finanziario, se ne illustrino

sinteticamente pregi e limiti.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

Facendo riferimento allo schema articolato per rami di gestione costruito con il metodo indiretto, si

precisi inoltre la destinazione delle seguenti voci:

ammortamenti

a) variazione delle rimanenze

b) variazione dei crediti verso clienti

c) variazione dei debiti verso fornitori di cespiti

d) variazione dei debiti verso fornitori di materie prime

e) aumento di capitale

f) acquisto di immobili civili (destinati alla locazione a terzi)

g) aumento dei debiti a medio-lungo termine

h) investimenti in partecipazioni (relativi a quote di capitale sociale di aziende clienti)

i) variazione dei lavori in corso su ordinazione

j)

Per rendere più veloce e precisa la correzione, si richiede al candidato di trascrivere le lettere minuscole

relative alle singole voci sopra indicate a lato dello schema di riclassificazione del rendiconto finanziario

articolato per rami di gestione, trascrivendo la singola lettera minuscola a fianco del singolo aggregato

cui si considera destinata la voce ad essa corrispondente.

Per esempio, dovendo riclassificare la voce (che non fa parte dell’elenco sopra esposto):

z) utile di esercizio,

se si ritiene che la voce “z) utile di esercizio” debba essere riclassificata nell’aggregato del rendiconto

finanziario riclassificato

“X) flusso di CCN della gestione tipica corrente”

si riporterà la sola lettera z) in corrispondenza dell’aggregato scelto. Si scriverà quindi come segue:

Rendiconto finanziario riclassificato articolato per rami di gestione

X) flusso di CCN della gestione tipica corrente z)

Y) …

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

2. I criteri di analisi della gestione. Dopo aver presentato i diversi criteri di analisi della gestione, si

illustri il modo in cui essi possono essere recepiti nella riclassificazione del conto economico,

presentando e commentando i principali schemi di riclassificazione alternativi.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

3. Il punto di pareggio di cassa (o di tesoreria).

Dopo averne illustrato analiticamente la formula, si presentino – anche facendo ricorso a

rappresentazioni grafiche sinteticamente commentate - le condizioni in cui il punto di pareggio di cassa

(o di tesoreria) può risultare tipicamente più elevato o più contenuto rispetto al punto di pareggio

economico.

………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………….…...……………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……….…...…………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………….…...…………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………….…..

.……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………….…...…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………….…...…………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

Facoltà di Economia – Milano-

Metodologie e determinazioni quantitative d’azienda II

20 Gennaio 2010

Prof. Paolo Russo

NOME:

COGNOME:

N. DI MATRICOLA:

Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito:

1) La riclassificazione del conto economico.

Dopo aver presentato i diversi schemi riclassificazione del conto economico, se ne illustrino

sinteticamente pregi e limiti.

Facendo riferimento allo schema articolato con priorità per i rami di gestione, si precisi inoltre la

destinazione delle seguenti voci:

a) sconti cassa concessi ai clienti

b) sconti su fatture emesse nell’anno in corso

c) sconti su fatture emesse nell’anno precedente

d) plusvalenze derivanti dalla vendita di immobilizzazioni impiegate nella gestione tipica

e) plusvalenze derivanti dalla vendita di immobili civili concessi in locazione a terzi

f) costi di consulenze associati all’emissione di un prestito obbligazionario di durata decennale

g) costi di consulenze associati all’acquisto di un nuovo sistema informativo destinato a rimanere

in uso per dieci anni

h) sanzioni derivanti da contenzioso relativo alle imposte sui redditi degli anni precedenti

i) costi derivanti dalla risoluzione di rapporti di lavoro finalizzata ad adeguare l’organico all’attività

dei prossimi dieci anni

j) sconti cassa concessi ai fornitori

Per rendere più veloce e precisa la correzione, si richiede al candidato di trascrivere le lettere minuscole

relative alle singole voci sopra indicate a lato dello schema di riclassificazione del conto economico con

priorità per rami di gestione, trascrivendo la singola lettera minuscola a fianco del singolo aggregato cui

si considera destinata la voce ad essa corrispondente.

Per esempio, dovendo riclassificare la voce (che non fa parte dell’elenco sopra esposto):

z) vendita di servizi,

se si ritiene che la voce “z) vendita di servizi” debba essere riclassificata nell’aggregato del conto

economico riclassificato

“I) Ricavi di vendita”

si riporterà la sola lettera z) in corrispondenza dell’aggregato scelto.

Si scriverà quindi come segue:

Conto economico riclassificato con priorità per rami di gestione

I) Ricavi di vendita z)

II) …

III)..

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

2. La sintesi dei flussi di cassa (o di tesoreria).

Dopo aver presentato gli obiettivi del rendiconto finanziario, si sintetizzino i diversi schemi di

riclassificazione dei flussi di cassa, dotati di diverso grado di sinteticità.

Si illustrino pregi e limiti di ognuno.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………

……………………….…...…………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

3. Le determinanti del margine di tesoreria (o di cassa).

Dopo aver illustrato la formula del margine di tesoreria totale, si descriva e si illustri la

rappresentazione grafica che può avere al variare del margine di cassa unitario.

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………….…...………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………….…...……………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………….…...………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…….…...……………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………….…...……………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………………………………………….…...

……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

…………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………….…...……………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………….…..

.……………

……………………….…...…………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………….…...…

………… A N A L

I S I D

I B

I L A

N C

I O

I CRITERI DI ANALISI DELLA GESTIONE

Il processo decisionale degli operatori aziendali deve far fronte a 2 esigenze:

a. Assumere in maniera tempestiva le decisioni aziendali

b. Basare le proprie decisioni su informazioni di natura anche quantitativa

Quindi l’analisi economico finanziaria ha la funzione di offrire un supporto per le

decisioni di gestione.

Occorre tener presente che la gestione è data da un sottoinsieme di operazioni

autonome per le quali è possibile calcolare risultati parziali.

Con il termine gestione si vuole intendere un nucleo dell’amministrazione economica

che è un complesso di azioni coordinate degli organi dell’azienda per il suo esercizio e

si svolge di 3 momenti:

gestione

 organizzazione

 rilevazione

 che tuttavia rientrano a pieno titolo nel concetto di “gestione” generico.

Sono parte della gestione tutte le operazioni che possono essere assunte in linea di

principio dagli organi gestori cioè gli amministratori. Vi sono però anche operazioni

estranee alla gestione, per le quali occorre l’ autorizzazione dell’assemblea dei soci

che sono i veri titolari del capitale di rischio.

esclude(quindi sn operazioni di extragestione) tutti gli

Il concetto di gestione

interventi sui mezzi propri che si sostanziano in denaro o in natura da parte dei soci,

le distribuzioni di utili ai soci o di rimborso del capitale, anche nella forma di

acquisto di azioni proprie. Queste decisioni competono ai titolari del capitale di

rischio e non agli amministratori.

Sono estranee anche le operazioni di rivalutazioni fuori esercizio che determinano

saldi di rivalutazione di valore positivo o negativo che sono anch’essi prodotti dalla

gestione, ma non sono rilevati con la tecnica di valutazione di esercizio.

Quindi il CDA di una società puo’ fare scelte di gestione sia ordinaria che

straordinaria. Per esempio il CDA di Fiat può decidere di vendere lo stabilimento di

Melfi, che e’ comunque un’operazione di gestione anche se di extragestione cioè non

ordinaria.

Per Fiat distinguo in:

GESTIONE ORDINARIA O CORRENTE: acquisto, produco, vendo

GESTIONE STRAORDINARIA O NON CORRENTE: vendo lo stabilimento di Melfi.

La classica operazione che il CDA non può fare perché non è delegabile e’

l’approvazione del bilancio, il CDA fa il progetto di bilancio. Inoltre non può:

1. deliberare gli aumenti di capitale

2. distribuire dividendi, riserve

3. riduzione del capitale.

1,2 e 3 sono decisioni che riguardano la società ed i soci. Esse vengono cmq

sommate alle altre operazioni per ottenere il totale delle operazioni.

Esempio: se dalla gestione corrente ho risultato di 50 e aumento il capitale di

100, ho un risultato totale di 150.

Quando si studia la differenza tra gestione ed extragestione è necessario

conoscere una differenza fondamentale, quella tra quantità flusso e quantità

stock.

Partendo dal PN diciamo che:

PN è una grandezza stock. È uguale alla differenza tra attivo e passivo. E di

per sé una definizione che non richiama automaticamente il concetto di

gestione, perché la gestione si riferisce a un periodo mentre la grandezza stock

a un istante.

REDDITO è un flusso. È la variazione del PN per effetto della gestione

(diversa dalla Δ del PN per effetto delle operazioni di extra gestione).

REDDITO D’ESERCIZIO: è un flusso. Il reddito d’esercizio è una

specificazione della definizione precedente di REDDITO, è questa la differenza

tra reddito e reddito d’esercizio. Consiste nella variazione del PN per effetto

della gestione, determinata con la tecnica di valutazione d’esercizio.

Ad esempio nel bilancio di Diesel vediamo che la riserva di rivalutazione è

uguale a 288mln di euro. Tale riserva è reddito perché genera ΔPN per effetto

della gestione che è però questa volta determinata con la cosiddetta tecnica di

rivalutazione e non di valutazione d’esercizio.

REDDITO DI RIVALUTAIONE: è un flusso ed è la ΔPN per effetto della

gestione, determinata con la tecnica della rivalutazione.

L’effetto di rivalutazione va a PN quando uso gli IAS perché la rivalutazione a

fair value è cmq reddito, ma determinato con la tecnica di rivalutazione.

obiettivi dell’analisi di bilancio

In generale possiamo affermare che gli sono:

- dare informazioni ulteriori rispetto ai dati contenuti nel bilancio

- rappresentare e analizzare la situazione patrimoniale, la situazione finanziaria e il

risultato economico

- trasmettere strumenti e tecniche x analizzare un bilancio.

Il bilancio viene analizzato perché? Cosa dobbiamo capire?

 X analizzare alcuni aspetti o caratteristiche della situazione patrimoniale (stock)

 X analizzare le diverse aree di risultato che producono più redditività e i flussi di cassa x

aree di gestione.

Considerazioni di base sul bilancio:

tutti i dati sn divisibili in 2 grandi gruppi:

 Le quantità stock (relative ad un istante)

 Le quantità flusso (relative a un periodo).

Quando faccio analisi del bilancio i dati principali sono 3:

reddito→ analisi della redditività

flusso→ analisi flussi di cassa

patrimonio→ analisi della situazione patrimoniale.

Se questi sono gli obiettivi, dobbiamo capire:

 Quali sn i criteri di analisi della gestione e delle operazioni extra gestione

 Come si analizzano i dati patrimoniali, economici, di reddito e anche finanziari.

Prima di analizzare i 2 obiettivi dell’analisi occorre fare una precisazione sul potere di indagine.

Infatti, quando attuo una analisi di bilancio non sempre viene data la disponibilità a dati interni,

ma è possibile svolgerla anche con le sole informazioni che ci vengono date, facendo emergere gli

elementi che immediatamente presenta il bilancio. In ragione di ciò che il bilancio evidenzierà si

potranno effettuare indagini diverse e ulteriori.

che si prefigge di dare l’analisi di bilancio

Le informazioni ulteriori sono riconducibili

all’evoluzione passata, prevedibile della situazione patrimoniale e finanziaria e al risultato

economico.

Occorre, però, precisare cosa si intende con situazione patrimoniale, situazione finanziaria e

risultato economico.

La di una azienda analizza il Patrimonio Netto, cioè la differenza o

SITUAZIONE PATRIMONIALE

saldo contabile tra attività e passività.

La situazione patrimoniale viene analizzata avendo come obiettivo:

l’integrità

- patrimoniale cioè verificare se il livello di PN è reale o fittizio. Quando

confronto attività e passività i lori valori non sono quelli di scambio, ma quelli contabili ossia

quelli in ipotesi di continuità aziendale

l’efficienza dell’azienda ossia capire i problemi di efficienza nell’impiego del capitale

-

investito

La rappresenta la capacità di produrre liquidità o risorse liquide in

SITUAZIONE FINANZIARIA

cui si ha un contenimento del debito finanziario entro limiti accettabili dove il debito

finanziario è il debito non commerciale,e nemmeno collegato al ciclo produttivo, ma è quello

verso gli istituti di credito, verso i soci (nel caso di acquisizioni di partecipazioni), cioè sono tutti

quei debiti che generano interessi finanziari espliciti.

Vengono esclusi dal concetto di debito finanziario:

- debiti verso fornitori

- debiti tributari

- debiti previdenziali

- debiti verso dipendenti

- TFR

Il debito finanziario è una scelta in quanto scelgo di indebitarmi con istituti bancari o altre

tipologie di investitori.

Il debito bancario e il debito verso fornitori vengono sommati nel procedimento concorsuale per

fallimento. Il debito verso fornitori è fisiologico e viene analizzato con criteri diversi da quello

bancario.

Il debito finanziario deve essere valutato bene ossia devo valutare il debito finanziario netto come

debito bancario e assimilati e sottrarre la liquidità (= c/c). La rappresentazione della liquidità non è

riflessa in tutti i bilanci. –

Acid Test (o indice di liquidità) = (Attività Correnti Rimanenze) / Passività Correnti

Il è la variazione del PN per effetto della gestione in un certo periodo

RISULTATO ECONOMICO

di tempo. Si prevedono criteri di analisi per ricondurre il risultato economico al ramo di gestione

che lo ha prodotto. O P E

R

A Z

I O N

I D I G E

S T I O N E

La gestione è suddivisa in parti ognuna delle quali è messa a fuoco attraverso criteri

di analisi dela gestione, è importante perché mi permette di capire, vedere ogni

componente da dove deriva. La gestione e le altre operazioni possono essere articolate

secondo i seguenti criteri:

a) per delle operazioni distinguendo tra:

NATURA

operazioni di gestione individuano le operazioni di acquisto, di trasformazione

-

fisico-tecnica, di commercializzazione e di ricerca e sviluppo

operazioni non di gestione sono tutte le operazioni sui mezzi propri che si

-

sostanziano in conferimenti di denaro o in natura da parte dei soci,le operazioni di

distribuzione degli utili ai soci o di rimborso del capitale, l’aumento e la riduzione di

capitale sociale

b) per delle operazioni svolte individuando:

OGGETTO

gestione tipica o caratteristica

la è la gestione che caratterizza l’attività

-

d’impresa, spesso riconducibile all’oggetto sociale della stessa.

gestione patrimoniale

la è quella di parte di attività che scaturisce

-

dall’impiego di liquidità , detto in altri termini si compone di tutte quelle operazioni

di investimento e disinvestimento in beni da reddito e da rivalutazione ossia in beni

non impiegati nella gestione caratteristica. Consiste quindi nella gestione delle

eccedenze di liquidità che può tradursi in proventi, interessi attivi sui buoni del

tesoro. gestione finanziaria

la è quella che include tutte le operazioni di provvista, di

-

rimborso, di remunerazione dei mezzi di terzi acquisiti a titolo di capitale di prestito

gestione tributaria

la consiste nella definizione e nell’attuazione delle politiche

-

di contenimento del prelievo fiscale senza violare la normativa

La gestione accessoria dipende da ciò che fa l'azienda:

es1. Concedere in affitto immobile (gestione patrimoniale)

es2. X cartiera: vendita degli scarti (sub gestione tipica)

es3. Subaffitto di un bene(gestione tipica)

La gestione e' diversa da quella tipica per cosa?

La vendita dello stabilimento di Melfi x la Fiat è gestione tipica straordinaria. Se

vende immobile in S. Babila è gestione patrimoniale. La gestione finanziaria

acquisisce i prestiti, li rimborsa e li enumera x il funzionamento della gestione tipica.

La gestione patrimoniale solitamente viene finanziata da quella tipica.

a) G :

ESTIONE CORRENTE E GESTIONE NON CORRENTE

Gestione corrente Gestione non corrente

sono tutte le operazioni ripetitive di è tutto ciò che è straordinario ed eccede la

gestione che si svolgono in forma ciclica normale vita di una azienda

e che si possono raggruppare in processi

caratteristici

Acquisto di Mat. 1° e componenti Investimenti

- -

Trasformazione fisico-tecnica Disinvestimenti

- -

Commercializzazione Aumenti e rimborsi mutui m/l

- -

Operazioni di sviluppo di nuovi unitamente al sostenimento di oneri

-

prodotti finanziari correlati all’accensione di debiti

Imposte di competenza a m/l termine

- Pagamenti e incassi connessi a Operazioni sui mezzi propri fatta

- -

operazioni di competenza di un solo eccezione per la deliberazione e la

esercizio distribuzione dei dividendi

Dividendi da corrispondere ai

-

soci e il relativo pagamento (operazioni

correnti estranee alla gestione)

La distinzione tra corrente e non corrente, o tra operazioni di carattere ordinario e

operazioni straordinario, è importante anche per capire quale parte della variazione

di PN a carattere fisiologico e quindi si rinnova continuamente ogni anno.

P.s. il trasferimento di quote di debiti a m/l termine tra le passività correnti che

originano un movimento di CCN destinati a non produrre alcuna variazione di

tesoreria immediata, sembra consigliabile l’assimilazione alle variazioni finanziarie

derivanti dalle operazioni di accessione o di rimborso di mutui che sono operazioni di

gestione non corrente. Esse esprimono la prospettiva del perfezionamento di impegni

contrattuali di gestione non corrente, assunti all’atto di stipulazione dei mutui.

P.s. le operazioni di rivalutazioni è bene considerarle in modo separato dalle

operazioni sui mezzi propri dato che non corrispondo a movimenti di risorse

finanziarie ma variazione dei criteri di valutazione.

P.s. La plusvalenza quando è ripetibile nel tempo ed è certa, è una componente di

reddito, ad esempio nelle compagnie di vendita a noleggio.

a) Operazioni di gestione economica o operazioni di gestione monetarie

La sono tutte quelle operazioni che riguardano le entrate

GESTIONE MONETARIA

-

e le uscite monetarie ossia gli incassi e i pagamenti

La comprende la gestione economico produttiva e la

GESTIONE ECONOMICA

-

gestione finanziaria OPERAZIONI DI GESTIONE

GESTIONE CORRENTE GESTIONE NON CORRENTE

GESTIONE GESTIONE GESTIONE GESTIONE

ECONOMICA MONETARIA ECONOMICA MONETARIA

Investimento di beni

Acquisto Incassi usati nella gestione Incassi

tipica

Disinvestimento di

Trasformazione Pagamenti beni usati nella Pagamenti

gestione tipica

GESTIONE

TIPICA Dismissione

stabilimento

Commercializzazione macchinario

vendita invenzione e diritto

industriale

Ricerca e Sviluppo

Affito di beni immobili e Investimento di beni

relativa manutenzione Incassi usati nella gestione Incassi

ordinaria patrimoniale

Disinvestimento di

Compravendita titoli Pagamenti beni usati nella Pagamenti

GESTIONE quotati (CCT e simili) gestione patrimoniale

PATRIMONIALE Vendita, acquisto

Interessi Attivi immobili

Impiego di liquidità

eccedente Accensione o

rinegoziazione di Incassi/Pagamenti

Sostenimento degli oneri Pagamento degli debiti/prestiti a medio connessi alla accensione

GESTIONE finanziari interessi lungo termine o o al rimborso di debito a

FINANZIARIA quotazione in borsa di m/L

obbligazioni

GESTIONE

TRIBUTARIA Tributi gestione non

Potrebbe essere corrrente (=vendita di

ricondotta ai singoli Tributi Pagamento tributi un immobile, la Pagamento tributi della

rami di gestione in relativi a operazioni della gestione corrente plusvalenza è colpita gestione non corrente

particolare: gestione correnti da imposta non

tipica, gestione corrente)

patrimoniale e

gestione finanziaria OPERAZIONI NON DI GESTIONE

OPERAZIONE CORRENTE OPERAZIONE NON CORRENTE

OPERAZIONE OPERAZIONE OPERAZIONE OPERAZIONE MONETARIA

ECONOMICA MONETARIA ECONOMICA

Pagamento dei Aumento di capitale Versamento degli aumenti di

Delibera dividendi dividendi a pagamento capitale

Acquisto o vendita Versamento degli aumenti delle

di azioni proprie riserve

Incasso da acquisto o vendita di

azioni proprie

COLLEGAMENTO GESTIONE CARATTERISTICA E GESTIONE PATRIMONIALE:

Caso rinascente. Negli anni 80 la gestione tipica andava così così, quella patrimoniale andava

molto bene perchè i BOT avevano tasso di interesse del 20%. Noi potremmo pensare che la

gestione tipica non vada bene. No!! perchè in qualche modo la gestione tipica crea la base della

gestione patrimonialeeva incassi da clienti subito e poi pagavadopo i fornitori. Così facendo quei

soldi incassati subito vengono investiti in modo da farli fruttare

Variazione del PN che cosa si intende:

Distinzione tra quantità stock e quantità flusso:

- quantità stock sono riferibili ad un istante = Patrimonio netto

- quantità flusso sono riferibili ad un determinato periodo di tempo = Reddito

Il patrimonio è l’insieme dei beni economici, l’insieme degli elementi positivi e negativi di

reddito, mentre il Patrimonio Netto è un valore residuale, è il saldo contabile tra attivo e passivo

(tutte e due sono flussi stock). Il patrimonio fa riferimento ai beni, mentre il Patrimonio Netto è

un valore.

Il patrimonio è l’insieme delle condizioni positive e negati, i valori patrimoniali sono i valori che

esprimono le condizioni di produzione positive e negative; la differenza è che nel patrimonio ho lo

stabilimento/i marchi/le rimanenze cioè elementi fisici, mentre nei valori patrimoniali ho il valore

dello stabilimento.

Il reddito allora può essere visto come la variazione del patrimonio Netto per effetto della gestione

che sottintende che ci sia una variazione del PN per cause estranee alla gestione cioè operazioni

sui mezzi propri o aumento del capitale sociale o distribuzione del dividendi.

Quando una società ha un PN negativo, ossia il passivo maggiore dell’attivo, esistono una serie di

obblighi quali trasformazione della società in società di persone e le Società per azioni devono

trasformarsi in Società a responsabilità limitata, oppure ricostruire il capitale.

Il governo durante la crisi aveva ideato una legge che permetteva la rivalutazione degli immobili e

di evidenziare per effetto del valore rivalutato una riserva di rivalutazione che aumentava il PN

che era negativo. di rivalutazione che l’impresa iscrive nel momento in cui rivaluto gli immobili è

Questa differenza

reddito? Si è reddito in quanto la variazione di PN per effetto della gestione in quanto essa può

essere evidenziata in base a tecniche di esercizio (se il credito non si estingue non ho un riflesso

in CE) o in base a tecniche di rivalutazione (alcune variazioni non hanno riflesso in CE).

Il bilancio nell’ultima riga presenta la voce “utile d’esercizio”, ad esempio potrebbe essere pari a 1

e non trovo il saldo di rivalutazione, in quanto esso è presente nello SP.

Se l’azienda aveva un valore storico di 2 e rivaluta a 6, ho 4 di riserva di rivalutazione che è

reddito.

Se invece di rivalutarlo decido di vederlo a 6, ottengo sempre 3 di utile.

Infatti nel primo caso avrei 1 di perdita e 4 di rivalutazione, e ho creato reddito tramite la

rivalutazione, nel secondo caso ho creato reddito tramite la vendita.

Ma la variazione di PN è esattamente uguale.

Tutta la variazione di PN per effetto della gestione e per effetto di operazioni estranee ala gestione

è contenuta nel prospetto delle variazioni di PN dove la parte più importante è quella dedicata alle

variazioni che convergono nel CE. Questo, ovvero la variazione di PN per effetto della gestione

misurata con la tecnica d’esercizio è il cuore dell’analisi del reddito e delle analisi delle variazioni

di PN fatta tenendo conto della gestione.

La riserva di rivalutazione si riferisce alla gestione tipica o alla gestione patrimoniale?

dell’albergo sarà gestione tipica non corrente, mentre

Per una azienda alberghiera la rivalutazione

per una azienda nel settore della ceramica che ha immobili non impiegati nella gestione tipica è

una operazione di gestione patrimoniale.

Inoltre, quando ho una variazione di PN mi devo chiedere se viene:

- dal reddito

- da fonti diverse dal reddito cioè che non derivano dalla gestione, quindi che derivano

dall’aumento di capitali, dai dividendi, da una diminuzione di capitale

Quando ho una variazione di PN mi devo chiedere se proviene dagli azionisti, se non

derivano da loro è reddito. ’

L

O S

C

H

E

M

A G

E

N

E

R

A

L

E D

I R

A

P

P

R E S

E

N

T

A Z

I O

N

E D E

L L A

S

S

E

T

T

O

L

O S

C

H

E

M

A G

E

N

E

R

A

L

E D

I R

A

P

P

R E

S

E

N

T

A Z

I O

N

E D E

L L A

S

S

E

T

T

O

R

E

D

D

I T

U

A

L

E

, F

I N

A

N Z

I A R

I O E P

A

T

R

I M

O

N

I A

L

E C

O

M

P

L

E

S

S

I V

O

R

E

D

D

I T

U

A

L

E

, F

I N

A

N Z

I A R

I O E P

A

T

R

I M

O

N

I A

L

E C

O

M

P

L

E

S

S

I V

O

GESTIONE PATRIMONIALE



La gestione patrimoniale scaturisce dal capitale investito. Il suo studio può essere articolato nelle

seguenti fasi:

- Identificazione delle poste iniziali del capitale investito netto specifico ossia gestione

delle eccedenze di liquidità e gestione della attività immobiliare

- Determinazione dei flussi di reddito: occorre effettuare la seguente operazione:

risultato della gestione patrimoniale corrente

+/- risultato della gestione patrimoniale non corrente

(plusvalenze e minusvalenze derivanti dalla gestione patrimoniale)

= risultato della gestione patrimoniale

- Determinazione dei flussi finanziari può avvenire secondo le seguenti fasi:

 Determinare il flusso di tesoreria prodotto dalla gestione patrimoniale corrente: flusso di

CCN meno la variazione delle poste di CCN specifiche

 Determinare il flusso di tesoreria prodotto dalla gestione patrimoniale non corrente che è

espressione dei 2 addendi di investimento e di disinvestimento.

- Determinare le poste finali di Capitale Investino Netto specifico

GESTIONE FINANZIARIA



La gestione finanziaria scaturisce dalle scelte aziendali in merito a liquidità e indebitamento. Si

può articolare in 2 rami distinti per scadenza dei mezzi di copertura del fabbisogno finanziario:

- gestione dei debiti a medio/lungo termine

- gestione dei debiti a breve termine che si può distinguere a secondo che siano verso banche

o che siano altri

- La determinazione delle poste dello SP iniziale specifiche della gestione finanziaria

sono i debiti a m/l termine e le passività correnti legate alla gestione finanziaria ossia rate in

scadenza di debiti di prestiti a m/l termine, ratei passivi per interessi.

- La definizione dei flussi di reddito, dei flussi di tesoreria riferiti ai debiti a m/l termine, i

flussi di reddito e flussi di tesoreria della gestione finanziaria deve essere attuata considerando le

seguenti componenti.

I componenti di reddito della gestione finanziaria corrente sono interessi passivi sui

debiti a breve verso le banche e sui debiti di prestito a m/l termine.

I componenti di reddito della gestione finanziaria non corrente si riducono agli oneri

sostenuti per la sottoscrizione di debiti a m/l termine.

I flussi di CCN di natura corrente sono generati dagli interessi passivi e sono per lo più

esborsi monetari. Se ciò non avviene calcolo il flusso di tesoreria della gestione

finanziaria corrente che è la differenza tra il flusso di CCN prodotto dalla medesima e la

variazione delle poste del CCN (debiti e ratei passivi per interessi da pagare, risconti attivi

per interessi corrisposti in via anticipata).

I flussi di CCN di natura non corrente sono i flussi di reddito che derivano dalla

gestione finanziaria non corrente, e da aumenti o riduzione di debiti a m/l termine, mentre

il flusso di tesoreria della gestione finanziaria non corrente deriva dalla differenza tra il

flusso di CCN della gestione finanziaria e la variazione delle poste di CCN (variazioni di

quote di debiti a m/l che sono tra le passività correnti).

- Calcolo dei proventi sulle eccedenze temporanee di liquidità, degli oneri finanziari

sui debiti a breve e dei saldi finali dei conti di tesoreria

Il saldo di tesoreria può essere diviso in 3 parti: cassa, banca c/c attivo, banca c/c passivo.

Le consistenze di banca c/c attivo e di banca c/c passivo possono essere definite come una

posizione creditoria o debitoria netta di tesoreria.

Per calcolare il saldo finale di tesoreria occorre:

 Flusso di tesoreria totale = flussi di tesoreria prodotti dalla gestione + operazioni su mezzi

propri

 –

Saldo di tesoreria finale = Flusso di tesoreria totale saldo di tesoreria iniziale

 Valore finale della cassa

 Valore finale della cassa - Saldo di tesoreria finale = c/c attivo o c/c passivo

Il valore degli oneri finanziari deve essere collegato in base al tasso di interesse passivo sui

c/c e allo scoperto di c/c medio previsto per l’anno, e includere questo valore nella

determinazione della variazione di CCN e dei flussi di tesoreria.

Il valore dei proventi derivanti dalle eccedenze temporanee di liquidità sono calcolati sulla

base del tasso di interesse, e sulla basse delle eccedenze di liquidità previste, e questo

valore concorrerà a formare il flusso di CCN e il flusso di tesoreria della gestione

patrimoniale.

- Determinazione delle poste dello SP finale specifiche della gestione finanziaria: i

flussi finanziari derivanti dalle variazioni dei debiti di prestito a m/l termine consentono di

determinare l’importo dei debiti a m/l termine o articolati in quota a breve termine e quota medio-

lungo termine.

Quota a breve termine finale = somma tra la quota a breve termine iniziale e la quota

trasferita tra le passività a breve termine nel corso d’esercizio al netto dello quota

rimborsata consistenza iniziale + aumenti avvenuti durante l’anno –

Quota a m/l termine finale =

quota trasferita tra le passività correnti e eventuali rimborsi in via anticipata di quote

iscritte nelle passività a m/l

GESTIONE TRIBUTARIA



Le imposte possono colpire il reddito imponibile ma possono anche colpire manifestazioni di

ricchezza che non sono di competenza dell’esercizio. Ecco che allora posso distinguere imposte

collegate alla gestione corrente e della gestione non corrente.

Il primo passo che occorre effettuare è identificare le voci dello SP che sono riconducibili alla

gestione tributaria esse possono essere:

- crediti v/erario per imposte sul reddito versate in eccedenza

- fondo imposte

- perdite pregresse

La gestione tributaria produce:

- Componenti di reddito sono le imposte che si traducono in flussi di CCN a meno che

non esista la possibilità di differire il pagamento delle imposte nell’anno successivo a quello di

riferimento.

- Flusso di tesoreria della gestione tributaria dato dalla differenza tra il flusso di CCN e la

variazione delle singole poste di CCN legate alla gestione tributaria come il fondo imposte, e i

crediti v/erario per imposte dirette

OPERAZIONI SUI MEZZI PROPRI



Sono 2 categorie:

→ poste del CCN collegate ai mezzi propri sono:

- i crediti v/soci per aumenti di CS deliberati

- i debiti per dividendi in corso di distribuzione

→ poste del Capitale Netto comprende CS, riserve, utili non distribuiti, perdite non ripianate

Queste poste producono solo flussi di tesoreria e flussi di CCN.

I flussi di tesoreria relativi a operazioni correnti sono la distribuzione dei dividendi e le variazioni

di CCN, quindi avrò: variazione di debiti verso soci per dividendi da distribuire dividendi

distribuiti.

I flussi di tesoreria relativi a operazioni non correnti può essere calcolato in un due modi:

- il primo modo è: aumento di capitale a pagamento deliberati rimborso di capitale ai soci

deliberati –

- il secondo modo è: variazione dei debiti v/soci c/rimborsi di capitale variazione di crediti

v/soci c/aumento di capitale

S T

A

T

O P

A

T

R

I M

O

N

I A

L

E

: R

I C

L

A

S S

I F

I C

A

Z

I O N

E

S T

A

T

O P

A

T

R

I M

O

N

I A

L

E

: R

I C

L

A

S S

I F

I C

A

Z

I O N

E

M E

T O D O L O

G I E

1 .

Esistono 2 criteri di riclassificazione dello SP:

 Un primo criterio che distingue attività e passività a seconda dell’orizzonte

temporale di esigibilità o di scadenza delle poste patrimoniali, di conseguenza il CCN

risulta dalla differenza tra attività a breve e passività a breve

 Un secondo criterio che distingue attività e passività a seconda della

pertinenza gestionale e configura il CCN come una somma di tutte le attività e le

passività legate alla gestione corrente intesa come attività di acquisto, produzione,

vendita attraversa le quali l’impresa realizza la sua funzione economica

La riclassificazione dello SP fondata sul criterio di esigibilità o di scadenza delle

poste dell’attivo e del passivo è stata la prima ad affermarsi in quanto l’obiettivo

della riclassificazione dello SP era evidenziare la liquidità aziendale ovvero la

capacità di far fronte in modo tempestivo e conveniente agli impieghi di pagamento,

infatti la liquidità è l’indicatore conoscitivo principale per i finanziatori e gli analisti

esterni che hanno interesse all’andamento aziendale.

Successivamente si sviluppò la dinamica finanziaria che ricerca le cause all’origine

della variazione intervenute e programmate di alcune poste di bilancio e in

particolare analizza lo scostamento tra il flusso di reddito e il flusso di tesoreria,

illustrando il rapporto, il legame tra il risultato netto, i flussi di CCN e i flussi di

cassa.

In questo modo si davo un nuovo, diverso significato alla riclassificazione dello SP

che prima era vista come un documento riferito ad un certo istante che forniva

argomentazioni in merito alla solidità patrimoniale o alla liquidità, ed ora diventava

uno strumento per l’analisi dei flussi di tesoreria e per individuare le cause

all’origine degli scostamenti intervenuti tra reddito e variazioni di tesoreria.

In particolare lo studio del flusso di CCN della gestione corrente veniva considerato

come un anello di congiunzione tra flussi di reddito e dinamica finanziaria, e analisi

delle variazioni intervenute nelle poste di CCN.

Ma l’anello di congiunzione ricercato nelle poste di CCN della gestione corrente

creava una serie di problemi applicativi in quanto non tutte le poste di CCN

configurate secondo l’esigibilità potevano assolvere la funzione di collegamento tra il

flusso di reddito e di tesoreria.

Infatti potevano essere utili allo scopo la cassa, il c/c attivo, crediti e debiti di

regolamento da gestione tipica corrente, rimanenze, ratei e risconti attivi e passivi

che esprimono tipicamente poste a cavallo tra 2 esercizi consecutivi. Le rimanenti

poste di CCN come rate in scadenza dei mutui, crediti e debiti di regolamento insorti

per effetto di operazioni di investimento o disinvestimento rappresentano poste di

CCN riconducibili a operazioni estranee alle gestione corrente che non sono d’aiuto a

comprendere la differenza tra flussi di reddito e flussi di tesoreria.

Questa analisi individuava un CCN ibrido e implicitamente riconosciuto in

sottoinsiemi significativi di poste di CCN rivolti in ultima analisi all’enucleazione di

un fondo di valori contenuto nel CCN ma legato alla gestione corrente e alla gestione

tipica corrente.

Mentre la riclassificazione dello SP fondata sul criterio di pertinenza gestionale delle

poste di CCN si fonda sul legame tra attivo e passivo della gestione tipica corrente.

Le poste dell’attivo sono la cassa, i c/c attivi, i crediti v/clienti, le rimanenze al netto

dei rispettivi fondi di svalutazione, i ratei e i risconti relativi ai ricavi, e i costi legati

alla gestione tipica corrente. Invece, tra le poste del passivo abbiamo debiti di

fornitura insorti per operazioni di natura corrente, fondo TFR,fondo imposte, ratei e

risconti gestione corrente esclusi i debiti a breve verso istituti di credito.

Per capire le di questi 2 schemi occorre esaminarli alla luce degli scopi

CRITICITÀ

della riclassificazione dello SP.

La riclassificazione dello SP presenta come primo scopo quello di comprendere la

dinamica delle risorse di tesoreria e la comprensione del rapporto tra queste e il

reddito. Rispetto a questa prima esigenza non sembra pienamente soddisfacente né

la prima né la seconda delle impostazioni.

La riclassificazione dello SP fondata sul criterio di esigibilità non sembra adeguata

in quanto non consente di integrare nell’attivo e nel passivo a breve alcune poste del

CCN del ciclo operativo tipico e precisamente i crediti e i debiti aventi scadenza

differita di più di 12 mesi dalla data di riferimento della situazione patrimoniale.

In questo modo si impedisce la determinazione del flusso di tesoreria prodotto dalla

gestione tipica corrente sulla base dei componenti di reddito e delle variazioni

se anche ci fossero solo crediti v/clienti non

intervenute nel CCN. In particolare,

esigibili nei 12 mesi successivi alla data di chiusura dell’esercizio, la nozione di CCN

non mi consente di determinare l’effetto netto prodotto dalle vendite sulle consistenze

di tesoreria. Infatti, il flusso di tesoreria derivante dai ricavi della gestione tipica

corrente non potrebbe essere determinato dalla differenza tra le vendite e la

esso

variazione dei crediti inclusi tra le attività correnti, dal momento che

risulterebbero condizionato anche dall’aumento dei crediti commerciali riclassificati

tra le attività fisse .

A ciò si aggiunge la difficoltà analoga di calcolare le uscite derivanti dagli acquisti in

presenza di variazioni dei debiti commerciali che non scadono nei 12 mesi successivi

alla data di chiusura dell’esercizio.

Ora, il flusso di CCN della gestione corrente è dato dalla somma di utile,

ammortamento, accantonamento al fondo TFR eventualmente al netto dell’utilizzo,

così facendo tutti gli altri componenti di reddito che concorrono a formare l’utile si

ripercuotono sul CCN.

Se una parte dei ricavi e dei costi dà luogo a variazioni dell’attivo immobilizzato o del

debito a m/l termine, il risultato d’esercizio non può più essere collegato al flusso di

CCN della gestione corrente, in quanto per ogni ricavo o costo potrei o ripercuoterlo

integralmente sul livello di CCN o ripercuoterlo almeno in parte sull’attivo

immobilizzato o passivo a m/l termine.

Di conseguenza il flusso di CCN non sarebbe l’anello di congiunzione tra dinamica

reddituale e finanziaria in quanto non è possibile distinguere in ogni costo e in ogni

ricavo quella parte che ha influsso sul CCN e le variazione delle determinanti nelle

altri consistenze patrimoniali .

Con la riclassificazione dello SP improntata sul criterio di pertinenza gestionale si

definisce un CCN collegato alla gestione corrente, in questo modo il flusso di

tesoreria della gestione è interpretabile come differenza tra omologo flusso di CCN e

variazione delle poste di CCN specifiche. Non è possibile effettuare lo studio dei flussi

di tesoreria degli altri rami di gestione applicando lo stesso modello di analisi fondato

sullo studio del flusso di CCN e sulle variazioni di CCN specifiche del singolo ramo di

Inoltre l’inclusione del fondo imposte correlato alla gestione tipica

gestione. , ciò è

discutibile in quanto le imposte possono essere ricondotte ai singoli rami di gestione.

Vengono esclusi i debiti di prestito a breve termine verso le banche dal CCN, in realtà

dovrebbero essere inclusi visto che alcune operazioni di acquisto e di vendita hanno

effetti diretti anche sui c/c bancari passivi.

Inoltre, bisognerebbe includere nel CCN tutte le poste assimilabili a strumenti di

pagamento o a impegni di pagamento esigibili a richiesta aggregandole in modo da

configurare il saldo di tesoreria. In alternativa, potrei tenere separati i c/c attivi dai

debiti a breve v/banche per gli scoperti di c/c, ma in questo modo non si percepisce la

variazione di tesoreria complessiva dell’impresa.

il fondo TFR viene incluso

Anche e non sembrerebbe essere in contrasto con

l’obiettivo di ravvisare un anello di congiunzione, tuttavia la determinazione dei

flussi di CCN rappresenterebbe non la variazione tra attività e passività di prossima

scadenza ma le variazioni di risorse configurate secondo un criterio di pertinenza

gestionale.

Occorre quindi chiedersi quale nozione di CCN si vuole soddisfare.

Per la rappresentazione della dinamica finanziaria, il CCN del ciclo tipico può essere

l’anello di congiunzione, infatti se viene configurato in modo da includere anche le

consistenze passive dei c/c bancari, esso accoglie tutte le poste che si possono

modificare per effetto della gestione tipica corrente.

Se però la nozione di CCN è quella che consente di determinare e rappresentare la

dinamica finanziaria relativa a tutti i rami di gestione si deve configurare una

nozione di CCN che tenga conto anche dei debiti e dei crediti di regolamento e le atre

attività e passività a breve non correlate alla gestione tipica.

Il secondo scopo della riclassificazione dello SP è analizzare la liquidità e la solidità

dell’impresa, occorre quindi evidenziare un CCN significativo della condizione di

liquidità.

La riclassificazione dello SP secondo il criterio della esigibilità delle poste dell’attivo

e del passivo è la più indicativa. Mentre quella secondo il criterio della pertinenza

gestionale escludendo dalle passività a breve termini i debiti formalmente esigibili a

richiesta verso gli istituti di credito, ed escludendo i fondi TFR non esprime la

capacità dell’impresa di far fronte in modo tempestivo ai propri impegni di cassa nel

breve termine.

S

C

O P I D E

L L A R I C

L A

S S I F I C

A

Z

I O N E

2 .

Gli scopi della riclassificazione dello SP sono:

Comprendere la dinamica delle risorse di tesoreria e la comprensione del

rapporta tra questa dinamica e il reddito d’esercizio

Esaminare la struttura patrimoniale sotto il profilo della liquidità e della

solidità

Valutare e determinare il capitale investito

 Costruire il punto di partenza per l’analisi dei flussi di cassa

L’analisi dei flussi di cassa è importante non solo per la successiva predisposizione

del rendiconto finanziario, ma anche perché mi permette di ricondurre le variazioni

delle poste della situazione patrimoniali ai singoli rami di gestione tipica,

patrimoniale, finanziaria, tributaria e operazioni sui mezzi propri. Ad esempio, i

debiti v/fornitori generano variazioni rilevanti per la gestione tipica e devo tenerla

distinta dalla variazione dei debiti v/soci che è rilevante per le operazioni sui mezzi

propri.

Occorre poi tener presente che la voce debiti v/fornitori viene distinta in breve – entro

12 mesi e lungo periodo – oltre i 12 mesi, in questo modo posso ricondurre una parte

delle voci dello SP alla gestione corrente e una parte a quella non corrente, infatti i

debiti v/fornitori se si riferiscono alle materie prime/merci sono correnti, se invece si

riferiscono ai beni immobili per la gestione tipica sono non correnti.

Il CCN industriale o della gestione tipica è dato da crediti + rimanenze – debiti

v/fornitori, se a questo risultato si aggiungono le immobilizzazioni e si detrae il TFR

ottengo il capitale investito che rapporto al n° di pezzi prodotti/fatturato può essere

un utile indicatore per cogliere l’efficienza dell’impresa. Sempre per verificare la

gestione efficiente può essere utile confrontarlo con quello di aziende dello stesso

settore in % del valore della produzione.

La liquidità e la solidità costituiscono i 2 scopi principali dello SP. La liquidità è la

capacità di far fronte in modo tempestivo ai propri debiti, mentre la solidità è la

capacità di resistere a shock esterni che non è sempre compare nello SP, in quanto

solitamente si analizza il rapporto di indebitamento o il rapporto tra Patrimonio

Netto e Immobilizzazione.

Posso avere poste patrimoniali per ogni operazione:

Correnti Non correnti

Gestione Tipica Rimanenze = Debiti v/fornitori immobili

nascono con Crediti derivanti dalla

operazioni di acquisto e

diminuiscono con l’entrata nel ciclo dismissione di cespiti

produttivo

Crediti v/clienti = nascono con

la vendita e si estinguono con

l’incasso

Anticipo clienti

Gestione Patrimoniale Crediti/Debiti patrimoniali Crediti/debiti per

disinvestimento/investimento

dei cespiti patrimoniali

Gestione Finanziaria Ratei e risconti sugli Debiti m/l termine

interessi

Gestione Tributaria Debiti tributari

Operazioni sui mezzi propri Crediti/debiti che derivano Crediti v/soci per versamenti

da operazioni sui mezzi ancora dovuti

propri come ad esempio

crediti per la distribuzione di

dividendi

M E

T O D O L O

G I A D I C

L A

S S I F I C

A

Z

I O N E P R

O P O S T

A

1 .

La nozione che sembra preferibile di CCN è quella composta da 2 voci:

il saldo di tesoreria dato dalla somma tra la cassa e i conti correnti attivi,

sottratti i conti correnti passivi, che è riconducibile a più rami di gestione

le poste del CCN specifiche attribuibili ai singoli rami di gestione. Questo

perché mentre la liquidità e il c/c attivo e passivo sono riconducibili a tutti i rami di

gestione; i crediti, le rimanenze, le altre attività e passività correnti, i debiti

v/fornitori sono riconducibili a singoli rami. Detto in altri termini esistono alcune

poste di SP che possono essere ricondotte SOLO ad alcuni rami di gestione.

Il PN è un insieme di poste o meglio è un saldo contabile movimentato da gestione

tipica corrente e non corrente (plusvalenza), gestione patrimoniale corrente (proventi

netti) e non corrente (vendita surplus asset con plusvalenza), gestione finanziaria

corrente (oneri finanziari) e non corrente(disagio di emissione). La riserva di

sovraprezzo è un elemento del PN come specie toccata solo da operazioni sui mezzi

propri ma è ricompresa nel PN. Quindi le poste di tesoreria e di PN sono comuni

come aggregato cioè sono date dalla aggregazione di tutte le poste.

POSTE DI TESORERIA CASSA + BANCA C/C ATTIVO – BANCA C/C PASSIVO

Gestione Gestione Gestione Gestione Operazioni sui

tipica patrimoniale finanziaria tributaria mezzi propri

CCN SPECIFICO X X X X X

+ IMMOBILIZZAZIONI X X

- TFR X

POSTE DI PN

CCN SPECIFICO è composto dalle poste: crediti v/clienti, altre attività, rimanenze,

debiti v/fornitori altre passività. Esso poi può essere ricondotto ad ogni singolo ramo

di gestione. Mentre le immobilizzazioni si riferiscono solo alla gestione tipica e alla

gestione patrimoniale, e il TFR esclusivamente alla gestione tipica. CCN SPECIFICO

+ IMMOBILIZZAZIONI – TFR = Capitale investito

Il CCN è composto dalla somma delle poste di tesoreria e del CCN specifico.

QUINDI

Il CCN è composto dalle poste della gestione corrente e della gestione non corrente

che a loro volta si dividono in gestione tipica, patrimoniale, finanziaria, tributaria,e

operazioni sui mezzi propri, poi abbiamo un nucleo di operazioni che sono comuni a

tutte le gestioni ed è il saldo di tesoreria.

CCN Operazioni

CCN Gestione Sui mezzi

Tributaria Propri

CCN CCN

Gestione Finanziaria Gestione Tipica corrente

Saldo di tesoreria

CCN CCN Gestione

Gestione Tipica Non

Patrimoniale Corrente

CCN

Non Corrente Gestione

Patrimoniale

Corrente

I singoli insiemi di operazioni condizionano il CCN modificando il livello delle poste

specifiche ad esso riferite, ma alterando anche il saldo di tesoreria. Bisogna poi

tenere presente che il CCN specifico delle gestioni dipende dalle operazioni riferite

alla singola gestione a cui si riferisce il CCN, ad esempio il CCN della gestione tipica

corrente dipende dalla gestione corrente, mentre invece la dinamica dei conti di

tesoreria dipende da tutto l’insieme di operazioni.

Ad esempio, la gestione tipica corrente può produrre variazioni di CCN modificando

le poste del CCN specifiche della gestione tipica corrente, quando si compiono

operazioni di vendita a regolamento differito, però la gestione tipica corrente può

produrre variazione nei conti di tesoreria se effettuo una operazione di vendita con

regolamento in contanti, in questo modo ho una variazione immediato della tesoreria

e non si modificano i crediti.

il flusso di CCN della gestione tipica corrente concorre a modificare il CCN

Quindi

alterandolo in 2 parti : il flusso di tesoreria e il CCN specifico della gestione tipica

corrente.

La variazione totale di CCN può essere ricondotto alle variazioni prodotte dai singoli

rami di gestione, anche se i singoli flussi di CCN di ogni singolo ramo di gestione

sono movimentati dalle poste di tesoreria e dalle poste specifiche del singolo ramo di

gestione.

Infatti tutti i valori del CCN specifico delle singole gestioni e delle operazioni sui

mezzi propri sono inclusi nel CCN nel suo insieme e da ciò scaturisce che le singole

configurazioni di CCN movimentate da ogni singolo ramo di gestione possano essere

considerate come un sottoinsieme del CCN dal momento che esse risultano dalla

somma dei conti di tesoreria e delle poste del CCN specifico della singola gestione in

oggetto.

Ecco allora che la rappresentazione del fiore coglie l’intersezioni che avvengono: i

petali rappresentano il CCN specifico di ogni ramo di gestione o di operazione sui

mezzi propri, mentre la stimma rappresenta le poste di tesoreria.

Il CCN è movimentato da ogni gestione e si compone di volta in volta considerando

l’insieme composto dalla stimma e dal petalo riferibile a ogni gestione.

Se analizzo il flusso di CCN della gestione tipica corrente devo comprendere la causa

che ha generato la variazione, e posso calcolarlo come:

metodo diretto

 sottraendo dai ricavi, tutti i componenti negativi che hanno

prodotto variazioni nel CCN e vengono aggiunti altri componenti positivi di reddito

che hanno prodotto variazioni nel CCN

metodo indiretto

 si parte dal MdC semilordo dell’Area Strategica d’Affari o del

risultato della gestione tipica corrente a cui aggiungo i componenti negativi di reddito

che non hanno prodotto variazioni nel CCN (ammortamenti, accantonamenti a TFR)e

sottraggo i componenti positivi di redditi che non hanno condizionato il livello di CCN

Il fondo TFR va incluso nel CCN in entrambi i casi quando viene utilizzato, nel

metodo diretto sottratto dai ricavi, nel metodo indiretto sottratto

dall’accantonamento TFR.

Il CCN dà origine a 2 momenti, tempi:

verifica la decisione

 un primo momento in cui si che origina il movimento

finanziario movimentazione di cassa

 un secondo momento in cui avverrà la

Ad esempio, il debito si genera quando avviene l’acquisto e non pago subito, ma attuo

una dilazione del pagamento che genererà un movimento di cassa quando pagherò il

debito.

P:s.

Inclusione o esclusione dei fondi passivi nel CCN:

→ fondo imposte è incluso nel CCN relativo alla gestione tributaria. Il fondo imposte produce

sui flussi di tesoreria un aumento nel primo anno in cui si registra l’aumento del reddito

imponibile, mentre nell’anno successivo, sarà negativo perché l’impresa dovrà saldare le imposte

dell’esercizio precedente e anticipare in misura maggiore le imposte di competenza dell’anno in

corso

→ fondo TFR è un passività a m/l termine. Se privilegio come obiettivo di riclassificazione

dello SP la liquidità sarà una passività corrente, nel caso in cui l’obiettivo è la dinamica finanziaria

sarà un debito a m/l termine

→ fondo svalutazione delle poste dell’attivo corrente viene incluso se l’obiettivo è esprime la

liquidità, viene escluso se l’obiettivo è la dinamica finanziaria.

RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE

 CAPITALE INVESTITO NETTO SPECIFICO DELLA GESTIONE TIPICA

La determinazione del capitale investito netto specifico di ogni area strategica d’affari si compie

sommando questi 3 insiemi di variabili:

- poste del capitale circolante netto specifiche della gestione tipica +

poste dell’attivo fisso netto specifiche della gestione tipica +

- –

- fondo trattamento di fine rapporto della gestione tipica

Il capitale investito è al netto dei debiti di fornitura e del fondo trattamento di fine rapporto in

quanto i debiti rappresentano una fonte di finanziamento che è implicitamente correlata alla

gestione tipica, inoltre in questo modo si calcola un valore che rappresenta l’investimento

effettivamente realizzato dall’impresa nella gestione tipica.

l’attivo

Le attività che compongono fisso netto sono date dalla somma del valore iniziale, più il

valore dei cespiti acquisiti e di sottrarre il valore netto contabile di quelli alienati, scomposto nel

valore lordo e nel fondo di ammortamento.

Il fondo di trattamento di fine rapporto è invece dato dalla somma tra il valore iniziale

accantonato nel corso dell’esercizio, sottraendo le quote liquidate.

Poste CCN specifiche della Gestione tipica corrente

Crediti v/clienti ordinari

+ Crediti iva da gestione tipica corrente

+ Rimanenze d’esercizio

+ * semilavorati e prodotti finiti

* materie prime componenti

Debiti iva da gestione tipica corrente

- Debiti v/fornitori

- CCN specifico della Gestione tipica corrente

=

+ Crediti da vendita di immobilizzazioni

+ Crediti iva da gestione non corrente

- Debito iva da gestione non corrente

- Debito v/fornitori di impianti

= CCN specifico della Gestione tipica non corrente

= CCN specifico della Gestione tipica dato da gestione corrente + gestione non corrente

+ Immobilizzazioni materiali lorde

- Fondo ammortamento immobilizzazioni materiali lorde

= Immobilizzazioni materiali nette

+ Partecipazioni di gestioni tipica

= Attivo fisso

+ CCN specifico della Gestione tipica

+ Attivo fisso

- Fondo TFR

= Capitale investito netto specifico della gestione tipica

R

I C

L

A

S S I F

I C

A

Z

I

O

N

E D

E

L C

O

N

T

O E

C

O

N

O

M

I C

O

R

I C

L

A

S S I F

I C

A

Z

I

O

N

E D

E

L C

O

N

T

O E

C

O

N

O

M

I C

O

S

I N T E

S I D E

L L A D I

N A

M

I C A R

E

D D I T U A

L E

Possono essere individuate 3 tipologie in base a come vengono ricondotti i risultati

nei diversi rami e nei diversi sotto rami.

La prima opzione di caratterizza per i seguenti aspetti:

Si incentra sul concetto di reddito operativo calcolato prima degli oneri

a)

finanziari, delle sopravvenienze e insussistenze e delle imposte

Nel concetto di reddito operativo vengono ricompresi i componenti di reddito

b)

della gestione tipica, però vengono esclusi i valori che non sono di competenza

esclusiva dell’esercizio esame

Si utilizza il termine Reddito della gestione tipica corrente, invece che Reddito

operativo della gestione tipica, la differenza è spiegata dal fatto che con il termine

operativo si possono intendere vari aspetti. Infatti operativo può voler significare il

risultato della gestione tipica corrente, o la somma dei risultati della gestione tipica

corrente e della gestione patrimoniale corrente. I 2 significati hanno anche un diverso

obiettivo:

il primo si incentra sul risultato economico prodotto nell’attività tipica

dell’impresa prescindendo dalle minusvalenze e dalle plusvalenze

il secondo vede il risultato economico come un indicatore indipendente dal

modo in cui si finanzia e dal peso di insussistenze e di sopravvenienze attive e

passive e dalle imposte

Si utilizza il termine corrente per voler identificare un risultato netto di competenza,

ossia un reddito netto depurato dall’effetto della plusvalenza e della minusvalenza,

sempre che non si consideri l’effetto delle imposte sui componenti di reddito non di

competenza.

Questa prima opzione poi articola le componenti di reddito di competenza di più

esercizi in ragione dei diversi rami di gestione a cui si riferiscono.

+ Ricavi di vendita

- Costi del venduto

= Risultato della gestione tipica corrente

+ Risultato della gestione patrimoniale corrente

= Risultato della gestione tipica e patrimoniale corrente

- Oneri finanziari correnti

= Risultato gestione corrente ante imposte

Risultato della gestione tipica non corrente (plusvalenze e minusvalenze)

+ Risultato della gestione patrimoniale non corrente

= Risultato della gestione tipica e patrimoniale non corrente

- Oneri finanziari non correnti

= Risultato gestione non corrente ante imposte

Risultato ante imposte = Risultato gestione corrente ante imposte + Risultato gestione non

corrente ante imposte

- Imposte

= Risultato netto

La seconda opzione di CE riclassificato è simile alla prima ma si differenzia per

distinguere le imposte relative alla gestione corrente dalle imposte specifiche non

corrente. Questa modalità è molto utile quando vi sia un regime impositivo

differenziato cioè non si può supporre che le imposte nel loro insieme colpiscano

congiuntamente l’insieme dei risultati.

+ Ricavi di vendita

- Costi del venduto

= Risultato della gestione tipica corrente

+ Risultato della gestione patrimoniale corrente

= Risultato della gestione tipica e patrimoniale corrente

- Oneri finanziari correnti

= Risultato gestione corrente ante imposte

- Imposte relative alla gestione corrente

= Risultato gestione corrente al netto delle imposte

Risultato della gestione tipica non corrente (plusvalenze e minusvalenze)

+ Risultato della gestione patrimoniale non corrente

= Risultato della gestione tipica e patrimoniale non corrente

- Oneri finanziari non correnti

= Risultato gestione non corrente ante imposte

- Imposte relative alla gestione non corrente

Risultato gestione non corrente al netto delle imposte

= Risultato netto = Risultato gestione corrente al netto delle imposte + Risultato

gestione non corrente al netto delle imposte

La terza opzione si caratterizza per accordare la priorità all’articolazione per rami di

gestione o per oggetto delle operazioni svolte. Usato nel caso in cui la distinzione tra

componenti di reddito della gestione corrente e componenti di reddito della gestione

non corrente non è utile a causa del peso esercitato da operazioni poliennali sul

risultato economico complessivo.

+ Ricavi di vendita

- Costi del venduto

= Risultato della gestione tipica corrente

+ Risultato della gestione tipica non corrente (plusvalenze e minusvalenze)

= Risultato della gestione tipica

+ Risultato della gestione patrimoniale corrente

+ Risultato della gestione patrimoniale non corrente

= Risultato della gestione patrimoniale

Risultato della gestione tipica e patrimoniale (la somma dei due)

+ Oneri finanziari correnti

+ Oneri finanziari non correnti

= Oneri finanziari totali

Risultato ante imposte ( risultato gestione tipica e patrimoniale meno oneri

finanziari totali)

- Imposte

= Risultato netto

Una quarta opzione è quella che determina i tributi relativi ai singoli rami di

gestione o operazione, ipotizzando una incidenza costante delle imposte sui risultati

di ogni ramo o tenendo conto delle circostanze specifiche che rendono disomogenea

l’imposizione fiscale sui diversi risultati.

+ Ricavi di vendita

- Costi del venduto

= Risultato della gestione tipica corrente

+ Risultato della gestione tipica non corrente (plusvalenze e minusvalenze)

= Risultato della gestione tipica

- Imposte sul risultato della gestione tipica

= Risultato netto della gestione tipica

+ Risultato della gestione patrimoniale corrente

+ Risultato della gestione patrimoniale non corrente

= Risultato della gestione patrimoniale

- Imposte sul risultato della gestione patrimoniale

= Risultato netto della gestione patrimoniale

+ Oneri finanziari correnti

+ Oneri finanziari non correnti

= Oneri finanziari totali

- Beneficio fiscale derivante dagli oneri finanziari

= Oneri finanziari al netto del beneficio fiscale

= Risultato netto = Risultato netto della gestione tipica + Risultato netto della

gestione patrimoniale - Oneri finanziari al netto del beneficio fiscale

Una quinta possibile variante diversa dalle precedenti in cui si scorpora dalla

gestione tipica, in,particolare dai costi generali e amministrativi, i costi specifici per

l’attività di gestione patrimoniale, finanziaria o tributaria, questo costo è

integralmente imputato alle attività in cui sono impiegate, al fine di identificare in


ACQUISTATO

29 volte

PAGINE

147

PESO

2.96 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e legislazione d'impresa (MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher filippo1908 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi di bilancio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Russo Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi di bilancio

Appunti validi per il superamento dell'esame di analisi di bilancio
Appunto
Riassunto esame Scienze delle Finanze, prof. Ambrosanio, libro consigliato "Elementi di Scienza delle finanze" di Artoni
Appunto
Riassunto esame Revisione aziendale e controllo dei conti, prof. Bauer, libro consigliato "La revisione legale" di R. Bauer
Appunto
Finanza aziendale 2 - Risposte alle domande teoriche
Esercitazione