Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

• Contemporaneità molti paesi europei: fattori

- cornice: integrazione classe operaia, disponibilità

risorse;

- specifici - politico.ist.li: a) monarchie autoritarie:

controllo sociale e auto-legittimazione; b) monarchie

parlamentari: dopo democratizzazione suffragio +

mutamento posizione partiti socialisti verso Stato

2) Consolidamento: periodo fra 2 Guerre

- esperienze e competenze acquisite nel 1 periodo

- ampliamento rischi coperti e segmenti pop.ne (es.

assegni familiari; pensione superstiti): da ass.ne

lavoratori a ass.ne sociale

- protezione minima in base a bisogni (svincolata da

contributi)

3) Espansione (dopoguerra): ampliamento della

protezione;

- modello universalistico (beveridgiano): estensione

verticale a tutta la pop.ne (senza prova dei mezzi);

schemi onnicomprensivi, generosi, formule

egualitarie, finanziati da fisco

- modello occupazionale (bismarckiano): pluralità

schemi professionali, formule differenziate, finanziati

da contributi

• forte crescita spesa 1945-75

• Meccanismo ripartizione pensioni

• Introduzione di schemi non assicurativi: assistenza

sociale

• Sviluppo sistemi sanitari sempre più articolati

4) Crisi: da metà anni ’70; nuovi problemi, venir meno dei

presupposti (rallentamento crescita econ., de-

industrializzazione, rapporti di genere -anche grazie a

welfare!-, processi demografici, aspettative crescenti,

integrazione UE pol. e econ.;

cfr. Tab. 1.2)

5) Riforma: adattamento alle sfide;

- contenimento spesa, ricerca di maggiore

efficacia/efficienza, riduzione prestazioni (sanità),

modifica regole (es. età pensionabile; rapporto con

contributi versati)

- ridefinizione (‘ricalibratura’) delle opportunità di

protezione sociale: ammortizzatori de-industrializzazione,

flessibilizzazione; immigrati; nuove povertà (es. famiglie

mono-genitori); vincoli integrazione europea e

globalizzazione competizione economica

WS COME COSTRUZIONE

SOCIO-POLITICA

• welfare al centro dei processi di legittimazione e consenso politico:

‘élites distributrici’ – clientele sociali – burocrazie di servizio;

rilevanza welfare nella competizione politica

• Welfare ha modellato lo Stato

• Fase espansiva: ‘scivolamento distributivo’: inizialmente forte

componente re-distributiva, da anni ’50 aspetto attenuato grazie a

forte crescita econ. e all’emergere di una ‘massa media’ (beneficiaria

e contribuente) : configurazione distributiva (asimmetria tra costi –

poco visibili- e benefici –tangibili e concentrati-)

- strategie di compromesso tra attori politici (costi sono

occulti/aumento gettito; deficit spending o tecniche finanziarie come

ripartizione – ‘tentazione irresistibile’ per politici, costi scaricati su

generazioni future, ‘politicamente irrilevanti’)

- Fattori politici: a) domanda: gruppi d’interesse

speciale, politica delle (micro)categorie –

frantumazione sociale (es.: sanità)

b) offerta: partiti pigliatutti (sostegno in cambio di

welfare categorie)

• Fase crisi: necessità riforme, tagli, politicamente

molto difficile (punizioni elettorali: costi visibili,

ampie platee, rilevanza poste). Politiche a somma

zero, redistrib.-sottrattive (forti conflitti). Assente

mobilitazione di chi guadagna. Tattiche (blame

avoidance) dei governi per ridurre perdita consenso:

linee di minor resistenza: tagli per beneficiari futuri

(non attuali), tagli ai margini, transazioni morbide,

‘offuscamento’, ‘divide et impera’

TIPOLOGIE DI WELFARE STATE

• In prospettiva evolutiva:

• prima metà ‘900 2 modelli: chi proteggere?

a) universalistico (anglo-scandinavi): copertura tutti i

cittadini; bacino unico di solidarietà;

b) occupazionale (Europa continentale): pluralità schemi

per settori produttivi e gerarchie occupazionali, con

regole diverse; molteplici comunità redistributive

• Fase espansiva fine Guerra-anni ’70: quanto e come

proteggere; 3 regimi (dovuti a dinamiche socio-politiche)

considerando il sistema politiche sociali/mercato

lavoro/famiglia in relazione a 2 dimensioni

(demercificazione e destratificazione): liberali,

conservatore-corp., socialdemocratico

3 Regimi (cfr. Quadro 1.3)

Tipo regime demercificazione destratificazione

Social- alta alta

democratico

(Scandinavia)

Conservatore- media media-bassa

corporativo (A,D,

F,NL)

Liberale (USA, bassa bassa

CN, AUS, GB)

Europa Molto sbilanciata Bassa/trasversale

meridionale per categorie insiders/outsiders

• Europa meridionale: inizialmente modello

bismarckiano; nella fase espansiva regime con

caratteri distinti: prestazioni generose per dip.

pubblici e grandi imprese, meno per categorie

periferiche; assenza di protezione contro povertà fino

a anni ’80: sistema dualistico e polarizzato;WS fuori

dalla ‘economia sommersa’ famiglia come

ammortizzatore sociale

- istituzione di servizi sanitari naz. anni ’70-80:

innovazione molto rilevante

- elevato particolarismo (sia erogazione che

finanziamento)

- forti cambiamenti nei periodi 4 e 5


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

18

PESO

26.57 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche, sociali e internazionali
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi delle politiche pubbliche e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Lewanski Rodolfo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi delle politiche pubbliche

Le politiche sociali, Ferrera - Appunti cap. 1
Appunto
Riassunto esame Analisi delle Politiche Pubbliche, prof. Lewanski, libro consigliato Politiche Sociali, Ferrera - cap. 2
Appunto
Riassunto esame Analisi delle Politiche Pubbliche, prof. Lewanski, libro consigliato Politiche Sociali, Ferrera - cap. 3
Appunto
Riassunto esame Analisi delle Politiche Pubbliche, prof. Lewanski, libro consigliato Politiche Sociali, Ferrera - cap. 4
Appunto