Che materia stai cercando?

Diritto privato - l'accettazione del beneficio di inventario

Appunti di Diritto privato per l'esame del professor Confortini riguardante l'accettazione con beneficio di inventario che può essere effettuata dall'erede quando pensa che l'eredità sia composta più da debiti che beni, la riunione fittizia dei beni dell'asse ereditario al fine di individuare la quota disponibile, e la collazione, volta a tutelare l'eredità degli eredi necessari,... Vedi di più

Esame di Diritto Privato docente Prof. M. Confortini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Una volta che si è aperta la successione si dovrà vedere in che cosa consiste l'eredità,

ovvero di quali beni è composta.

Il primo istituto a cui ricorrere è quello 'riunione fittizia' dei beni, disciplinato

dall'art. 556, che recita: Determinazione della porzione disponibile: Per determinare

l'ammontare della quota di cui il defunto poteva disporre si forma una massa di tutti i

beni che appartenevano al defunto al tempo della morte, detraendone i debiti. Si

riuniscono quindi fittiziamente i beni di cui sia stato disposto a titolo di donazione,

secondo il loro valore determinato in base alle regole dettate negli articoli 747 a 750,

e sull'asse così formato si calcola la quota di cui il defunto poteva disporre.

La ratio di questa norma risiede nel fatto che il legislatore voleva non tanto tutelare la

legittima spettante agli eredi necessari, quanto calcolare la quota di disponibile di cui

il de cuius poteva disporre liberamente.

Nota: da tener presente, infatti, che l'asse ereditario si compone di due 'parti', o

'quote', legittima e disponibile. La legittima deve per forza essere devoluta secondo le

quote stabilite dal legislatore agli eredi necessari; la disponibile, invece, può essere

data liberamente a chiunque dal de cuis, quindi disporne come meglio crede. Se il de

cuius non ha deciso nulla, ne' in vita ne' con testamento, della disponibile, questa

rientrerà nell'asse ereditario e sarà devoluta agli eredi legittimi.

Le operazioni da fare saranno: 1) Riunione dei beni dell'asse ereditari;2) detrazione

dei debiti; il rimanente è detto relictum; 3) riunione fittizia delle donazioni secondo il

valore che avevano al tempo della successione;4)relictum + donazioni=asse

ereditario. Determinato l'asse ereditario, si potrà calcolare la disponibile.

Da specificare che i beni donati rientrano nella massa ereditaria non in tutto il loro

valore, ma solo per l'ammontare del valore necessario per reintegrare la quota del

legittimario che sia stata lesa dalle donazioni.

Se per esempio è stato donato 10 e la disponibile ammontava a 8, allora dovrà essere

conteggiato solo 2 al fine di determinare l'asse ereditario.

Un altra norma utile per stabilire l'asse ereditario, anche se con una diversa ratio, è

data dall'istituto della collazione, disciplinato dall'art. 737 c.c.

Partendo dal presupposto che agli eredi necessari spetta per forza una quota stabilita

per legge che non può essere lesa per nessuna ragione, al fine di tutelare questi eredi ,

il legislatore ha previsto l'istituto della collazione. La ratio di questo istituto risiede

nel fatto che il legislatore voleva evitare che il de cuius donasse i suoi beni proprio al

fine di ledere la quota di legittima spettante agli eredi necessari.

La norma dice che nel caso di beni donati a figli legittimi e naturali e loro discendenti

legittimi e naturali, ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai


PAGINE

4

PESO

58.00 KB

AUTORE

suke

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Diritto privato per l'esame del professor Confortini riguardante l'accettazione con beneficio di inventario che può essere effettuata dall'erede quando pensa che l'eredità sia composta più da debiti che beni, la riunione fittizia dei beni dell'asse ereditario al fine di individuare la quota disponibile, e la collazione, volta a tutelare l'eredità degli eredi necessari, con la spiegazione della diversa ratio dei due istituti. Entrambi gli istituti sono riferiti alla donazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher suke di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Confortini Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto privato

Riassunto esame Diritto Privato, docente Di Porto, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Alpa, integrato con il Torrente-Schlesinger
Appunto
Diritto privato - la disciplina del testamento
Appunto
Diritto privato - domande e risposte
Esercitazione
Riassunto esame Diritto Privato, prof. Masi, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Alpa
Appunto