Test d’ingresso 2018, ecco il popolo del numero chiuso: 1 su 2 proverà con un solo quiz. E se va male si ritenta

Marcello G.
Di Marcello G.


Passione, determinazione e idee abbastanza chiare. Si presentano ai blocchi di partenza con queste caratteristiche le aspiranti matricole che nelle prossime settimane si dovranno cimentare con i test d’ingresso per i corsi di laurea ad accesso programmato nazionale. L’estate, infatti, deve ancora finire, ma per decine di migliaia di ragazzi l’inizio di settembre dirà molto sul proprio futuro.
E se circa la metà di loro ha scelto di prendere una direzione unica, tentando un solo test, gli altri hanno deciso di lasciarsi aperte diverse opportunità: il 26% proverà con due test differenti, un numero simile (26%) addirittura con tre o più. A fare emergere queste tendenze è una web survey condotta da Skuola.net su 1500 studenti che dal prossimo 4 settembre si ‘sfideranno’ per ottenere un posto.

La passione muove le aspiranti matricole

Ma quali sono le motivazioni che spingono i ragazzi a optare per un test d’ingresso, tra l’altro molto difficile da superare, rispetto a un altro più facile o a un corso ad accesso libero? Gli studenti seguono il richiamo del cuore: il 56% (che arriva al 64% nel caso dei liceali) ha deciso in base alle proprie passioni. Il 16%, invece, si è orientato verso corsi in grado di offrire più sbocchi lavorativi. Solo il 13% si è lasciato attrarre dalle sirene dei guadagni futuri. Appena il 7% è stato convinto dalla famiglia.

La maggior parte sono neodiplomati. Tanti i ‘ripetenti’

Ma qual è l’identikit dell’aspirante matricola che passerà per il filtro dei test d’ingresso? La maggior parte sono neodiplomati (56%). Ma una buona fetta (22%) è rappresentata dagli iscritti ad altri corsi universitari che tentano con il numero chiuso. Tra questi ultimi, in tanti sono i delusi dai quiz degli anni precedenti: il 37%, infatti, è al secondo anno di tentativi; per il 19% si tratterà come minimo della terza occasione. Per il 44% dei ‘vecchi diplomati’ sarà, invece, la prima volta. E poi ci sono quelli che lavorano ma vorrebbero abbandonare tutto per coltivare i propri sogni (11%). Infine gli immancabili Neet, ragazzi che non studiano né lavorano ma che, adesso, vorrebbero rimettersi in pista: anche loro sono l’11% - (1 su 10) - e provengono soprattutto dagli studi ‘professionali’.




Test fallito? Appuntamento all’anno prossimo

Perché un’altra delle caratteristiche peculiari del popolo dei test d’ingresso è la tenacia. Difficilmente si arrendono. Così, se la prova di quest’anno dovesse andar male, la stragrande maggioranza non abbandonerà le speranze: il 41% proverà a entrare in un corso simile per ritentare con i quiz l’anno prossimo, il 15% si prenderà un anno sabbatico per concentrarsi sulle prove d’accesso del 2019, l’11% proverà ad aggirare l’ostacolo iscrivendosi in un’università straniera (con sede in Italia). Appena 1 su 10 (l’11%) dirà subito basta e si cercherà altro da fare. Tenacia che, in caso di irregolarità nello svolgimento dei test, si trasforma in combattività: 4 aspiranti matricole su 5 – l’81% - sono pronte al ricorso (il 34% solo in caso di palesi brogli, il 47% anche per la minima infrazione al regolamento).
Potrebbe Interessarti
×
Skuola | TV
Stash ospite della Skuola Tv!

Il frontman dei Thei Kolors sarà l'ospite della prossima puntata!

13 dicembre 2019 ore 15:30

Segui la diretta