Ominide 8113 punti

Uguaglianza e diversità – tema d’ordine generale


Una delle grandi sfide che la società contemporanea deve affrontare è la crisi di valore, che la attanaglia da tempo immemore. A rendere la suddetta sfida ancor più impegnativa è l’eterogeneità culturale.
L’identità culturale italiana andrebbe salvaguardata e valorizzata, in tal modo il Bel Paese potrebbe avere uno slancio economico, grazie alla valorizzazione delle proprie risorse culturali, non rinunciando alla globalizzazione (e al conseguente consumismo), ma scegliendo la via della moderazione.
Valorizzare l’identità culturale italiana non significa negare la cultura degli altri Paesi: l’obiettivo dovrebbe essere quello di raggiungere un fecondo dialogo culturale, indispensabile per l’arricchimento reciproco e la crescita intellettuale, in cui nessuno vuole dominare nessuno, ma si auspica solo alla naturale e pacifica condivisione. È questo lo spirito dell’integrazione, che, di fondo, possiamo ritrovare nelle parole del filosofo Voltaire: “Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu lo possa dire”. Si tratta di un vero e proprio inno alla tolleranza, che andrebbe sempre ricordato e, soprattutto, applicato.
Le parole di Voltaire ci dicono che dobbiamo tollerare tutto e tutti, battendoci per garantire la libertà di espressione (per quanto a volte possa essere difficile e spinoso battersi per fare in modo che vengano espresse opinioni discordanti dalle nostre) perché, in fondo, tutte le opinioni diverse sono uguali: l’uguaglianza è un valore universale e inalienabile della natura umana.
Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email