Ominide 1778 punti

Il nostro ambiente è sempre più minacciato da molti fattori come l’inquinamento, causati dalla presenza dell’uomo che non si rende conto di cosa sta provocando con questa mancanza di rispetto verso l’ambiente. Sono del parere che proteggere l’ambiente sia importante. L’unica causa di tutto ciò e l’uomo. È fondamentale salvaguardarlo non solo per la Terra, ma anche per la sopravvivenza dell’uomo. Tra i tipi di inquinamento i più diffusi sono quello turistico, quello marino e soprattutto quello atmosferico. A causa della forte attrazione turistica che offre l’Italia ogni anno la popolazione delle coste aumenta considerevolmente. Le Nazioni Unite stimano che nei prossimi 25 anni la popolazione arriverà a 750 milioni di abitanti nel Mediterraneo, in confronto ad un’attuale di 150 milioni, aumenterebbe quindi del 500%.
Per colpa di questo fattore oltre all’aumento della popolazione, si sta sviluppando purtroppo sempre di più l’aumento delle quantità di rifiuti immesse nel mare, rovinando tutto l’ecosistema. Anche gli incidenti delle petroliere provocano gravi disastri ambientali che distruggono gran parte delle specie ittiche. Per esempio ricordiamo la petroliera spezzatasi al largo della Galizia o anche il critico incidente avvenuto durante l’estrazione del greggio in Florida.

Frutto dell’insensibilità dell’uomo è lo spreco e il consumo delle risorse naturali come l’acqua che non riuscirà più a soddisfare i bisogni di tutta l’umanità, se noi, paesi ricchi continueremo a sprecarla inutilmente. Risulta che un americano consuma 600 litri al giorno, un europeo 300 e un africano solo 20, io personalmente ho dubitato di questi dati, ma purtroppo è proprio così, dobbiamo intervenire e dobbiamo partire noi dalle piccole cose. Le industrie stanno distruggendo sempre di più l’atmosfera, con l’inquinamento atmosferico che stermina la flora e la fauna.
Il più grave fattore del degrado dell’atmosfera è la deforestazione usata per ricavare legname che porta ad un rilevante aumento di CO2, che trasforma il naturale effetto serra in un grave pericolo per l’uomo.
Sull’impegno a diminuire del 40% le emissioni di CO2 entro il 2030, si è espresso il presidente Commissione UE, Manuel Barroso: << Si tratta di una strategia ambiziosa, che ridurrà la dipendenza dell’Europa dal petrolio, andremo incontro alle preoccupazioni delle industrie energivore, so bene che sarà una lotta, ma penso che alla fine un accordo dei 28 fatti finora sia possibile>> . Barroso sta forzando sempre di più l’Europa per salvaguardare la terra, come dimostrano i continui incontri con capi e rappresentanti di stato: come quello del 29 maggio 2013 con il premier italiano Enrico Letta.
Dello stesso parere sono anche il commissario dell’UE al clima Connie Hedegaard e il vicepresidente della Commissione europea Tajani.
Si stanno diffondendo sempre di più gli incendi ai boschi per poi crescere delle piantagioni come per esempio l’olio di palma, in particolare in Indonesia. Su questo argomento sono intervenuti vari gruppi di attivisti, tra cui Greenpeace che hanno protestato contro le grandi multinazionali che consumano olio di palma: Burger King, Pringles… che devono cambiare assolutamente rotta. In seguito gli incendi che distruggono le foreste sono quelli dolosi (ad esempio per costruire case) o quelli colposi (per incuria): oggigiorno in Italia si sviluppano sempre di più: soprattutto in Sardegna, Sicilia e Calabria.La biodiversità è a rischio anche a causa del bracconaggio, cioè la caccia illegale degli animali: anche quelli in via di estinzione.
Ad esempio in Africa la caccia mette a rischio elefanti, rinoceronti, antilopi. Un altro problema della biodiversità è la biopirateria: impossessarsi delle specie animali e vegetali brevettandole.
Su questo ci sono state tante divergenze.

Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email