MiK194 di MiK194
Habilis 2838 punti

AUTORIMESSE

L’autorimessa nasce e si sviluppa costantemente come tipo edilizio, nonché come opera di urbanizzazione in seguito alla crescita del numero di automobilisti e quindi in connessione alla crescita del numero di automobili presenti nelle città.
Le autorimesse possono essere di uso privato e di uso pubblico.
Esistono difatti autorimesse riservate esclusivamente ai proprietari di un immobile e in questo caso le autorimesse possono essere individuali o collettive.

Le autorimesse individuali sono dei locali chiusi parzialmente o totalmente da murature o da metallo e, nello stesso modo, sono aperti o scoperti parzialmente o totalmente.

Le autorimesse collettive sono dei locali o addirittura interi piani adibiti esclusivamente al parcheggio dell’auto e all’area di manovra, ovvero allo spazio richiesto per poter entrare ed uscire dal proprio parcheggio senza arrecare danni alle altre autovetture. I parcheggi delle rimesse collettive possono essere riservati o misti. Le autorimesse di uso pubblico si sono diffuse negli ultimi ventenni e consistono in intere strutture adibite esclusivamente al parcheggio delle autovetture. Esse sono principalmente ubicate in corrispondenza di particolari punti di interesse storico-artistico-culturale, nonché nelle vicinanze di edifici pubblici o di edifici privati ad uso pubblico.

Le autorimesse di uso pubblico sono sostanzialmente garage multiplani collegati tra di loro dalle rampe e/o da piattaforme di smistamento. Queste ultime sono necessariamente provviste anche di un vano scala ed è facoltà dei singoli progettisti provvedere all’installazione di una ascensore.

Le dimensioni delle autorimesse di uso privato e di uso pubblico dipendono essenzialmente dal numero di parcheggi (posti auto): bisogna ricordare che il posto auto varia da 2,20 x 4,50 mt a 2,50 x 5,00 mt.

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email