Le 10 Case da Incubo in cui NON Vorresti MAI Capitare

Redazione
Di Redazione

Ti sei iscritto in università ma non hai ancora trovato casa. Hai scandagliato il web e trovato l'annuncio perfetto ma... la realtà potrebbe essere diversa!

"case da incubo"
Ti sei iscritto in università ma non sai ancora dove alloggerai.
Hai scandagliato il web alla ricerca dell'annuncio perfetto e poi.... eccolo!
Le foto mostrano una casettina confortevole, anche ordinata.
Ha tutto per essere la tua nuova destinazione ideale. Il problema però ti aspetta sempre dietro l'angolo.
Una volta sul posto ti ritrovi davanti ad un bel baracchino del 1800. Sembra a un passo dal cadere a pezzi.
Ed è a quel punto che ricordi di aver già versato la caparra per fregare tutti gli altri 'concorrenti' sul tempo. Forse era meglio attendere. Risultato? Ti spaventi come un bambino di fronte a un topo-pupazzo.

E quindi, andiamo a vedere quali sono le peggiori case che si possono nascondere dietro annunci online apparentemente innocui!

La Francesata


Quando tutto sembra bellissimo deve esserci sempre qualche piccola cosa che manda a monte tutto. Stavolta stiamo parlando dell'alloggio 'alla francese'. Tutto molto raffinato e carino. Con la consueta dolcezza del posto inserito in un contesto quasi Versailliano. Il costo non è nemmeno così esorbitante. Ha tutto! O quasi... Manca effettivamente solo una cosa: in zona bagno non c'è il bidet. Elemento imprescindibile per la popolazione italiana. Un'opzione discutibile nel resto del mondo... soprattutto in Francia. Tale mancanza ci manda in crisi tutti. Non resta che abbandonare ogni speranza oppure ricorrere al piano B: doccia ogni qual volta si timbri il cartellino sul trono.

Il Bunker


Classico dei classici: dall'annuncio la casa sembra ariosa e di pregevole fattura... ma la realtà potrebbe essere ben diversa. Una volta preso l'appuntamento con il proprietario non stai più nella pelle. Hai già detto a 3/4 dei tuoi amici e parenti di aver trovato una lussuosa sistemazione praticamente in centro a Milano. Tutto sommato i costi sono contenuti: 500 euro al mese spese incluse, no wifi.
Per la solita legge di 'Murphy' una volta che sei sulla via indicata e ti stai avvicinando al fatidico numero, scorgi un palazzo che più che d’epoca sembra pronto alla demolizione, circondato da kebabbari e simpatici centri massaggi… Pensi "Ma si... l'importante è quello che c'è dentro". E allora ti fai forza. Una volta dentro ti si avvicina un vecchietto con bastone d'ordinanza. E' il proprietario nonché tuo 'potenziale vicino' di casa. Se i presupposti sono questi meglio una panchina al parco Ravizza... ma non vuoi ancora dartela a gambe e tenti la via della fiducia. Entrando finalmente nel papabile appartamento ti accorgi che dopo aver fatto 3 passi e abbassato la testa per l'altezza, hai esaurito lo spazio. Riguardi la foto dell'annuncio ed effettivamente lo ricorda. Poi ti sovviene l'eterno e le morte stagioni: sei incappato nel 'mago degli annunci' fuffa. Prima di te ci son passati altri 200. E c'è pure il classico 'libro delle firme' per poter lasciare la tua testimonianza. Un'esperienza che ricorda tanto il Pozzetto nazionale.

La Fabbrica


Quel loft spazioso da 110 mq in zona industriale potrebbe sembrare la casa dei sogni, ma attenti a non farvi ingannare. Già che l'annuncio figuri tra '~Altre zone’ potrebbe farvi suonare un campanello d’allarme, ma in fondo la periferia costa meno e col motorino ci si arriva... Fiduciosi di fare una scelta intelligente andate a scrutinare per bene la casa ed è lì che vi rendete conto che la casa riceve di getto tutto il particolato della fabbrichetta d'amianto appena accanto. Dopo una settimana di convivenza forzata con qualche simpatico batterio tumorale capisci che forse non è proprio il futuro che vuoi. Anche i tuoi polmoni te lo chiedono.

Times Square


Affitto da 1000 euro mensili. Zona centrale. Vicino ai locali più IN della zona. Un frigorifero spazioso per buttarci dentro almeno due casse di birra ignoranti. C'è tutto quello che ti serve per vivere alla grande. Un avviso: rinviare sempre ogni valutazione al mattino successivo. La notte porta consiglio. Lo dice anche un famoso detto. Ed è effettivamente vero: se a mezzanotte la situazione è più o meno calma e sei riuscito ad addormentarti, alle 4 comincia il via vai del tram sottocasa. Alle 4.45 passa il camion della nettezza urbana. L'ambulanza viaggia spedita alle 5. Alle 6 arriva il traffico lancinante del mattino. Alle 7 nasce invece la tua ultima di una lunga serie di bestemmie notturne.

E' ora di alzarsi per andare al lavoro. Ore di sonno forse 2... e la lucidità di chi ha appena fatto serata pesante con Adriano & Ronaldinho. Ora ti rendi conto di aver firmato il contratto un po' troppo frettolosamente. Il problema è che il vincolo contrattuale ti obbliga a non poter recedere dal contratto se non dopo 4 anni altrimenti scatta la penale: devi dare un rene per poterne uscire indenne... o quasi. Maledetto contratto... perché non l'ho letto bene prima di firmare!

La 'Tenuta Male'


La foto dell'annuncio risale al 1995... e qua dovrebbero già esserci i presupposti per ritirare l'offerta. Ma vuoi andare fino in fondo. Tutto sommato sembra davvero bella. Se non fosse che stranamente il proprietario di casa ha 89 anni, non vuole firmare nessun contratto d'affitto e perde la dentiera ogni 4 parole. Nonostante ciò, pretende 650 euro d'affitto in nero al mese. E con voce tremolante esclama:

"E' una bella posizione e ti sto già facendo lo sconto".

Peccato che ci sia un palmo di polvere ovunque e che appena entrato hai contratto 12 malattie sconosciute. Addirittura il frigorifero sembra mai toccato. Dal 1994. E non è mai stato svuotato. Apri lo sportellone e dentro trovi un pomodoro che ti saluta, un salame che si butta e scappa e un panino di McDonald ancora intatto e luccicante. Niente. Anche stavolta la ricerca è andata male.

La "Sfatto" House


Tratto da una storia vera!
Scozia, Edinburgh, 2011. Tre impavidi studenti d'economia tentano la vacanza studio per migliorare il livello d'inglese, ai tempi a livelli "d'ignoranza Cassano".
Attraverso un annuncio online viene bloccata una casa tutto sommato carina vicino al centro.
Per ovvia distanza logistica non c'è possibilità di andare a verificare sul luogo la veridicità e, soprattutto, lo stato dell'alloggio. Bisogna fidarsi.
Una volta sul posto, la vista dal palazzo sembra fornire ancora più motivazioni per essere felici... ma non avevamo fatto i conti con il quartiere. Siamo al primo piano di un condominio abbastanza imponente.
Gli unici ad avere un cortiletto.
Un privilegio che ci fa gasare a mille. Ma più passano i giorni, più notiamo atterraggi strani provenire dal cielo. Ogni tanto, nel corso della giornata, sentiamo rumori provenire dall'esterno. Come se ci bombardassero dall'alto. Ci affacciamo e finalmente troviamo la soluzione al rebus: dagli appartamenti di sopra buttano siringhe e altre cose non identificate che si posano leggiadramente sul nostro cortile che intanto è diventata peggio dell'Area 51: Off Limits e luogo d'incontri fugaci per malattie come Ebola o Aids.
Risultato: bunker casalingo per tutta la permanenza in terra d'Albione e cortiletto mai più utilizzato!

L'Ospizio


Non lasciatevi ingannare dal nome. L'ospizio non ospita i classici anziani volti a trascorrere le ultime decadi di vita. Siamo di fronte a qualcosa di più scabroso. In realtà la tua nuova casa è luogo preferito per il ritrovo di simpatici animaletti domestici. Il problema è che non si palesano subito. Aspettano il momento migliore per presentarsi. Tu, come nuovo inquilino, sei totalmente estraneo a quel che succederà.
Sei appena arrivato, hai fatto 4 piani di scale con le valigie 'della mamma' (cariche di cibo e forse qualche vestito) e la tua fronte presenta una certa rugiada sgradevole. Entri in quella che è la tua nuova "home, sweet home", appoggi tutto per terra e ti catapulti in doccia. Ovviamente, preso dalla fretta, accendi l'acqua, ti spogli e sei dentro in 18 secondi netti. Ahhh finalmente un po' di relax... finché non ti accorgi che il suolo ti sembra morbido e scivoloso. Mah.. sarà l'acqua. Grave errore: nel momento in cui tenti di prendere la spugna per terra, raccogli altro... sembrano tanti piccoli pokemon. Ma non sono carini come Pikachu.

La realtà dei fatti ti porta a capire che... sono le blatte. Hanno 'costruito' lì il loro rifugio e tu stai invadendo i loro spazi! Non ti resta che premunirti di acido cloridrico e rendere nucleare la zona.

La "Senza Scipola"


La zona è interessante. Solitamente in centro. La movida è un punto chiave. E dove c'è gente c'è sempre un amico kebabbaro. Tu, però, da buon studente alla ricerca di un alloggio, non sei al corrente di quello che ti sta aspettando. Hai firmato il contratto con il proprietario di casa un lunedì, stranamente stesso giorno in cui sei andato a visitarla e stesso giorno di chiusura del negozio appena accanto con chiare scritte arabe.
Non ci hai fatto troppo caso, magari è un ferramenta o un fruttivendolo. "Meglio ancora" - stai pensando - avrai già cibo fresco pronto per te. Il martedì, giorno dopo l'insediamento, ti svegli bello carico per fare colazione: latte e biscotti delle 8 di mattina. Lo scenario che ti si presenta ricorda molto il post serata dello scorso venerdì: odorino di cipolla e kebab. Pensi: "Mah.. sarà lo scarico". Ti affacci alla finestra e vedi che il fruttivendolo si è trasformato in Kebabberia. Sei completamente spacciato: dovrai convivere con l'insopportabile odore di scipola per il resto della tua permanenza universitaria. Tristezza. A parte per le serate a casa tua quando tutti i tuoi amici in fame chimica ti ringrazieranno.

L'incompleta


Hai sicuramente fatto l'affare della vita: ti sei appena aggiudicato un bell'appartamentino tranquillo a basso prezzo. E' vero, presenta qualche imperfezione, ma lo sapevi già... c'è da fare qualche piccolo lavoretto. La casa è stata appena ristrutturata ma non ancora completamente terminata: hai già messo in conto un paio di giorni di lavori per collegare la caldaia. "Ma si dai... resisto".
Ma.Si.Dai.Resisto
Inizia una vera e propria maratona: i due giorni si trasformano in due settimane. La tua sveglia mattutina è ormai fissata per le 6, orario in cui i muratori entrano e cominciano a trapanare il mondo come se non ci fosse un domani. In realtà un domani potrebbe non esserci: la voglia di toglierti la vita cresce sempre di più. Soprattutto quando tenti di fare la doccia. Il 18 gennaio sarebbe bello tentare di rilassarsi con una bella doccia calda... ma non puoi. La temperatura base, finché i tecnici non sistemano tutto, è Alaskiana. "Ma si dai... avranno risolto, resisto ancora un po".
Resisto.ancora.un.po'
Due settimane sembrano essere un sogno. Siamo arrivati a 59 giorni. Occhi crepati dal sonno e dalla voglia di spaccare tutto. Cominci ancora una volta la solita routine: alle 6 suonano al campanello i muratori, alle 6.02 cominciano a trapanare. Alle 7 ti fai la doccia ghiacciata d'ordinanza. Sei allo stremo delle forze. Quando tutto sembra aver perso un senso, arriva finalmente la buona notizia: "Signor Paolo.. abbiamo finito coi nostri lavori." Cominci a lacrimare pesantemente ma finalmente puoi festeggiare l'inizio della tua nuova vita!

No Wi-Fi Zone


Il pianto assoluto. La casa più bella e tradizionale del posto non ha il wifi. Anche in questo caso eri all'oscuro di tutto. Quando lo scopri rimani un po'... come Di Caprio quando non vince mai l'Oscar.

La prima cosa che fai e prendere il cellulare, verificare ogni altra connessione... son tutte protette. Ti apposti quindi in quello che sarà il tuo nuovo angolino del pianto. Rannicchiato e triste. Lo sguardo è fisso verso il vuoto, cominci a ripetere parole a caso: "Devo - stare - calmo. Devo - stare - calmo."
Ma è troppo tardi. Dieci giorni dopo trascorsi nello stesso angolino arriva una chiamata anonima e una sorpresa per te: è stato disposto un TSO. Senza wifi siamo perduti.

Quali Annunci?


Eccoci alla fine della nostra classifica delle 10 Case da Incubo in cui NON Vorresti MAI Capitare ma è giusto che ti renda conto anche di quali possono essere gli annunci che puoi trovare sul Web e dai quali devi stare ALLA LARGA!
Quindi non esitare e prosegui nella lettura, Clicca QUI!
E se non hai perso le speranze e stai cercando casa, CLICCA QUI

Potrebbe Interessarti
×
Skuola | TV
#Piudiprima: i giovani chiedono, la ministra Bonetti risponde – Skuola.net ft. Angelica Massera

La Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, ‘interrogata’ da Skuola.net e da Angelica Massera, spiega cosa sta facendo la politica per rispondere ai bisogni dei giovani in ambito di Pari Opportunità

10 luglio 2020 ore 10:00

Segui la diretta