Ominide 19 punti

Primo popolamento


La specie umana si forma in Africa, poi colonizza l’Asia meridionale, l’Oceania e l’Asia occidentale; da qui dei gruppi si dividono e occupano il nostro continente.
Le aree verdi della rivoluzione neolitica
La prima grande rivoluzione della specie umana è la rivoluzione neolitica, nella quale gli uomini impararono a domesticare le piante e gli animali.
Agricoltori e pastori colonizzano l’Europa
Gli agricoltori e i pastori asiatici colonizzarono l’Europa e vi diffusero l’allevamento e l’agricoltura.
L’evoluzione
L’evoluzione è un processo che si basa sull'adattamento dei viventi al loro ambiente. I viventi non finiscono mai di adattarsi perché l’ambiente muta in continuazione.
Tutti gli esseri viventi odierni sono il prodotto di un lunghissimo processo di adattamento.
La nostra specie è un particolare tipo di primate, il gruppo di specie di cui fanno parte anche le scimmie antropomorfe, ma noi non siamo i discendenti delle scimmie attuali, Homo Sapiens è l’ultimo rappresentante degli ominidi.
Homo sapiens vivevano 180.000 anni fa in Africa
Gli uomini sono più forti e più veloci delle donne perciò esplorano una quantità di territorio maggiore, alla ricerca di cibo, come la carne. Le donne cercano piante, frutti e radici commestibili.

Gli homo sapiens

• usano l’ocra per colorare
• conoscono le tecniche per catturare gli animali
• sanno accendere il fuoco e lo sanno alimentare
• fabbricano strumenti in legno e pietra


out of Africa

secondo questa teoria, noi, proveniamo dall’Africa e ci informa che la nostra specie si è formata in quel continente e da li si è diffusa in tutto il mondo.
La prima mondializzazione nel Paleolitico
Centomila anni fa, alcuni gruppi di homo sapiens, uscirono dall’Africa, attraversarono il mare di Aden e arrivarono nell’attuale Arabia. Poi continuarono a marciare verso Oriente, lungo le coste, perché trovavano maggiori quantità di cibo. Circa 40.000 anni fa, attraversando il mare, riuscirono ad arrivare in Australia.
I gruppi originari, erano composti da 100.000 individui. In 60.000 anni erano diventati circa 5 milioni e avevano colonizzato il mondo.
Il popolamento del mondo si svolse decine di migliaia di anni fa, quando nessuno sapeva sapeva scrivere o raccontare i viaggi ai posteri. Questo periodo è chiamato Preistoria o Paleolitico.
L’agricoltura e la domesticazione danno il via a un periodo chiamato Neolitico.
11.000 anni fa alcuni gruppi umani dettero inizio all’agricoltura: capirono che potevano costringere le piante a crescere dove volevano loro.
La mezzaluna fertile è caratterizzata da una serie di ambienti molto diversi tra loro (deserti, steppe semiaride, montagne innevate, pianure e colline). È chiamata mezzaluna fertile perché è a forma di arco e si estende dalle coste orientali del mediterraneo fino al Golfo Persico. Qui esistevano, e esistono tutt’ora, campi spontanei di cereali.
I nomadi e i sedentari
Per coltivare le piante, occorre che i contadini trovino un posto adatto, quando lo trovano, si fermano, fondano il loro villaggio e vivono fino a che i campi sono fertili. Diventano sedentari.
Gli animali continuano a spostarsi per cercare da mangiare. Per seguirli occorre che gli allevatori si spostino continuamente. Diventano nomadi.
Hai bisogno di aiuto in Preistoria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email