Sapiens Sapiens 10841 punti

La Repubblica di Genova nella 2.a metà del XVI secolo


Genova era abituata a considerasi il porto naturale di Milano; le sue sorti erano legate a quelle del Ducato di Milano, per cui la Spagna che governava Milano si trovò ad esercitare facilmente il suo protettorato sulla repubblica di Genova.
Se la struttura politica di Genova era piuttosto debole, dal punto di vista economico la città era molto fiorente, anche a causa di una situazione paradossale della Spagna. La Spagna, nonostante tutto l’oro e l’argento, che arrivava dall’ America aveva delle finanze dissestate e necessitava continuamente di prestiti a qualsiasi condizione per poter sopperire ai bisogni sempre crescenti a causa delle guerre continue. Da questa situazione seppero trarre profitto i trafficanti genovesi ed in particolare i finanziari Grimaldi e Doria i quali guadagnarono somme favolose prestando ingenti somme ai re cattolici. Tutto servì loro per guadagnare e speculare: la guerra delle Fiandre, necessità per la Spagna di tenere delle flotte nel Mediterraneo per mantenere sicure le coste dall’invasione dei corsari barbareschi.
La vita finanziaria della città aveva il fulcro nel Banco di S. Giorgio, i cui amministratori facevano parte delle più alte autorità cittadine, Dal Banco di S. Giorgio dipendeva anche la Corsica, uno dei maggiori possedimenti genovesi. A proposito della Corsica, bisogna dire che l’isola sopportava male il dominio di Genova. Dopo il trattato di Cateau-Cambrésis che aveva restituito la Corsica la Genova la rivolta riprese sotto la guida di San Piero Ornano di Bastelica. Gli insorti corsi offrirono l’isola a Cosimo I dei Medici, alla Francia e perfino ai Turchi pur di liberarsi del giogo genovese. La rivolta fu domata nel 1560 e l’isola passò dal Banco di S. Giorgio allo Stato, anche se i Corsi non si rassegnarono mai. La Corsica resterà sotto il dominio di Genova fin tanto che nel 1768 non fu venduta ala Francia (l’anno dopo a Ajaccio nasceva Napoleone Bonaparte)
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Granducato di Toscana nella seconda metà del XVI secolo