Confronto tra la prima e la seconda rivoluzione industriale

Lo sviluppo dell’industria iniziato nella seconda metà del Settecento, continuò per tutto l’Ottocento e proseguì nel Novecento. Tuttavia, nella seconda metà del XIX secolo l’industrializzazione prese caratteristiche diverse e più complesse rispetto a quelle del secolo precedente. Gli storici chiamano questa nuova fase Seconda Rivoluzione Industriale. La Seconda Rivoluzione Industriale si caratterizzò e differenziò dalla prima per vari aspetti: mentre dapprima l’industria si era concentrata in certi paesi dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti, ora si diffondeva in quasi tutto il continente europeo e anche in paesi periferici come la Russia e il Giappone. Inoltre la prima fase dell’industrializzazione era stata condizionata dalla tecnologia del ferro e del carbone: ciò aveva favorito quei paesi che possedevano ricchi giacimenti delle due fonti energetiche come l’Inghilterra, il Belgio, la Francia e la Germania. Nella seconda metà dell’Ottocento, invece, le scoperte resero più agevole l’industrializzazione a paesi come l’Italia o il Giappone. In particolare, in questo periodo l’energia elettrica sostituì il vapore, di conseguenza si affermò l’industria produttrice di energia elettrica. Nacque il motore a scoppio e si perfezionò la produzione dell’acciaio favorendo la nascita di industrie chimiche e elettromeccaniche. Mentre la Prima Rivoluzione Industriale si era distinta per il moltiplicarsi delle unità produttive con pochi lavoratori, la seconda si caratterizza per la tendenza alla crescita delle dimensione delle aziende e della loro incidenza sul mercato. Un altro aspetto che caratterizza questa seconda industrializzazione è il prevalere del capitalismo finanziario rispetto a quello industriale e aumentano anche gli interessi tra banche e industrie. Anche la società a fine Ottocento è cambiata: ci si avvia verso la società di massa, nasce una nuova classe sociale e gli operai di fabbrica si oppongono alla borghesia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email