Genius 5605 punti

Le nazioni e l'imperialismo coloniale

Francia e Inghilterra furono le prime nazioni che si lanciarono alla conquista di territori. La Germania arrivò più tardi ed era rimasta tagliata fuori: riuscì a conquistare solo la Namibia, la Tanzania, il Camerun, il Togo e alcune isole asiatiche come l’arcipelago Bismarck. Importante fu la crisi marocchina. Il Marocco era un sultanato debole che era oggetto delle mire imperialistiche di Germania e Francia, che rischiarono severamente di ricorrere alle armi. Inizialmente Francia e Germania accordarono che avrebbero avuto un ugual controllo sul Marocco; nel 1911 però i francesi lo conquistarono e la Germania minacciò la guerra. Allora venne indetta una conferenza con le maggiori potenze europee e venne sancito che il Marocco dovesse restare sotto il dominio francese.

L’Inghilterra possedeva i due terzi del mondo perché controllava America settentrionale, India, Australia e gran parte dell’Africa. Gli stati dell’America Latina erano liberi, ma non potevano essere attaccati perché tutelati dagli Stati Uniti grazie alla dottrina Monroe. Anche la Cina era libera: essendo così vasta, nessuno stato si era avventurato in una sua conquista e perciò tutte le potenze mondiali si accordarono per spartirsi la Cina in zone di influenza in cui i loro mercati potevano fare ciò che volevano. I cinesi tentarono di rivoltarsi, ma venne organizzato un esercito internazionale che riportò l’ordine. Un altro stato indipendente era il Siam (attuale Thailandia) perché aveva il compito di fare da cuscinetto tra i possedimenti francesi e quelli inglesi. Lo stesso discorso valeva per la Persia (attuale Iran), che separava i domini russi da quelli inglesi. Altre regioni libere erano l’Afghanistan, l’Etiopia e la Liberia. La Liberia era un territorio instituito dal presidente statunitense Monroe per dare una patria agli schiavi neri liberati. La capitale della Liberia venne chiamata Monrovia in onore a questo atto.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove