Riego di Riego
VIP 1004 punti

Schema degli eventi bellici che videro protagonista la Francia rivoluzionaria e napoleonica fra il 1792 e il maggio 1815
1. Prima coalizione anti francese: Austria e Prussia,in armi dall’aprile 1792, Piemonte, in armi dal luglio 1792, Spagna e Inghilterra in armi dal 1793, dopo l’esecuzione di Luigi XVI.
a) Eventi principali: - battaglia di Valmy del 20 settembre 1792 che vede i francesi respingere l’invasione del territorio nazionale con vittoria sui prussiani;
b) Il 26 giugno 1794, in Belgio, a Fleurus, le armate francesi sconfiggono gli eserciti coalizzati anti francesi; questa vittoria segna la controffensiva francese;
c) Nel 1794, dopo lo scontro di Fleurus, l’esercito francese occupa il Belgio e invade l’Olanda.
d) Le vittorie francesi fanno uscire dalla coalizione nel 1795 Prussia e Spagna;

e) Rimangono in armi Inghilterra, Austria e Piemonte;
f) La campagna d’Italia di Buonaparte porta a una significativa conclusione: il Piemonte è sconfitto ed esce dalla coalizione nel 1796, l’Austria è sconfitta sul fronte italiano ma vittoriosa su quello tedesco esce dalla coalizione con una pace di compromesso firmata nell’ottobre 1797 a Campoformio (Udine);
g) Rimane in armi la sola Inghilterra contro la quale la Francia organizza la spedizione d’Egitto nel 1798, spedizione avente il compito di colpire gli interessi commerciali inglesi nel Mediterraneo orientale;
h) La spedizione francese in Egitto è un fallimento: il 1 agosto 1798 ad Abukir, sulla costa egiziana, la flotta inglese di Nelson annienta quella francese.
2. Seconda coalizione anti francese: Inghilterra, Austria, Prussia, Regno di Napoli, Turchia, quest’ultima irritata per l’attacco all’Egitto possesso turco.
a) La vittoria inglese ad Abukir ha come conseguenza la formazione della seconda coalizione.
b) Un esercito austro-russo libera l’Italia centro settentrionale dalla dominazione francese.
c) Nell’Italia meridionale i Borboni di Napoli grazie anche al cardinale Ruffo respingono le armate francesi.
d) L’invasione austro-russa della Francia è sventata dall’esercito francese vittorioso su quello russo nella battaglia di Zurigo del 1799.
e) Napoleone Bonaparte, ora saldamente al potere dopo il colpo di Stato del novembre 1799, invade l’Italia e sconfigge gli austriaci a Marengo il 14 giugno 1800; nello stesso tempo armate francesi sconfiggono gli austriaci in Germania.
f) L’Austria, sconfitta nel 1801, esce dalla coalizione firmando la pace di Luneville; anche Russia e Regno di Napoli arrivano alla pace con la Francia, mentre l’Inghilterra e la Turchia ormai isolate avviano trattative di pace che si concludono nel 1802; l’Inghilterra sottoscrive la pace di Amiens riconoscendo la Repubblica francese.
3. Terza coalizione anti francese: Inghilterra, Austria, Russia, Svezia e Regno di Napoli.
a) Nel 1803 riprendono le ostilità tra Francia e Inghilterra e Napoleone ammassa truppe sulle coste settentrionali francesi con l’intento di invadere l’Inghilterra; questa risponde organizzando nel 1805 la terza coalizione.
b) 21 ottobre 1805 vittoria navale inglese a Trafalgar ove la flotta francese subisce una pesante sconfitta ad opera di Nelson.
c) 2 dicembre 1805 grande vittoria francese ad Austerlitz in quella che fu la battaglia dei tre imperatori in quanto erano presenti sul campo Napoleone I, da poco incoronato imperatore, Francesco I d’Austria e Alessandro I di Russia; ad Austerlitz gli austro-russi sono pesantemente sconfitti e poco dopo l’Austria esce dalla coalizione firmando la pace di Presburgo.
d) Rimangono in armi Inghilterra, Russia, Svezia e Regno di Napoli, quest’ultimo però occupato dai francesi con i Borbone Napoli che si rifugiano in Sicilia.

4. Quarta coalizione anti francese: la Prussia, preoccupata dalla presenza di armate francesi sul territorio tedesco entra nell’alleanza anti francese a fianco di Svezia, Russia e Inghilterra; la Prussia subisce però una pesante sconfitta nel 1806 a Jena in Germania; l’anno seguente, nel 1807 ad Eylau i francesi sconfiggono i russi.
a) Le vittorie francesi a Jena e ad Eylau chiudono la quarta coalizione; la pace viene firmata nel 1807 a Tilsit da Francia e dai Paesi in conflitto con l’eccezione dell’Inghilterra, contro la quale l’anno precedente, il 1806, da Berlino, Napoleone aveva proclamato un blocco continentale.
5. Nel 1807 la Francia invade il Portogallo; nel 1808 la Francia invade la Spagna: entrambe le Nazioni si erano rifiutate di aderire al blocco continentale anti inglese; l’occupazione della penisola iberica non è facile a causa dell’accanita resistenza della popolazione che ha l’appoggio di un corpo di spedizione inglese sul luogo.

6. Quinta coalizione anti francese: Austria e Inghilterra; l’Austria si stacca dal blocco continentale e scende a fianco dell’Inghilterra rimasta in armi.
a) Gli austriaci vengono pesantemente sconfitti in Austria, mentre è annientato un esercito inglese nel tentativo, sbarcato in Olanda, di invadere la Francia settentrionale.
7. 1812: la campagna di Russia. Dal giugno 1812 al novembre 1812 si svolge l’infelice campagna di Russia dalla quale la potenza napoleonica ricevette un colpo dal quale non si sarebbe più ripresa.
8. 1813: formazione della sesta coalizione: Inghilterra (già in armi), Russia (già in armi), Austria, Svezia, e Prussia; mentre gli inglesi invadono la Francia del sud dopo aver liberato la Spagna dall’occupazione francese, gli altri alleati, dopo aver sconfitto a Lipsia nell’ottobre 1813 le armate napoleoniche, invadono la Francia da settentrione; nel marzo 1814 Napoleone si arrende, si consegna ai vincitori che lo inviano in esilio all’isola d’Elba; in Francia torna il sovrano dei Borbone nella persona di Luigi Stanislao, fratello minore del sovrano Luigi XVI ghigliottinato nel 1793; Luigi Stanislao prende il nome di Luigi XVIII.
9. Napoleone è in esilio all’isola d’Elba dal marzo 1814 al febbraio 1815.
10. 1 novembre 1814 a Vienna si apre il Congresso avente il compito di ridisegnare la carta politica dell’Europa sconvolta dagli anni delle guerre contro la Francia rivoluzionaria e napoleonica. Tale Congresso si concluderà nei primi giorni del giugno 1815.
11. Dopo essere fuggito dall’isola d’Elba Napoleone sbarca in Francia il 1 marzo 1815 e riprende il potere dando inizio ai 100 giorni dal marzo al giugno 1815.
12. Gli alleati, che nel marzo 1815 sono riuniti a Vienna in Congresso non accettano il ritorno di Napoleone (Luigi XVIII di Francia si era rifugiato presso gli alleati abbandonando la Francia); gli alleati danno vita a una settima coalizione anti francese (1815) che ebbe il suo momento conclusivo nella battaglia di Waterloo il 18 giugno 1815. La sconfitta di Napoleone a Waterloo segna per sempre la fine dell’avventura napoleonica. Gli alleati inviano in esilio Napoleone a S. Elena, una piccola isola dell’Oceano Atlantico, allora e oggi possesso inglese, dove Napoleone muore il 5 maggio 1821. Si precisa che la battaglia di Waterloo si tenne dopo che il Congresso di Vienna aveva chiuso i suoi lavori ai primi di giugno 1815.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017