Ominide 6603 punti

L'inizio della guerra dei Trent'anni

La lacerazione che portò alla guerra partì dalla Boemia. Da tempo in questo regno vivevano pacificamente numerose confessioni religiose. Nel 1609 la Dieta del Regno di Boemia era addirittura riuscita a strappare a Rodolfo II la Lettera di Maestà, un documento che garantiva la tolleranza ai protestanti.
Nel 1617 Ferdinando II d'Asburgo (che due anni dopo sarebbe divenuto imperatore) ottenne il trono di Boemia: rigoroso difensore della Controriforma annullò sibotp tutte le concessioni fatte in precedenza ai culti non cattolici. La popolazione di Praga (la capitale della Boemia) trovò inaccettabile questo provvedimento e si ribellò: nel 1618 invase il palazzoreale, malmenò due rappresentanti imperiali e poi li gettò dalla finestra. Questo episodio è passato alla storia come la defenestrazione di Praga. Sehuì la protesta della nobiltà che dichiarò decaduto Ferdinando II e assegnò il trono boemo a Federico V del Palatinato, il principe calvinista a capo dell'Unione Evangelica.

Ma il controllo della Boemia era vitale per gli Asburgo. Il re di Boemia, infatti, era uno dei sette elettori dell'imperatore. Anzi, poiché tre seggi erano controllati dai cattolici (i vescovi di Treviri, Magonza e Colonia) e tre dai protestanti (i prinicpi di Palatinato, Sassonia e Brandeburgo), l'elettore boemo era l'ago della bilancia nelle elezioni imperiali.
Gli Asburgo, dunque, non potevano rinunciare alla Boemia e pertanto iniziarono la guerra.
La Lega Cattolica si schierò con gli Asburgo d'Austria e così fece anche la Spagna; l'Unione Evangelica invece appoggiò i Boemi. La superiorità dell'esercito imperiale risultò netta: i protestanti subirono una grave sconfitta nel 1620 nella battaglia della Montagna Bianca, presso Praga. Federico del Palatinato fuggì e la Boemia fu sottoposta a un'azione di forzata conversione al cattolicesimo che spinse molti protestanti all'esilio.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email