sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Il Direttorio Francese-

Dopo la fine del Terrore Giacobino, a capo della Francia era rimasta la parte più moderata della Convenzione, la quale si trovava di fronte ad un periodo di instabilità socio-economica, causata da un aumento rapido dell’Inflazione.
Per trovare una soluzione a questo problema viene scritta una nuova Costituzione, approvata nel 1795, che va a sostituire quella di due anni prima.
Questa Costituzione prevedeva la suddivisione dei poteri, infatti ora in Francia vi è un Parlamento bicamerale: la Camera del Consiglio dei Cinquecento ha il compito di scrivere le leggi, mentre quella del Consiglio degli Anziani ha il compito di approvarle o respingerle.
Oltre al Parlamento era presente anche il Direttorio, un esecutivo che ha il compito di nominare i Ministri; il Direttorio è composto da cinque membri, eletti dal Parlamento, ed essi hanno nelle loro mani la maggior parte del potere esecutivo.
Questi due organi del potere venivano rinnovati, parzialmente, ogni anno.

La popolazione Francese aveva possibilità di eleggere i membri del Parlamento attraverso un sistema elettorale censitario a doppio grado, quindi era veramente ristretta quella parte di popolazione che poteva aver accesso al voto, poiché non tutti avevano la possibilità di fornire parte del proprio patrimonio allo stato.
Gli elettori erano obbligati a scegliere 2/3 dei deputati tra gli ex membri della Convenzione.

Questa nuova idea politica non venne accolta positivamente dalla popolazione, tanto che vi furono diverse insurrezioni, tentate per abbattere il nuovo sistema politico.
I Sanculotti (di sinistra) tentarono due insurrezioni, ma entrambi vennero repressi, anche con violenze.
Anche la destra politica effettuò un tentativo d’insurrezione, ma esso venne subito bloccato.
Verso il finire del 1795, a Parigi scoppia una rivolta popolare, alla quale tenta di opporsi il generale Napoleone Bonaparte, chiamato dal Direttorio proprio per tentare di placare la nuova insurrezione, cosa che riuscì a fare senza problemi.

Notato che le Insurrezioni non avevano cambiato il sistema politico, iniziò ad essere usata un’altra tecnica: il Colpo di Stato, ossia un attacco violento verso lo stesso potere, in modo da riuscir a far cambiare regime politico.
Il primo Colpo di Stato venne attuato nel 1797, ma il Direttorio si difese ottimamente grazie all’intervento di alcuni generali, tra i quali vi era Napoleone; quindi si nota come generali ed esercito siano importanti per riuscire a mantenere un controllo in questo scontro nella politica interna del Paese.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email