pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Tensioni in senso signorile ed Enrico Scrovegni


Tensioni in senso signorile

L’80% delle città italiane del Duecento sperimentò regimi personali, in particolare nel settentrione. Le città nelle quali il Popolo guidava il governo erano in minoranza ma se ne contava di importanti, tra queste Bologna, Pisa, Firenze, Siena, Lucca, il potere rimase comunque instabile. Interessante l’esempio di Genova, che dopo il regime di Popolo legato a Boccanegra e terminato nel 1262, nel 1270 venne stabilito un regime dualistico sempre legato al Popolo ma anche a due famiglie avversarie, i Spinola e i Doria, che insieme riuscirono nel 1284, nella famosa battaglia della Meloria a sconfiggere la grande nemica Pisa, da quel momento in crisi e legata a continui colpi di stato signorili.

Enrico Scrovegni

Le ambizioni di Enrico Scrovegni (primo ‘300). Famiglia di origine mercantile basò la sua politica sul consenso attraverso le immagini (famosa la Cappella degli Scrovegni), fece erigere infatti una chiesa intitolata a Santa Maria della Carità, con dipinti di Giotto e sculture di Giovanni Pisano, con lo scopo di esaltare la ricchezza come bene positivo e caritatevole. L’impresa fu possibile grazie all’immenso denaro e all’appoggio di Benedetto XI. Il ciclo di affreschi è molto importante per capirne la politica, l’immagine positiva delle virtù del buon cittadino (prudenza, fortezza, temperanza, fede, carità, giustizia) in contrapposizione con l’Ingiustizia, nell’immagine evocata la figura di un tiranno, probabilmente Ezzelino da Romano, che non abita in città ma è posta sullo sfondo, insieme ad un castello merlato.

Bibliografia

Le signorie cittadine in Italia, Zorzi

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove