kiara93 di kiara93
Erectus 1265 punti

I LONGOBARDI

Nel 568 i Longobardi invasero l'Italia guidati da Re Alboino, cercando di cacciare i Bizantini, ma riuscirono a conquistare, nel 569 Milano. Solo nel 603 ci furono degli accordi tra Bizantini e Longobardi, in questi accordi decisero la spartizioni dei territori italiani: i Longobardi si presero il Nord, la Toscana e i territori di Spoleto e Benevento. Mentre i Bizantini occuparono il Meridione, resero Ravenna la loro capitale, facendola governare da un esarca; inoltre si impossessearono anche della città della Pentapoli (Gubbio, Jesi, Cagli, Fossombrone, Urbino, Ancona, Senigallia, Fano, Pesaro e Rimini).
Nel 572 morì re Alboino per mano della moglie Rosmunda, figlia di Cunimondo, ucciso da Alboino.
Tra il 574 e il 584 ci fu un'anarchia militare (nessuno al potere). I Duchi bramavano di possedere più territori e si spostarono ad ovest (Piemonte) e a sud, fondando Spoleto e Benevento. Nel 584 ad Alboino succedette Autari, che sposò la cattolica Teodolinda, ma i Longobardi erano ariani e la loro religione vietava la conversione; i duchi restituirono le terre conquistate.

I Longobardi dominarono con polso duro, tanto che i romani furono sostituiti nelle loro posizioni superiori, non essendo considerati uomini liberi; di conseguenza i longobardi abolirono l'aristocrazia romana ed ecclesiastica.
Nel 591, alla morte di Autari, Teodolinda si risposò con Agilulfo, che rafforzò i rapporti con i romani e Papa Gregorio Magno decise di riconoscere l'entità politica longobarda, creando una situazione non tanto piacevole tra il popolo; questa convivenza portò cambiamenti di abitudine e comportamenti differenti.
Nel 595 i missionari, guidati da Agostino, evangelizzarono gli anglosassoni e in seguito anche gli spagnoli e i galli.
Nel 643 venne emanato l'Editto di Rotari che fu la prima legge scritta in latino e nel 653, in seguito alla morte di Agilulfo, gli successe Ariperto che sconfessò l'arianesimo, abbracciando la religione cattolica.

SISTEMA SOCIALE
Il sistema sociale dei Longobardi era diviso in tre classi sociali: gli Arimanni (liberi), che si potevano avvalere della legge longobarda; gli Aldi, i quali erano semiliberi, non avevano né terre né armi, ma solo la protezione del padrone; gli schiavi. C'erano pene distinte a seconda dello stato sociale della persona.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email