Sapiens Sapiens 13859 punti

Ottone I di Sassonia


Con Ottone I di Sassonia detto anche Ottone il Grande, risorge il Sacro Romano Impero dopo quasi ottanta anni di anarchia feudale. Chiamato in Italia da Giovanni XII per contrastare l’ennesimo pretendente al trono d’ Italia, Berengario II, arriva a Roma dove il Papa lo incorona imperatore, mettendo così fine ad un periodo di grandi turbolenze (962). Tuttavia l’ Impero di Ottone I ha caratteristiche diverse da quelle di Carlo Magno:
1) Il suo potere si limita al territorio italiano e germanico, nonostante egli si dichiari difensore di tutta la Cristianità. La Francia non fa più parte dell’ Impero ed è uscita quasi del tutto dall’influenza imperiale.
2) L’asse dell’impero di Carlo Magno che aveva in proprio centro nel regno franco, ora è spostato verso l’Europa centrale ed è la Germania a costituirne il polo, proprio in quella regione che era diventata cristiana solo a seguito della conquista dei Franchi e non per opera missionaria
3) Il primo grande problema era quello di intervenire con autorità nei confronti dei grandi feudataria responsabile della diffusa anarchia degli ultimi anni, un problema che Carlo Magno non aveva mai conosciuto.
4) Il mondo germanico era nettamente più rozzo rispetto a quello franco che per anni era stato influenzato dalla civiltà gallo-romana e tale differenza si farà ben presto sentire non solo in ambito politico, ma anche religioso. Infatti con Ottone I ed i suoi successori, l’accordo con la Chiesa non è più possibile e si trasforma in una lotta degli imperatori per assoggettare la Chiesa al proprio dominio
La politica di Ottone I è legata alla creazione della figura dei vescovi-conti il cui obiettivo era la creazione di un corpo di funzionari, con incarichi a vita e non più ereditari, legati da vincoli di fedeltà all’imperatore. Questo implicava anche la continua ingerenza dell’autorità imperiale nella nomina dei vescovi e la pretesa di controllo sull’elezione degli stessi pontefici romani, sottraendola al giuoco delle fazioni romane. Queste aspirazioni di Ottone I furono facilitate dalla condotta scandalosa tenuta da papa Giovanni II e dagli intrighi che egli aveva ordito contro l’Imperatore. Infatti Ottoni I scese a Roma, depose il pontefici e al suo posto nominò Leone VIII. Obbligando i Romani a giurare che per il futuro non avrebbero più eletto alcun papa senza il consenso imperiale. Un altro problema, già presente in epoca carolingia che affronta Ottone I è la presenza mussulmana e bizantina nell’ Italia meridionale. Resosi conto che era difficilmente improponibile una soluzione armata, decide di ricorrere alla diplomazia. Infatti negozia il matrimonio di suo figlio Ottone II con una principessa bizantina che avrebbe dovuto portare in dote i possedimenti italiani dell’ Impero d’Oriente. Purtroppo, nel 973, Ottone I muore bruscamente lasciando il trono al figlio ancora diciannovenne.
Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email