RalucaP di RalucaP
Ominide 60 punti
Questo appunto contiene un allegato
Longobardi (3) scaricato 2 volte

I longobardi

1)I longobardi sono una popolazione germanica, forse originaria della Scandinavia. Nel 568 si affacciano ai confini nord-orientali dell'Italia sotto la guida del re Albotino, essi dilagano facilmente in Italia e dopo un lungo assedio si impadroniscono di Pavia, che diventa la loro capitale.
2)Si verifica un fenomeno di enorme importanza per la storia italiana successiva: la rottura dell'unità politica della penisola; bizantini e longobardi abitano territori confinanti fra di loro disputando città distanti fra loro solo pochi chilometri, possiamo quindi dire che a quest'epoca risale la nascita in un'Italia cantonale, in cui la storia di ogni regione e ogni città assume caratteristiche differenti; questo non è però l'unico motivo di questa separazione, infatti latini e logobardi hanno religioni diverse, il latini sono cattolici mentre buona parte dei longobardi sono pagani, non dimentichiamo prò che non c'è alcuna collaborazione fra vincitori e vinti.

3)La dominazione dei longobardi è dura in quanto questi sottomenttono bruttalmente le popolazioni delle terre conquistate, questi però si accorgono di essere circondati da nemici e cercan o di tenere soggigate le popolazioni locali. I primi decenni successivi all'arrivo dei longobardi sono durissimi, a causa delle violenze, delle carestie, dello spopolamente e dello stato endemico della guerriglia.
4) I longobardi sono organizzati in gruppi familiari detti sippe o fare, i capi dei clan(duchi) esercitano un potere autonomo e solo davanti a un pericolo incombente rinunciano all'anarchie per aleggere un re, passata l'emergenza il re non esercita più alcun potere. Le decisioni più importanti vengono prese dall'assemblrea degli uomini armati. Nella società si possono individuare altri gruppi sociali come: gli aldi, indiidui semiliberi che non godono degli stessi diritti degli arimanni, ma possono possedere terre case e servi, questi sono vincolati da un padrone longobardo che vanta nei loro confronti una serie di diritti . In seguito vengono ammessi alcuni appartenenti della popolazione italica come ausiliari nell'esercito longobardo. questi vengono chiamati escercitali.
5)Dopo il regno di Abotino, i duchi eleggono come nuovo sovrano Autari, infatti sotto il suo regno e per impulso di sua moglie Teodolinda incomincia la conversione dei longobardi dall'arianesimo al cattolicesimo, questo da via ad un miglioramente dei rapporti tra longobardi e italici.
6) Abotino viene avvelenato e successivamente Teodolinda sposa Agiulfo, fra i suoi successori quello che occupa un posto di rilievo è Rotari, che nel 643 emana un editto che raccoglio il corpo di leggi valide per tutti gli appartenenti al popolo longobardo; l'opera è scritta in latino rozzo e si fonda su princìncipi stranei al diritto romano. In particolare in questo editto si attua per i delitti di sangue, la vendetta personale che è considerata obbligatoria da parte dei parenti dell'offeso.
7) Per rispondere alla richiesta d'aiuto del Papa, per l'amministrazione delle terre, nel 754 a.C. il re franco Pipino entra in Italia e constringe Astolfo alla pace, in modo tale da far cedere l'Italia Centrale e Ravenna al Papa, ma non Roma in quanto i longobardi non rinunciano alle guerre espansionistiche su Roma, questa è la causa dello scontro finale fra franchi e longobardi, infatti porta alla fine del dominio longobardo in Italia vent'anni dopo.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email