La legge nell'impero franco

-consuetudine
-capitolari = leggi scritte
• I capitolari si differenziano in 2 categorie, sono:
Generali quindi vigenza per tutti i sudditi dell'impero
Capitolari rivolte a una sola parte dell'impero, es capitolari per l'italia
• Capitolari mundana (di ordine temporale) e ecclesiastica.
Rapporti difficili tra stato e chiesa, carlo magno entra nell'ambito dei rapporti della chiesa, si comincia a diffondere l'istituzione dei vescovi conti, i quali avevano potere temporale per amministrare le contee. È un atteggiamento che percorre secoli, Napoleone stabilì che i bambini dovessero essere battezzati con l'acqua calda. Violazione dei confini stato-chiesa. C'era un giurisdizionalismo estremo.
• Tra personalità' e territorialità' del diritto. Carlo magno subentrava ad ordinamenti che avevano una tradizione delle consuetudini diffusa, quindi alcuni capitolari per tutto l'impero, altri solo per sono parti dell'impero. In caso di conflitto prevaleva la legge dell'imperatore, ma le consuetudini precedenti rimanevano valide.

 

L'eta' feudale


Feudo: compenetrazione di due elementi, uno di carattere personale, il vassallaggio e uno di carattere reale, il beneficio che ha una grande rilevanza nel mondo laico nel feudalesimo e ha rilevanza nel mondo ecclesiastico.
Immunità: terzo elemento ricorrente. È un elemento accessorio ma frequente nell'ambito dell'ordinamento feudale, può mancare ma è ricorrente. Le immunità sono un'istituzione romanistica, un esonero da qualcosa, si integra a qualcosa, è un potere positivo di fare qualcosa.
Natura consuetudinaria dell'alto medioevo, si hanno delle indicazioni scritte di come si dovessero effettuare nell'11-12 secolo. C'è un'età classica del feudalesimo fino al 11/12 secolo, poi continua con diverse manifestazioni in europa fino all'età illuministica e ci sono degli elementi fino all'800.
Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email