Diritto alla base dell'odierno diritto commerciale.
• Genesi nelle città medievali italiane commerciali e marittime (Venezia Pisa Genova ). Fu data la priorità del diritto statutario a Pisa degli anni 60 del 12 secolo, Genova fu costituita nel 10 secolo e poi dopo Pisa. Il diritto commerciale marittimo è importante perché vengono alla luce degli istituiti che risolvono il commercio. Nacquero le società commerciali, con ripartizione delle responsabilità.
• La lettera di cambio consentì di effettuare pagamenti in monete diverse senza la necessità di portare con sé le ingombranti monete metalliche.
• Commenda: prestito di capitali da impiegare in operazioni di commercio. Commenda= affidamento. C'è una divisione della responsabilità: chi affida i capitali ha una responsabilità per quanto riguarda l'esito delle operazioni commerciali ad alto rischio. Nel caso della perdita dei beni da portare per mare. La responsabilità rimane nelle mani di chi ha ottenuto il prestito.

• Accomandita (anche detta societas a Genova): strumento per limitare la responsabilità del socio accomandante (chi presta i capitali), a fronte della responsabilità illimitata  del socio accomandatario (colui che ottiene il prestito).
• L’assicurazione sulle merci, ripartì il rischio di naufragio o di rapina fra più soggetti, mediante il versamento di un premio da parte di ciascuno degli assicurati. Assicurazione, i primi trattati sulle assicurazioni sono della fine del 400, poi saranno gli italiani del secolo successivo, a formare la protezione delle merci. Polizze assicurative.
• Ruolo della consuetudine.
• Lo ius mercatorum entra come categoria nel circolo della grande dottrina giuridica. È una categoria del diritto che entra nel circolo della dottrina giuridica, è il diritto dei mercanti, è un diritto di categoria, sembrerebbe che in quanto diritto di categoria si debba applicare solo ai mercanti. È un diritto particolare, si applica a coloro che hanno i requisiti di qualificarsi ai mercanti. Si poteva godere di questo diritto privilegiato per la categoria solo se si faceva parte della categoria. C'erano procedure agevolate per far si che il processo si svolgesse in tempi rapidi. Questo diritto di categoria da essere limitato e circoscritto si estende a tutti coloro che entrano in rapporto con i mercanti. Nasce solo per i mercanti e ma verrà applicato a tutti coloro che sono in posizione debole e entrano in rapporto tramite compravendita a coloro che appartengono alla categoria dei mercanti. All'ora il contraente debole doveva sottostare al commerciante. L'iscrizione alla corporazione die mercanti portava dei vantaggi innegabili per svolgere la sua professione.
Il diritto dei mercanti si applica agli atti di compravendita, è un diritto di categoria che protegge la categoria forte. La bancarotta era mal vista.
 

Il diritto  marittimo


Ha delle caratteristiche similari al diritto marittimo, riesce abbastanza presto a farlo diventare diritto uniforme, tutti coloro che svolgevano attività commerciale e marittimo, dovevano essere regolare da norme uniformi. C'erano norme comuni che era costituite dal Libro del Consolato del mare. È un diritto consuetudinario, si formano raccolte: esempio precoce il Constitutum usus  di Pisa (1160), è uno statuto contrapposto al Constitutum legis di Pisa, dopodiché ne avremo altre a Genova, Venezia, Amalfi, Barcellona ecc.

Il Libro del Consolato del mare raccolta di consuetudini (c'erano delle consuetudini uniformi, considerate come parametro di riferimento per regolare certi rapporti.) Questo libro sarà poi la base dell'Ordonnance de la marine, del 1681 che sarà la prima regolazione del diritto regio in Francia. Anche nel nostro codice del 1942 si riprendono le norme dell'Ordonnance del 1681. Oggi il diritto della navigazione comprende anche il traffico aereo.
 

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email