pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Arbitrium sugli statuti e regimi non “democratici”


Arbitrium sugli statuti

Il meccanismo del passaggio da un governo collettivo (comune) al potere personale di un signore cittadino prevedeva che l’assemblea dei cittadini (la concio) ad un certo punto trasmettesse a un signore (il dominus) l’arbitrium sugli statuti, cioè la possibilità di cambiare le leggi che regolavano la vita della città. I comuni ottengono la legittimità di produrre dei propri statuti con la Pace di Costanza (1183), delle leggi che prendono il nome di ius proprium (il diritto proprio della città, differenziate dalle leggi dell’impero, come quelle che provenivano dal Corpus iuris civilis, dette ius commune). In una prima fase comunale, le modifiche apportate agli statuti venivano stabilite dalle assemblee, ma ad un certo punto in molte città ci si rende conto che questa mansione è tecnica e richiede competenze specifiche, allora le assemblee nominano le commissioni degli statutari (commissioni nominate apposta per modificare, affinché funzionino meglio a livello legislativo e senza andare in contrasto con il diritto dell’impero, questi statuti), che potevano essere presieduti da professori universitari di diritto, cioè da giuristi (come nel caso di Perugia), o da notai (come nel caso di Bologna).

Regimi non “democratici”

Zorzi chiude la premessa sottolineando come non vada dimenticato che, nei comuni, le stesse forme di governo “largo” furono comunque limitate ai cives, cioè a coloro che pagavano le tasse e che risiedevano da generazioni nelle città, ma non a tutti i loro abitanti. La partecipazione che i regimi comunali offrirono ai propri cittadini riguardò una minoranza (nei casi più felici il 20% della popolazione): per questo sarebbe improprio affermare che si trattò di regimi “democratici”. Ne rimasero esclusi, oltre alle donne, anche i lavoratori manuali, gli immigrati, i servi ecc. Per essere civis bisognava avere una condizione socio-economica abbastanza buona ed essere residenti in città da generazioni. Tuttavia il concetto di democrazia, nato in Grecia, si sviluppa in un contesto dove le donne, gli stranieri e gli schiavi non avevano un peso politico (forse poteva esserci meno distinzione socio-economica); pertanto, se definiamo democratiche le polis greche, allora erano democratici anche i comuni, che non se ne distanziano più di tanto in quanto a quantità di popolazione che ha dei diritti politici.

Bibliografia

Le signorie cittadine in Italia, Zorzi

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017