Predicazione e morte di Gesù


Quasi trentenne Gesù iniziò Ia sua predicazione in Palestina. Le parole nuove e straordinarie che diceva, i prodigi che compiva, l’umanità della sua dottrina e la grande speranza in essa contenuta fecero sì che molte persone cominciassero a seguirlo e che le autorità si occupassero di lui.
I sacerdoti vedevano, nella predicazione di Gesù, il superamento della vecchia religione ebraica di cui si ritenevano interpreti infallibili, gli Ebrei ricchi ed amici dei padroni romani si preoccupavano per altri motivi. Quell’uomo (il quale si definiva «figlio di Dio») predicava la fraternità, l'uguaglianza degli uomini, diceva che era più facile che un cammello entrasse nella cruna di un ago che un ricco entrasse nel regno dei cieli. Voleva per caso distruggere ogni vecchio sistema di governo, ogni privilegio sociale?
Fra l’altro non tutti gli Ebrei comprendevano il significato soprattutto spirituale dell’eguaglianza predicata da Gesù. Quasi tutti quelli che lo seguivano vedevano in lui il Messia del quale tanto si era parlato e che, secondo la tradizione, avrebbe dovuto salvare il popolo ebraico anche materialmente dall’oppressione. Si preoccupò perciò anche Erode: quel «Messia» non gli avrebbe fatto perdere il trono?
Così autorità ebraiche, sacerdoti, Erode, si trovarono concordi nel ritenere pericolosa la predicazione di Gesù e, nell’anno 30 d.C., lo fecero arrestare.
Gesù venne giudicato dal Sinedrio (il gran consiglio dei sacerdoti ebrei) e condannato. Tuttavia sì trattava di una condanna religiosa, nel senso che i sacerdoti giudicavano errata la dottrina di Cristo nei confronti della religione tradizionale. Perché Gesù fosse ucciso, doveva essere riconosciuto colpevole di reati civili, o politici, e giudicato da un tribunale dello Stato. Inoltre il giudizio di questo tribunale doveva essere sottoposto all'approvazione del procuratore romano in Giudea, che era allora Ponzio Pilato. Il Tribunale di Erode condannò Gesù, ma Pilato non volle approvarne la sentenza, finché Erode non riuscì a convincerlo che l’opera di Gesù era pericolosa anche per Roma. Gesù venne quindi crocifisso.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email