Ominide 1778 punti

Il nazismo, dopo molti tentativi e tramite l'uso della propaganda, riuscì a salire al potere. Il nazismo quindi fece decadere la Repubblica di Weimar, fondò un quotidiano e creò i servizi segreti nazisti: le "SS". In quel periodo il disagio della crisi economica aumentava, come la disoccupazione e il partito nazionalsocialista, presentandosi come unico partito in grado di salvare lo Stato tedesco e tutta la Germania, raccolse moltissimi voti alle elezioni e quindi formò un nuovo governo. A differenza del fascismo quindi, il nazismo salì al potere legalmente.
Il nazismo ottenne quasi tanti voti quanti erano i disoccupati in Germania, arrivando addirittura a 1.200.000 di voti. Il partito nazionalsocialista venne appoggiato dalla grande industria e dall'esercito, ottenendo la maggioranza relativa, Hitler viene nominato cancelliere e nel 1933 appunto, venne incaricato di formare il nuovo governo. Il partito nazionalsocialista decise di incendiare il Parlamento, scaricando la colpa sui comunisti. Questo servì soprattutto ai nazisti, perché in questo modo, dicendo che gli altri partiti non erano sicuri e compievano azioni contro la patria iniziò a governare da solo dando vita così ai principi di una dittatura che si instaurò come successe in Italia con Benito Mussolini, negli anni seguenti, eliminando praticamente gli altri partiti.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email