Italia - La sinistra e la destra

Sostanzialmente lo schieramento politico italiano dopo l'Unità appariva diviso in due gruppi: la Sinistra e la Destra.
Della Sinistra facevano parte ex mazziniani, ex garibaldini, ex I democratici. Molti di costoro avevano accettato la monarchia: il loro programma politico era fondato sulla necessità di concedere al popolo il suffragio universale (cioè il diritto di votare per tutti) e di annettere all'Italia Roma e il Veneto. Il capo di questo settore era Agostino Depretis. V’era nella Sinistra un settore più avanzato (estrema sinistra), che faceva capo a Mazzini (ancora esule a Londra) e chiedeva, oltre che il suffragio universale e l'annessione di Roma e del Veneto, il passaggio ad un regime repubblicano, nonché leggi sociali per i lavoratori.
Della Destra facevano parte coloro che durante il Risorgimento erano stati per una cauta politica di riforme, i moderati. Nel nuovo schieramento si ebbero una corrente di estrema destra (che faceva capo a Stefano Jacini) e che rappresentava le correnti più conservatrici (cioè coloro i quali sostenevano un governo monarchico, una rigida organizzazione dello stato secondo i sistemi piemontesi, nessuna estensione del diritto di voto), e una corrente di Destra moderata, la quale faceva capo ad uomini come Quintino Sella e Marco Minghetti, la quale era per l'ordinamento monarchico, per una rigorosa politica economica che risanasse le finanze delio stato (le guerre per l’indipendenza erano costate somme favolose) e avviasse un processo di industrializzazione simile a quello avutosi in altre nazioni europee.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email