Ominide 2393 punti

Dall’unificazione italiana al periodo fascista

Nel 1848 fu emanato lo Statuto Albertino da Carlo Alberto di Savoia.
Lo Statuto Albertino è:
- breve, poiché esso dedicava uno spazio abbastanza limitato ai diritti di tutti i cittadini;
- flessibile, poiché esso poteva essere anche modificato tramite alcune leggi ordinarie;
- ottriata, poiché esso è concesso dall'alto e non è votata da nessuno dei rappresentanti dei cittadini;
- confessionale, poiché esso riconosceva la religione cattolica come unica religione di stato possibile.

Nel 1861 ci fu il Regno d'Italia con a capo il re Vittorio Emanuele II.

Inizialmente c'era il periodo liberale in cui c'era la separazione dei poteri:
- il potere legislativo, andava al re e al parlamento, quest'ultimo composto dal Senato e dalla Camera dei Deputati;
- il potere esecutivo, andava al re;
- il potere giudiziario, andava ai giudici.
Poi, si instaurò la monarchia parlamentare, in cui il potere del re andò gradualmente attenuandosi.

Nel 1922 iniziò il periodo fascista, in cui Vittorio Emanuele III diede incarico a Benito Mussolini di formare il governo.

Nel 1925 furono emanate le leggi fascistissime in cui ci fu:
- la soppressione di tutte le libertà sindacali e di tutte le libertà civili;
- il rafforzamento del potere al capo del governo, che era chiamato Duce;
- la messa fuori legge di tutti i partiti tranne il partito fascista;
- l'abolizione della libertà sindacale.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email